Stazione di Rimini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°03′48.65″N 12°34′27.21″E / 44.063514°N 12.574225°E44.063514; 12.574225

Rimini
stazione ferroviaria
Stazione FS di Rimini (maggio 2011).jpg
Stato Italia Italia
Localizzazione piazzale Battisti, Rimini
Apertura 1861
Stato attuale in uso
Linee Bologna - Ancona
Ferrara - Rimini
Tipo stazione passante in superficie, di diramazione
Binari 10
Interscambio autobus urbani ed extraurbani, filobus, taxi
Dintorni centro cittadino
Il piazzale binari

La stazione di Rimini è un'importante stazione ferroviaria di RFI, inserita nel gruppo di CentoStazioni, posta sulla linea Bologna - Ancona. È capolinea della linea per Ferrara.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La costruzione della stazione, prevista nell'ambito della realizzazione della ferrovia Bologna - Ancona da parte della Società per le strade ferrate romane, si svolse tra il 1860 e il 1861. L'inaugurazione avvenne, in concomitanza con quella della tratta Rimini-Bologna, il 4 ottobre del 1861 alla presenza del principe Umberto di Savoia. L'edificio di forma piuttosto semplice venne costruito alla periferia lato mare della città con annessi il deposito locomotive e l'Officina riparazioni. Il 1 luglio 1865 la stazione passò sotto la giurisdizione della Società per le Strade Ferrate Meridionali assieme a tutta la linea Bologna - Ancona. Nel 1889 divenne stazione di diramazione (con la costruzione della linea di Ravenna e Ferrara) e ciò, unito alla crescita esponenziale del traffico viaggiatori, determinò la necessità di un ampliamento della stazione e la costruzione di altri fabbricati annessi.

L'ulteriore aumento del traffico rese presto insufficiente il fabbricato viaggiatori e divenne indispensabile lo spostamento a sud del Deposito Locomotive e dell'Officina Grandi Riparazioni per ricavare lo spazio in cui venne costruito il piazzale binari più ampio e il nuovo edificio, progettato dall'architetto Ulisse Dini e inaugurato il 1º novembre 1914.

La stazione fu oggetto di bombardamenti navali da parte della flotta austriaca dopo l'entrata in guerra dell'Italia nel primo conflitto mondiale tra 1915 e 1917.

Nel 1932 divenne origine della piccola linea internazionale per San Marino che si attestò su un piazzale a scartamento ridotto costruito a fianco al 1º binario di stazione. Alla fine del 1938 in conseguenza dell'elettrificazione della linea fino ad Ancona vennero eseguiti importanti lavori adeguamento degli impianti, ma pochi anni dopo scoppiata la seconda guerra mondiale l'intera stazione e gli impianti attigui vennero, tra 1943 e 1944, ripetutamente devastati dai bombardamenti alleati con una impressionante serie di quasi 400 incursioni aeree.

Alla fine del conflitto iniziarono i lavori di ricostruzione dei fabbricati danneggiati e del ripristino degli impianti portati a termine in tempi abbastanza rapidi. Nel 1963 venne installata l'apparecchiatura ACEI di comando degli apparati di stazione e nel 1978 venne ulteriormente ampliato il fascio viaggiatori portando a 10 binari i muniti di marciapiede.

Gli anni duemila hanno coinciso con la dismissione degli impianti ferroviari attigui, tra cui il Deposito locomotive (nel 2003) e del fascio merci, trasformato in parcheggio.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il primo fabbricato di stazione venne costruito secondo la concezione classica del tempo con corpo centrale a due livelli e due corpi a 1 livello affiancati con fabbricati di servizio accessori adiacenti. I binari di servizio furono 4 più quelli tronchi. Il nuovo fabbricato del 1914, quello attuale, venne costruito con pretese di eleganza e funzionalità ed oggi è inserito tra gli edifici storici protetti della città. Il parco binari per servizio viaggiatori è cresciuto prima a 7 e negli anni settanta a 10. Oggi è in corso di ridimensionamento nell'ambito del programma di Centostazioni con la contemporanea ristrutturazione interna e il cambio d'uso a carattere di centro commerciale.

Servizi[modifica | modifica sorgente]

La stazione dispone di[1]:

  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • Biglietteria automatica Biglietteria self-service attiva 24/24 h
  • Parcheggio di scambio Parcheggio di scambio
  • Sottopassaggio Sottopassaggio
  • Servizi igienici Servizi igienici (a pagamento)
  • Bar Bar
  • Edicola Edicola
  • Bus di interscambio Capolinea autolinee Start Romagna
  • Aiga taxi.svg Taxi
  • Sala di Attesa Aree per l'attesa
  • Parcheggio bici Parcheggio bici
  • Accessibile Accessibilità per portatori di handicap
  • Ascensori Ascensori (solo fino al binario 3)
  • BancomatBancomat
  • Bar Distributori automatici di snack e bevande
  • Farmacia Farmacia
  • RWB-RWBA Information.svgInformazioni e Assistenza
  • Polfer Polizia Ferroviaria
  • Telefono Pubblico Telefoni pubblici
  • Altoparlanti Annuncio sonoro arrivo e partenza treni

Interscambi[modifica | modifica sorgente]

La stazione di Rimini fu affiancata dal 1916 al 1960 dal capolinea della linea per Novafeltria, e dal 1932 al 1944 accolse, a fianco del 1º binario lato nord, il capolinea della linea per San Marino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Servizi

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gian Guido Turchi, Rimini 90 anni dopo, "iTreni", 2004, 262

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Rimini
Direzione Stazione precedente Ferrovia Stazione successiva Direzione
Bologna TriangleArrow-Left.svg RiminiFiera Pfeil links.svg Bologna–Ancona
 (111+042)
Pfeil rechts.svg Rimini Miramare TriangleArrow-Right.svg Ancona
Ferrara TriangleArrow-Left.svg Rimini Viserba Pfeil links.svg Ferrara–Rimini
 
trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti