Stazione di Milano Lambrate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la vecchia stazione chiusa nel 1931, vedi Stazione di Milano Lambrate (1906).

Coordinate: 45°29′06″N 9°14′13.2″E / 45.485°N 9.237°E45.485; 9.237

Milano Lambrate
stazione ferroviaria
Milano staz Lambrate fabbricato viaggiatori.JPG
Stato Italia Italia
Localizzazione Milano, piazza Enrico Bottini 10[1]
Attivazione 1931
Stato attuale in uso
Linee Milano-Venezia (LL)
Milano-Bologna (LL)
Milano-Genova
Cintura
Milano-Bologna (AV)
Milano-Verona (AV)
Tipo stazione in superficie, passante, di diramazione
Binari 12
Interscambi Milano linea M2.svg
tram urbani
filobus urbani
autobus urbani
Suburbana di Milano
Linea S9
Logomi r.svg White dot.svg  Saronno
White dot.svg  Saronno Sud
White dot.svg  Ceriano Laghetto-Solaro
White dot.svg  Ceriano Laghetto Groane
White dot.svg  Cesano Maderno Groane
Logomi r.svg White dot.svg  Cesano Maderno
White dot.svg  Seveso-Baruccana
Logomi r.svg White dot.svg  Seregno
White dot.svg  Desio
White dot.svg  Lissone-Muggiò
Logomi r.svg White dot.svg  Monza
Logomi r.svg White dot.svg  Sesto San Giovanni Milano linea M1.svg
Logomi r.svg White dot.svg  Milano Greco Pirelli
Logomi r.svg White dot.svg  Milano Lambrate Milano linea M2.svg
White dot.svg  Milano Porta Romana Milano linea M3.svg
White dot.svg  Milano Romolo Milano linea M2.svg
Logomi r.svg White dot.svg  Milano San Cristoforo
White dot.svg  Corsico
White dot.svg  Cesano Boscone
White dot.svg  Trezzano sul Naviglio
White dot.svg  Gaggiano
Logomi r.svg White dot.svg  Albairate-Vermezzo

La stazione di Milano Lambrate è una stazione ferroviaria di Milano ubicata lungo la linea di cintura. Si trova nella zona nord-orientale della città, e prende il nome dall'omonimo quartiere, fino al 1924 comune indipendente da Milano.

Ha ereditato il nome dalla vecchia stazione di Lambrate, posta in località Ortica e chiusa nel 1931 in seguito alla riorganizzazione del nodo ferroviario milanese.

Secondo Centostazioni il flusso passeggeri è di 16 000 000 all'anno[senza fonte].

Storia

Il primo fabbbricato viaggiatori dell'odierna stazione

La prima stazione di Lambrate fu inaugurata in località Ortica[2] sull'originario tracciato della ferrovia Milano-Venezia che ai tempi era indicata come "Strada ferrata ferdinandea", in onore dell'imperatore Ferdinando I d'Austria. La ferrovia escludeva a sud la località di Cavriano, che rimane tuttora abbastanza isolata.

Il fabbricato viaggiatori, ancor oggi esistente e visibile nei pressi del cavalcavia Buccari, sorgeva vicino alla chiesa dei santi Faustino e Giovita.

L'attuale stazione fu attivata il 23 settembre 1914 insieme alla linea di cintura[3], e fu aperta al servizio passeggeri nel 1931, con la riorganizzazione dell'intero nodo ferroviario milanese.

Negli anni novanta fu costruito un nuovo fabbricato viaggiatori, progettato dall'arch. Ignazio Gardella e posto in piazza Monte Titano, dal lato opposto al vecchio; il 12 settembre 1999 fu attivato il nuovo ufficio movimento, che comportò la modifica della numerazione dei binari (ora numerati da est a ovest)[4]; il successivo 18 dicembre il nuovo FV fu aperto al pubblico, con l'attivazione della nuova biglietteria e degli altri servizi[5]

Il vecchio fabbricato, restaurato nel 2005, ospita oggi alcuni esercizi commerciali.

Strutture e impianti

TAF in livrea Trenord in arrivo a Milano Lambrate

Il piazzale è composto da dodici binari passanti, che ne fanno la quarta più grande stazione milanese dopo Milano Centrale, Porta Garibaldi (superficie) e Milano Rogoredo.

I binari sono impiegati in questo modo:

  • 1: treni suburbani S9 da Saronno ad Albairate e treni merci per Milano Smistamento
  • 2: treni attestati a Lambrate e merci da Milano Smistamento.
  • 3: treni regionali provenienti da Milano Porta Garibaldi o da Milano Greco Pirelli e diretti a Piacenza o Voghera.
  • 4: treni suburbani S9 da Albairate a Saronno, regionali da Piacenza Voghera per Milano Porta Garibaldi o Milano Greco Pirelli.
  • 5: treni a media e breve percorrenza provenienti da Milano Porta Garibaldi o da Milano Greco Pirelli e diretti a Treviglio, che poi vengono instradati sulla Linea LL.
  • 6: treni a media e breve percorrenza provenienti da Treviglio, Linea LL, e diretti a Milano Porta Garibaldi o a Milano Greco Pirelli.
  • 7: treni a media e lunga percorrenza provenienti da Milano Centrale, binari centrali, e diretti a Treviglio, instradati sulla Linea DD.
  • 8: treni a media e lunga percorrenza provenienti da Treviglio, Linea DD, e diretti a Milano Centrale, binari centrali.
  • 9: treni a lunga percorrenza, quindi in prevalenza di transito, provenienti da Milano Centrale, binari centrali, e diretti a Milano Rogoredo.
  • 10: treni a lunga percorrenza, quindi in prevalenza di transito, provenienti da Milano Rogoredo e diretti a Milano Centrale, binari centrali.
  • 11: treni regionali e interregionali provenienti da Milano Centrale, binari laterali destri, e diretti a Milano Rogoredo.
  • 12: treni regionali e interregionali provenienti da Milano Rogoredo e diretti a Milano Centrale, binari laterali destri.

Interscambi

La stazione costituisce un importante interscambio con la linea M2 della metropolitana di Milano.

Nelle vicinanze della stazione effettuano fermata alcune linee urbane ed extraurbane di superficie, tranviarie, filoviarie ed automobilistiche, gestite da ATM.

Note

  1. ^ RFI - Tutte le stazioni in Lombardia
  2. ^ Vi è incertezza sulla data di apertura, Ricordi di Rotaie indica 1873, 1891 e 1896. Cfr. Ennio Morando et al., Ricordi di rotaie - Milano, 2008. URL consultato il 21 giugno 2012. e Ennio Morando et al., Ricordi di rotaie - Milano, 2008. URL consultato il 21 giugno 2012.
  3. ^ Ricordi di rotaie - Milano
  4. ^ Novità a Milano, in "I Treni" n. 208 (ottobre 1999), p. 4
  5. ^ Nuova stazione a Lambrate, in "I Treni" n. 212 (febbraio 2000), p. 6

Bibliografia

  • Ermanno Ranzani, Marco Porta, Nuova stazione di Lambrate, Milano in Domus, nº 670, Milano, Editoriale Domus, marzo 1986, pp. 29-38.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni