Elezioni europee del 2004

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni europee 2004
Stato Unione europea Unione europea
Data 10-13 giugno 2004
Legislatura VI legislatura
Affluenza 45,47 % (Red Arrow Down.svg 4,04 %)
Partito PPE PSE ELDR
Coalizione PPE-DE S&D ALDE
Voti
36,6 %

25,3 %

12,0 %
Seggi
268 / 732
200 / 732
88 / 732
Differenza seggi Green Arrow Up.svg 35 Green Arrow Up.svg 20 Green Arrow Up.svg 38
European Parliament election, 2004.png
EU25-2004 European Union map.svg
Commissioni:
Barroso I
Left arrow.svg 1999 2009 Right arrow.svg

Le elezioni per il Parlamento europeo si sono tenute dal 10 giugno al 13 giugno 2004 nei 25 stati membri dell'Unione europea, utilizzando varie scadenze elettorali secondo le tradizioni locali di ogni nazione. I voti vennero conteggiati alla chiusura delle urne ma i risultati non furono annunciati fino al 13 e 14 giugno per evitare di influenzare i votanti nelle altre nazioni in cui non si era ancora votato. Ciononostante, i Paesi Bassi, che avevano votato giovedì 10, annunciarono i risultati provvisori molto attendibili subito dopo il conteggio, la sera delle elezioni: questo fatto fu aspramente criticato dalla Commissione europea.

Avevano diritto di voto 342 milioni di cittadini europei, il secondo elettorato democratico al mondo dopo l'India. Furono le maggiori elezioni dirette transnazionali della storia, e i 10 nuovi stati membri elessero i loro membri del Parlamento europeo per la prima volta. Il nuovo parlamento vide così i suoi membri salire a 732.

I risultati videro una sconfitta generale dei partiti al governo e un incremento della rappresentanza dei partiti euroscettici. Non fu raggiunta alcuna maggioranza: il bilanciamento dei poteri nel Parlamento rimase lo stesso nonostante i nuovi 10 stati membri.

Le elezioni europee del 2004 hanno registrato il più basso tasso di partecipazione. Nonostante l'entrata in Europa di 10 nuovi Paesi, solo la metà degli elettori esercitò realmente il proprio diritto di voto (45%). La Polonia e la Slovacchia furono i paesi in cui si registrò il più alto tasso di astensionismo[1].

Sistema di voto[modifica | modifica wikitesto]

Non vi fu un sistema di voto unico per tutti gli stati membri ma ognuno di essi adottò un proprio metodo, stabilito con legge nazionale.

Il Belgio, la Francia, l'Irlanda, l'Italia, la Polonia ed il Regno Unito usarono un sistema proporzionale con suddivisione del territorio in circoscrizioni. Tutte le altre nazioni utilizzarono un sistema proporzionale unico nazionale.

Distribuzione dei seggi[modifica | modifica wikitesto]

La distribuzione dei 732 seggi venne stabilita in base alla popolazione degli Stati membri:

Stato Seggi
Germania Germania 99
Francia Francia 78
Italia Italia 78
Regno Unito Regno Unito 78
Spagna Spagna 54
Polonia Polonia 54
Paesi Bassi Paesi Bassi 27
Belgio Belgio 24
Grecia Grecia 24
Portogallo Portogallo 24
Rep. Ceca Rep. Ceca 24
Ungheria Ungheria 24
Svezia Svezia 19
Austria Austria 18
Danimarca Danimarca 14
Finlandia Finlandia 14
Slovacchia Slovacchia 14
Irlanda Irlanda 13
Lituania Lituania 13
Lettonia Lettonia 9
Slovenia Slovenia 7
Cipro Cipro 6
Estonia Estonia 6
Lussemburgo Lussemburgo 6
Totale 732

Ripartizione dei seggi[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione dei seggi
Gruppo Ideologia Capogruppo Seggi
Gruppo del Partito Popolare Europeo (PPE) Cristianesimo democratico, conservatorismo Hans-Gert Pöttering 268
Gruppo del Partito del Socialismo Europeo (PSE) Socialismo democratico, socialdemocrazia Martin Schulz 200
Gruppo dell'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa (ALDE) Liberali e Liberal Democratici Graham Watson 88
Verdi Europei - Alleanza Libera Europea (Verdi-ALE) Ambientalismo, federalismo Daniel Cohn-Bendit,
Monica Frassoni
42
Sinistra Unitaria Europea/Sinistra Verde Nordica (GUE/NGL) Comunismo, ambientalismo Francis Wurtz 41
Indipendenza e Democrazia (IND/DEM) Euroscetticismo Jens-Peter Bonde,
Nigel Farage
37
Unione per l'Europa delle Nazioni (UEN) Conservatorismo nazionale Brian Crowley
Cristiana Muscardini
27
Non Iscritti (NI) Indipendenti nessuno 29
Totale 732

