Continental Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la compagnia aerea che nascerà dopo la fusione di Continental Airlines con United Air Lines, vedi United Airlines.
Continental Airlines
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Società per azioni
Borse valori NYSE: CAL
Fondazione 1934 a Houston, Texas
Chiusura 2012
Sede principale Stati Uniti Stati Uniti, Houston, Texas
Filiali Continental Micronesia
Settore trasporti
Prodotti aviazione civile
Slogan «Work Hard, Fly Right»
Sito web www.continental.com
Continental Airlines
Continental Airlines Logo.png
Continental Airlines Boeing 737-900 N71411.jpg
Compagnia aerea major
Codice IATA CO
Codice ICAO COA
Descrizione
Hub aeroporto di Houston-George Bush
Hub secondari aeroporto di New York-Newark

aeroporto di Cleveland-Hopkins

aeroporto di Guam
Programma frequent flyer OnePass
Airport lounge Presidents Club
Alleanza Star Alliance
Flotta 337[1]
Destinazioni 292
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Continental Center I, la sede di Continental Airlines, Houston
Un Boeing 757 in decollo

La Continental Airlines era una delle maggiori compagnie aeree mondiali (quarta statunitense, quinta nel mondo per passeggeri per km trasportati) fino alla fusione con la United Airlines avvenuta il 6 ottobre 2010 con la nascita della United Continental Holdings. La nuova United Airlines, ora la più grande compagnia aerea al mondo, ha iniziato ufficialmente le attività nel 2011 inglobando le flotte e le destinazioni delle due compagnie preesistenti. In seguito della raggiunta integrazione tra le società, l'ultimo volo a marchio Continental è atterrato il 3 marzo 2012, ponendo fine a 78 anni di attività.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Continental Airlines ha trasportato nel 2005 61 milioni di passeggeri in 286 destinazioni nel mondo, ogni giorno partono 3291 voli.

I principali aeroporti utilizzati sono: Houston, New Jersey, Cleveland, Hagåtña.

La Continental Airlines e la Delta Air Lines sono le uniche compagnie aeree ad utilizzare il Boeing 767-400ER, che è stato prodotto in soli 38 esemplari, 16 utilizzati dalla Continental Airlines, 21 utilizzati dalla Delta Air Lines e 1 utilizzato dall'USAF (E-10 MC2A).

Fu un pezzo di un aereo della Continental, montato illegalmente, a provocare, nel 2000, l'incidente del concorde, in quanto tale pezzo si staccò e rimase sulla pista di decollo.

Continental Airlines dal settembre 2004 faceva parte dell'alleanza globale SkyTeam ma nell'ottobre 2009 è passata a Star Alliance, dato l'annunciato programma di fusione con United Airlines[2].

Il 3 maggio 2010 è stata annunciata la fusione con la United Air Lines, creando di fatto la prima compagnia aerea del mondo per viaggiatori trasportati e numero di aeromobili, la nuova compagnia manterrà il marchio United e la livrea Continental[3]. Si chiamerà, dunque, United Airlines.

Il 6 dicembre 2010 la Continental Airlines è stata riconosciuta colpevole, dal Tribunale di Parigi, per l'incidente avvenuto il 25 luglio del 2000 nei pressi dell'aeroporto di Parigi-Roissy, quando un Concorde della Air France prese fuoco e precipitò poco dopo il decollo provocando 113 morti tra i passeggeri, nove tra l'equipaggio e uccidendo ancora quattro persone che si trovavano sul luogo dello schianto. Secondo i giudici francesi, infatti, la causa dell'incidente fu un pezzo di metallo perso da un DC-10 della Continental durante la fase di decollo: tale pezzo metallico andò poi a danneggiare, pochi minuti dopo, il Concorde dell'Air France anch'esso in fase di decollo.

Flotta[modifica | modifica sorgente]

Al 20 settembre 2010 la flotta operativa di Continental Airlines era composta da 348 aerei[1] (esclusi gli aeromobili delle sussidiarie regionali):

lungo raggio

medio e corto raggio

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Continental Airlines In-Service Jet Fleet Plan (PDF), 22-04-2010. URL consultato il 06-05-2009.
  2. ^ fonte: Continental Airlines and United Airlines Announce Comprehensive Plan for Global Cooperation; Continental Plans to Join Star Alliance
  3. ^ unitedcontinentalmerger.com Let's Fly Together

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]