Ertapenem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ertapenem
Ertapenem Formula V.1.svg
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC22H25N3O7S
Numero CAS153832-46-3
PubChem150610
DrugBankDB00303
SMILES
CC1C2C(C(=O)N2C(=C1SC3CC(NC3)C(=O)NC4=CC=CC(=C4)C(=O)O)C(=O)O)C(C)O
Dati farmacocinetici
Emivita4 ore
Escrezionesocietà farmaceutica
Indicazioni di sicurezza

L'Ertapenem è un antibiotico β-lattamico ad ampio spettro facente parte dei carbapenemi.[1] In Italia il farmaco è venduto dalla società farmaceutica Merck con il nome commerciale Invanz, nella forma farmaceutica di flaconcino per infusione endovenosa. Il farmaco è inoltre prodotto e commercializzato anche da altre società farmaceutiche come medicinale equivalente. È strutturalmente molto simile al meropenem in quanto possiede un gruppo 1-β-metilico. Altri composti appartenenti al gruppo dei carbapenemi (imipenem, doripenem e meropenem) sono antibatterici ampiamente attivi che vengono utilizzati per infezioni causate da batteri difficili da trattare o resistenti a più farmaci (come Escherichia coli ESBL - extended spectrum beta lactamase). I carbapenemi hanno un'emivita plasmatica molto breve e per questo motivo è bene che siano somministrati per infusione endovenosa ogni 6-8 ore. Ertapenem, contrariamente ad altri carbapenemi, ha uno spettro di azione un po' 'meno ampio: infatti non è efficace contro Pseudomonas aeruginosa), ma grazie alla sua emivita più prolungata può essere somministrato una sola volta ogni 24 ore.

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Ertapenem agisce inibendo la sintesi della parete batterica, grazie al legame che instaura con le proteine leganti la penicillina (PBP) Il suo spettro d'azione è molto ampio che ricopre diversi batteri Gram positivi e Gram negativi, aerobi ed anaerobi. L'antibiotico non è però attivo verso Stafilococco Aureo MRSA, gli Enterococchi ampicillina resistenti, Pseudomonaus Aeruginosa e Acinetobacter. Il sostituente in posizione 6 conferisce stabilità alle β-lattamasi.[2]

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della somministrazione endovenosa di ertapenem il farmaco si distribuisce ampiamente nell'organismo. Il legame di ertapenem con le proteine plasmatiche è elevato (circa il 95%) ed il benzoato presente nella molecola ne sembra ampiamente responsabile in quanto, modificando la carica della molecola, ne rende elevato il legame proteico, aumentando l'emivita della molecola e rendendo quindi possibile la mono-somministrazione giornaliera. Il metile in posizione 4β sembra rallentare l'idrolisi renale della molecola. Circa l’80 % del farmaco viene eliminato per via renale e il 10 % nelle feci.[3][4]

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

L'ertapenem viene utilizzato in pazienti adulti e pediatrici (di età superiore ai 3 mesi) per il trattamento di molte infezioni 'difficili', nelle quali è richiesta la terapia parenterale e verosimilmente causate da batteri con probabile sensibilità a questo principio attivo

In particolare trova indicazione in infezioni intraddominali, ginecologiche acute, gravi infezioni della cute e dei tessuti molli (specialmente in presenza di piede diabetico, e in caso di polmonite acquisita in comunità e polmonite ospedaliera.[5]

Effetti collaterali ed indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni degli effetti indesiderati che possono comparire durante il trattamento con ertapenem sono cefalea, candidiasi, insonnia, confusione mentale, disorientamento, delirio, allucinazioni,[6][7] capogiro, sonnolenza, disgeusia, convulsioni.[8] Un effetto indesiderato che si verifica comunemente durante il trattamento è l'aumento delle transaminasi (ALT ed AST) e della fosfatasi alcalina.
Come per molti altri antibiotici, l'uso di ertapenem può essere associato alla comparsa di colite pseudomembranosa.[9][10]

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ertapenem è controindicato nei soggetti con ipersensibilità nota al principio attivo, ad uno qualsiasi degli eccipienti, ad un farmaco appartenente alla classe dei carbapenemi.

