Europa della Libertà e della Democrazia Diretta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Europa della Libertà e della Democrazia Diretta
(EN) Europe of Freedom and Direct Democracy (EFDD)[1]
Presidente Nigel Farage (UKIP)
David Borrelli (M5S)
Stato Unione europea Unione europea
Fondazione 24 giugno 2014 (1°)[2];
20 ottobre 2014 (2°)
Dissoluzione 16 ottobre 2014 (1°)
Ideologia Euroscetticismo[3][4],
Populismo di destra[5][6]
Democrazia diretta
Collocazione Destra
Partito europeo Alleanza per la Democrazia Diretta in Europa
Seggi massimi Europarlamento
45 / 751
Iscritti 42
Sito web

Europa della Libertà e della Democrazia Diretta (in inglese: Europe of Freedom and Direct Democracy Group, EFDD; in francese Groupe Europe Libertés Démocratie Directe, ELDD) è un gruppo politico di destra del Parlamento europeo nato da Europa della Libertà e della Democrazia (EFD). Il gruppo è formato da partiti con un programma politico contrario al centralismo burocratico dell'Unione europea.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

VII Legislatura[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Europa della Libertà e della Democrazia.

VIII Legislatura[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

L'Europa della Libertà e della Democrazia (EFD) ha incontrato delle difficoltà nella sua formazione per l'ottava legislatura del Parlamento europeo, essendone fuoriusciti 11 partiti politici su 13 allo scadere del mandato, per andarsi a collocare in altri gruppi o non avendo più rappresentanti all'europarlamento.

Il 28 marzo 2014, il secondo gruppo più numeroso dell'EFD, la Lega Nord, ha annunciato di aver trovato un accordo per la formazione di un nuovo gruppo con Marine Le Pen.[7] L'alleanza con il Fronte Nazionale da parte della Lega poneva di fatto fine al suo proseguimento nell'EFD, in quanto il capogruppo di quest'ultimo, Nigel Farage, aveva escluso categoricamente un'alleanza con le forze di estrema destra come quella della leader francese, da lui definita "antisemita".[8]

Il 4 giugno 2014, il Partito del Popolo Danese e i Veri Finlandesi sono stati ammessi nel gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei (ECR) fuoriuscendo quindi dall'EFD.[9][10]

Il 28 maggio 2014 Grillo incontra Farage, manifestando un forte interessamento alla costituzione di un gruppo comune[11]. Il 12 giugno 2014 il Movimento 5 Stelle (M5S) dopo il fallimento della trattativa con Verdi Europei (che ha definito l'offerta di Grillo come una "copertura per una decisione già presa")[12] e l'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa,[13] ha attivato un referendum online a scelta limitata per decidere un gruppo parlamentare europeo tra l'EFD, l'ECR o i non iscritti, nel quale il 78% dei votanti ha scelto l'EFD.[14][15]

Il 16 giugno del 2014, l'eurodeputato olandese Bas Belder del Partito Politico Riformato (SGP) è passato al gruppo ECR fuoriuscendo quindi dall'EFD.[16]

Il gruppo EFD all'inizio dell'ottava legislatura, il 18 giugno 2014, era composto dagli eurodeputati di due soli partiti politici presenti nel vecchio gruppo, ovvero l'UKIP e Ordine e Giustizia, insieme ai nuovi affiliati del Movimento 5 Stelle, i Democratici Svedesi, il Partito dei Liberi Cittadini della Repubblica Ceca, il partito lettone dell'Unione dei Verdi e dei Contadini ed un'eurodeputata francese indipendente ex-FN.[2][17]

Il 24 giugno 2014 il nome EFD è stato cambiato in EFDD (dove l'ultima D aggiunge l'aggettivo "Diretta"),[1] e David Borrelli del M5S è stato scelto come co-presidente.[18][19]

Il 16 ottobre 2014 l'uscita dal gruppo dell'eurodeputata lettone Iveta Grigule ha fatto mancare al gruppo le 7 nazionalità necessarie alla sua esistenza, decretandone l'automatica dissoluzione.[20] Tuttavia il 20 ottobre 2014, con l'ingresso di un membro dell'estrema destra polacca, Robert Iwaszkiewicz, il gruppo viene riformato.[21]

Il 9 gennaio 2017, il Movimento 5 Stelle, che aveva deciso tramite una consultazione online di abbandonare il gruppo EFDD per unirsi ad ALDE, ha ottenuto da parte dei vertici liberali un rifiuto a causa di eccessive divergenze politiche, infatti ALDE è un gruppo fortemente europeista, cosa che contrasta con l'affiliazione e le politiche del Movimento 5 Stelle, che è pertanto rimasto in EFDD.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Europa della Libertà e della Democrazia Diretta conta 42 membri eletti, provenienti da 7 paesi diversi (numero minimo per la sopravvivenza del Gruppo):

