Signore della droga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel mondo della criminalità organizzata vengono usati termini quali signore della droga o barone della droga per denotare quelle persone differenziatesi nell'ambito del traffico di droga come capi carismatici e di forte spessore nonché importanza per l'intero circuito criminale.

A causa della tradizionale posizione di forte potere occupata da questi soggetti all'interno di organizzazioni o cartelli, la loro assicurazione alla giustizia è stata spesso accompagnata da operazioni di infiltrazione e copertura da parte di reparti speciali per via delle difficoltà riscontrate nel ritrovamento di prove ai loro danni.

Tra i signori della droga di maggiore importanza nella storia del crimine, si possono ricordare:

Il dopo Pablo Escobar[modifica | modifica sorgente]

Nel 1993 il mondo del traffico internazionale di droga subiva un duro colpo: il signore della droga colombiano, nonché capo del cartello di Medellín e padre di uno dei patrimoni più alti al mondo, Pablo Escobar, veniva ucciso da un'azione congiunta di forze colombiane e statunitensi. La morte di Escobar segnava la fine di un ventennio d'oro per gli affari legati alla droga e la nascita di un nuovo ordine di cartelli di droga e abbandono delle vecchie modalità d'investimento e d'organizzazione.

Ai cartelli del passato, che via via venivano distrutti da faide interne e da campagne repressive dei governi sudamericani in coalizione con gli Stati Uniti, furono sostituiti da nuove generazioni di signori della droga più discreti e interessati alla protezione della loro rete attraverso la realizzazione di organizzazioni molto più piccole e capacitate, ma in grado, proprio grazie a questa struttura meno visibile, di nascondersi all'occhio delle operazioni anticrimine e quindi di salvaguardare i propri patrimoni. Anche grazie alle nuove tecnologie, i signori della droga gestiscono gran parte delle loro operazioni di controllo da dietro le quinte, cercando di tenersi il più possibile lontano dai riflettori della DEA, evitando anche di apparire nella FBI Ten Most Wanted Fugitives.

Così facendo, questi cartelli meno sporgenti hanno dimostrato alle forze antidroga come non solo sia più redditizio il giro d'affari per le persone coinvolte, ma anche più sicuro.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "McKinley Jr., James C. “Drug Lord, Ruthless and Elusive, Reaches High in Mexico.” New York Times; 2/9/2005, Vol. 154 Issue 53120, pA3-A3, 1/3p, 1 map, 2bw. Academic Search Premier April 18, 2007.
  2. ^ http://www-personal.umich.edu/~lormand/poli/soa/panama.htm, retrieved May 8, 2007
  3. ^ http://www.cnn.com/interactive/specials/0008/organization.profiles/drug.html, retrieved May 8, 2007