KLM

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi KLM (disambigua).
KLM
KLM logo.svg
KLM Boeing 777-300ER Meulemans.jpg
Compagnia aerea maggiore
Codice IATA KL
Codice ICAO KLM
Identificativo di chiamata KLM
Inizio operazioni di volo 17 maggio 1920
Descrizione
Hub Amsterdam
Programma frequent flyer Flying Blue
Airport lounge
  • KLM Crown Lounge
  • SkyTeam Lounge
Alleanza SkyTeam
Flotta 116[1] (+30 ordini)
Destinazioni 138
Controllate
Azienda
Tipo azienda Naamloze Vennootschap
Fondazione 7 ottobre 1919 a Amsterdam
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Sede Amstelveen
Gruppo Air France-KLM
Persone chiave Peter Hartman (Amministratore Delegato)
Dipendenti 33.000  (2008)
Slogan Een reis vol inspiratie
Sito web www.klm.com
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
La sede di KLM

La KLM (acronimo olandese per Koninklijke Luchtvaart Maatschappij, in italiano Compagnia Reale d'Aviazione) è la compagnia aerea di bandiera dei Paesi Bassi. KLM ha come unico hub l'aeroporto di Amsterdam-Schiphol.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La KLM fu fondata il 7 ottobre 1919 da Albert Plesman e attualmente è la più vecchia compagnia a operare sotto lo stesso nome. Il primo volo della KLM avviene il 17 maggio 1920, da Londra ad Amsterdam e trasporta due giornalisti inglesi ed alcuni giornali.

Nel 1949 la compagnia fu uno dei fondatori della "Société Internationale de Télécommunications Aéronautiques" (SITA).

KLM aveva diverse compagnie sussidiarie: KLM Cityhopper, KLM Exel e KLM Alpi. KLM era anche in possesso di quote di altre compagnie, l'80% di Transavia Airlines, il 50% di Martinair e il 26% della Kenya Airways. Attualmente alcune sono state cedute (KLM Exel e KLM Alpi) ed in altre la partecipazione azionaria è stata incrementata (Transavia Airlines e Martinair).

Nel 1989, la KLM acquisisce il 20% della Northwest Airlines, avviando così un'alleanza tra le due compagnie, terminata nel 2010 con la fusione della Northwest Airlines nella Delta Air Lines. Nel 1993 la NWA, nel quadro di questa alleanza strategica aveva aperto un hub presso l'aeroporto di Amsterdam-Schiphol, mantenuto poi dalla Delta Air Lines.

Nel 1997, KLM stringe un'alleanza strategica con Alitalia che dà vita a due joint-venture per il settore passeggeri e cargo. Nel 2000 la compagnia olandese rompe unilateralmente l'alleanza. L'amministratore delegato dell'Alitalia Domenico Cempella nel contestare la brusca risoluzione della collaborazione ricorre ad un arbitrato internazionale. Nel 2002 il lodo si risolve in favore della compagnia italiana, con KLM obbligata a pagare una penale netta di circa 170 milioni di euro.

Nel settembre 2003, KLM viene assorbita da Air France e nasce il gruppo Air France-KLM. La sua identità indipendente è garantita per i successivi cinque anni, quindi le proprie operazioni verranno fuse con quelle della compagnia francese. Contestualmente KLM e la sua alleata americana Northwest Airlines entrano a far parte dell'Alleanza SkyTeam (di cui fanno parte anche l'Air France e l'Alitalia) il 15 settembre 2004.

KLM ha trasportato nel 2007 23.276.500 di passeggeri con un load-factor del 83,5%[2], nel 2008 23.844.100 di passeggeri con un load-factor del 82,2%[3] e nel 2009 22.332.700 di passeggeri con un load-factor del 81,3%[4].

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

KLM, parte del gruppo Air France-KLM, è quotata nelle borse di Parigi (Euronext Paris) e Amsterdam (Euronext Amsterdam)

Sussidiarie
Precedenti sussidiarie

KLM Cargo[modifica | modifica sorgente]

Un Boeing 747 di KLM Cargo

KLM Cargo è la divisione aerea cargo di KLM, la sua base è presso l'aeroporto di Amsterdam-Schiphol, raggiunge più di 200 destinazioni nel mondo e dispone di 4 Boeing 747-400ERF (full freighter) e di 9 Boeing 747-400M (combi passeggeri-cargo).
Nell'ottobre 2005, Air France Cargo e KLM Cargo, le due divisioni cargo del gruppo Air France-KLM, annunciarono la fusione delle loro attività commerciali. Oggi il gruppo risultante organizza le operazioni cargo dai Paesi Bassi.

KLM Asia[modifica | modifica sorgente]

KLM Asia (荷蘭亞洲航空公司 sempl., Hélán Yàzhōu Hángkōng Gōngsīpinyin) è la compagnia aerea sussidiaria di KLM registrata a Taiwan. La compagnia è stata fondata nel 1995 per effettuare voli verso Taipei senza compromettere i diritti di atterraggio della KLM nella Repubblica popolare cinese, a quel tempo infatti la Repubblica popolare cinese vietava l'atterraggio a quelle compagnie che volavano anche a Taiwan.
Per superare questo problema, la KLM ha registrato una filiale a Taiwan per effettuare i voli verso Taipei, similmente fecero anche l'Air France creando la Air France Asie, la British Airways con la British Asia Airways, la Qantas con la Australia Asia Airlines, la Japan Airlines con la Japan Asia Airways e la Swissair con la Swissair Asia. Attualmente pare che questo problema sia un po' superato, fatto è che l'unica Asia rimasta sia la KLM Asia.
I velivoli KLM Asia sono dipinti con i colori della società madre e recano il nome "KLM Asia". Il logo di KLM utilizzato è leggermente diverso, non vi è la corona.
La compagnia dispone di 3 Boeing 747-400M Combi, 7 Boeing 777-200ER, 2 Boeing 777-300ER (foto da airlines.net), :

Registrazione Aeroplano In servizio (con KLM) Nome
PH-BFM B747-400M 1992 Mexico city
PH-BFP B747-400M 1993 City of Paramaribo
PH-BFY B747-400M 2002 City of Johannesburg
PH-BQF B777-200ER 2004 Ferrara City
PH-BQH B777-200ER 2004 Hadrians Wall
PH-BQI B777-200ER 2004 Iguazu falls
PH-BQK B777-200ER 2005 Mount Kilimanjaro
PH-BQL B777-200ER 2006 Litomyšl Castle
PH-BQM B777-200ER 2006 Machu Picchu
PH-BQN B777-200ER 2006 Nahanni National Park
PH-BVB B777-300ER 2008 Fulufjället National Park
PH-BVC B777-300ER 2009 National Park Sian Ka an

Questi velivoli sono basati all'aeroporto di Amsterdam-Schiphol e sono utilizzati anche per i voli verso altre destinazioni del network di KLM, ma due aeromobili sono necessari per i voli a Taipei, ad esempio, gli aerei KLM Asia sono regolarmente visti a Los Angeles.

Destinazioni[modifica | modifica sorgente]

Destinazioni nei Paesi Bassi
Destinazioni nel resto del mondo

Nel resto del mondo (Antille e Oceania) KLM raggiunge direttamente (summer 2009):

Flotta[modifica | modifica sorgente]

A dicembre 2013 la flotta KLM è così composta:

Flotta KLM
Aereo In Servizio Ordini Passeggeri Note
C Y+ Y Totale
Airbus A330-200 12 0 30 31 182 243
Airbus A330-300 4 1 35 50 205 290 In consegna nel novembre 2014
Airbus A350-900 7 TBA 2 in consegna nel 2019, 2 nel 2020, 2 nel 2021, 1 nel 2022
Boeing 737-700 18 0 20 12 90 122
Boeing 737-800 24 1 20 24 120 164 In consegna nel maggio 2014
Boeing 737-900 5 0 28 18 132 178 PH-BXO dipinto in livrea SkyTeam
Boeing 747-400 7 0 42
35
36 337 415
408
Nuova business class con 35 posti, in retrofitting nel giugno 2014
Boeing 747-400M 15 0 42
35
36 197 275
268
Nuova business class con 35 posti, in retrofitting nel giugno 2014
Boeing 777-200ER 15 0 35 34 251 320
Boeing 777-300ER 8 3 35 40 350 425 2 in consegna nel 2015, 1 nel 2016
Boeing 787-9 23 36 45 195 276 2 in consegna nel 2015, 9 nel 2016, 5 nel 2017, 2 nel 2018, 1 nel 2021, 2 nel 2023, 2 nel 2024
McDonnell Douglas MD-11 4 0 24 38 223 285 1 verrà ritirato nel settembre 2014 e 3 il 26 ottobre 2014
Flotta KLM Cargo
Boeing 747-400ERF 4 0 112,760 kg Tutti in leasing da Martinair Cargo; 1 verrà ritirato nel 2015
Totale 116 35
Un A330-200
Un B747-400
Un MD-11

KLM è attualmente nel mezzo di un grande programma di rinnovamento della flotta. Tutta la flotta di aerei a fusoliera stretta è già stata rimpiazzata da aerei di nuova generazione e KLM sta provvedendo al rinnovo della flotta di aerei a fusoliera larga. Tutti gli MD-11 verranno dismessi entro il 26 ottobre 2014. Infatti nell'orario invernale 2013-2014 le uniche rotte servite da questa tipologia di aereo restano Amsterdam - Montréal (giornaliero) e Amsterdam - San Francisco (4 / 6 voli settimanali). Sono stati ordinati dal gruppo Air France-KLM i nuovi Boeing 787-9 e Airbus A350-900 e l'entrata in servizio è prevista per il 2015.

Servizi[modifica | modifica sorgente]

Classi di viaggio[modifica | modifica sorgente]

La KLM utilizza sui suoi aerei solitamente due classi di viaggio: la business e la economy[5], nel 2009 ha introdotto sui voli a lungo raggio la classe premium-economy[6].
Gli aerei wide-body sono configurati in tre classi: business, premium-economy e economy.
Gli aerei narrow-body e regional sono configurati in due classi: business e economy.

  • KLM Economy Class è la economy class presente su tutti i voli.

Flying Blue[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Flying Blue.

Flying Blue è il programma frequent flyer del gruppo Air France-KLM che premia i passeggeri più fedeli attribuendo un numero di punti/miglia per ogni viaggio effettuato con Air France, KLM e le loro compagnie aeree sussidiare, affiliate e partner. Il programma Flying Blue nasce il 6 giugno del 2005 attraverso l'unificazione dei programmi Fréquence Plus (di Air France) e Flying Dutchman (della KLM).

Codeshare[modifica | modifica sorgente]

Oltre agli accordi di codeshare con le proprie compagnie sussidiarie (KLM Asia e KLM Cityhopper) e con le compagnie partner di SkyTeam, KLM ha accordi di codesharing con[7]:

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

La KLM è stata vittima di 34 tra incidenti/inconvenienti più o meno gravi[8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Air France-KLM - Résultats annuels 2010-11 (PDF), 19 maggio 2011, p. 7. URL consultato il 5 giugno 2011.
  2. ^ fonte: (EN) AEA airlines carry 14 million more passengers in 2007 (PDF). URL consultato il 18 febbraio 2009.
  3. ^ fonte: (EN) European Airlines - Fewer Passengers But More Passenger-Km in 2008 (PDF). URL consultato il 18 febbraio 2009.
  4. ^ fonte: (EN) AEA Airlines - 20 Million Fewer Passengers in 2009 (PDF). URL consultato il 9 giugno 2010.
  5. ^ KLM - Classi di viaggio
  6. ^ KLM - Scelga un maggiore comfort
  7. ^ Other KLM partners, 21 settembre 2012. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  8. ^ ASN Aviation Safety Database - KLM Royal Dutch Airlines. URL consultato il 15 gennaio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]