Stato Partito MEP Gruppo precedente
Rep. Ceca Rep. Ceca Partito dei Liberi Cittadini
1 / 21
N.D.
Francia Francia Joëlle Bergeron (Indipendente, ex-FN)
1 / 74
N.D.
Germania Germania Alternativa per la Germania
1 / 96
Conservatori e Riformisti Europei (fino al 2016)
Polonia Polonia KORWiN (ex Congresso della Nuova Destra)
1 / 51
N.D.
Italia Italia Movimento 5 Stelle
15 / 73
N.D.
Lituania Lituania Ordine e Giustizia
1 / 11
Unione per l'Europa delle Nazioni (fino al 2009)
Svezia Svezia Democratici Svedesi
2 / 20
N.D.
Regno Unito Regno Unito Partito per l'Indipendenza del Regno Unito
20 / 73
Indipendenza/Democrazia (fino al 2009)

Membri del passato[modifica | modifica wikitesto]

Stato Europarlamentare Partito Data di abbandono Nuovo gruppo
Lettonia Lettonia Iveta Grigule Unione dei Verdi e dei Contadini 16 ottobre 2014 Non Iscritti (dal 16 ottobre 2014 al 27 aprile 2015)
ALDE (dal 27 aprile 2015)
Regno Unito Regno Unito Amjad Bashir Partito per l'Indipendenza del Regno Unito (ora Partito Conservatore) 24 gennaio 2015 CRE
Lituania Lituania Valentinas Mazuronis Ordine e Giustizia (ora Partito del Lavoro) 19 maggio 2015 ALDE
Regno Unito Regno Unito Janice Atkinson Indipendente (ex-UKIP) 16 giugno 2015 ENF
Italia Italia Marco Affronte Movimento 5 Stelle 11 gennaio 2017 ALE
Italia Italia Marco Zanni Movimento 5 Stelle 11 gennaio 2017 ENF

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Europe of Freedom and Direct Democracy, Farage's new group in the EU Parliament, EurActiv, 25 giugno 2014.
  2. ^ a b By Euobserver, EUobserver / Farage creates eurosceptic group in EP, Euobserver.com. URL consultato il 10 luglio 2014.
  3. ^ (EN) Andreas Staab, The European Union Explained, Second Edition: Institutions, Actors, Global Impact, Indiana University Press, 24 giugno 2011, p. 67, ISBN 0-253-00164-1.
  4. ^ (EN) Parties and elections - European Union, parties-and-elections.eu. URL consultato il 30 novembre 2012.
  5. ^ (EN) After the elections – the European political groups, in Counterpoint, 26 giugno 2014. URL consultato il 5 luglio 2014 (archiviato il 5 luglio 2014).
  6. ^ (EN) Conflicted Politicians: the populist radical right in the European Parliament (PDF), Counterpoint, 2013, pp. 10—. URL consultato il 5 luglio 2014 (archiviato il 5 luglio 2014).
  7. ^ Salvini: "Alle europee alleanza con Le Pen e partiti no-euro", La Repubblica, 29 marzo 2014.
  8. ^ Nigel Farage insists UKIP has no plans to join international far-right alliance, ITV.com, 15 novembre 2013.
  9. ^ Dave Keating, ECR group takes two parties from Farage, European Voice. URL consultato il 10 luglio 2014.
  10. ^ Henriette Jacobsen, Eurosceptic Danes and Finns leave Farage's group, EurActiv, 5 giugno 2014.
  11. ^ Grillo-Farage incontro a Bruxelles "Altro che Caporetto, M5S è opposizione" - Tgcom24
  12. ^ Nikolaj Nielsen, EUobserver / Greens reject Beppe Grillo's offer to team up, Euobserver.com. URL consultato il 10 luglio 2014.
  13. ^ Press Release, Alde.eu, 27 gennaio 2014. URL consultato il 10 luglio 2014.
  14. ^ Five Star Movement votes online to join Farage's EFD, EurActiv, 13 giugno 2014.
  15. ^ europe online publishing house gmbh - europeonline-magazine.eu, 1ST LEAD Italy protest party to form EU alliance with British eurosceptics UKIP By Alvise Armellini, dpa | EUROPE ONLINE, En.europeonline-magazine.eu, 16 maggio 2014. URL consultato il 10 luglio 2014.
  16. ^ EurActiv.com, Dutch MEP joins Conservatives, Farage in trouble, EurActiv, 17 giugno 2014. URL consultato il 10 luglio 2014.
  17. ^ James Crisp, Le Pen candidate joins Farage's new EFD group, EurActiv, 18 giugno 2014. URL consultato il 10 luglio 2014.
  18. ^ Bruxelles, prima riunione gruppo Ukip-M5S. Farage e Borrelli presidenti – Video Il Fatto Quotidiano TV, Tv.ilfattoquotidiano.it, 25 giugno 2014. URL consultato il 10 luglio 2014.
  19. ^ Internazionale » M5S » All’Europarlamento nasce gruppo Efd, “coppia aperta” per M5s-Ukip, Internazionale.it, 24 giugno 2014. URL consultato il 10 luglio 2014.
  20. ^ Ue:sciolto gruppo euroscettico M5s al Pe, ansa.it, 16 ottobre 2014.
  21. ^ Strasburgo, deputato polacco salva Farage: rinasce gruppo Efdd, in la Repubblica, 20 ottobre 2014. URL consultato il 20 ottobre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea