Telavancin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Telavancin è un antibiotico battericida della famiglia dei lipoglicopeptidi utilizzato in caso di infezioni da Stafilococco aureo Meticillino Resistente (MRSA) o altre infezioni da batteri Gram positivi.[1] Telavancin è un derivato semisintetico della vancomicina. Il farmaco è stato sviluppato da Astellas e Theravance ed è commercializzato con il nome di Vibativ.

Il farmaco è stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) nel 2009 per il trattamento di infezioni complicate della cute e annessi cutanei, e successivamente nel 2013 per polmoniti acquisite in ospedale e polmoniti batteriche associate all'uso di ventilatori in terapia intensiva causate da Stafilococco aureo. Nel 2011 la Commissione europea ha approvato telavancin per la terapia delle polmoniti nosocomiali causate dallo S. aureo meticillino resistente (MRSA). L'utilizzo del farmaco è riservato ai casi in cui altre alternative terapeutiche (es. linezolid) non si siano rivelate efficaci.

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

Similmente alla vancomicina, telavancin inibisce la sintesi della parete cellulare batterica legandosi a D-Ala-D-Ala, ovvero inibisce l'ultimo stadio della biosintesi del peptidoglicano, nella parete cellulare batterica in via di accrescimento. Tale meccanismo è di tipo substrato-dipendente e si caratterizza per una particolare ed elevata affinità. Oltre a ciò, l'antibiotico altera il potenziale di membrana della cellula batterica, aumentandone la permeabilità e favorendo la fuoriuscita di ATP e potassio.[2][3]

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo somministrazione per via endovenosa telavancin si distribuisce nei tessuti biologici. Il legame con le proteine plasmatiche è pari a circa il 90%, principalmente con l'albumina.[4] L'emivita di eliminazione della molecola è di circa 6-10 ore. La molecola è principalmente eliminata attraverso l'emuntorio renale nella misura del 76% circa, e solo in minima parte con le feci (1%).

Indicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Trattamento di infezioni complicate della cute e degli annessi cutanei, causate da microrganismi gram-positivi sensibili tra cui Stafilococco aureo meticillino resistente, Enterococcus faecalis, Streptococcus pyogenes, Streptococcus agalactiae, o Streptococcus anginosus.[5] Trattamento di polmoniti batteriche acquisite in ospedale e associate all'uso di ventilatori.[6][7].Attiva su LIsteria, Clostridi, Pnemococchi, Corinebatteri, peptostreptococchi e alcuni enterococchi. La sua efficacia è importante poiché risulta battericida anche su batteri resistenti alla meticillina, ai glicopeptidi e alla vancomicina

Effetti collaterali e indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Effetti avversi comuni ma non particolarmente gravi comprendono nausea, vomito, sapore metallico in bocca, riduzione dell'appetito, costipazione e cefalea. Il farmaco può comportare un aumento delle concentrazioni ematiche di creatinina.[8] Altri effetti indesiderati: vertigine, prurito, rash cutaneo.

Controindicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il composto è controindicato in soggetti con ipersensibilità nota al principio attivo, oppure a uno qualsiasi degli eccipienti contenuti nella formulazione farmaceutica. È anche controindicato in caso di uso concomitante di eparina non frazionata per via endovenosa.

Dosi terapeutiche[modifica | modifica wikitesto]

In caso di infezioni complicate della cute e degli annessi il dosaggio abituale nell'adulto è di 10 mg/kg ogni 24 ore, per via endovenosa e per 1-2 settimane. Il trattamento di una polmonite batterica acquisita in ospedale e associata all'uso del ventilatore prevede la somministrazione EV di 10 mg/kg ogni 24 ore per un periodo di trattamento di 1-3 settimane.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Saravolatz LD, Stein GE, Johnson LB, Telavancin: a novel lipoglycopeptide, in Clin. Infect. Dis., vol. 49, nº 12, 2009, pp. 1908–14, DOI:10.1086/648438, PMID 19911938.
  2. ^ Kanafani ZA, Telavancin: a new lipoglycopeptide with multiple mechanisms of action, in Expert Rev Anti Infect Ther, vol. 4, nº 5, 2006, pp. 743–9, DOI:10.1586/14787210.4.5.743, PMID 17140351.
  3. ^ Higgins DL, Chang R, Debabov DV, Leung J, Wu T, Krause KM, Sandvik E, Hubbard JM, Kaniga K, Schmidt DE, Gao Q, Cass RT, Karr DE, Benton BM, Humphrey PP, Telavancin, a multifunctional lipoglycopeptide, disrupts both cell wall synthesis and cell membrane integrity in methicillin-resistant Staphylococcus aureus, in Antimicrob. Agents Chemother., vol. 49, nº 3, 2005, pp. 1127–34, DOI:10.1128/AAC.49.3.1127-1134.2005, PMC 549257, PMID 15728913. URL consultato il 6 gennaio 2017.
  4. ^ Nannini EC, Stryjewski ME, A new lipoglycopeptide: telavancin, in Expert Opin Pharmacother, vol. 9, nº 12, 2008, pp. 2197–207, DOI:10.1517/14656566.9.12.2197, PMID 18671473.
  5. ^ Bassetti M, Mikulska M, Righi E, Nicolini L, Viscoli C, The role of telavancin in the treatment of MRSA infections in hospital, in Expert Opin Investig Drugs, vol. 18, nº 4, 2009, pp. 521–9, DOI:10.1517/13543780902845630, PMID 19335280.
  6. ^ Liapikou A, Dimakou K, Toumbis M, Telavancin in the treatment of Staphylococcus aureus hospital-acquired and ventilator-associated pneumonia: clinical evidence and experience, in Ther Adv Respir Dis, vol. 10, nº 4, 2016, pp. 368–78, DOI:10.1177/1753465816651594, PMID 27340253.
  7. ^ Sandrock CE, Shorr AF, The role of telavancin in hospital-acquired pneumonia and ventilator-associated pneumonia, in Clin. Infect. Dis., 61 Suppl 2, 2015, pp. S79–86, DOI:10.1093/cid/civ535, PMID 26316561.
  8. ^ Chuan J, Zhang Y, He X, Zhu Y, Zhong L, Yu D, Xiao H, Systematic Review and Meta-Analysis of the Efficacy and Safety of Telavancin for Treatment of Infectious Disease: Are We Clearer?, in Front Pharmacol, vol. 7, 2016, pp. 330, DOI:10.3389/fphar.2016.00330, PMC 5033967, PMID 27721793. URL consultato il 6 gennaio 2017.