Società Sportiva Akragas Città dei Templi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Akragas Calcio)
SS Akragas Città dei Templi
Calcio Football pictogram.svg
Akragas logoufficiale.png
Giganti, Akragantini, Biancoazzurri, Gigante, Agrigentini
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px pentasection HEX-0071BC White.svg bianco-azzurro
Inno Gigante nel Campo
Giovanni Moscato
Dati societari
Città Agrigento
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie C
Fondazione 1939
Rifondazione1993
Rifondazione1998
Rifondazione2011
Presidente Italia Silvio Alessi (dimissionario)
Allenatore Italia Leo Criaco
Stadio Esseneto
(8.000 posti)
Sito web www.ssakragas.it/
Palmarès
Titoli nazionali 2 Campionati di Serie D
1 Campionato Interregionale
Trofei nazionali
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

La Società Sportiva Akragas Città dei Templi S.r.l., meglio nota semplicemente come Akragas, è una società calcistica italiana con sede ad Agrigento, in Sicilia.

Le origini del calcio agrigentino risalgono al 1929 con la fondazione dell'A.C. Agrigento. L'attuale sodalizio fu fondato nel 1939 con la denominazione di Akragas. Fallita nel 1988, la società è stata più volte rifondata e ridenominata negli anni successivi come U.S. Agrigento-Favara, U.S. Agrigento Hinterland, Akragas Calcio, A.C. Akragas Città di Agrigento e A.S. Akragas. L'attuale espressione risale al 2011, risultato della fusione con l'Agrigentina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del calcio agrigentino e la fondazione dell'Akragas (1939)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Agrigento.

Le origini del calcio ad Agrigento risalgono ai primi anni trenta, con una squadra formata da giovani liceali di nome Associazione Calcio Agrigento che utilizzava per le sue partire il campetto dei salesiani vicino alla Cattedrale di Agrigento, oppure nel Piano Sanfilippo, attuale Piazza Rosselli.[1] In pieno regime fascista il calcio incominciava a ottenere grande seguito di spettatori, questo grazie anche all'enorme pubblicità derivante dai Mondiali vinti dalla Nazionale di Vittorio Pozzo. Una prima uscita ufficiale fu quella contro calciatori olandesi che si trovavano a Porto Empedocle. Nel anni quaranta la squadra della città dei Templi è ancora l'A.C. Agrigento, poi fallita nel 1952.

Carmelo Di Bella, primo allenatore del rinnovato Akragas.

Fu invece poco prima dell'entrata dell'Italia in guerra, nel 1939, che venne fondata l'Akragas, che con la caduta del regime assunse la denominazione di Segretariato Nazionale Gioventù Akragas.[2] In questo periodo il club, che aveva le maglie viola, non era altro che una piccola squadra locale. La svolta arrivò proprio nel 1952 in conseguenza del totale fallimento dell'Agrigento, che sparì per sempre. Gli appassionati sportivi Enzo Lauretta, Carmelo Nobile, Giuseppe Gentile, Francesco Alaimo, Franco Pirrone, "Lillo" Burgio, Nino Riccobono, Michele Mongiovì e Raimondo Firetto colsero infatti immediatamente l'occasione per presentare la loro società come la nuova rappresentante del calcio agrigentino costretto a ripartire da zero. I soci modificarono quindi la denominazione sociale nel più standardizzato Unione Sportiva Akragas, spostarono la sede al piano terra del Palazzo Municipale di Agrigento, ma soprattutto cambiarono i colori sociali adottando il biancazzurro del defunto Agrigento, e presero come simbolo quello della città, i tre Giganti, in ricordo dei Telamoni utilizzati dai Greci come alternativa alle gigantesche semicolonne del tempio di Zeus Olimpio. A completare l'opera vi fu la possibilità, offerta dal Lodo Barassi, di iscrivere la rinnovata squadra direttamente in Prima Divisione, incominciando una parabola ascendente. L'operazione ebbe successo: ereditando le simpatie degli orfani tifosi agrigentini, l'Akragas ottenne la Promozione, massima categoria regionale, già nel 1953, la IV Serie nel 1957 e infine la salita assoluta in Serie C nel 1959.

Gli anni sessanta e la prima Serie C[modifica | modifica wikitesto]

Alla soglia degli anni sessanta incominciano nuove avventure con la promozione per la U.S. Akragas. Alla prima stagione in terza serie nazionale, la 1959-1960, ottiene un ottimo 8º posto che vale la permanenza per un altro anno. In quella 1960-1961 arriva 13º mentre in quella successiva, invece, 9º. Nel campionato 1962-1963 si piazza in 3º posizione con 40 punti (miglior piazzamento della squadra e in Serie C). Alla fine il campionato viene vinto dal Potenza con 47 punti e per l'Akragas sfuma dunque la promozione storica in Serie B. L'anno 1967-1968 verrà ricordato per la retrocessione in Serie D, con la squadra arrivata terzultima con 29 punti e oltre a ciò per l’avvenuta prematura scomparsa del giocatore Antonio Caviglia in un incidente stradale.

