United States Code

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo United States Code (U.S.C.) è la raccolta e codifica delle leggi federali degli Stati Uniti.

Il processo di codifica[modifica | modifica wikitesto]

Il testo ufficiale di un atto del Congresso è la versione data alle stampe dell'enrolled bill, il disegno di legge sottoposto al Presidente perché venga firmato o respinto. A partire dalla sua promulgazione, il disegno di legge originale viene inviato all'Archivista - ovvero il capo supervisore della National Archives and Records Administration - mentre una copia, detta slip law, viene pubblicata in forma di volantino dal Government Printing Office. L'Archivista raccoglie in volumi le leggi promulgate ogni anno e le pubblica come United States Statutes at Large. Per legge, il testo dello Statutes at Large rappresenta l'"evidenza legale" delle leggi approvate dal Congresso.

Tuttavia, lo Statutes at Large non è un comodo strumento di ricerca delle leggi. Esso viene ordinato secondo un criterio squisitamente cronologico, in modo tale che le leggi che si riferiscono ad argomenti simili possono venire sparpagliate in più volumi. Gli statuti spesso abrogano o emendano leggi precedenti, per cui è necessario un riferimento incrociato per determinare di volta in volta quale legge sia in vigore.

Il codice nasce quindi dallo sforzo di rendere facilmente rintracciabili gli statuti rilevanti in vigore, riorganizzandoli per materia d'oggetto ed eliminando le sezioni emendate non più in vigore. Il codice è curato dall'Office of the Law Revision Counsel della Camera dei rappresentanti che determina gli statuti che devono essere codificati, le leggi preesistenti da abrogare o emendare e quelle che non sono più in vigore semplicemente perché ne sono scaduti i termini.

Soltanto le leggi "generali e permanenti" vengono codificate; in genere il codice non include provvedimenti che si applicano solo ad un numero limitato di persone (private law) o per un periodo di tempo limitato, come la maggior parte degli atti di appropriazione o le leggi di bilancio, che si applicano per un singolo anno fiscale. Se tuttavia questi provvedimenti limitati sono importanti possono essere pubblicati come "note" sotto le relative sezioni del codice. Di solito il testo di ogni statuto viene incorporato nel codice così come approvato. A volte, però, vengono fatti dei cambiamenti editoriali (per esempio, la frase "la data di approvazione di questo atto" viene convertita con la data effettiva).

Grazie a questo approccio, uno statuto che reca un unico nome (come il Taft-Hartley Act, o l'atto di embargo del 1807) può apparire in un'unica sezione del codice oppure no. Spesso la complessità della legislazione raccoglie insieme una serie di provvedimenti per trattare un medesimo problema sociale o di governo; queste disposizioni il più delle volte vengono registrate in aree separate del codice. Per esempio, una legge che prevede sgravi fiscali per le aziende agricole a conduzione familiare può interessare il Titolo 7 (Agricoltura), il Titolo 26 (Tasse) e il Titolo 43 (Demanio pubblico). Quando la legge viene codificata, le varie disposizioni possono essere poste in parti diverse di ciascun titolo: tracce di questo processo si trovano generalmente nelle note che accompagnano l'instestazione del provvedimento associata al nome comune e nelle tabelle dei riferimenti incrociati che identificano le sezioni del codice che corrispondono a particolari atti del Congresso.

Per legge il codice funge da prova prima facie della legge in vigore. Lo Statutes at Large ne fornisce invece la prova definitiva.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il codice è suddiviso in 50 titoli che si riferiscono alle vaste aree, organizzate logicamente, della legislazione. I titoli, a loro volta, possono essere opzionalmente suddivisi in sottotitoli, parti, sottoparti, capitoli e sottocapitoli. Tutti i titoli hanno delle sezioni (rappresentate da un §) che rappresentano la più piccola unità normativa coerente; tuttavia esse possono a loro volta dividersi in sottosezioni, paragrafi e clausole. Non tutti i titoli usano gli stessi criteri di suddivisione: per esempio nel Titolo 26 (Codice di tassazione) l'ordine di suddivisione prevede Titolo - sottotitolo - capitolo - sottocapitolo - parte - sottoparte - sezione - sottosezione - paragrafo - sottoparagrafo - clausola - sottoclausola. Nel Titolo 38 (Benefici dei veterani) l'ordine prevede Titolo - parte - capitolo - sottocapitolo - sezione. In altri termini il Titolo rappresenta sempre la massima divisione del codice, la sezione la più piccola (eccezion fatta per sottosezioni, paragrafi, clausole, ecc.), ma i livelli intermedi variano in numero e sequenza da Titolo a Titolo.

La parola "titolo" in questo contesto è all'incirca sinonimo di "volume", anche se gran parte dei titoli più grandi occupano più volumi. Similmente, nessuna lunghezza particolare è associata alle altre suddivisioni; una sezione potrebbe occupare alcune pagine o anche solo poche righe. Alcune suddivisioni all'interno dei Titoli acquisiscono un significato proprio; ad esempio, è comune per gli avvocati riferirsi al "Capitolo 11" (bancarotta) o al "Sottocapitolo K" (partnership).

Quando le sezioni vengono abrogate, il loro testo viene cancellato e rimpiazzato da una nota che ne riassume il contenuto. Ciò è necessario affinché gli avvocati che si documentano sui vecchi casi possano capire l'oggetto su cui vertevano. Come risultato alcune porzioni del codice sono costituite esclusivamente da capitoli pieni di note storiche. Per esempio il Titolo 8, capitolo 7 è etichettato come "Esclusione del cinese". Esso contiene note storiche relative al Chinese Exclusion Act, che non è più in vigore.

Versioni e storia[modifica | modifica wikitesto]

Prime raccolte[modifica | modifica wikitesto]

I primi tentativi di codificare gli atti del Congresso furono fatti da editori privati; questi erano utili riassunti per scopi di ricerca ma non godevano di alcuno status ufficiale. Il Congresso introdusse una codifica ufficiale chiamata Revised Statutes, approvata il 22 giugno 1874, delle leggi approvate a partire dal 1º dicembre 1873. Il Congresso ne approvò una versione corretta nel 1878. Pur essendo considerati un provvedimento positivo, i Revised Statutes non furono inseriti nel codice ufficiale, così che i ricercatori degli anni seguenti dovettero nuovamente districarsi tra i volumi degli Statutes at Large. Secondo la prefazione del codice, "Dal 1897 al 1907 fu affidato ad una commissione il compito di codificare la grande massa di leggi accumulate. Il lavoro della commissione richiese più di 300.000$ ma non fu mai portato a termine".

Il codice ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni '20 alcuni membri del Congresso riportarono alla luce il progetto di archiviazione: il risultato fu l'approvazione del Codice degli Stati Uniti nel 1926. La versione ufficiale del codice viene pubblicata dall'Office of the Law Revision Counsel (LRC) sotto forma di una serie di volumi cartacei. La prima edizione del codice era contenuta in un unico volume; attualmente, occupa alcuni grandi tomi. Normalmente una nuova edizione del codice viene data alle stampe ogni sei anni, con i supplementi annuali che identificano i cambiamenti fatti ad ogni seduta del Congresso. In pratica, tuttavia, il codice viene mantenuto aggiornato su base corrente nel momento in cui le leggi vengono approvate e le note vengono scritte ai margini delle slip laws ad indicare dove sarà codificata ciascuna sezione. Sia l'LRC che il GPO mettono a disposizione del pubblico versioni elettroniche del codice. La versione elettronica però può risultare arretrata di oltre 18 mesi rispetto alla legislazione corrente, ma costituisce comunque la versione ufficiale più aggiornata. Possono comunque essere consultate delle versioni online gratuite, per esempio quelle di Findlaw o del Cornell's Legal Information Institute (vedi Collegamenti esterni sotto).

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

Le righe in blu rappresentano le leggi entrate a far parte del diritto positivo.

Titolo 1 Provvedimenti generali
Titolo 2 Il Congresso
Titolo 3 Il Presidente
Titolo 4 La bandiera e lo stemma, la sede del governo e gli stati confederati
Titolo 5 Organizzazione del governo e suoi dipendenti*
Titolo 6
(originale)
Patti di garanzia (abrogati e incorporati nel Titolo 31)
Titolo 6 Il Dipartimento di Homeland security
Titolo 7 Agricoltura
Titolo 8 Stranieri e nazionalità
Titolo 9 Arbitrato
Titolo 10 Le Forze Armate (incluso lo Uniform Code of Military Justice)
Titolo 11 Fallimento
Titolo 12 Banche e sistema bancario
Titolo 13 Censo
Titolo 14 Guardia costiera
Titolo 15 Commercio
Titolo 16 Conservazione del patrimonio naturale
Titolo 17 Copyright
Titolo 18 Crimini e procedura penale*
Titolo 19 Doveri del consumatore
Titolo 20 Educazione
Titolo 21 Cibo e medicinali
Titolo 22 Affari esteri
Titolo 23 Autostrade
Titolo 24 Ospedali e cliniche psichiatriche
Titolo 25 Indiani
Titolo 26 Fisco
Titolo 27 Bevande alcoliche
Titolo 28 Sistema giudiziario
Titolo 29 Lavoro
Titolo 30 Miniere
Titolo 31 Denaro e finanza
Titolo 32 Guardia Nazionale
Titolo 33 Navigazione
Titolo 34 Marina (abrogato)
Titolo 35 Brevetti
Titolo 36 Organizzazioni patriottiche
Titolo 37 Pagamento e termini d'uso dei servizi uniformati
Titolo 38 Benefici dei veterani
Titolo 39 Servizio postale
Titolo 40 Edilizia e lavori pubblici
Titolo 41 Contratti pubblici
Titolo 42 Sistema sanitario nazionale e welfare
Titolo 43 Demanio
TTitolo 44 Documenti pubblici
Titolo 45 Ferrovie
Titolo 46 Commercio marittimo*
TTitolo 47 Telegrafi, telefoni e radiotelegrafi
Titolo 48 Territori e possedimenti insulari
Titolo 49 Trasporti
Titolo 50 Guerra e difesa nazionale

* Include un'appendice di provvedimenti non ancora approvati nel diritto positivo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto