Nigel Farage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nigel Paul Farage
Monogramma del Parlamento Europeo
Unione europea
Parlamento europeo
Nigel Paul Farage
Partito Partito per l'Indipendenza del Regno Unito
Legislatura 1999-2004
2004-2009
2009-2014
Gruppo Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia
[Nigel Farage MEP Pagina istituzionale]

Nigel Paul Farage (Farnborough, 3 aprile 1964) è un politico britannico, leader dell'UKIP[1], ruolo che ha precedentemente ricoperto dal settembre 2006 al novembre 2009. Deputato europeo, è co-presidente del gruppo Europa della Libertà e della Democrazia dal 1º luglio 2009.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Farage ha studiato al Dulwich College prima di entrare in una società londinese di brokeraggio di merci. Ha esercitato la propria attività di intermediazione dai primi anni novanta fino al 2002. Gli è stato diagnosticato un cancro ai testicoli ma si è ripreso completamente[2].

Farage è stato sposato due volte: ha sposato Gráinne Hayes nel 1988, con la quale ha avuto due figli (Samuel e Thomas), e nel 1999 ha sposato Kirsten Mehr, cittadina tedesca, dalla quale ha avuto altre due figlie, Victoria e Isabelle.

Ha scritto un libro di memorie intitolato Fighting Bull, che delinea la fondazione dell'UKIP e la sua vita privata e politica fino a quel momento.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver abbandonato il Partito Conservatore nel 1992 a causa della ratifica del Trattato di Maastricht, è stato un membro fondatore dell'UKIP. Dopo aver condotto nel 1994 una campagna infruttuosa per le elezioni europee e per quelle di Westminster, ottenne un seggio da eurodeputato per il Sud Est alle Elezioni europee del 1999 - il primo anno in cui fu utilizzato il sistema di lista regionale - e venne rieletto nel 2004 e nel 2009.

Nel settembre 2006, Farage divenne il leader dell'UKIP e guidò il partito verso le Elezioni europee del 2009, nelle quali esso si attestò al secondo posto del gradimento popolare, superando il Partito Laburista di poco più di un migliaio di voti e i Liberal Democratici di quasi mezzo milione di voti. Tuttavia nel novembre 2009 Farage si dimise per tentare di insidiare, alle Elezioni generali britanniche del 2010, il posto di Speaker della Camera dei Comuni occupato da John Bercow.

Alle Elezioni generali del 2010, Farage non riuscì a sopravanzare Bercow e non ottenne alcun seggio. Poco dopo l'apertura delle urne (6 maggio 2010), Farage rimase ferito in seguito ad un incidente aereo nel Northamptonshire; l'aereo biposto PZL-104 Wilga 35A stava esponendo uno striscione pro-UKIP quando si capovolse e si schiantò poco dopo il decollo. Sia Farage che il pilota vennero ricoverati in ospedale con ferite non letali[3]. Si pensa che l'incidente sia frutto di un attentato ai danni di Farage, per impedirgli di continuare la sua attività politica. COmunque sia, l'evento rimane avvolto nel mistero.

Nel novembre 2010, a seguito delle dimissioni del leader dell'UKIP Malcolm Pearson, Nigel Farage ottenne la leadership, battendo gli sfidanti Tim Congdon e David Campbell Bannerman. Nell'ottobre 2009, venne classificato dal The Daily Telegraph alla 41esima posizione tra i 100 più influenti esponenti di destra[4]. Farage fu inserito al 58esimo posto nella lista del 2010 compilata da Dale e Brivati per il Telegraph.

Attività al Parlamento Europeo[modifica | modifica sorgente]

Le battaglie di Nigel Farage sono in difesa delle sovranità nazionali. Il 16 novembre 2011 ha denunciato, al parlamento europeo,[5] ciò che ritiene essere il ribaltamento dei governi italiano e greco, per instaurare "Puppet Government", cioè governi fantoccio, accusando, tra gli altri, il Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy di non essere mai stato eletto per rappresentare 500 milioni di persone, affermando anche che il suo carisma è "Pari a quello di uno straccio bagnato!".

Il 13 giugno 2012, in un suo intervento al Parlamento Europeo, Nigel Farage ha duramente criticato la manovra di aiuti al sistema bancario spagnolo, definendo, tra le varie cose, il premier spagnolo Mariano Rajoy un incompetente, e ha concluso il proprio discorso affermando che “l'Euro Titanic ha ormai colpito l'iceberg” e che “non ci sono abbastanza scialuppe di salvataggio”[6].

Il 25 febbraio 2014 ha accusato il ministro delle economia Greco e l'intero EuroParlamento di dire il nulla, perché nessuno racconta qual è la reale situazione greca. Nello stesso intervento ha dichiarato che "stiamo svalutando il Mediteranneo portandolo allo stesso stato del <<Terzo Mondo>>".

Farage è attivo nel denunciare come la Troika comandi sull'intero continente europeo, come si "commisionino" gli stati in difficoltà per colpa della moneta unica, come Italia, Grecia e Spagna, dove i governi sono stati sostituiti a suo parere da Primi Ministri fantocci alle dipendenze dell'Europa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Nigel Farage Re-Elected UKIP Party Leader in Sky News, 5 novembre 2010. URL consultato il 19 novembre 2011.
  2. ^ (EN) Simon Hattenstone, Nigel Farage, Ukip: 'Other party leaders live in a PC world.' in The Guardian, 5 giugno 2009. URL consultato il 19 novembre 2011.
  3. ^ (EN) Richard Edwards, General Election 2010: Ukip's Nigel Farage has lucky escape after election stunt plane crash in The Daily Telegraph, 7 maggio 2010. URL consultato il 19 novembre 2011.
  4. ^ (EN) Iain Dale e Brian Brivati, Top 100 most influential Right-wingers: 50-1 in The Daily Telegraph, 5 ottobre 2009. URL consultato il 19 novembre 2011.
  5. ^ Video della denuncia di Farage al Parlamento europeo: http://www.youtube.com/watch?v=v-vgp0g42xI
  6. ^ (EN) Going Viral: Nigel Farage slams 'incompetent' Mariano Rajoy and warns the 'Euro Titanic' has hit the iceberg in Daily Mail, 13 giugno 2012. URL consultato il 24 luglio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]