Sviluppo umano (biologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo sviluppo umano è il processo di crescita di un essere umano nel corso della vita. Col termine "età" si indica il tempo trascorso dal momento della misurazione a quello della sua nascita. Durante il suo sviluppo l'individuo passa attraverso diversi stadi di maturazione, caratterizzate da diverse fasi di sviluppo fisico e di abilità.

Sviluppo biologico[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo comincia con la fecondazione, il processo per il quale il gamete maschile (spermatozoo) e il gamete femminile (ovocita), si uniscono formando una cellula zigote. È l'inizio della vita umana.[1]

La gravidanza in una donna inizia quando uno zigote si impianta nell'utero. Con successive divisioni cellulari, lo zigote si sviluppa in embrione. Questa è la definizione data dall'OMS ma non è del tutto scientificamente fondata poiché esistono le cosiddette "gravidanze ectopiche" (o "extra-uterine") in cui lo zigote si impianta su altri organi dell'addome materno (le tube, nella maggioranza dei casi. "Gravidanza" è, quindi, l'intero processo dalla fecondazione di un ovocita nelle tube di Falloppio al parto.

Dopo circa 9 mesi dalla fecondazione, avviene il parto; la nascita è considerata l'inizio della vita di un individuo umano.

Stadi dello sviluppo umano[modifica | modifica wikitesto]

Rappresentazione artistica degli stadi dello sviluppo umano.
  • Neonato, dalla nascita alla quarta settimana di vita (periodo dello svezzamento)
  • Bambino, da un mese fino all'inizio della pubertà
  • Lattante, da 4 settimane a 1 anno di vita
  • Prima infanzia, dalla nascita a 2 anni
  • Seconda infanzia, da 2 a 6 anni
  • Terza infanzia, dai 6 anni fino all'inizio della pubertà (età scolare)
  • Adolescente, durante il periodo della pubertà, in genere fino ai 16-18 anni
  • Giovane, sino al completamento dello sviluppo fisico, circa 18-20 anni per le femmine, 20-22 anni per i maschi
  • Adulto, dalla giovinezza sino all'età socialmente stabilita per l'entrata in pensione
  • Prima età adulta, da 22 a 39 anni
  • Seconda età adulta, da 40 a 59 anni
  • Anziano, secondo criteri perlopiù soggettivi, dai 60-70 anni. In genere dall'età della pensione.
  • Terza età, da 60 a 75 anni
  • Quarta età, da 75 a 90 anni
  • Quinta età, oltre i 90 anni

Passaggi decisivi dello sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia

  • Capacità di controllo dell'orientamento della testa
  • Capacità di camminare, prima a gattoni, poi in posizione eretta
  • Capacità di parlare

Pubertà

  • Cambiamento della voce
  • Comparsa di peli
  • Sviluppo dei caratteri sessuali secondari

Maturità

  • Fase di stabilità dello sviluppo

Vecchiaia

  • Comparsa di capelli bianchi e perdita di capelli
  • Invecchiamento della pelle
  • Morte

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Zatti, Trattato di diritto di famiglia - Volume 4, p. 878, Giuffrè Editore, 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biologia