Scandinavian Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Scandinavian Airlines System)
Scandinavian Airlines
Scandinavian Airlines logo.svg
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATA SK
Codice ICAO SAS
Identificativo di chiamata SCANDINAVIAN
Descrizione
Hub
Focus cities
Programma frequent flyer EuroBonus
Airport lounge Scandinavian Lounge
Alleanza Star Alliance
Flotta 140 (+57 ordini)
Destinazioni 90
Controllate
Azienda
Tipo azienda Società per azioni
Fondazione 1946 a Stoccolma
Stato
Sede Sigtuna
Persone chiave
  • Fritz Schur (Presidente)
  • Rickard Gustafson (Amministratore Delegato)
Dipendenti 24.635  (2008)
Slogan Service and semplicity
Sito web www.flysas.com
Bilancio economico
Borse valori
Risultato ante oneri finanziari Red Arrow Down.svg SEK -765 miliardi  (2008)
Risultato d'esercizio Red Arrow Down.svg SEK -6,321 milioni  (2008)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
SAS aveva nove Convair 440 in servizio nel 1972 .
La sede di Scandinavian Airlines
Boeing 737-600 SAS
MD-87 SAS

La Scandinavian Airlines System, ora SAS AB, è una linea aerea con base a Stoccolma, in Svezia. È la compagnia di bandiera di Svezia, Danimarca e Norvegia. È anche un membro fondatore della Star Alliance. Gli hub di riferimento della compagnia sono l'aeroporto di Stoccolma-Arlanda in Svezia, l'aeroporto di Copenaghen-Kastrup in Danimarca e l'aeroporto di Oslo-Gardermoen in Norvegia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La compagnia nacque il 1º agosto 1946 quando le compagnie di bandiera delle tre nazioni decisero di formare un accordo per sviluppare il trasporto aereo intercontinentale da e verso la Scandinavia. I voli partirono il 17 settembre dello stesso anno. Nel 1948 venne ufficialmente fondata la SAS, divisa in:

  • SAS Denmark (28,6%)
  • SAS Norge (28,6%)
  • SAS Sverige (42,8%)

possedute dai rispettivi governi. La compagnia acquisì gradualmente il controllo del traffico interno tramite acquisizioni delle linee aeree locali.

Nel maggio 1997, la SAS fondò la Star Alliance con Air Canada, Lufthansa, Thai Airways e United Airlines.

Nel giugno 2001 la società venne quotata in borsa. I tre governi mantennero metà delle azioni secondo i rapporti già esistenti, mentre l'altra metà venne acquistata dagli investitori.

Compagnie sussidiarie[modifica | modifica sorgente]

SAS possiede interamente:

Inoltre possiede quote di

Destinazioni[modifica | modifica sorgente]

Secondo l'AEA nel 2006 la SAS divideva le sue rotte:

  • 80,6 % passeggeri
  • 19,4 % cargo

e per regioni geografiche:

  • 51,6 % Europa
  • 26,6 % Nord Atlantico
  • 21,8 % Estremo Oriente

Flotta[modifica | modifica sorgente]

Flotta di Scandinavian Airlines
Aereo In Flotta Ordini Passeggeri Note
C Y M
Totale
Airbus A319-100 4 0 0 141 141
Airbus A320-200 4 6 0 0 TBA TBA In leasing fino alla consegna degli A320neo
Airbus A320neo 0 30 0 0 TBA TBA In consegna dal 2016
Airbus A321-200 8 0 0 198 198
Airbus A330-300 4 34 35 195 264
Airbus A340-300 6
1
46
34
28
35
171
195
245
264
Da rimpiazzare
Boeing 737-400 2 0 0 150 150 In phase-out
Boeing 737-500 6 0 0 120 120 In phase-out
Boeing 737-600 28 0 0 120 120
Boeing 737-700 24 7 0 0 141 141 In consegna tra 2012 e 2013
Boeing 737-800 23 6 0 0 150
179
186
150
179
186
In consegna tra 2012 e 2013
Bombardier CRJ900 12 0 0 88 88
McDonnell Douglas MD-80 14 0 0 150 150 In phase-out
Totale 137 49

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Volo Spanair 5022 e disastro aereo di Linate.

Il 27 dicembre 1991, il volo SAS 751, un Douglas DC-9 si schiantò a Gottröra, in Svezia. Durante la fase di ascesa iniziale i motori aspirarono ghiaccio e si bloccarono, lasciando l'aereo senza propulsione. L'aereo effettuò un atterraggio di emergenza in un campo, spezzandosi in tre parti. Fortunatamente non scoppiò alcun incendio e tutti gli occupanti si salvarono.

L'incidente più grave della compagnia avvenne all'aeroporto di Linate a Milano e divenne noto con il nome di disastro aereo di Linate. L'8 ottobre 2001 un MD-87 della SAS in decollo si scontra contro un piccolo Cessna in fase di decollo. Muoiono 118 persone tra occupanti dei due velivoli e addetti di terra dell'aeroporto. L'inchiesta rivelerà che la responsabilità era del Cessna e del sistema radar dell'aeroporto, scagionando l'equipaggio della SAS da ogni accusa.

Il 20 agosto 2008 un MD-82 della Spanair (volo 5022), compagnia che allora apparteneva al 94% al gruppo SAS, si schianta in fase di decollo all'aeroporto di Madrid-Barajas, a causa della mancata estensione dei flap e slat causando uno stallo incontrollato dell'aeroplano. Ci furono 153 morti e una ventina i feriti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]