Ragazza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'asteroide, vedi 1839 Ragazza.
Wilhelm Amberg, Vorlesung aus Goethes Werther (1870)

Per ragazza si intende una giovane femmina umana, di solito una bambina o un'adolescente. Quando diventa adulta, la ragazza viene definita donna. Il termine può anche indicare una giovane donna,[1] e talvolta viene usato come sinonimo di figlia.[2] La parola "ragazza" può anche essere un vezzeggiativo usato da un adulto, di solito una donna, per designare le amiche adulte o essere usata come sinonimo di fidanzata. In passato, ma non ancora scomparsa come usanza, il termine era anche usato come sinonimo di "nubile" (ad esempio, quando era ancora in uso in italia l'abitudine per le donne di usare il cognome del marito, il cognome della famiglia originaria della donna era anche indicato come "cognome da ragazza") anche se in tal caso non si usava il contrapposto donna come sinonimo di "coniugata". Altro uso arcaico, ma non ancora scomparso, seppure con minore frequenza, è quello di "ragazza" come sinonimo di "vergine", cioè persona di genere femminile che non ha ancora avuto un rapporto sessuale completo, in contrapposizione con quello di "donna" indicante una persona di genere femminile non più "vergine". Questi due usi arcaici sono collegati in quanto discendono naturalmente dalla tradizione che considerava lecito praticare sesso per una persona di genere femminile solo dopo essere stata unita in matrimonio ad un uomo (considerato indissolubile e quindi sostanzialmente unico nella vita) e che considerava la giusta età per tale unione intorno ai 20 anni (dai 16 ai 24) che sanciva la fine dell'adolescenza. Al giorno d'oggi, con la maggiore libertà sessuale (per cui la maggioranza delle ragazze ha il primo rapporto sessuale molto prima di sposarsi e spesso con una persona diversa da quella con cui sceglierà eventualmente di convivere, a seguito di matrimonio o meno) e la maggiore indipendenza femminile (che ha spostato nettamente in avanti l'età in cui una donna sceglie di costruire una relazione monogama stabile e duratura che viene sancita con la scelta della convivenza, ufficializzata o meno da un matrimonio), naturalmente questi due usi del termine "ragazza" non hanno più senso dal punto di vista semantico.

Il trattamento e lo status delle ragazze in ogni società è solitamente strettamente correlato allo status delle donne in quella data cultura. Nelle culture in cui le donne hanno una bassa posizione sociale, le ragazze possono essere indesiderate dai loro genitori e lo stato può investire meno nei servizi per le ragazze. L'educazione delle ragazze può essere identica a quella dei ragazzi oppure, se divengono oggetto di segregazione sessuale, risulta peggiore rispetto a quella ricevuta dai suoi coetanei maschili.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) girl, su dictionary.com. URL consultato il 29 maggio 2019.
  2. ^ (EN) girl, su merriam-webster.com. URL consultato il 29 maggio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • ragazza, su treccani.it. URL consultato il 29 maggio 2019.
Controllo di autoritàLCCN (ENsh85055012 · GND (DE4036871-3 · BNF (FRcb11931405j (data) · NDL (ENJA00572343
Antropologia Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia