BAC One-Eleven

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
BAC One-Eleven
Un BAC One-Eleven
Un BAC One-Eleven
Descrizione
Tipo aereo di linea
Equipaggio 2
Costruttore Regno Unito BAC
Data primo volo 20 agosto 1963
Data entrata in servizio 1965
Utilizzatore principale Regno Unito British Airways
Esemplari 244
Dimensioni e pesi
Lunghezza 28,02 m
Apertura alare 28,50 m
Altezza 7,02 m
Superficie alare 93,02
Peso a vuoto 21 049 kg
Peso carico 12 000 kg
Peso max al decollo 47 400 kg
Passeggeri 120
Propulsione
Motore 2 Rolls-Royce RB.163 Spey Mk.506
Prestazioni
Velocità max 870 km/h
Velocità di crociera 795 km/h
Autonomia 2 750 km

[senza fonte]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia
Un BAC One-Eleven nei colori della compagnia aerea Dan-Air.
BAC One-Eleven della Ryanair a Manchester Regno Unito Regno Unito nel 1988.
Un BAC Super One-Eleven a Capodichino nel 1971.
Un One-Eleven Model 485GD della Al Quwwat al-Jawwiya al-Sultanya al-Omanya in fese di atterraggio al RIAT 2008.

Il BAC One-Eleven è un bireattore di linea sviluppato dall'azienda aeronautica britannica British Aircraft Corporation (BAC) nei primi anni sessanta.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di questo aereo con impennaggio a T e turbofan montati posteriormente risalgono all'Hunting H.107, un progetto a 32 posti del 1956. Il prototipo dell'Hunting fu acquistato dalla British Aircraft Corporation, che lo sviluppo' nel BAC 107 per 59 passeggeri, e, infine, nel BAC 111 a 80 posti, che volò ufficialmente con il nome di BAC One-Eleven Serie 200 nell'agosto del 1963 con due turboventole Spey Mk. 506 da 4720 kg di spinta. L'omologazione da parte delle autorità inglesi arrivò nel maggio 1964, quindi la British Aircraft Corporation annunciò l'uscita sul mercato della Serie 300, con maggior spazio nella cabina e motori Spey Mk.511 da 5170 kg di spinta, e la Serie 400 per il mercato americano. Successivi sviluppi portarono alla Serie 500, conosciuta anche come Super One-Eleven, da 120 posti e alla Serie 475 per operazioni in aeroporti a quote elevate.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

  • BAC One-Eleven 200: prima versione
  • BAC One-Eleven 300: motori potenziati e più spazio per il carburante
  • BAC One-Eleven 400: uguale alla serie 300, ma dotata di strumentazione americana
  • BAC One-Eleven 475: fusoliera della serie 400 con ali della serie 500
  • Rombac 111-495: versione rumena della serie 475
  • BAC One-Eleven 500: versione con fusoliera allungata fino a 120 posti e nuovi motori
  • BAC One-Eleven 510ED: variante della serie 500, costruita per la British Airways. Stessi motori e misure della serie 500, ma cockpit modificato
  • Rombac 111-560: versione rumena della serie 500
  • BAC One-Eleven 670: versione della serie 475 con miglioramenti aerodinamici

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania

Irlanda

Aer Lingus

Argentina Argentina
Regno Unito Regno Unito
Filippine Filippine

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Australia Australia
operò con due esemplari tra il 1967 e il 1980.
Brasile Brasile
Filippine Filippine
operò tra il 1974 e il 1984.
Oman Oman
Regno Unito Regno Unito

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985), Orbis Publishing, 1985.
  • (EN) C.F. Andrews, E.B. Morgan, Vickers Aircraft since 1908, London, Putnam, 1988, ISBN 0-85177-815-1.
  • (EN) John Gunn, Contested Skies: Trans-Australian Airlines, Australian Airlines, University of Queensland Press, 1999, ISBN 0-7022-3073-1.
  • (EN) Walter David Lewis, Airline Executives and Federal Regulation: Case Studies in American Enterprise from the Airmail Era to the Dawn of the Jet Age, Ohio State University Press, 2000, ISBN 0-8142-0833-9.
  • (EN) Jerry Sorlucco, A Good Stick: An Airline Captain Lives the History of 20th Century Commercial Aviation, AuthorHouse, 2005, ISBN 1-4208-4843-7.
  • (EN) John W. R. Taylor, Jane's All The World's Aircraft 1966–67, London, Sampson Low, Marston & Company, 1966.
  • (EN) John W. R. Taylor, Jane's All The World's Aircraft 1976–77, London, Jane's Yearbooks, 1976, ISBN 0-354-00538-3.
  • (EN) John W. R. Taylor, Jane's All The World's Aircraft 1982–83, London, Jane's Yearbooks, 1982, ISBN 0-7106-0748-2.

Periodici[modifica | modifica wikitesto]

  • Chorlton, Martin. "Database: British Aircraft Corporation One-Eleven". Aeroplane, Vol. 40 No. 11, November 2012. pp. 67–82. ISSN 0143-7240.
  • "One-Eleven for the 'Eighties". Air International, Vol. 16 No. 1, January 1980. pp. 7–12, 41–42.
  • Pilling, Mark. "Whatever happened to the Romanian One-Eleven?". Air International, Vol. 43 No. 4, October 1992. pp. 212–214. ISSN 0306-5634.
  • Willis, Dave. "Aircraft Profile: BAC One-Eleven". Air International, Vol. 70 No. 4. October 2006. pp. 64–66. ISSN 0306-5634.

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti
URSS URSS

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]