Simonetta Stefanelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Simonetta Stefanelli ne In nome del popolo italiano (1971)

Simonetta Stefanelli (Roma, 30 novembre 1954) è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a lavorare nel cinema a soli 13 anni, con un piccolo ruolo in Una moglie giapponese? (1968), e subito si distinse per «la classica bellezza da brava ragazza, molto carina, sensuale, occhi grandi e penetranti, pare quasi un cerbiatto».[1] Dopo altri due ruoli minori e agli antipodi, nella commedia Homo Eroticus accanto a Lando Buzzanca, e nell'autoriale In nome del popolo italiano diretta da Dino Risi, entrambi del 1971, nello stesso anno si mise in luce grazie a Non commettere atti impuri di Giulio Petroni, appartenente al filone della commedia sexy all'epoca molto in voga in Italia.[1]

Questo ultimo film le aprì la strada per ottenere, a soli 17 anni, il ruolo con cui divenne conosciuta in tutto il mondo,[1] quello di Apollonia Vitelli-Corleone, moglie di Michael Corleone nell'acclamato Il padrino (1972) di Francis Ford Coppola.[2] Nel 1973 posò senza veli per l'edizione italiana di Playboy,[3] scelta che nell'immediato ne fece tra le giovani attrici più richieste dal cinema italiano;[1] tuttavia, con lo spegnersi dell'eco del successo de Il padrino, Stefanelli divenne richiesta dai registi principalmente «per la sua bellezza e per quel volto angelico che per contrasto fa sognare voglie da lolita perversa», motivo per cui a metà degli anni 1970 girò prettamente commedie erotiche come Lucrezia giovane, La nuora giovane, Peccati in famiglia e La profanazione.[1]

Proprio sul set di Peccati in famiglia conobbe l'attore-regista Michele Placido,[1] con il quale ebbe in seguito una lunga relazione fino a esserne moglie dal 1989 al 1994. In coincidenza di ciò, nel 1975 si ritirò temporaneamente dalle scene, periodo nel quale diede alla luce la sua prima figlia, l'attrice e cantante Violante Placido (1976).[2] Torno alla carriera attoriale nei primi anni 1980, recitando tra gli altri insieme all'allora compagno, da cui ebbe in seguito altri due figli, Michelangelo (1989) e l'attore Marco Brenno Placido (1991),[2] in Grandi magazzini (1986) e Le amiche del cuore (1992). Ritiratasi dal mondo della recitazione nei primi anni 1990, intraprese l'attività di commerciante.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Al Pacino e Simonetta Stefanelli sul set de Il padrino (1972)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Gordiano Lupi, Simonetta Stefanelli... sexy senza volerlo, su tellusfolio.it, 17 dicembre 2005.
  2. ^ a b c d (EN) Anthony M. Destefano, "Godfather" actress fights Web rumors she's dead, su newsday.com, 23 ottobre 2007. (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2007).
  3. ^ La ragazza del padrino, in Playboy, edizione italiana, nº 2-3, febbraio-marzo 1973, pp. 53-57.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44543475 · ISNI (EN0000 0000 0351 7807 · BNF (FRcb145657061 (data)