Vincent Corleone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincent Mancini (poi Corleone)
Vincent Mancini nel terzo film
Vincent Mancini nel terzo film
Universo Il padrino
Lingua orig. Inglese
Soprannome Vinnie
1ª app. in Il padrino - Parte III
Ultima app. in Il padrino - Parte III
Interpretato da Andy Garcia
Voce italiana Roberto Chevalier
Sesso Maschio
Luogo di nascita New York
Professione
  • Soldato dei Corleone
  • Boss dei Corleone
Affiliazione Famiglia Corleone
Parenti
« Quando il nemico attacca, colpisce quelli che ami. »
(Michael Corleone a Vincent Mancini)

Vincent Corleone è un personaggio di finzione del film di Francis Ford Coppola Il padrino - Parte III. Nato Vincent Mancini, su decisione di suo zio Michael, assume il cognome di famiglia, contestualmente alla sua ascesa a Don, diventando così Vincent Corleone. Il personaggio è interpretato da Andy Garcia.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Vincent Mancini nasce a New York nel 1948, figlio illegittimo di Santino Corleone e di Lucy Mancini, sua giovane amante, che aveva ingravidato senza saperlo. Nato subito dopo la morte del padre, Vincent cresce in quartieri poveri, acquisendo la fama di ragazzo aggressivo e impulsivo, con un particolare ascendente sulle donne, come suo padre prima di lui.

Lo zio Michael Corleone, nell'atto di estraniare la famiglia dagli ambienti della Mafia, gli offre la possibilità di vivere in un mondo legale, pulito, lontano dagli affari in cui il padre era vissuto, ma lui preferisce rimanere in ambienti discutibili. Nel 1979, quando Michael ottiene un'onorificenza papale per imprese benefiche di grande rilievo, Vincent accetta di lavorare per lui, dopo avergli portato all'attenzione la sua feroce rivalità con il boss Joey Zasa, subentrato ai Corleone nel loro quartiere.

Entra a far parte a pieno titolo negli affari della famiglia dopo aver salvato lo zio ad Atlantic City da un tentativo di assassinio. Diviene pupillo e nipote favorito di Connie Corleone, la sorella di Santino e di Michael. Dopo la feroce guerra scoppiata tra i clan mafiosi italiani in occasione del viaggio di Michael in Sicilia, Vincent assume il nome di Vincent Corleone, nonché il titolo di Padrino per abbandono da parte dello zio.

Ha una breve relazione con la cugina Mary Corleone, la figlia di Michael, ma da cui è costretto a separarsi per ordine di Michael (condizione sine qua non per la sua elevazione a Don), il quale sostiene che la giovane figlia possa risultare in pericolo a causa del destino mafioso che Vincent si è scelto. Per un crudele scherzo del destino, ella muore comunque, colpita per sbaglio all'uscita del Teatro Massimo di Palermo da Mosca, sicario siciliano alle dipendenze di Don Altobello, che aveva preso di mira il padre Michael.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema