Gruppo del Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gruppo del Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori
PresidenteGijs de Vries (1994-1998)
Pat Cox (1998-2002)
Graham Watson (2002-2004)
StatoUnione europea Unione europea
Fondazione19 luglio 1994
Dissoluzione20 luglio 2004
IdeologiaLiberalismo
Partito europeoPartito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori
Affiliazione internazionaleInternazionale Liberale

Il Gruppo del Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori (Gruppo ELDR) è stato un gruppo politico nel Parlamento europeo liberale e liberaldemocratico, espressione del Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori. Era un gruppo eterogeneo, che accoglieva sia partiti liberali di destra che di sinistra, sia conservatori liberali che socialiberali, e rappresentava il centro nel Parlamento europeo.

Il Gruppo è stato attivo dal 1994 al 2004, quando ha dato vita al gruppo "Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa". Il gruppo costituì la continuazione dei precedenti gruppi liberali e democratici al Parlamento: il Gruppo dei liberali e apparentati attivo dal 1953 al 1976, il Gruppo liberale e democratico attivo dal 1976 al 1985 ed il Gruppo liberale, democratico e riformatore attivo dal 1985 al 1994.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo dei Liberali e Apparentati, 1953-1976[modifica | modifica wikitesto]

Il primo gruppo parlamentare europeo di orientamento liberale fu fondato all'Assemblea parlamentare della CECA il 23 giugno del 1953 come Gruppo dei Liberali e Apparentati ed era composto dai Liberali tedeschi, dai Liberali e Repubblicani italiani, dai Gollisti francesi, dai Liberali olandesi e dai Liberali belgi. Nel 1958 un gruppo politico liberale venne istituito anche all'Assemblea parlamentare europea.

Nel 1965 i gollisti uscirono dal gruppo e nel 1973 vi entrarono invece i Liberali inglesi e danesi.

Gruppo Liberale e Democratico, 1976-1985[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976 il gruppo mutò il proprio nome in Gruppo Liberale e Democratico, in corrispondenza con la creazione della federazione dei partiti liberali e democratici europei[1].

Dopo le elezioni europee del 1979 il gruppo era il quinto per numero di membri con 40 parlamentari. Il suo capogruppo era il tedesco Martin Bangemann[2].

Alle elezioni europee del 1984 il gruppo aveva raccolto 31 parlamentari; suo capogruppo era la francese Simone Veil, già Presidente del Parlamento europeo[3].

Gruppo Liberale, Democratico e Riformatore, 1985-1994[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 dicembre del 1985 il gruppo cambiò nuovamente nome ed assunse quello di Gruppo Liberale, Democratico e Riformatore, anticipando il cambiamento del nome della corrispondente federazione dei partiti approvato al congresso del 1986.

Alle elezioni europee del 1989 il gruppo si ingrandì ottenendo 49 parlamentari. Fu eletto capogruppo l'ex Presidente della Repubblica Francese Valéry Giscard d'Estaing[3][4], che svolse l'incarico fino al dicembre 1991. Dal gennaio 1992 la presidenza del gruppo fu ricoperta da Yves Galland[3].

Gruppo del Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori, 1994-2004[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le elezioni europee del 1994 il gruppo assunse il nome di Gruppo del Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori. Dal 1994 al 1998 il gruppo fu presieduto dal liberale olandese Gijs de Vries, poi dal 1998 al 2002 dall'irlandese Pat Cox. Dopo l'elezione di quest'ultimo alla presidenza del Parlamento europeo, il gruppo fu presieduto dal 2002 al 2004 dal liberal democratico britannico Graham Watson.

Dopo le elezioni europee del 2004 il Partito Europeo dei Liberali, Democratici e Riformatori ha deciso di formare un gruppo parlamentare unico assieme con il Partito Democratico Europeo ed è stata così creata l'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

I Legislatura (1979-1984)[modifica | modifica wikitesto]

Martin Bangemann
Partito Abbr. Stato Numero di parlamentari
Unione per la Democrazia Francese UDF Francia Francia 17
Partito Liberale Italiano PLI Italia Italia 3
Partito Repubblicano Italiano PRI Italia Italia 2
Partito Liberale Democratico FDP bandiera Germania Ovest 4
Partito della Libertà e del Progresso PVV Belgio Belgio Fiandre Fiandre 2
Partito Riformista Liberale PRL Belgio Belgio Vallonia Vallonia 2
Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia VVD Paesi Bassi Paesi Bassi 4
Sinistra - Partito Liberale di Danimarca V Danimarca Danimarca 4
Partito Democratico DP Lussemburgo Lussemburgo 2
parlamentari indipendenti 1[5]

II Legislatura (1984-1989)[modifica | modifica wikitesto]

Simone Veil
Partito Abbr. Stato Numero di parlamentari
Unione per la Democrazia Francese UDF Francia Francia 12
Partito Repubblicano Italiano PRI Italia Italia 3
Partito Liberale Italiano PLI Italia Italia 2
Partito della Libertà e del Progresso PVV Belgio Belgio Fiandre Fiandre 2
Partito Riformista Liberale PRL Belgio Belgio Vallonia Vallonia 3
Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia VVD Paesi Bassi Paesi Bassi 5
Sinistra - Partito Liberale di Danimarca V Danimarca Danimarca 2
Partito Democratico DP Lussemburgo Lussemburgo 1

III Legislatura (1989-1994)[modifica | modifica wikitesto]

Valéry Giscard d’Estaing, Capogruppo 1989-1991
Partito Abbr. Stato Numero di parlamentari
Unione per la Democrazia Francese UDF Francia Francia 13
Partito Social Democratico PSD Portogallo Portogallo 9
Partito Liberale Democratico FDP Germania RFT / Germania 4
Partito della Libertà e del Progresso PVV Belgio Belgio Fiandre Fiandre 2
Partito Riformista Liberale PRL Belgio Belgio Vallonia Vallonia 2
Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia VVD Paesi Bassi Paesi Bassi 3
Democratici 66 D66 Paesi Bassi Paesi Bassi 1
Partito Repubblicano Italiano PRI Italia Italia 3
Sinistra - Partito Liberale di Danimarca V Danimarca Danimarca 3
Democratici Progressisti PD Irlanda Irlanda 1
Partito Democratico DP Lussemburgo Lussemburgo 1
parlamentari indipendenti 1[5]

IV Legislatura (1994-1999)[modifica | modifica wikitesto]

Partito Nome locale Abbr. Stato MPE
Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia Volkspartij voor Vrijheid en Democratie VVD Paesi Bassi Paesi Bassi 6
Democratici 66 Democraten 66 D66 Paesi Bassi Paesi Bassi 4
Partito Social Democratico[6] Partido Social Democrata PSD Portogallo Portogallo 8
Lega Nord Lega Nord LN Italia Italia [7] 7
Partito Repubblicano Italiano Partito Repubblicano Italiano PRI Italia Italia 1
Liberali e Democratici Fiamminghi Vlaamse Liberalen en Democraten VLD Belgio Belgio Fiandre Fiandre 3
Partito Riformatore Liberale Parti Réformateur Libéral PRL Belgio Belgio Vallonia Vallonia 2
Fronte Democratico dei Francofoni Front Démocratique des Francophones FDF Belgio Belgio Vallonia Vallonia 1
Sinistra - Partito Liberale di Danimarca Venstre - Danmarks Liberale Parti V Danimarca Danimarca 4
Sinistra Radicale Det Radikale Venstre RV Danimarca Danimarca 1
Liberal Democratici Liberal Democrats Lib Dems Regno Unito Regno Unito 2
Convergenza Democratica di Catalogna Convergència Democràtica CDC Spagna Spagna 2
Indipendente Pat Cox Irlanda Irlanda 1
Partito Democratico Demokratesch Partei DP Lussemburgo Lussemburgo 1
Unione per la Democrazia Francese Union pour la démocratie française UDF Francia Francia 1

V Legislatura (1999-2004)[modifica | modifica wikitesto]

Pat Cox, Capogruppo 1998-2002
Graham Watson, Capogruppo 2002-2004
Partito Nome locale Abbr. Stato MPE
Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia Volkspartij voor Vrijheid en Democratie VVD Paesi Bassi Paesi Bassi 6
Democratici 66 Democraten 66 D66 Paesi Bassi Paesi Bassi 4
Partito Repubblicano Italiano Partito Repubblicano Italiano PRI Italia Italia 1
Liberali e Democratici Fiamminghi Vlaamse Liberalen en Democraten VLD Belgio Belgio Fiandre Fiandre 3
Partito Riformatore Liberale Parti Réformateur Libéral PRL Belgio Belgio Vallonia Vallonia 2
Fronte Democratico dei Francofoni Front Démocratique des Francophones FDF Belgio Belgio Vallonia Vallonia 1
Sinistra - Partito Liberale di Danimarca Venstre - Danmarks Liberale Parti V Danimarca Danimarca 4
Sinistra Radicale Det Radikale Venstre RV Danimarca Danimarca 1
Liberal Democratici Liberal Democrats Lib Dems Regno Unito Regno Unito 2
Convergenza Democratica di Catalogna Convergència Democràtica CDC Spagna Spagna 2
Indipendente Pat Cox Irlanda Irlanda 1
Partito Democratico Demokratesch Partei DP Lussemburgo Lussemburgo 1
Unione per la Democrazia Francese Union pour la démocratie française UDF Francia Francia 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) History, European Liberal Democrats. URL consultato il 27 novembre 2011.
  2. ^ Martin Bangemann, Parlamento europeo.
  3. ^ a b c (FR) Alliance des Démocrates et des Libéraux pour l'Europe, Europe Politique. URL consultato il 26 novembre 2011.
  4. ^ Valéry Giscard d'Estaing, Parlamento europeo.
  5. ^ a b L'irlandese Thomas Joseph Maher.
  6. ^ Il PSD lascia l'ELDR nel 1996 e aderisce al PPE
  7. ^ Marilena Marin lascia nel 1996 per aderire a Forza Europa; Bossi, Farassino, Formentini e Moretti lasciano il gruppo per aderire ai Non iscritti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Unione europea Portale Unione europea: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Unione europea