Renew Europe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renew Europe
Logo of Renew Europe.svg
PresidenteDacian Cioloș
VicepresidenteMalik Azmani, Sylvie Brunet, Katalin Cseh, Luis Garicano, Morten Løkkegaard, Iskra Mihaylova, Frédérique Ries, Dominique Riquet, Michal Šimečka
StatoUnione europea Unione europea
Fondazione2 luglio 2019
IdeologiaCentrismo
Liberalismo
Terza via
Liberismo
Liberalismo sociale
Liberalismo verde
Progressismo
Europeismo
CollocazioneCentro
Partito europeoALDE e PDE
Affiliazione internazionaleInternazionale Liberale (ALDE), Alleanza dei Democratici (PDE)
Seggi Europarlamento
97 / 705
 (2019)
Sito webreneweuropegroup.eu/

Renew Europe è un gruppo politico centrista[1] e liberale[2] al Parlamento europeo, costituitosi il 2 luglio 2019.

Ad esso hanno aderito due partiti europei:

Dal 2004 al 2019 tali formazioni avevano costituito il Gruppo dell'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa; la costituzione della nuova componente politica è avvenuta a seguito dell'adesione al gruppo del partito La République En Marche, guidato da Emmanuel Macron, all'interno della lista francese Renaissance.

A seguito delle elezioni europee del 2019, Renew Europe è il terzo gruppo per numero di parlamentari in Eurocamera. La componente è presieduta dal rumeno Dacian Cioloș, esponente del Partito della Libertà, dell'Unità e della Solidarietà.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2019, nel corso di un dibattito alla vigilia delle elezioni europee del 2019, Guy Verhofstadt, presidente del Gruppo ALDE, annunciò che in seguito alle elezioni il gruppo stesso si sarebbe dissolto per formare una nuova alleanza con la forza politica del presidente francese Emmanuel Macron, Renaissance.[3] Durante e dopo le elezioni il gruppo portava il nome temporaneo "ALDE plus Renaissance plus USR PLUS".[4]

Il 12 giugno 2019 fu annunciato il nuovo nome "Renew Europe" una volta avvenuta l'alleanza con la La République En Marche.[5][6] Altri opzioni avanzate furono "inspire" e "inspire europe". Obiettivo del cambio di nome del gruppo era evitare le connotazioni negative del termine "liberale" in ambito francese.[7][8]

Discorso di benvenuto di Dacian Cioloș a nome del gruppo Renew Europe al Parlamento europeo.

L'eurodeputata francese LREM Nathalie Loiseau rinunciò alla presidenza del nuovo gruppo centrista, in particolare dopo alcuni commenti critici da lei rivolti ad Angela Merkel, Manfred Weber e alcuni esponenti dell'ALDE tra cui Guy Verhofstadt.[9] Alcuni media indicano che la decisione sarebbe stata imposta direttamente dall'Eliseo.[10][11]

Il 19 giugno 2019 fu annunciato che Dacian Cioloș, ex primo ministro della Romania e Commissario europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, era stato scelto come presidente del gruppo politico, affermandosi sull'europarlamentare Sophie in 't Veld per 64 voti contro 42 e diventando il primo capogruppo romeno in Eurocamera.[12]

Per effetto della Brexit, il 31 gennaio 2020 il gruppo perde 17 membri eletti nel Regno Unito: 16 Liberal Democratici e 1 membro APNI.

Il 12 febbraio 2020 l'eurodeputato italiano Nicola Danti, eletto nella circoscrizione Italia centrale, lascia il gruppo S&D per unirsi a Renew Europe. Danti è membro a titolo individuale del Partito Democratico Europeo e del partito nazionale Italia Viva.[13][14]

L'11 dicembre 2020 la svedese Emma Wiesner del Partito di Centro sostituì il dimissionario Fredrick Federley.[15]

Il 20 gennaio 2021 Renew Europe espulse l'eurodeputato lituano Viktor Uspaskich.[16]

Nel marzo 2021 Marco Zullo, eurodeputato italiano eletto con il Movimento 5 Stelle, abbandona il suo partito e passa dai non iscritti al gruppo Renew Europe.

