Frederick Keinszig

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frederick Keinszig
Keinszig.jpg
Keinszig in fuga dai sicari di Vincent Mancini
Universo Il padrino
Lingua orig. Inglese
1ª app. in Il padrino - Parte III
Ultima app. in Il padrino - Parte III
Interpretato da Helmut Berger
Voce italiana Roberto Del Giudice
Sesso Maschio
Professione banchiere del Vaticano
Affiliazione Chiesa cattolica

Frederick Keinszig è un personaggio di finzione del film Il padrino - Parte III di Francis Ford Coppola. È interpretato da Helmut Berger.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Frederick Keinszig è un ricco e potente banchiere svizzero, noto negli anni sessanta e settanta con il nome di "Banchiere di Dio". Fortemente influente all'interno della Banca Vaticana, è uno stretto collaboratore dell'Arcivescovo Gilday, capo dell'istituzione della Santa Sede. È membro di un illecito giro di denaro riciclato guidato dal subdolo Licio Lucchesi, a capo dei vertici del potere in Italia, Gilday e Don Altobello.

Nel 1979 tenta di coprire uno scandalo bancario dietro al quale vi sono i suoi soci in affari, i quali rifiutano l'entrata di Michael Corleone alla gestione dell'Internazionale Immobiliare, controllata in parte dal Vaticano. Nascostosi a Londra per sfuggire dai suoi nemici, viene scoperto dai sicari di Don Corleone, i quali lo soffocano, e ne impiccano il corpo morto sotto un ponte.

Realtà storica[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio è ispirato alla figura del banchiere milanese Roberto Calvi; da notare inoltre che il cognome scelto per questo personaggio è assai simile a quello di Manuela Kleinszig, compagna di Flavio Carboni, con il quale era stata imputata per l'omicidio dello stesso Calvi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]