Ornidazolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ornidazolo
Ornidazole.svg
Nome IUPAC
1-Chloro-3-(2-methyl-5-nitro-1H-imidazol-1-yl)propan-2-ol
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC7H10ClN3O3
Massa molecolare (u)219.625 g/mol
Numero CAS16773-42-5
Numero EINECS240-826-0
Codice ATCP01AB03
PubChem28061
SMILES
CC1=NC=C(N1CC(CCl)O)[N+](=O)[O-]
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Orale
Dati farmacocinetici
Metabolismoepatico (85%)
Emivita12 h
Escrezionerenale (65%) fecale (20%)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H302
Consigli P---[1]

L'ornidazolo è un antibatterico di sintesi derivato dal 5-nitroimidazolo. Appartiene pertanto alla stessa classe del metronidazolo e del tinidazolo.

Le caratteristiche farmacocinetiche, l'attività e le indicazioni terapeutiche sono uguali per tutti i farmaci di questa classe. L'emivita dell'ornidazolo e del tinidazolo (circa 12 ore) è tuttavia più lunga rispetto a quella del metronidazolo (circa 6 ore)[2].

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Attivo nei confronti di protozoi anaerobi quali Giardia, Entamoeba e Trichomonas, può essere usato comunque anche nel trattamento di infezioni sostenute da batteri anaerobi sia gram-positivi che gram-negativi. In particolare risulta efficace su Clostridium in alternativa alla vancomicina, e sull'Helicobacter Pylori. È impiegato nelle infezioni intraaddominali e nella profilassi delle infezioni chirurgiche, in associazione con un farmaco attivo sugli aerobi.

In via sperimentale, viene anche utilizzato in caso di interventi chirurgici in seguito alla malattia di Crohn, ma non si conosce la base patogenetica della sua attività su questa malattia.[3]

Interazioni[modifica | modifica wikitesto]

Associato con il fenobarbital, con la fenitoina o con la rifampicina, l'ornidazolo perde una parte della sua attività terapeutica.

Associato con anticoagulanti orali (warfarin) può aumentare l'effetto di questi ultimi, provocando manifestazioni emorragiche. L'associazione con fluorochinoloni può invece dar luogo a manifestazioni neurotossiche.

Effetti indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli effetti collaterali più frequenti si riscontrano vomito, anoressia, nausea. È opportuno inoltre che durante il trattamento con ornidazolo non vengano assunte bevande alcoliche, per la possibile insorgenza di fenomeni da intolleranza del tipo "effetto antabuse".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 03.10.2012
  2. ^ Bassetti, D.: Chemioterapici antinfettivi e loro impiego razionale. Intramed, 2006 ISBN 8889397403
  3. ^ Blum E,, Katz JA., Postoperative therapy for Crohn's disease, in Inflamm Bowel Dis., marzo 2009, pp. 463-72.
Controllo di autoritàGND (DE4480400-3