Il 24 marzo 2021 l'europarlamentare ceca Radka Maxová lascia il partito ANO 2011 e abbandona contestualmente il gruppo a favore dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Stato Partito Partito europeo Europarlamentari
Austria Austria NEOS – Comitato per una Nuova Austria e Forum Liberale
NEOS – Das Neue Österreich und Liberales Forum (NEOS)
ALDE
1 / 19
Belgio Belgio Liberali e Democratici Fiamminghi Aperti
Open Vlaamse Liberalen en Democraten (VLD)
ALDE
2 / 21
Movimento Riformatore
Mouvement Réformateur (MR)
ALDE
2 / 21
Bulgaria Bulgaria Movimento per i Diritti e le Libertà
Движение за Права и Свободи - ДПС
(Dviženie za Prava i Svobodi - DPS)
ALDE
3 / 17
Croazia Croazia Dieta Democratica Istriana
Istarski demokratski sabor (IDS)
ALDE
1 / 12
Danimarca Danimarca Sinistra - Partito Liberale di Danimarca
Venstre - Danmarks Liberale Parti (V)
ALDE
4 / 14
Sinistra Radicale
Radikale Venstre (B)
ALDE
2 / 14
Estonia Estonia Partito Riformatore Estone
Eesti Reformierakond (RE)
ALDE
2 / 7
Partito di Centro Estone
Eesti Keskerakond (K)
ALDE
1 / 7
Finlandia Finlandia Partito di Centro Finlandese
Suomen Keskusta (Kesk)
Centern i Finland (Centern)
ALDE
2 / 14
Partito Popolare Svedese di Finlandia
Svenska folkpartiet i Finland (SFP)
Suomen ruotsalainen kansanpuolue (RKP)
ALDE
1 / 14
Francia Francia La Repubblica in Marcia
La République En Marche (LaREM)
Nessuno
11 / 79
Movimento Democratico
Mouvement démocrate (MoDem)
PDE
5 / 79
Movimento Radicale
Mouvement Radical (MR)
ALDE
1 / 79
Agire, la Destra Costruttiva
Agir, la Droite Constructive
Nessuno
1 / 79
Gilles Boyer, Pascal Canfin,
Pascal Durand, Stéphanie Yon-Courtin
Indipendenti
4 / 79
Sandro Gozi (Italia Viva) Nessuno
1 / 79
Germania Germania Partito Liberale Democratico
Freie Demokratische Partei (FDP)
ALDE
5 / 96
Liberi Elettori
Freie Wähler (FW)
PDE
2 / 96
Irlanda Irlanda Fianna Fáil
(FF)
ALDE
2 / 13
Italia Italia Italia Viva[14]
(IV)
PDE[17]
2 / 76
Marco Zullo Indipendente
Lettonia Lettonia Sviluppo/Per!
Attīstībai/Par! (AP!)
ALDE
1 / 8
Lituania Lituania Movimento dei Liberali della Repubblica di Lituania
Lietuvos Respublikos Liberalų sąjūdis (LRLS)
ALDE
1 / 11
Lussemburgo Lussemburgo Partito Democratico
Demokratesch Partei (DP)
Parti Démocratique (PD)
Demokratische Partei (DP)
ALDE
1 / 6
Monica Semedo Indipendente
1 / 6
Paesi Bassi Paesi Bassi Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia
Volkspartij voor Vrijheid en Democratie (VVD)
ALDE
5 / 29
Democratici 66
Democraten 66 (D66)
ALDE
2 / 29
Rep. Ceca Rep. Ceca Azione dei Cittadini Insoddisfatti – SÌ 2011
Akce Nespokojených Občanů – ANO 2011
ALDE
5 / 21
Romania Romania Unione Salvate la Romania
Uniunea Salvați România (USR)
ALDE
3 / 33
Partito della Libertà, dell'Unità e della Solidarietà
Partidul Libertății, Unității și Solidarității (PLUS)
Nessuno
5 / 33
Slovacchia Slovacchia Slovacchia Progressista
Progresívne Slovensko (PS)
ALDE
2 / 14
Slovenia Slovenia Lista di Marjan Šarec
Lista Marjana Šarca (LMŠ)
ALDE
2 / 8
Spagna Spagna Cittadini
Ciudadanos (C's)
ALDE
7 / 59
Javier Nart Indipendente
1 / 59
Partito Nazionalista Basco
Euzko Alderdi Jeltzalea (EAJ)
Partido Nacionalista Vasco (PNV)
PDE
1 / 59
Svezia Svezia Liberali
Liberalerna (L)
ALDE
1 / 21
Partito di Centro
Centerpartiet (C)
ALDE
2 / 21
Ungheria Ungheria Movimento Momentum
Momentum Mozgalom (Momentum)
ALDE
2 / 21
Unione europea Unione europea Totale
97 / 705

Ex membri eletti nel Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Mandato conclusosi il 31 gennaio 2020.

Stato Partito Partito europeo Europarlamentari
Regno Unito Regno Unito Liberal Democratici
Liberal Democrats
ALDE
16 / 73
Partito dell'Alleanza dell'Irlanda del Nord
Alliance Party of Northern Ireland (APNI)
ALDE
1 / 73

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 20 MEPs to watch in 2020, in POLITICO.eu, 13 gennaio 2020.
    «The European Parliament is younger, more diverse — and more divided ... Macron's baby in the Parliament: the centrist Renew Europe group.».
  2. ^ Wolfram Nordsieck, European Union, su Parties and Elections in Europe, 2019. URL consultato il 30 maggio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2017).
  3. ^ Frenzy in Firenze: 4 takeaways from EU lead candidate debate, in Politico, 3 maggio 2019. URL consultato il 9 maggio 2019.
  4. ^ Florian Eder, ALDE 2.0 deals blow to Weber's Commission dream, su Politico, 27 maggio 2019.
  5. ^ Maïa de La Baume, Macron-Liberal alliance to be named Renew Europe, su Politico, 12 giugno 2019. URL consultato il 12 giugno 2019.
  6. ^ [Ticker] Liberal Alde rename themselves 'Renew Europe', su EUobserver.
  7. ^ Florian Eder, Zoya Sheftalovich: POLITICO Brussels Playbook. Politico, 12 giugno 2019.
  8. ^ Rücktritt von Loiseau wirft Führungsfragen für „Renew Europe“auf – EURACTIV.de
  9. ^ https://www.cnews.fr/france/2019-06-18/nathalie-loiseau-itineraire-dun-sabordage-851963
  10. ^ Parlement européen: Macron débranche Loiseau – Libération
  11. ^ Nathalie Loiseau n’a plus qu’une mission: se faire oublier
  12. ^ https://www.politico.eu/article/ex-romanian-prime-minister-renew-europe/
  13. ^ Italia Viva ha il primo eurodeputato: Nicola Danti va con Renzi, in Il Messaggero, 20 ottobre 2019. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  14. ^ a b Fabiana Luca, Parlamento Ue, Italia Viva lascia i Socialdemocratici e aderisce a Renew Europe, in EU News, 13 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  15. ^ När Europaparlamentarikern Fredrick Federley (C) lämnar politiken kommer Emma Wiesner tacka ja till att ersätta honom i EU-parlamentet, säger...
  16. ^ https://www.politico.eu/article/renew-europe-expels-mep-viktor-uspaskich-homophobic-comments/
  17. ^ Un nuovo eurodeputato per i Democratici europei, su Democrats. URL consultato il 28 dicembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]