Alitalia CityLiner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alitalia CityLiner
AZ CityLiner logo.png
EI-RNB Alitalia (6806186438).jpg
Compagnia aerea regionale
Codice IATA CT
Codice ICAO CYL
Identificativo di chiamata CITYLINER
Certificato di operatore aereo I-113
Descrizione
Hub Roma-Fiumicino
Basi
Programma frequent flyer MilleMiglia
Airport lounge
  • Club Freccia Alata
  • Freccia Alata Plus
  • SkyTeam Elite
Alleanza SkyTeam
Flotta 24
Azienda
Fondazione 2006 a Roma
Stato Italia Italia
Sede Fiumicino
Gruppo Alitalia
Sito web www.alitalia.com
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Alitalia CityLiner (fondata nel 2006 come Air One CityLiner) è una compagnia aerea regionale, sussidiaria di Alitalia.

Profilo[modifica | modifica sorgente]

Le basi operative si trovano presso gli aeroporti di Roma - Fiumicino, Napoli - Capodichino, Trieste - Ronchi dei Legionari e Milano - Linate. Opera voli nell'ambito della rete Alitalia con tutti i codici IATA del gruppo (AZ, AP, CT, XM e VE). Nell'ambito dell'organizzazione di Alitalia, Alitalia CityLiner gestisce i voli "punto a punto" su tratte medio brevi, i cui coefficienti di riempimento richiedono aeromobili cosiddetti regional, ovvero di dimensioni, che per definizione variano tra le poche decine e i 100 posti; inoltre apporta passeggeri dagli aeroporti minori verso l'aeroporto principale di Alitalia (Roma Fiumicino) secondo il concetto delle operazioni "hub and spoke". Alitalia CityLiner subentra in questo ruolo ad Alitalia Express, vettore regionale del vecchio gruppo Alitalia la cui flotta di aeromobili Embraer 170 è stata completamente dismessa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nasce come Air One CityLiner, sussidiaria regionale della compagnia aerea Air One. Inizia le operazioni di volo il 7 giugno 2006, dopo il rilascio del COA da parte dell'ENAC, con i primi due CRJ 900 arrivati qualche settimana prima da Montreal[2]. Le prime due tratte che hanno inaugurato i servizi regionali di Air One sono state la Trieste-Roma e la Genova-Napoli. Ad appena 15 giorni dall'inizio delle operazioni vengono consegnati alla Compagnia altri due aerei, direttamente dal produttore canadese, e il network inizia così ad espandersi. In agosto arriverà il quinto aereo, a novembre il sesto ed ultimo dell'originario ordine posto da Air One a Bombardier. Viene, in seguito, esercitata l'opzione prevista per ulteriori quattro macchine, che verranno consegnate rispettivamente a marzo, aprile e maggio del 2007.

A febbraio 2007 la Compagnia inaugura il suo primo volo internazionale, sulla tratta Torino-Parigi CDG, e da quel momento ha visto ampliare la sua rete internazionale sempre di più, toccando destinazioni come Atene, Barcellona, Berlino, Bruxelles, Tolone, Salonicco, Vienna e Zurigo.

Dal 13 gennaio 2009, con la fusione di Alitalia e Air One, Air One CityLiner entra a far parte di Alitalia - Compagnia Aerea Italiana. A seguito della separazione commerciale del "prodotto Alitalia" (major) e del "prodotto Air One" (low fare), nonché della decisione di fare di Air One CityLiner la compagnia regional del gruppo in sostituzione di Alitalia Express, nell'aprile 2011 la società è stata rinominata Alitalia CityLiner.

La nuova proprietà sta implementando l'espansione ed il rinnovo della flotta. Dopo avere valutato i modelli dei due più importanti produttori di aeromobili regionali, Bombardier ed Embraer, e di Sukhoi che si inserisce in questo mercato in partenariato con l'italiana Alenia[3], nei primi mesi del 2011 ha scelto i velivoli del produttore brasiliano, gli Embraer E-Jets[4]. Il 6 ottobre 2011 è stato presentato, all'aeroporto di Roma-Fiumicino, il primo dei 5 Embraer 190 ordinati[5], che inaugura la nuova livrea Alitalia CityLiner. A marzo del 2012 è stato consegnato il quarto Embraer 190 in livrea Skyteam (EI-RND)[6].

Nuove rotte dal 2009[modifica | modifica sorgente]

  • Il 7 dicembre 2009 vengono riaperti i voli per Roma FCO e Milano LIN dall'aeroporto di Crotone con gli aeromobili CRJ 900[7];
  • Il 4 ottobre 2010 Air One CityLiner inizia ad operare i voli Trieste - Milano LIN e Trieste - Genova, con CRJ 900[8]. Da marzo 2012 questi voli sono operati con E-175;
  • Il 27 marzo 2011 viene inaugurata la direttrice Roma FCO - Tolosa con CRJ 900;
  • Il 26 marzo 2012 Alitalia CityLiner, utilizzando l'aeromobile E-190 (abilitato allo steep approach ovvero avvicinamento ripido)[9], inizia ad operare con proprio aeromobile il volo bi-giornaliero per London City, da Milano Linate;
  • L'08 dicembre 2013 Alitalia CityLiner inizia ad operare la tratta Comiso - Milano LIN con voli bi-settimanali.

Flotta[modifica | modifica sorgente]

Attuale[modifica | modifica sorgente]

La flotta di Alitalia CityLiner è costituita, a marzo 2013, da 20 aeromobili[10]:

Flotta di Alitalia CityLiner
Aereo In flotta Passeggeri Note
J Y Totale
ATR 72-500 4 - 50 50 operati da Mistral Air in wet lease
Embraer E-175 15 12 74 88
Embraer E-190 5 12 88 100
Totale 24

Aerei[modifica | modifica sorgente]

Embraer E175
Embraer E190

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Embraer a VCE.
  2. ^ Nasce AirOne CityLiner, L'Agenzia di Viaggi, 5 maggio 2006. URL consultato il 6 aprile 2012.
  3. ^ Alitalia sceglie tra Embraer, Bombardier e Sukhoi, Aerospazio Campania, 13 ottobre 2010. URL consultato il 6 aprile 2012.
  4. ^ Alitalia sceglie Embaer, informazione.it, 17 dicembre 2010. URL consultato il 6 aprile 2012.
  5. ^ Consegnato il primo E-190, Alitalia - Compagnia Aerea Italiana S.p.A., 6 ottobre 2011. URL consultato il 6 aprile 2012.
  6. ^ (EN) Alitalia Cityliner ERJ-190 wears the SkyTeam alliance livery, Skyliner Aviation. URL consultato il 6 aprile 2012.
  7. ^ Nuovi voli da CRV per FCO e LIN, Alitalia - Compagnia Aerea Italiana S.p.A., 7 dicembre 2009. URL consultato il 6 aprile 2012.
  8. ^ Nuovi voli da TRS per LIN e GOA, Alitalia - Compagnia Aerea Italiana S.p.A., 22 settembre 2010. URL consultato il 6 aprile 2012.
  9. ^ Alitalia a London City, Alitalia - Compagnia Aerea Italiana S.p.A., 26 marzo 2012. URL consultato il 6 aprile 2012.
  10. ^ (EN) Alitalia CityLiner fleet, planespotters.net. URL consultato il 6 aprile 2012.