Cartello della droga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Narcos" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Narcos (disambigua).

Un cartello della droga è un insieme di organizzazioni che costituiscono un unico sistema criminale che opera a livello internazionale e transnazionale nel campo del traffico di droga.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I cartelli si dividono per dimensioni, dai semplici accordi di gestione per produzione e smercio di droga tra narcotrafficanti, ai formali gruppi criminali impegnati sia nell'importazione che nell'esportazione di stupefacenti.

Solitamente il termine viene applicato a quelle organizzazioni che hanno fatto della distribuzione di droghe, in particolare cocaina, la loro principale attività lucrativa, raggiungendo accordi a livello nazionale ed internazionale per il coordinamento delle operazioni. Se un cartello finisce di accordarsi con altre confederazioni criminali per dedicarsi anche ad altre attività illegali, smette di essere tale e diventa un'organizzazione criminale comune correlata al mondo della droga.

Aree di attività[modifica | modifica wikitesto]

I principali cartelli della droga sono nativi dell'America Latina, principalmente: Colombia, Brasile, Trinidad e Tobago, Giamaica e Messico, ma sono anche presenti nel continente asiatico in Afghanistan e regioni del Sud-Est. Alcuni cartelli sono presenti negli Stati Uniti, dove si sono stabiliti nel corso del tempo soppiantando in parte le vecchie organizzazioni criminali offrendo minori costi. Si trovano in città quali New York, Phoenix, Houston, Atlanta, Los Angeles e San Diego.

Organizzazioni famose[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei cartelli di narcotraffico più estesi e famigerati fu il cartello di Medellín, operante - durante il XX secolo - anni settanta e ottanta in America ed Europa.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]