Nigel Farage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nigel Farage
Nigel Farage MEP 1, Strasbourg - Diliff.jpg

Leader del Partito per l'Indipendenza del Regno Unito
Durata mandato 27 settembre 2006 –
27 novembre 2009
Predecessore Roger Knapman
Successore Malcolm Pearson

Durata mandato 5 novembre 2010 –
4 luglio 2016
Predecessore Jeffrey Titford (f.f.)
Successore Diane James

Durata mandato 5 ottobre 2016 –
28 novembre 2016 (ad interim)
Predecessore Diane James
Successore Paul Nuttall

Segretario del partito per l'Indipendenza del Regno Unito
Durata mandato 1998 –
22 gennaio 2000
Predecessore Alan Sked
Successore Mike Nattrass

Eurodeputato
Legislature 1999-2004
2004-2009
2009-2014
20142019
Gruppo
parlamentare
EFDD (fino al 16/10/2014 ed in seguito dal 20/2014);
NI (dal 16/10/2014 al 20/10/2014)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico UKIP (dal 1993)
In precedenza:
Partito Conservatore (fino al 1993)
Titolo di studio scuola superiore: Dulwich College
Professione ex-trader di commodities

Nigel Paul Farage (Londra, 3 aprile 1964) è un politico britannico, dal 2010 al 2016 leader dello Ukip (UK Independence Party)[1][2], ruolo che ha precedentemente ricoperto dal settembre 2006 al novembre 2009. Deputato europeo, è co-presidente del gruppo europarlamentare Europa della Libertà e della Democrazia Diretta dal 1º luglio 2009.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nigel Farage nacque in una famiglia benestante[2], figlio di Barbara Stevens e del broker Guy Justus Oscar Farage, che si allontanò dall'abitazione della moglie cinque anni dopo e che, secondo alcune voci, avrebbe sofferto di problemi di alcolismo.[3] Secondo alcuni esperti, Nigel Farage deve il suo cognome al suo lontano antenato Georgius Ferauge, un uomo originario di Fumay immigrato a Swallowfield (villaggio del Berkshire) agli inizi del XVIII secolo[4] e uno dei suoi bisnonni, Carl Schrod, era figlio di una coppia tedeschi che nel XIX secolo si trasferirono dalla Germania nel Regno Unito.[5] Farage ha studiato al Dulwich College prima di entrare in una società londinese di brokeraggio di merci, dove ha esercitato la propria attività di intermediazione dai primi anni novanta fino al 2002.[6].

Farage è stato sposato due volte: ha sposato Gráinne Hayes nel 1988, con la quale ha avuto due figli (Samuel e Thomas), e nel 1999 ha sposato Kirsten Mehr, cittadina tedesca, dalla quale ha avuto altre due figlie, Victoria e Isabelle. Conobbe l'infermiera irlandese Gráinne Hayes dopo essere stato pericolosamente ferito alla gamba sinistra e alla testa in un investimento automobilistico il 25 novembre 1985[7] e l'anno successivo cominciò ad avvertire i primi sintomi di cancro ai testicoli, malattia dalla quale si riprese dopo aver subito la rimozione del testicolo sinistro[8].

Nel maggio 2010 venne coinvolto in un incidente mentre viaggiava su un aereo da turismo che sventolava uno striscione elettorale del partito,[9] al seguito del quale riportò delle lesioni facciali, la rottura di qualche costola e contusioni polmonari. Secondo il rapporto della AAIB, l'incidente fu causato da uno striscione che rimase impigliato nella deriva dell'areo, causandone l'inevitabile caduta, anche se il pilota riuscì a non perdere del tutto il controllo.[10] Justin Adams, il pilota dell'aereo coinvolto, cominciò a mostrare i segni di disturbi mentali dopo l'incidente e nel 2011 venne condannato per aver espresso l'intenzione di uccidere un uomo impegnato nelle indagini e lo stesso Farage.[11]

Ha scritto un libro di memorie intitolato Fighting Bull, che delinea la fondazione dell'UKIP e la sua vita privata e politica fino a quel momento. Pur non essendo, per sua stessa ammissione, una persona profondamente religiosa, Nigel Farage è ancora membro della Chiesa anglicana e si è espresso a difesa dei valori cristiani della società britannica.[12]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver abbandonato il partito Conservatore nel 1992 a causa della ratifica del trattato di Maastricht, è stato un membro fondatore dell'UKIP. Dopo aver condotto nel 1994 una campagna infruttuosa per le elezioni europee e per quelle del parlamento britannico, ottenne un seggio da eurodeputato per la circoscrizione Sud Est alle elezioni europee del 1999 - il primo anno in cui fu utilizzato il sistema di lista regionale - e venne rieletto nel 2004, nel 2009 e nel 2014.

Nel settembre 2006, Farage divenne il capo dell'UKIP e guidò il partito verso le elezioni europee del 2009, nelle quali esso si attestò al secondo posto del gradimento popolare, superando il partito Laburista di poco più di un migliaio di voti e i Liberal-Democratici di quasi mezzo milione di voti. Tuttavia nel novembre 2009 Farage si dimise per tentare di insidiare, alle elezioni generali nel Regno Unito del 2010, il posto di Speaker (presidente) della Camera dei comuni occupato da John Bercow.

Alle elezioni generali del 2010 Farage non riuscì a superare Bercow nel collegio di Buckingham e non ottenne il seggio. Poco dopo l'apertura delle urne (6 maggio 2010), Farage rimase ferito in seguito ad un incidente aereo nel Northamptonshire; l'aereo biposto "PZL-104 Wilga 35A" stava esponendo uno striscione pro-UKIP quando si capovolse e si schiantò poco dopo il decollo. Sia Farage che il pilota vennero ricoverati in ospedale con ferite non gravi[13].

Nel novembre 2010, a seguito delle dimissioni del capo dell'UKIP il Lord Pearson of Rannoch, Nigel Farage ottenne la leadership, battendo gli sfidanti Tim Congdon e David Campbell-Bannerman. Nell'ottobre 2009, venne classificato dal The Daily Telegraph alla 41º posizione tra i 100 più influenti politici britannici di destra[14]. Farage fu inserito al 58º posto nella lista del 2010 compilata da Dale e Brivati per il giornale Telegraph. Alle elezioni generali del 2015 Farage si candidò nel collegio di South Thanet, arrivando secondo con il 32,4% dei voti e non riuscendo ad essere eletto.

Nel 2016 l'UKIP ottenne con un referendum l'uscita del Regno Unito dall'unione europea, al culmine della popolarità, Farage ha annunciato le proprie dimissioni da leader del partito, per tornare a una vita privata[15].

Attività al Parlamento europeo[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 novembre 2011 ha denunciato al Parlamento europeo[16] ciò che ritiene essere il ribaltamento dei governi italiano e greco per instaurare governi fantoccio, accusando, tra gli altri, il presidente del Consiglio europeo Herman van Rompuy di non essere mai stato eletto per rappresentare 500 milioni di persone, affermando anche che il suo carisma è "Pari a quello di uno straccio bagnato!" ("damp rag").

Il 13 giugno 2012, in un intervento al Parlamento europeo, Nigel Farage ha duramente criticato la manovra di aiuti al sistema bancario spagnolo, definendo, tra le varie cose, il premier spagnolo Mariano Rajoy un incompetente. Ha concluso il proprio discorso affermando che “l'Euro Titanic ha ormai colpito l'iceberg” e che “non ci sono abbastanza scialuppe di salvataggio”[17].

Posizioni controverse[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2009, il settimanale politico britannico The Observer ha riferito di una dichiarazione alla Foreign Press Association nella quale Farage affermava che, durante il suo mandato come membro del Parlamento europeo, ha ricevuto un totale di 2 milioni di sterline (quasi 2 milioni e mezzo di Euro) per lo staff, i viaggi e altre spese.[18] In risposta all'articolo, Farage ha detto che, in futuro, tutti i membri dell'UKIP nel Parlamento Europeo avrebbero fornito dettagli mensili delle spese.[18]

Il gruppo UKIP viene spesso accusato di avere posizioni razziste e xenofobe, nonostante il suo partito abbia spinto molto per l'espulsione dell'eurodeputato Mario Borghezio in seguito alle dichiarazioni razziste contro l'allora ministro del governo italiano Cécile Kyenge.[19] Quando gli è stato chiesto quali capi politici godessero della sua ammirazione, Farage rispose "In qualità di politico, e non come essere umano, direi Putin... Non che io lo approvi politicamente"[20].

Nel 2013, in una intervista alla LBC Radio, Farage affermò che sarebbe "preoccupato" se un gruppo di rumeni abitassero vicino a casa sua. Quando il giornalista gli ha chiesto quale fosse la differenza tra un gruppo di rumeni e di tedeschi, nel caso venissero ad abitare vicino a casa sua, considerato che la moglie ed i figli di Farage sono tedeschi, Farage ha replicato: "Lei conosce bene la differenza". Più tardi ha spiegato, nel sito della UKIP: "Se fossimo in grado di promuovere leggi adeguate per gestire permessi di lavoro per i cittadini rumeni, con opportuni controlli, come raccomandato da UKIP, allora nessuno avrebbe più motivo di essere preoccupato se un gruppo di rumeni vivesse nelle sue vicinanze".[21]

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2014 è stata sollevata dalla commissione elettorale britannica la questione dei finanziamenti per circa 200.000 sterline ricevuti nell'arco di 14 anni dallo UKIP. Questi soldi sono stati registrati a Bruxelles ma non come finanziamenti elettorali in Gran Bretagna, pertanto la commissione elettorale britannica si è riservata di decidere se agire contro Farage e lo UKIP dopo avere acquisito ulteriori documenti da Bruxelles.[22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nigel Farage Re-Elected UKIP Party Leader, in Sky News, 5 novembre 2010. URL consultato il 19 novembre 2011.
  2. ^ a b (EN) Nigel Farage, Enciclopedia Britannica. URL consultato l'8 luglio 2017.
  3. ^ (EN) Profile: Nigel Farage, UKIP leader, BBC. URL consultato l'8 luglio 2017.
  4. ^ (EN) Revealed: UKIP's Belgian-baiter leader Nigel Farage and his family links to... Belgium, in Daily Mail, 5 gennaio 2013. URL consultato l'8 luglio 2017.
  5. ^ (EN) Great-grandfather of Ukip leader Nigel Farage 'was born to German immigrants', in Daily Express. URL consultato l'8 luglio 2017.
  6. ^ (EN) Simon Hattenstone, Nigel Farage, Ukip: 'Other party leaders live in a PC world.', in The Guardian, 5 giugno 2009. URL consultato il 19 novembre 2011.
  7. ^ (EN) Nigel Farage: A car crash nearly killed me, but at least I got a wife out of it, in The Telegraph, 13 marzo 2015. URL consultato l'8 luglio 2017.
  8. ^ (EN) Nigel Farage: Cancer, a lemon-sized testicle and how the NHS failed me, in The Telegraph, 13 marzo 2015. URL consultato l'8 luglio 2017.
  9. ^ (EN) Nigel Farage injured in plane crash on election day, BBC News. URL consultato il 12 giugno 2014.
  10. ^ (EN) Crash pilot 'threatened to kill UKIP's Nigel Farage', in BBC, 1 dicembre 2010. URL consultato l'8 luglio 2017.
  11. ^ (EN) Nigel Farage death threats crash pilot guilty, in BBC, 14 aprile 2011. URL consultato l'8 luglio 2017.
  12. ^ (EN) Michael Gryboski, Who Is Nigel Farage? 5 Things to Know About the Man Who Led Brexit, The Christian Post, 29 giugno 2016. URL consultato il 13 luglio 2017.
  13. ^ (EN) Richard Edwards, General Election 2010: Ukip's Nigel Farage has lucky escape after election stunt plane crash, in The Daily Telegraph, 7 maggio 2010. URL consultato il 19 novembre 2011.
  14. ^ (EN) Iain Dale e Brian Brivati, Top 100 most influential Right-wingers: 50-1, in The Daily Telegraph, 5 ottobre 2009. URL consultato il 19 novembre 2011.
  15. ^ Gran Bretagna, Farage si dimette da leader dell'Ukip: "Ho ottenuto il mio obiettivo", su repubblica.it, 04 luglio 2016. URL consultato il 04 luglio 2016.
  16. ^ Video della denuncia di Farage al Parlamento europeo: http://www.youtube.com/watch?v=v-vgp0g42xI
  17. ^ (EN) Going Viral: Nigel Farage slams 'incompetent' Mariano Rajoy and warns the 'Euro Titanic' has hit the iceberg, in Daily Mail, 13 giugno 2012. URL consultato il 24 luglio 2012.
  18. ^ a b Ukip leader boasts of his £2m in expenses | Politics | The Observer
  19. ^ Quando Farage fece espellere Borghezio per i commenti sulla Kyenge: «Ripugnanti. O lui o noi».
  20. ^ (EN) The Guardian, Nigel Farage: I admire Vladimir Putin, in The Guardian, 31 marzo 2014. URL consultato il 3 giugno 2014.
  21. ^ (EN) Katy Barnato and Michelle Caruso-Cabrera, UKIP’s Farage has a ‘massive problem’ with Romania, in CNBC, 29 maggio 2014. URL consultato il 3 giugno 2014.
  22. ^ Farage faces jail threat over £200,000 donations | The Times

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN295312477 · LCCN: (ENn2013026761 · GND: (DE1030446695