Airco DH.16

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Airco DH.16
Disegno di un DH.16 visto di lato
Disegno di un DH.16 visto di lato
Descrizione
Tipo Biplano Commerciale
Equipaggio 1
Progettista Geoffrey de Havilland
Costruttore de Havilland Aircraft Company
Data primo volo marzo 1919[1]
Data entrata in servizio agosto 1919
Data ritiro dal servizio 1923
Utilizzatore principale Regno Unito Aircraft Transport and Travel
Esemplari 9
Dimensioni e pesi
Lunghezza 9,68 m (31 ft 9 in)
Apertura alare 14,17 m (46 ft 5¾ in)
Altezza 3,45 m (11 ft 4 in)
Superficie alare 45,50 (489,75ft²)
Carico alare 47,4 kg/m² (4.66 lb/ft)
Peso a vuoto 1 431 kg (3 155 lb)
Peso max al decollo 2 155 kg (9 70 lb)
Passeggeri 4
Propulsione
Motore 1 Napier Lion 12 cilindri, raffreddato ad acqua.
Potenza 450 hp (336 kW)
Prestazioni
Velocità max 219 km/h (136 mph)
Velocità di crociera 161 km/h (100 mph)
Velocità di salita 5,1 m/s (16,67 ft/s)
Raggio di azione 684 km (425 mi)

Jackson 1987, p.157.

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

L'Airco DH.16 fu un biplano commerciale inglese in grado di trasportare quattro passeggeri più il pilota. Fu progettato da Geoffrey de Havilland.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine della prima guerra mondiale ci si ritrovò con un grande numero di aerei militari eccedenti tanto che questo fatto limitò di molto la nascita di nuovi velivoli prettamente civili perché erano i mezzi militari già esistenti ad essere adattati ai nuovi scopi privati[2]. Infatti il DH.16 fu una nuova versione del DH.9A, riprogettato con una nuova fusoliera e una cabina chiusa con quattro posti a sedere. Il primo prototipo volò all'aerodromo di Hendon nel marzo 1919 e successivamente furono realizzati in tutto nove esemplari, dei quali otto furono consegnati all'Aircraft Transport & Travel Limited (AT&T) che gli utilizzò per voli civili sulla rotta Londra-Parigi inaugurata il 25 agosto 1919[3]. Il velivolo restante fu venduto ad una compagnia aerea argentina con sede a Buenos Aires[2], la River Plate Aviation Company, che lo utilizzò sulla rotta Buenos Aires-Montevideo[3].

L'Aircraft Transport & Travel Limited utilizzò tale aereo anche per conto della KLM, inaugurando una rotta aerea tra Londra e Amsterdam; il velivolo siglato come G-EALU effettuò il primo volo tra le due città il 17 maggio 1920[3]. Successivamente la AT&T chiuse e i sette aerei rimanenti furono lasciati in magazzino. Di questi due furono riutilizzati per la consegna di giornali mentre gli altri cinque furono demoliti. Solo uno si schiantò al suolo, causando la morte del pilota, il 10 gennaio 1923[4].

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

I primi sei velivoli furono equipaggiati con il motore Rolls-Royce Eagle VIII da 320 hp, i successivi tre ebbero il più potente motore Napier Lion da 450 hp.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Argentina Argentina
  • River Plate Aviation Company
Regno Unito Regno Unito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ de Havilland DH.16 in Уголок неба.
  2. ^ a b www.aviastar.org (EN) De Havilland DH.16;
  3. ^ a b c Jackson 1973, p.62.
  4. ^ Jackson 1987, p.156.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985), Orbis Publishing.
  • A.J. Jackson, British Civil Aircraft since 1919 Volume 2, London, Putnam, 1973, ISBN 0-370-10010-7.
  • A.J. Jackson, De Havilland Aircraft since 1909, Third edition, London, Putnam, 1987, ISBN 0 , 85177 802 X..

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]