Risultati per Stato[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Stato
PPE-DE PSE ELDR Verdi-ALE GUE-NGL IND/DEM UEN NI Seggi %
popolaz. UE
Affluenza
Austria Austria (dettagli) 6 ÖVP 7 SPÖ - 2 Grünen - - - 2 Martin
1 FPÖ
18 2,5% 42,43%
Belgio Belgio (dettagli) 4 CD&V
1 CDH
1 CSP
4 PS
3 SP.A
3 VLD
3 MR
1 Groen
1 Ecolo
- - - 3 VB 24 3,3% 90,81%
Cipro Cipro (dettagli) 2 DISY
1 GTE
1 DIKO - 2 AKEL - - - 6 0,8% 71,19%
Danimarca Danimarca (dettagli) 1 C 5 A 3 V
1 B
1 SF 1 N 1 JB 1 DF - 14 1,9% 47,9%
Estonia Estonia (dettagli) 1 IL 3 SDE 1 KE
1 ER
- - - - - 6 0,8% 26,83%
Finlandia Finlandia (dettagli) 4 Kok 3 SDP 4 Kesk
1 SFP
1 Vihr 1 VAS - - - 14 1,9% 41,1%
Francia Francia (dettagli) 17 UMP 31 PS 11 UDF 6 Verts 3 PCF 3 MPF 7 FN 78 10,7% 42,76%
Germania Germania (dettagli) 40 CDU
9 CSU
23 SPD 7 FDP 13 Grünen 7 PDS - - - 99 13,5% 43,0%
Grecia Grecia (dettagli) 11 ND 8 PASOK - - 3 KKE
1 SYN
1 LAOS - - 24 3,3% 63,4%
Irlanda Irlanda (dettagli) 5 FG 1 Lab 1 Harkin - 1 SF 1 Sinnott 4 FF - 13 1,8% 59,7%
Italia Italia (dettagli) 16 FI
5 UDC
1 UDEUR
1 PP
1 SVP
12 DS
2 SDI
2 Ind.
7 DL
2 IdV
2 LB
1 MRE
2 Verdi 5 PRC
2 PdCI
4 LN 9 AN 2 SUE
1 AS
1 FT
78 10,7% 73,1%
Lettonia Lettonia (dettagli) 2 JL
1 TP
- 1 LC 1 PCTVL - - 4 TB/LNNK - 9 1,2% 41,34%
Lituania Lituania (dettagli) 2 TS-LKD 2 LSDP 5 DP
2 LiCS
- - - 1 LDP
1 LVLS
- 13 1,8% 48,38%
Lussemburgo Lussemburgo (dettagli) 3 CSV 1 LSAP 1 DP 1 Gréng - - - - 6 0,8% 90,0%
Malta Malta (dettagli) 2 PN 3 PL - - - - - - 5 0,7% 82,37%
Paesi Bassi Paesi Bassi (dettagli) 7 CDA 7 PvdA 4 VVD
1 D66
2 GL
2 ET
2 SP 2 CU - - 27 3,7% 39,3%
Polonia Polonia (dettagli) 15 PO
4 PSL
5 SLD
3 SDPL
4 UW - - 10 LPR 7 PiS 6 SRP 54 7,4% 20,87%
Portogallo Portogallo (dettagli) 7 PSD
2 CDS-PP
12 PS - - 2 PCP
1 BE
- - - 24 3,3% 38,6%
Regno Unito Regno Unito (dettagli) 27 CP
1 UUP
19 LP 12 LD 2 GP
2 SNP
1 PC
1 SF 11 UKIP - 1 UKIP
1 DUP
78 10,7% 38,9%
Rep. Ceca Rep. Ceca (dettagli) 9 ODS
3 SNK-ED
2 KDU-ČSL
2 ČSSD - - 6 KSČM 1 Ind. - 1 Ind. 24 3,3% 28,32%
Slovacchia Slovacchia (dettagli) 3 SDKÚ
3 KDH
2 MKP
3 Smer - - - - - 3 ĽS-HZDS 14 1,9% 16,96%
Slovenia Slovenia (dettagli) 2 N.Si
2 SDS
1 SD 2 LDS - - - - - 7 1,0% 28,3%
Spagna Spagna (dettagli) 24 PP 24 PSOE 1 CDC
1 PNV
1 Verdes
1 ERC
1 ICV
1 IU - - - 54 7,4% 45,1%
Svezia Svezia (dettagli) 4 M
1 KD
5 S 2 FP
1 C
1 MP 2 V 3 Jl - - 19 2,6% 37,8%
Ungheria Ungheria (dettagli) 12 Fidesz
1 MDF
9 MSZP 2 SZDSZ - - - - - 24 3,3% 38,5%
Totale 268
36,6%
200
27,3%
88
12,0%
42
5,7%
41
5,6%
37
5,1%
27
3,7%
29
4,0%
732 100,0% 45,6%
Fonti

Nuovi partiti alle elezioni del 2004[modifica | modifica wikitesto]

Giorno dell'elezione nei Paesi Bassi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elezioni 2009: non lasciamo gli altri decidere al nostro posto Archiviato il 19 gennaio 2009 in Internet Archive. articolo pubblicato sul sito web del Parlamento europeo il 9 dicembre 2008

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano l'Unione europea