Gli anni settanta e il record negativo[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni settanta il sodalizio biancoazzurro tocca il punto più basso della sua storia, con la retrocessione in Promozione. Nell'anno 1974-1975 la società diventa una S.p.A.. Nel campionato 1977-78 si ritorna in Promozione, realizzando un totale di 43 punti.

Gli anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Azione di gioco dell'Akragas negli anni della Serie D.

La promozione in Serie C2 giunge solo nei primi anni ottanta, con a capo il presidente Luigi Zicari e l'allenatore Alvaro Biagini nel campionato 1982-1983. L'Akragas vince il campionato con 45 punti arrivando seconda dopo il Messina conquistando la promozione in Serie C1.

Il primo anno i giganti, con Franco Scoglio in panchina, riusciranno a ottenere lusinghieri risultati, riuscendo a piazzarsi a metà classifica. Il campionato verrà vinto dal Bari che andrà in Serie B insieme con il Taranto, piazzatosi secondo. Scoglio verrà esonerato a poche giornate dal termine del campionato e sostituito dall'allenatore in seconda Giovanni Bruccoleri. Da ricordare le vittorie esterne al Vestuti di Salerno per 2 a 0 e a Casarano per 2 a 0. Nel secondo anno di Serie C1 si parte con Francisco Ramon Lojacono in panchina, ma verrà presto esonerato e sostituito con Lucio Mujesan. La sostanza delle cose non cambierà e la squadra arriverà penultima, retrocedendo con qualche rammarico in Serie C2. Nel successivo campionato di C2 1985-1986, uno dei più sciagurati della sua storia, la squadra, pur con un organico di tutto rispetto e sotto la guida di Ignazio Arcoleo, si piazza al sedicesimo posto in classifica e ripete la retrocessione dell'anno precedente. Dopo aver militato per anni nei professionisti, è retrocessa in Serie D.

Dichiarata fallita nella stagione 1988-1989 rimane ancora in Serie D perché verrà rilevata dal presidente Filippo Lentini, che rilevando il Favara, combina la fusione delle due squadre chiamandola Agrigento-Favara per poi rinominarla l'anno successivo 1989-1990 in Agrigento-Hinterland.

Gli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Formazione dell'Akragas nel 1975-76. Col tecnico Caramanno fu tra le prime a praticare il calcio "totale".

Negli anni anni novanta la società guidata sempre dal presidente Lentini e dal nuovo allenatore Gargiulo si classifica al decimo posto.

Nel campionato 1991-1992 la società passa al presidente Gaetano Russello con l'allenatore Mauro Zampollini, si rivedrà Giuseppe Catalano quando con Salvatore Schillaci era il braccio destro di Franco Scoglio nel Messina. Giuseppe Catalano aveva militato nell'Akragas ai tempi della promozione in Serie C1.

Nella stagione 1991-1992 la squadra allenata da Mauro Zampollini arrivò a contendersi lo spareggio con la Polisportiva Calitri. Il primo turno di spareggio vide l'Akragas giocare fuori casa contro la squadra Campana, squadra che arrivò prima nel girone I nel campionato di Serie D, contro l'Agrigento-Hinterland che arriva primo nel girone L: il primo turno si gioca in terra campana e la squadra si aggiudica la vittoria per 3-0. La domenica successiva, allo Stadio Esseneto, l'Akragas vince davanti ai propri tifosi per 3-0. In seguito la squadra da Agrigento-Hinterland cambierà nome in U.S. Akragas.

Nel 1992 il presidente della società, l'imprenditore favarese Gaetano Russello, viene ucciso in un agguato a colpi di lupara.[3]

Nel campionato 1992-1993, con Elio Nicosia alla presidenza, il sodalizio tornerà a chiamarsi Akragas e l'anno dopo si classifica settima. Proprio quell'anno l'Akragas entra nella bufera spaccandosi sul caso Mosti che Nicosia aveva radiato dopo appena sette giornate di campionato. Questo fatto provoca la protesta dell'Amministratore Delegato Franco Miccichè per il quale il licenziamento del Mosti è da considerarsi nullo, dato che un provvedimento del genere doveva essere prima espresso dal Consiglio di Amministrazione.

Nell'estate del 1994 l'Akragas viene radiata. il 25 luglio, il Gruppo Sportivo Juvesanta, sodalizio affiliatosi alla FIGC il 2 agosto 1988, cambia denominazione in A.C. Agrigento, divenendo dunque la prima squadra cittadina e arrivando a conquistare, nel 1998, la promozione nel Campionato Nazionale Dilettanti.[1] Nel frattempo, l'Akragas riparte dal campionato di Eccellenza Sicilia 1994-1995, venendo radiata alla ventisettesima giornata in seguito alla quarta rinuncia. L'anno dopo, riparte dunque dal campionato di Seconda Categoria, vincendolo. Nella stagione 1996-1997, con Alfredo Prado come presidente, la squadra vince la Coppa Sicilia battendo in finale la Termitana. L'anno successivo perde lo spareggio promozione contro l'Augusta.

