Chapter 11

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Chapter 11 (letteralmente "Capitolo 11") è una parte della legge fallimentare statunitense[1] che permette alle imprese che lo utilizzano una ristrutturazione a seguito di un grave dissesto finanziario. Il Chapter 11 è utilizzabile sia delle imprese, in forma societaria o individuale, sia da privati cittadini (nell'ordinamento statunitense, infatti, anch'essi sono soggetti al fallimento). L'utilizzo di gran lunga prevalente è però quello da parte delle società. È grossomodo equivalente all'amministrazione controllata un tempo prevista nella legislazione italiana e reintrodotta dal Decreto Sviluppo (Decreto Legge 22.06.2012 n° 83)[2].

Il Chapter 7, per contrasto, riguarda il fallimento vero e proprio che sfocia nella liquidazione totale dei beni dell'impresa, mentre il Chapter 13 è relativo alle procedure che coinvolgono privati individui con debiti di importo relativamente limitato (il tetto al 2007 era pari a circa 300.000 dollari di debiti non garantiti e 1 milione di debiti garantiti).

Il Chapter 11 è una legge federale statunitense. I soggetti possono, in alternativa, ricorrere a leggi statali, spesso più rapide e snelle, per gestire situazioni di insolvenza.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Quando un imprenditore negli Stati Uniti non è in grado di onorare i suoi debiti, quest'ultimo o i suoi creditori possono chiedere ad una corte federale la protezione prevista dal Chapter 7 o dal Chapter 11. Con il Chapter 7 l'impresa cessa la sua attività e un trustee vende tutti i suoi beni e distribuisce il ricavato ai creditori. È equivalente alla normale procedura fallimentare della normativa italiana.

Nel Chapter 11 l'imprenditore rimane solitamente in possesso di tutti i suoi beni ed è però sottoposto al controllo e alla giurisdizione della corte.[3] Con l'ingresso nel Chapter 11 tutte le azioni dei creditori volte a pretendere il pagamento dei loro debiti sono automaticamente bloccate (esattamente come nella legge fallimentare italiana). Alcuni contratti, conosciuti come contratti esecutivi, possono essere cancellati se è finanziariamente conveniente per la procedura. Tali contratti includono i contratti di lavoro, i leasing immobiliari, contratti di manutenzione o fornitura.

Chapter 11 è una procedura di riorganizzazione e non di liquidazione. Il suo scopo è quindi quello di risanare l'impresa. A tale scopo viene impostato un piano che nel giro di alcuni mesi o anche anni, a seconda della dimensione e della complessità della procedura, dovrebbe risanare la situazione e far uscire l'impresa dal Chapter 11. Il piano di risanamento deve essere proposto dall'impresa stessa e approvato dal giudice. Nel caso in cui un piano non venga accettato o non si riesca a portarlo avanti il giudice può convertire la procedura nel Chapter 7 e iniziare la liquidazione.

Nel Chapter 11, come nelle altre procedure, il pagamento dei debiti avverrà seguendo un ordine di priorità, prima i crediti garantiti (secured creditor) poi i dipendenti e i fornitori di beni ed infine tutti gli altri.

Fallimenti maggiori[modifica | modifica sorgente]

Il più grande fallimento negli Stati Uniti fino al 2008 è stato quello della Lehman Brothers. Di seguito i 15 maggiori fallimenti[4]:

Società Data Valore dei beni pre-fallimento Valore attualizzato al 2007 in dollari[5]
Lehman Brothers 2008-09-15 $639.063.000.000  ?
Washington Mutual 2008-09-26 $327.913.000.000  ?
Worldcom 2002-07-21 $103.914.000.000 $119.716.589.862
Enron 2001-02-12 $63.392.000.000 $74.229.508.197
Conseco 2002-12-18 $61.392.000.000 $70.728.110.599
Texaco 1987-04-12 $35.892.000.000 $62.638.743.455
Financial Corp. of America 1988-09-09 $33.864.000.000 $57.010.101.010
Refco 2005-10-17 $33.333.172.000 $35.385.532.909
Global Crossing 2002-01-28 $30.185.000.000  ?
Pacific Gas and Electric 2001-04-06 $29.770.000.000 $34.859.484.778
UAL Corp. 2002-12-09 $25.197.000.000  ?
Delta Air Lines 2005-09-14 $21.801.000.000  ?
Adelphia Communications 2002-06-25 $21.499.000.000  ?
MCorp 1989-03-31 $20.228.000.000 $32.678.513.732
Mirant Corporation 2003-07-14 $19.415.000.000  ?

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il riferimento completo è: Chapter 11, Title 11, United States Code
  2. ^ I - Da idrocarburi a Iva - Idrocarburi, disposizioni in materia di - Il Sole 24 ORE
  3. ^ Joseph Swanson and Peter Marshall, Houlihan Lokey and Lyndon Norley, Kirkland & Ellis International LLP (2008). A Practitioner's Guide to Corporate Restructuring. City & Financial Publishing, 1st edition ISBN 9781905121311
  4. ^ Bankruptcydata.com
  5. ^ Calculation made according to this pdf

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]