Gravidanza e allattamento[modifica | modifica wikitesto]

L'uso di ertapenem non è consigliato nelle donne gravide, tranne nel caso in cui il beneficio potenziale non superi il possibile rischio per il feto. Gli studi effettuati sugli animali non hanno messo in evidenza effetti dannosi sullo sviluppo embrionale e fetale, così come sullo sviluppo postnatale. La molecola è escreta nel latte materno: in considerazione dei possibili effetti avversi sul bambino, l'allattamento va sospeso se la madre deve assumere ertapenem.

Interazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il probenecid inibisce l'escrezione renale di ertapenem ed in questo modo ne aumenta in modo considerevole le concentrazioni plasmatiche e ne prolunga l'emivita di eliminazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Odenholt I, Ertapenem: a new carbapenem, in Expert Opin Investig Drugs, vol. 10, nº 6, June 2001, pp. 1157–66, DOI:10.1517/13543784.10.6.1157, PMID 11772242.
  2. ^ Wexler HM, In vitro activity of ertapenem: review of recent studies, in J. Antimicrob. Chemother., 53 Suppl 2, June 2004, pp. ii11–21, DOI:10.1093/jac/dkh204, PMID 15150179.
  3. ^ Majumdar AK, Musson DG, Birk KL, Kitchen CJ, Holland S, McCrea J, Mistry G, Hesney M, Xi L, Li SX, Haesen R, Blum RA, Lins RL, Greenberg H, Waldman S, Deutsch P, Rogers JD, Pharmacokinetics of ertapenem in healthy young volunteers, in Antimicrob. Agents Chemother., vol. 46, nº 11, November 2002, pp. 3506–11, PMC 128708, PMID 12384357. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  4. ^ Nix DE, Majumdar AK, DiNubile MJ, Pharmacokinetics and pharmacodynamics of ertapenem: an overview for clinicians, in J. Antimicrob. Chemother., 53 Suppl 2, June 2004, pp. ii23–8, DOI:10.1093/jac/dkh205, PMID 15150180.
  5. ^ Falagas ME, Peppas G, Makris GC, Karageorgopoulos DE, Matthaiou DK, Meta-analysis: ertapenem for complicated intra-abdominal infections, in Aliment. Pharmacol. Ther., vol. 27, nº 10, May 2008, pp. 919–31, DOI:10.1111/j.1365-2036.2008.03642.x, PMID 18266994.
  6. ^ Padilla Peinado R, Esteban Fernández J, Rodríguez Álvarez S, Villa Albuguer T, Visual hallucinations related to use of ertapenem, in Neurologia, vol. 30, nº 8, October 2015, pp. 520–1, DOI:10.1016/j.nrl.2014.02.008, PMID 24684890.
  7. ^ Apodaca K, Baker J, Bin-Bilal H, Raskin Y, Quinn DK, Ertapenem-Induced Delirium: A Case Report and Literature Review, in Psychosomatics, vol. 56, nº 5, 2015, pp. 561–6, DOI:10.1016/j.psym.2015.02.002, PMID 26002226.
  8. ^ Lee YC, Huang YJ, Hung MC, Hung SC, Hsiao CY, Cho HL, Lai LF, Tong SH, Wang JT, Risk factors associated with the development of seizures among adult patients treated with ertapenem: A matched case-control study, in PLoS ONE, vol. 12, nº 7, 2017, pp. e0182046, DOI:10.1371/journal.pone.0182046, PMC 5536326, PMID 28759588. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  9. ^ Lee S, Prasad P, Lin M, Garritson S, Nichols A, Liu C, Ertapenem Prophylaxis Associated With an Increased Risk of Clostridium difficile Infection Among Surgical Patients, in Infect Control Hosp Epidemiol, vol. 36, nº 11, November 2015, pp. 1351–4, DOI:10.1017/ice.2015.193, PMID 26278576.
  10. ^ Piacenti FJ, Leuthner KD, Antimicrobial stewardship and Clostridium difficile-associated diarrhea, in J Pharm Pract, vol. 26, nº 5, October 2013, pp. 506–13, DOI:10.1177/0897190013499528, PMID 23946208.