Il 4 agosto 1999, avviene la fusione con l'A.C. Agrigento, nel frattempo retrocesso in Eccellenza al termine del Campionato Nazionale Dilettanti 1998-1999, dando vita all'Akragas Calcio.[1]

Il nuovo millennio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 la squadra viene acquistata dal palermitano Gaetano Seidita che resterà in carica per due anni, portandola a disputare la finale play-off regionale contro l'Alcamo in campo neutro a Marsala.

Nella stagione 2005-2006, con Giuseppe Deni presidente e Roberto Boscaglia alla guida tecnica, il club vince sia la prima Coppa Italia Dilettanti Sicilia venendo eliminata nella fase nazionale dal Rosarno sia la finale play-off regionale contro Enna e Nissa, perdendo le finali nazionali contro il Fasano. La stagione successiva la squadra passa a Giuseppe Di Rosa, titolare di una scuola di calcio locale ma anche quell'anno l'Akragas fallisce l'obiettivo e così anche nella stagione successiva, visti i risultati non soddisfacenti, lascia la società. Seguono altre annate anonime nel primo livello regionale.

La storica squadra di Agrigento viene rifondata nel luglio 2011, quando dalle ceneri dell'Agrigentina Calcio ovvero la seconda squadra cittadina, viene fondata una nuova società che assume la denominazione di Associazione Sportiva Dilettantistica Akragas Città dei Templi, e da lì per l'Akragas sarà l'anno della svolta. La nuova società, formata da diversi soci locali, ritorna quindi in campo nella stagione 2011-2012, nel girone A del campionato di Eccellenza Sicilia, perdendo ai playoff. Nel 2012 viene nominato Silvio Alessi come presidente e nel 2013 il Gigante ottiene la promozione in Serie D nell'annata seguente, vincendo il girone di Eccellenza con Pino Rigoli in panchina.

Nella stagione 2013-2014 la squadra termina in seconda posizione dietro il Savoia allenato da Vincenzo Feola. I giganti, dopo un secondo posto finale, arrivano fino alla finale dei play-off perdendo ai rigori contro la Correggese.

Nella stagione 2014-2015 l'Akragas riparte con l'intento di vincere il campionato e dopo un inizio travagliato con mister Betta, cambia allenatore scegliendo Vincenzo Feola che il 26 aprile 2015, con due giornate di anticipo e al termine della partita HinterReggio - Akragas finita 1-1, riporta la squadra dei templi nei professionisti dopo 21 anni e con due giornate d'anticipo dal termine del campionato di Serie D. In quanto vincitrice del girone viene ammessa alla poule scudetto, nella quale compie un ottimo cammino: dopo aver vinto il Triangolare 3 eliminando la Fidelis Andria e la Lupa Castelli Romani, vince la semifinale contro la Maceratese; prima squadra siciliana a giocarsi la Finale per lo scudetto, la perde per 5-3 ai calci di rigore contro la Robur Siena, dopo che la partita si era chiusa sul 2-2 al 90'. Alla fine del campionato, nel mese di giugno del 2015, arriva un imprenditore italosvizzero, Marcello Giavarini, che, interessato al club biancoazzurro, successivamente acquisisce il 54% delle azioni della società; di essa né diverrà anche Presidente onorario.

La prima stagione nella nuova Lega Pro si conclude con una salvezza raggiunta all'ultima giornata, grazie al pareggio per 1-1 con la capolista Benevento, e nella "Coppa Italia Lega Pro 2015-2016" la squadra, dopo un gran percorso, viene eliminata ai quarti di finale venendo sconfitta dal Foggia (poi detentore della competizione) ai rigori, dopo che entrambe le squadre terminarono con un risultato di 1-1. La stagione successiva si rivela più sofferta in quanto la compagine agrigentina è costretta a disputare i play-out per restare nella categoria: grazie a due pareggi contro il Melfi (0-0 in Basilicata e 1-1 all'Esseneto) e in virtù del miglior piazzamento in classifica, il club dei templi centra la salvezza per il secondo anno di fila; in seguito viene ammesso e iscritto regolarmente alla nuova Serie C per l’annata 2017-2018.

La stagione della squadra di Agrigento si rivela una delle peggiori stagioni della storia biancoazzurra, difatti, una stagione di crisi nera caratterizzata da un nuovo record negativo tra i cadetti: nel mese di dicembre del 2017, con il Gigante in ultima posizione e in crisi societaria (con una compresa penalizzazione di 3 punti per gli stipendi non pagati), viene aperta una trattativa con un altro imprenditore italo-svizzero, Roberto Nava, e intanto Giavarini cede tutte le quote e si dimette, ma nel giro di pochi giorni l’operazione per l’acquisto dell'intero pacchetto delle azioni fallisce e l’Akragas resta solamente in mano a Silvio Alessi, già presidente reo. Dopo Nava, si presentano una cordata di iraniani, ma anche questo tentativo di acquisto risulta essere in difficoltà, poiché data la situazione di caos e le conseguenti scarse sicurezze economiche dei siciliani e la situazione burocratica degli investitori. Nel corso di una conferenza stampa, il 25 gennaio 2018 il presidente Alessi, dopo sei anni in carica e dopo le proteste da parte dei tifosi, rassegna le proprie dimissioni da presidente e da amministratore dei biancoazzurri e il club, oltre a un'ipotesi di fallimento dietro l’angolo, successivamente, viene affidato momentaneamente al sindaco di Agrigento Lillo Firetto.[4][5] Nel marzo dello stesso anno il sodalizio subisce un'altra penalizzazione di 2 punti da scontare nel corrente anno sportivo, da parte del TFN, per una violazione nei confronti della Covisoc e, tra le altre società, la subisce assieme ai cugini del Siracusa e ad altre due compagini: Arezzo e Vicenza.[6] Il 31 marzo, a seguito della sconfitta casalinga contro la Virtus Francavilla nella trentatreesima giornata e dopo 3 vittorie, 6 pareggi e 22 sconfitte, diviene aritmetica la retrocessione della matricola akragantina in Serie D, con soli 10 punti in classifica all'ultimo posto, a 16 punti di distanza dalla penultima classificata, il Fondi.[7] Nella classifica finale, in seguito ad altri deferimenti, l'Akragas chiuse con 0 punti.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Società Sportiva Akragas Città dei Templi
  • 1939 - Fondazione dell'Akragas.

  • 1950 - Risulta affiliata alla F.I.G.C. e militante in Seconda Divisione Siciliana con la denominazione Segretariato Nazionale Gioventù Akragas.[2]
  • 1952 - In seguito al fallimento dell'A.C. Agrigento, il club cambia denominazione in Unione Sportiva Akragas, sfruttando la possibilità offerta dal Lodo Barassi e chiedendo l'iscrizione in Prima Divisione Sicilia.[8]
  • 1952-1953 - 2ª nel girone B della Prima Divisione Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 1953-1954 - 2ª nel girone unico della Promozione Sicilia.
  • 1954-1955 - 9ª nel girone unico della Promozione Sicilia.
  • 1955-1956 - 6ª nel girone unico della Promozione Sicilia.
  • 1956-1957 - 1ª nel girone unico della Promozione Sicilia. Promossa nel Campionato Interregionale - Seconda Categoria.
  • 1957-1958 - 4ª nel girone H del Campionato Interregionale - Seconda Categoria.
  • 1958-1959 - 2ª nel girone H del Campionato Interregionale. Ammessa in Serie C per motivi di rappresentanza geografica.
  • 1959-1960 - 8ª nel girone C della Serie C.


  • 1970-1971 - 4ª nel girone I della Serie D.
  • 1971-1972 - 6ª nel girone I della Serie D.
  • 1972-1973 - 11ª nel girone I della Serie D.
  • 1973-1974 - 7ª nel girone I della Serie D.
  • 1974-1975 - 15ª nel girone I della Serie D.
  • 1975-1976 - 13ª nel girone I della Serie D.
  • 1976-1977 - 17ª nel girone I della Serie D. Retrocessa in Promozione.
  • 1977-1978 - 1ª nel girone A della Promozione Sicilia. Promossa in Serie D.
  • 1978-1979 - 3ª nel girone F della Serie D.
  • 1979-1980 - 3ª nel girone F della Serie D.

Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
  • 1985-1986 - 16ª nel girone D della Serie C2. Retrocessa nel Campionato Interregionale.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
  • 1986-1987 - 4ª nel girone M del Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase Interregionale).
  • 1987-1988 - 16ª nel girone M del Campionato Interregionale. Retrocessa in Promozione.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase Interregionale).
  • 1988 - A fine stagione, l'U.S. Akragas S.p.A. viene dichiarata fallita e si fonde con il Favara, giunto quinto nello stesso girone, assumendo la denominazione di Unione Sportiva Agrigento-Favara e mantenendo la categoria.
  • 1988-1989 - 4ª nel girone N del Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase Interregionale).
  • 1989 - La società cambia denominazione in Unione Sportiva Agrigento Hinterland.
  • 1989-1990 - 4ª nel girone N del Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase Interregionale).

  • 1990-1991 - 11ª nel girone N del Campionato Interregionale.
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase Interregionale).
 ? di Coppa Italia Dilettanti (Fase Interregionale).
  • 1992 - Il sodalizio cambia denominazione in Associazione Calcio Akragas S.r.l.
  • 1992-1993 - 14ª nel girone C della Serie C2.
Primo turno di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
  • 1994 - A fine campionato, la società viene radiata dalla FIGC per inadempienze economiche e riparte dall'Eccellenza con la nuova denominazione di Associazione Calcio Akragas Città di Agrigento S.r.l.
  • 1994-1995 - Partecipa al girone A dell'Eccellenza Sicilia ma viene esclusa e radiata dai ruoli FIGC alla 27ª giornata di campionato, dopo la quarta rinuncia a scendere in campo.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 1995 - Il sodalizio, radiato al termine della stagione, riparte dalla Seconda Categoria con la nuova denominazione di Associazione Sportiva Akragas.
  • 1995-1996 - 1ª nel girone M della Seconda Categoria Sicilia. Promossa in Prima Categoria.
  • 1996-1997 - 1ª nel girone H della Prima Categoria Sicilia. Promossa in Promozione.
Vince la Coppa Sicilia.
  • 1997-1998 - 2ª nel girone D della Promozione Sicilia. Perde lo spareggio-promozione.
  • 1998-1999 - 4ª nel girone D della Promozione Sicilia.
  • 1999 - La società si fonde con l'A.C. Agrigento, militante in Eccellenza, dando vita all'Akragas Calcio.[1]
  • 1999-2000 - 5ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.

  • 2000-2001 - 8ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2001-2002 - 7ª nel girone B dell'Eccellenza Sicilia.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2002-2003 - 12ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia. Salva dopo aver vinto i play-out.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2003-2004 - 2ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia. Perde la finale dei play-off regionali.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2004-2005 - 7ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2005-2006 - 2ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia. Vince i play-off regionali, ma perde il primo turno dei play-off nazionali.
Vince la Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Dilettanti.
  • 2006 - L'Akragas Calcio cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Akragas Calcio.[9]
  • 2006-2007 - 8ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia.
Quarti di finale di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2007-2008 - 12ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia. Salva dopo aver vinto i play-out.
Ottavi di finale di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2008-2009 - 12ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia. Salva dopo aver vinto i play-out.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2009-2010 - 5ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia. Perde la semifinale dei play-off regionali.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.

  • 2010-2011 - 12ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia. Salva dopo aver vinto i play-out.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2011 - Il club si fonde con l'U.S.D. Agrigentina dando vita all'Unione Sportiva Dilettantistica Akragas Città dei Templi.[10]
  • 2011-2012 - 3ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia. Vince i play-off regionali, ma perde la finale dei play-off nazionali.
 ? di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2012 - Il sodalizio cambia denominazione in Unione Sportiva Dilettantistica Akragas Città dei Templi S.r.l.[11]
  • 2012-2013 - 1ª nel girone A dell'Eccellenza Sicilia. Promossa in Serie D.
Semifinalista di Coppa Italia Dilettanti Sicilia.
  • 2013-2014 - 2ª nel girone I della Serie D. Perde la finale dei play-off intergirone con la Correggese.
Quarti di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2014 - Il club cambia denominazione in Società Sportiva Akragas Città dei Templi S.r.l.
  • 2014-2015 - 1ª nel girone I della Serie D. Promossa in Lega Pro. Finale della Poule Scudetto Dilettanti.
Primo turno di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie D.
Quarti di finale di Coppa Italia Lega Pro.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.

Colori e simbolo[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Il primo colore sociale fu il viola.[2] A partire dal 1952 fu introdotto il nuovo abbinamento bianco-azzurro, in segno di continuità con l'Agrigento, altra realtà cittadina scomparsa proprio quell'anno.

Negli anni cinquanta le maglie casalinghe erano bianche con righe strette azzurre, mentre quella di trasferta era bianca con calzoncini blu. Nel decennio successivo la maglia adottò anche una striscia orizzontale azzurra. Tra il 1970 e il 1980 fu utilizzato soprattutto un completo con maglia interamente blu con dettagli bianchi e calzoncini bianchi o blu. Al contrario, la seconda maglia era bianca con dettagli blu. Fu utilizzata anche una maglia palata biancazzurra.[12]

Nella stagione 1978-1979 fu utilizzato un set inedito: la prima maglia era blu con maniche bianche, la seconda era divisa orizzontalmente col blu che dominava la parte superiore e il bianco quella inferiore e la terza era palata biancazzurra. Con il ritorno in Serie C2 negli anni novanta la squadra indossava una maglia casalinga con le righe azzurre, mentre quella da trasferta era bianca con i bordini delle maniche azzurre e la terza maglia amaranto.[12]

Lo stile è variegato per quanto riguarda le terza maglie proposte nel corso degli anni: si passa da una casacca bianca con maniche blu, casacca bianca con striscia orizzontale blu, a tinta unica o con vari stili di strisce diverse a seconda dell'annata. In varie occasioni l'Akragas indossò una singolare maglia arancione o dai colori giallo-blu, curiosamente l'abbinamento che contraddistingue le casacche da gioco delle storiche società rivali, Licata e Pro Favara.[12]

Nel 2016-2017 la prima maglia è contraddistinta dalla palatura bianco-celeste, la seconda invece è a tinta unica rossa.[13]

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma sociale è uno scudo ovale palato biancazzurro, che reca al suo interno la denominazione sociale e una raffigurazione dei tre Telamoni, sculture maschili impiegati come sostegno in sostituzione di colonne o lesena; in particolare rappresentano quelli incastonati nelle colonne del tempio di Zeus Olimpio, situato nella valle dei Templi nella città agrigentina, la cui costruzione non fu mai terminata a causa dell'entrata in guerra della città di Akragas.

Inno[modifica | modifica wikitesto]

L'inno societario ufficiale s'intitola Forza Akragas, scritto dall'artista agrigentino Giovanni Moscato, composto negli anni ottanta nell'epoca dei fasti della Serie C1.[14]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio Esseneto.

L'Akragas disputa le proprie partite casalinghe allo stadio Esseneto. Fu adibito a rettangolo di gioco negli anni trenta, e si presentava diversamente da come è oggi. Due tribune laterali ai fianchi del terreno e due curve chiamate allora solamente "prato".

Nei primi anni ottanta lo stadio Esseneto ha ospitato due prestigiose gare amichevoli che il club biancoazzurro ha disputato contro il Catanzaro nel 1981 e l'Avellino nel 1983, formazioni che all'epoca militavano in serie A.

Negli anni novanta lo stadio Esseneto si trasforma: viene realizzato il campo di gioco in erba, misura 110 metri in lunghezza e 63 in larghezza, vengono realizzate due curve: la Nord (riservata in parte alla tifoseria ospite) e la Sud frequentata dalla parte del tifo più calorosa.

Lo stadio ha una capienza massima di teorica 12.000 spettatori, a rischio di chiusura, per motivi di sicurezza nel 2010 la capienza è stata ridotta alla sola tribuna coperta per un totale di 400 posti dalla Commissione Comunale di Vigilanza per i locali di pubblico spettacolo.[15]

A settembre 2012 è stato rifatto il manto erboso.[16]

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

L'Akragas effettua gli allenamenti presso il campo di calcio sito nel quartiere Fontanelle di Agrigento.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito l'organigramma societario tratto dal sito ufficiale della società:[17]

Akragas logoufficiale.png
Staff dell'area amministrativa
  • Italia Silvio Alessi (dimissionario) - Presidente
  • Italia Biagio Nigrelli - Direttore generale
  • Italia Massimo Lupo - Resp. area marketing
  • Italia Davide Sardo - Addetto stampa
  • Italia Cristian Licata - Team manager
  • Italia Francesco Filippazzo - Segretario generale
  • Italia Giovanni Alessi - Commercialista
  • Italia Massimiliano Spataro - Consulente del lavoro
  • Italia Paolo Francesco Maiorana - Delegato sicurezza
  • Italia Giacomo Genna - Vice delegato sicurezza
  • Italia Giuseppe Barresi - Area internet
  • Italia Salvatore Barresi - Area internet
  • Italia Giuseppe Zuppardo - Fotografo ufficiale

[modifica | modifica wikitesto]

Akragas logoufficiale.png
Cronologia degli sponsor tecnici
Akragas logoufficiale.png
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1939-1983 Non presente
  • 1983-1985 Eurass
  • 1985-1991 Non presente
  • 1991-1992 R7 Alimentari
  • 1992-1993 Città di Agrigento
  • 1993-2001 Non presente
  • 2001-2005 Città di Agrigento
  • 2006-2007 Guaraldo
  • 2007-2008 Acqua Milicia
  • 2009-2010 Mancuso Gelati
  • 2010-2011 Gruppo Pelonero
  • 2011-2012 Lupo Cinema
  • 2012-2013 Nobile Gas
  • 2013- Enel

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori della S.S. Akragas Città dei Templi

Di seguito la cronologia degli allenatori e dei presidenti dall'anno di fondazione a oggi:[18]

Akragas logoufficiale.png
Allenatori
Akragas logoufficiale.png
Presidenti
  • 1939-1951 ...
  • 1951-1952 Italia Carmelo Nobile
  • 1952-1958 Italia Enzo Lauretta
  • 1958-1967 Italia Francesco Alaimo
  • 1967-1976 Italia Franco Pirrone
  • 1976-1978 Italia Antonio Siracusa
  • 1978-1982 Italia Luigi Zicari
  • 1982-1985 Italia Calogero Bruccoleri
  • 1985-1986 Italia Giuseppe Randazzo
  • 1986-1988 Italia Domenico Marchica
  • 1988-1991 Italia Filippo Lentini
  • 1991-1992 Italia Gaetano Russello
  • 1992-1994 Italia Elio Nicosia
  • 1994-1999 Italia Alfredo Prado
  • 1999-2003 Italia Gaetano Seidita
  • 2003-2004 Italia Alfredo Prado
  • 2004-2006 Italia Giuseppe Deni
  • 2006-2007 Italia Giuseppe Di Rosa
  • 2007-2008 Italia Giuseppe Di Rosa
    Italia Calogero Pontei
  • 2008-2009 Italia Calogero Pontei
    Italia Gioacchino Sferrazza
  • 2009-2010 Italia Gioacchino Sferrazza
  • 2010-2011 Italia Gioacchino Sferrazza
    Italia Francesco Maraventano
  • 2011-2012 Italia Giovanni Castronovo
  • 2012-2018 Italia Silvio Alessi

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori della S.S. Akragas Città dei Templi

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1980-1981 (girone F), 2014-2015 (girone I)
1991-1992 (girone L)

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1956-1957, 1977-1978 (girone A)
2012-2013 (girone A)
1996-1997
1995-1996 (girone M)
2005-2006
  • Coppa Sicilia: 1
1996-1997 (girone H)

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

secondo posto: 1982-1983 (girone D)
terzo posto: 1962-1963 (girone C)
secondo posto: 1969-1970 (girone I), 2013-2014 (girone I)
terzo posto: 1978-1979 (girone F), 1979-1980 (girone F)
secondo posto: 1958-1959 (girone H)
secondo posto: 2003-2004 (girone A), 2005-2006 (girone B)
terzo posto: 2011-2012 (girone A)
secondo posto: 1953-1954, 1997-1998 (girone D)
secondo posto: 1952-1953 (girone B)

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie C 10 1959-1960 2017-2018 14
Serie C1 2 1983-1984 1984-1985
Lega Pro 2 2015-2016 2016-2017
Campionato Interregionale 1 1958-1959 16
Serie D 10 1968-1969 2014-2015
Serie C2 5 1981-1982 1993-1994
Campionato Interregionale - Seconda Categoria 1 1957-1958 8
Campionato Interregionale 6 1986-1987 1991-1992
Serie D 1 2013-2014

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia della tifoseria Akragantina[modifica | modifica wikitesto]

La fossa dei Giganti negli anni ottanta.

È verso la metà degli anni settanta che si organizzano i primi gruppi di tifosi biancoazzurri: per la prima volta compare lo striscione dei Commandos Biancoazzurri in gradinata. Tra le stagioni 1981-1982 e 1982-1983 nasce il primo gruppo ultras nella città dei templi, la Fossa dei Giganti, poi fondato definitivamente nel 1984,[21] la quale segue la squadra in trasferta in tanti campi del sud Italia negli anni della Serie C2.

Nel 2002 una nuova generazione di tifosi dà vita al Settore Rigido, che rimane a supporto dell'Akragas nei campionati d'Eccellenza fino al suo scioglimento, nel 2006.[21] Altri gruppi del periodo sono Rabato Crew, Razza Campo e Teste Calde.[21][22]

Dal 2011 si forma un nuovo gruppo organizzato dal semplice nome Curva Sud, sempre presenti in casa e in trasferta a sostegno della squadra nella stagione 2011-2012 che vede l'Akragas perdere la finale play-off contro la Cavese tra le mure amiche.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Derby calcistici in Sicilia.

Con i supporters akragantini, di gemellaggi, vi è un rapporto di fratellanza con il Serradifalco.[23] Esiste un vecchio legame reciproco con la tifoseria della Frattese, ancora oggi esistente[24][25]. Risultano anche rapporti di stima e amicizia con altre tifoserie: con quella del Palermo (proprio dal 1984 la Fossa dei Giganti è stata direttamente gemellata con gli Indians Palermo per diversi anni)[26], del Gela, del Siracusa[27], del Marsala[28], del Canicattì e dell'Ebolitana[29].

Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

La rivalità da sempre più sentita dai tifosi dell'Akragas è quella con la tifoseria del Licata[21][30], con la quale ci si scontra nel derby della Provincia di Agrigento. Tale derby è giocato per più di 30 anni dai professionisti all'Eccellenza ed è stato sempre oggetto di grande partecipazione da parte del pubblico. Rapporti non idilliaci piuttosto accesi esistono anche con le tifoserie corregionali della Nissa, del Trapani[30], del Catania[31], dell'Empedoclina e del Pro Favara (alcuni di essi dovuti anche al fatto che le squadre gemellate, tra cui i gruppi organizzati del Palermo, hanno gli stessi asti).[32]

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Società Sportiva Akragas Città dei Templi 2017-2018.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la rosa tratta dal sito ufficiale della società:[33]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Alessandro Vono
3 Italia D Ferdinando Raucci
4 Italia C Giulio Sanseverino
5 Italia C Filippo Caternicchia
6 Italia D Francesco Mileto
7 Italia C Vincenzo Carrotta
8 Slovenia C Urban Žibert
9 Italia A Gaetano Dammacco
10 Guinea-Bissau A Idrissa Camará
11 Italia D Andrea Pastore
12 Italia P Antonio Lo Monaco
13 Italia D Cristian Ioio
14 Italia D Fabrizio Danese
N. Ruolo Giocatore
15 Italia D Andrea Pisani
16 Italia A Calogero Minacori
17 Italia C Marco Saitta
18 Italia C Gaetano Navas
20 Italia D Silvio Petrucci
21 Italia C Danilo Greco
22 Italia P Vincenzo Amella
23 Italia D Andrea Scrugli
24 Italia A Riccardo Moreo
27 Italia D Michele Canale
28 Albania A Ador Gjuci
29 Italia C Fabrizio Bramati

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito lo staff tecnico tratto dal sito ufficiale della società:[17]

Akragas logoufficiale.png
Staff dell'area tecnica
  • Carica Vacante - Allenatore
  • Italia Leo Criaco - Collaboratore prima squadra
  • Italia Nicola Albarella - Preparatore atletico
  • Italia Leonardo Pellegrino - Preparatore dei portieri
  • Italia Salvatore Bonvissuto - Medico sociale
  • Italia Giovanni Taverna - Staff medico
  • Italia Claudio Cantavenera - Massaggiatore
  • Italia Alessandro Tordi - Magazziniere
  • Italia Paolo Iacono - Magazziniere
  • Italia Giuseppe Alfano - Custode
  • Italia Salvatore Prinzivalli - Custode

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Storia, http://www.akragascalcio.net. URL consultato il 19 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2007).
  2. '^ a b c DallAnnuario degli Enti Federali e delle Società 1951-52 edito dalla F.I.G.C. a Roma che la cita a pagina 463 "Campionato di Seconda Divisione" - S.N.G. Akragas - Data di fondazione: 1939. Indirizzo postale: presso Segretariato Nazionale Gioventù. Colori sociali: viola. Campo di giuoco: "Esseneto" - Via dei Templi. Presidente: Dr. Carmelo Nobile. Segretario: Gerlando Gallo. Volume conservato presso tutti i Comitati Regionali e le Leghe Nazionali F.I.G.C. nonché la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e l'Emeroteca del C.O.N.I. di Roma.
  3. ^ Enzo Mignosi, Ucciso il presidente dell'Akragas, in Corriere della Sera, 10 luglio 1992. (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2009).
  4. ^ Akragas, conferenza live: Alessi si è dimesso, squadra al sindaco, su agrigentooggi.it.
  5. ^ Akragas al capolinea. Alessi:”Mi dimetto, a Pagani il mio ultimo sacrificio, su agrigentonotizie.it.
  6. ^ 6 punti di penalizzazione all'Arezzo, 4 a Vicenza e Siracusa e 2 all'Akragas, su m.tuttomercatoweb.com.
  7. ^ Akragas retrocessa in Serie D, su agrigentonotizie.it.
  8. ^ Dall'Annuario degli Enti Federali e delle Società 1952-53 che la cita a pag. 354: Campionato di Prima Divisione. "Unione Sportiva Akragas" Data di fondazione: 1939. Presidente: Dr. Enzo Lauretta.
  9. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2006. URL consultato il 20 aprile 2017.
  10. ^ COMUNICATO UFFICIALE N°18 (PDF), http://www.asdtorregrotta.it/, 5 agosto 2011. URL consultato il 20 aprile 2017.
  11. ^ COMUNICATO UFFICIALE N° 16 (DOC), http://www.asdtorregrotta.it/, 30 luglio 2012. URL consultato il 20 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2016).
  12. ^ a b c Maglie, http://www.conoscerelakragas.it. URL consultato il 22 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2010).
  13. ^ LEGEA STINGE L’AKRAGAS, L’AZZURRO SULLE MAGLIE 2016-2017 DIVENTA CELESTE, http://www.soccerstyle24.it/, 27 agosto 2016. URL consultato il 22 aprile 2017.
  14. ^ Forza Akragas, https://www.youtube.com/, 27 ottobre 2012. URL consultato il 16 agosto 2015.
  15. ^ Guai in vista per lo stadio Esseneto, occorrono lavori urgenti Archiviato il 3 novembre 2013 in Internet Archive. agrigentooggi.it
  16. ^ Stadio Esseneto proseguono i lavori Archiviato il 3 novembre 2013 in Internet Archive. agrigentooggi.it
  17. ^ a b Organigramma, http://www.ssakragas.it/. URL consultato il 19 agosto 2017.
  18. ^ Almanacco, http://www.conoscerelakragas.it. URL consultato il 19 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2010).
  19. ^ Akragas-Città di Agrigento, parla Enzo Montalbano, in agrigentoflash.it, 11 giugno 2011. URL consultato il 13 giugno 2011.
  20. ^ Rivoluzione in casa Akragas: torna Montalbano, via D'Anna e Cipriano [collegamento interrotto], in grandangoloagrigento.it, 28 febbraio 2012. URL consultato il 29 febbraio 2012.
  21. ^ a b c d Tifoserie siciliane Archiviato il 15 agosto 2013 in Archive.is
  22. ^ Tifoserie meno blasonate - Akragas, su tifosiciliano.altervista.org. URL consultato l'11 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  23. ^ Akragas-Serradifalco 6-0. Gemellaggio tra le due tifoserie, su agrigentosport.com.
  24. ^ Akragas, Ciccio Nobile ringrazia i tifosi della Frattese, su agrigentosport.com.
  25. ^ Clan e ultras Frattese ancora insieme, su agrigentosport.com.
  26. ^ Gemellaggi del Palermo, su pianetaempoli.it.
  27. ^ Amicizia con gli ultras Agrigento, http://tifosiciliano.altervista.org/, 26 novembre 2009. URL consultato il 17 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  28. ^ [1]
  29. ^ Forza Ebolitana: Gemellaggi, su forzaebolitana.blogspot.com.
  30. ^ a b Tifonet
  31. ^ Disordini e scontri durante Akragas-Catania, su cataniatoday.it.
  32. ^ Ultras Akragas: Gemellaggi e Rivalità sportive, su tuttocalciocatania.com.
  33. ^ Prima squadra, http://www.ssakragas.it/. URL consultato il 19 agosto 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vito Genna, AKRAGAS dalla Fossa al Settore gli Ultras della valle, 2010
  • Dario Spagnoli, La mia Akragas, quando i pali erano quadrati, 2008
  • Andrea Carisi, Breve storia illustrata della "Gloriosa" U.S. Akragas, 2005

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]