KLM Cityhopper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
KLM Cityhopper
PH-EZA.jpg
Compagnia aerea regionale
Codice IATA KL
Codice ICAO KLM
Identificativo di chiamata KLM
Descrizione
Hub Amsterdam
Programma frequent flyer Flying Blue
Airport lounge Departures Lounge
Alleanza SkyTeam
Flotta 48[1]
Destinazioni 44[2]
Azienda
Fondazione 1991 a Amsterdam
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Sede Haarlemmermeer
Gruppo Air France-KLM
Sito web www.klmcityhopper.com
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
La sede di KLM Cityhopper
Un Fokker 70 di KLM Cityhopper
Un Fokker 100 di KLM Cityhopper

La KLM Cityhopper è una compagnia aerea regionale olandese, sussidiaria di KLM.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Offre rotte internazionali in Europa e la sua base è presso l'aeroporto di Amsterdam-Schiphol. La compagnia aerea è stata fondata nel 1991 ed ha iniziato le sue operazioni di volo lo stesso anno. Nasce dalla fusione di due compagnie, la NLM CityHopper e la Netherlines. Nel 2002 con il piano di ristrutturazione della KLM, la KLM Cityhopper è stata fusa con la KLM UK.

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi en:KLM Cityhopper destinations.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

La Flotta della KLM Cityhopper (31 marzo 2011)[1]
Aereo In flotta Passeggeri
(Business*/Economy)
Embraer 190 22 100 (36/64)
Fokker F70 26 80 (50/30)
Totale 48

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

La KLM Cityhopper è stata vittima di 2 tra incidenti/inconvenienti più o meno gravi[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) Air France-KLM - Résultats annuels 2010-11 (PDF), 19 maggio 2011, p. 7. URL consultato il 5 giugno 2011.
  2. ^ KLM cityhopper - Werken bij KLM cityhopper?. URL consultato il 27-01-2009.
  3. ^ ASN Aviation Safety Database - KLM Cityhopper. URL consultato il 27-01-2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]