Al Neri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albert Neri
Alneri.jpg
Al Neri nel terzo film
UniversoIl padrino
Lingua orig.Inglese
SoprannomeAl
AutoreMario Puzo
1ª app. inIl padrino
Ultima app. inIl padrino - Parte III
Interpretato daRichard Bright
Voci italiane
SessoMaschio
Professione
  • Soldato dei Corleone
  • Caporegime dei Corleone
  • Viceboss dei Corleone
AffiliazioneFamiglia Corleone

Albert Neri, chiamato quasi sempre Al Neri, è un personaggio di finzione del romanzo Il padrino. Nella trilogia cinematografica di Francis Ford Coppola è stato impersonato da Richard Bright.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

« Fu Peter Clemenza, con il suo buon fiuto per le persone capaci, che portò il caso Neri all'attenzione del consigliere Tom Hagen. Questi studiò la copia del rapporto ufficiale della polizia e ascoltò il caporegime. Commentò: "Forse abbiamo un altro Luca Brasi". »

(tratto da Il padrino)

Al Neri è un italoamericano di origine siciliana che vive a New York, come la sorella.

È un agente di polizia dai metodi molto violenti, ma risoluti. Crede fermamente in un proprio concetto di giustizia. Detesta i giovani teppisti, soprattutto se italiani, i quali arrivano ben presto a temere la sua spaventosa forza fisica.

Nutre un grande senso di protezione verso la sorella vedova e il nipote, Thomas, che senza la guida del padre crea fastidi per le strade, con grande disappunto dello zio poliziotto, che un giorno lo picchia a sangue per via di un eccesso di sgarbo verso la madre.

Viene assegnato al quartiere newyorkese di Harlem, dove interviene energicamente soprattutto contro i delinquenti di colore.

Al odia i neri d'America e la sua azione contro il narcotrafficante di colore Wax Baines, che uccide con un colpo in testa con la torcia a seguito di un'irruzione in appartamento in cui lo ha sorpreso commettere violenze su una giovane e una bambina, gli assicura la prigione.

Abbandonato dalla consorte e deluso dal nipote, Al Neri prova un feroce odio verso la società. Tuttavia, il padre della ex moglie, che paga le tangenti ai Corleone e rifornisce di omaggi il Padrino in persona, intercede in suo favore presso il figlio Michael.

Peter Clemenza si informa bene sul conto di Neri, ed espone ciò che sa a Tom Hagen, che intravede nell'ex poliziotto un degno successore del defunto Luca Brasi.

Appena viene rilasciato grazie all'influenza che Don Corleone esercita ancora sul tribunale, Neri viene presentato al giovane Michael, che in un primo momento lo assegna al regime di Clemenza, che riscontra tutto il potenziale e la vera lealtà verso la Famiglia.

Peter Clemenza, appena scopre che non può gestire adeguatamente un uomo così forte, discute con Hagen circa il suo avvenire e, in breve tempo, il giovane Neri viene promosso al rango di guardia personale di Michael Corleone.

Per conto di Michael uccide il boss Emilio Barzini (Barrese nel film).

Al Neri nella trilogia di Francis Ford Coppola[modifica | modifica wikitesto]

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Neri appare anche nei romanzi Il ritorno del padrino e La vendetta del padrino di Mark Winegardner.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema