Don Ciccio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Don Ciccio
Don Ciccio.jpg
Don Ciccio all'inizio del secondo film
Universo Il padrino
Lingua orig. Inglese
Autore Mario Puzo
1ª app. in Il padrino - Parte II
Ultima app. in Il padrino - Parte II
Interpretato da Giuseppe Sillato
Sesso Maschio
Luogo di nascita Corleone
Data di nascita XIX secolo
Professione Boss di Cosa Nostra
Affiliazione Famiglia di Corleone

Don Francesco, chiamato spesso don Ciccio, è un personaggio di finzione apparso nel romanzo Il padrino di Mario Puzo e nel lungometraggio Il padrino - Parte II di Francis Ford Coppola, dove fu interpretato dall'attore Giuseppe Sillato.

« Non sono le parole che mi fanno paura. »

(Don Ciccio)

Don Ciccio è il boss mafioso che controlla la piccola città di Corleone, luogo di nascita di Vito Andolini, che diverrà poi il futuro don Vito Corleone. Nel 1901 fece uccidere il padre di Vito, Antonio Andolini e, successivamente, il fratello Paolo, durante il funerale di Antonio (nel film don Vito è figlio unico, dunque Paolo compare solo nel romanzo). La madre del giovane Vito andò allora a scongiurare don Ciccio di risparmiare il figlio e, al suo rifiuto, lo prese in ostaggio, intimando a Vito di scappare. La donna fu uccisa poco dopo con un colpo di lupara, mentre Vito, aiutato da amici, fuggì a New York.

Molti anni dopo, nel 1923, Vito Corleone ucciderà don Ciccio, ormai anziano, vendicando così i suoi genitori e suo fratello.