Stazione di Padova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°25′03.04″N 11°52′49.76″E / 45.41751°N 11.88049°E45.41751; 11.88049

Padova
stazione ferroviaria
Padova 060123.jpg
Il fabbricato viaggiatori
Stato Italia Italia
Localizzazione Piazzale Stazione 1, Padova
Attivazione 1842
Stato attuale in uso
Linee Milano-Venezia
Bassano-Padova
Calalzo-Padova
Padova-Bologna
Padova-Padova Interporto
Tipo passante di superficie
Binari 11
Interscambi Tram, bus urbani, extraurbani, nazionali, internazionali, taxi

La stazione di Padova (talvolta chiamata Padova Centrale, per distinguerla dalle altre stazioni minori cittadine) è la principale della città.

Situata sulla linea ferroviaria elettrificata Milano-Venezia, da essa si diramano le linee per Bologna, per Bassano e per Calalzo. Alla stazione di Padova fa inoltre capo anche il collegamento con lo scalo di Padova Interporto.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini[modifica | modifica sorgente]

Mappa ferroviaria e tranviaria di Padova aggiornata al 2007

La stazione venne attivata il 3 dicembre 1842 in concomitanza con l'inaugurazione della ferrovia per Marghera, primo tronco della linea Milano -Venezia. La stazione si presentava quindi di testa, situazione solo provvisoria in quanto già l'11 gennaio 1846 la linea venne prolungata a Vicenza[1]. In tali anni la concessione della ferrovia era affidata alla Società lombardo-veneta per la Ferrovia Ferdinandea (SFF), riscattata poi dal Regno Lombardo-Veneto nel 1852 che istituì una propria direzione denominata Ferrovia dello Stato Lombardo Veneto (FSLV).

La gestione statale durò solo al 14 marzo 1856, quando con apposita convenzione la Milano-Venezia venne data in gestione ad una società privata, la 'Società privilegiata delle strade ferrate lombardo-venete e dell'Italia Centrale' del gruppo Rothschild, per poi passare alla Società per le Ferrovie dell'Alta Italia (SFAI) il 14 maggio 1865[2]. Successivamente, con la convenzione del 1885, le linee afferenti a Padova entrarono nel novero della Rete Adriatica, concessa alla Società Italiana per le strade ferrate meridionali; il 1 luglio 1905 esse passarono poi nella rete delle Ferrovie dello Stato.

L'11 giugno 1866 Padova divenne stazione di diramazione con l'attivazione della tratta per Rovigo della costruenda linea Padova-Bologna, completata il 1º dicembre dello stesso anno. Successivamente, l'11 ottobre 1877, venne inaugurata anche la ferrovia Bassano del Grappa-Padova, relazione concessa alla Società Veneta (SV) che costruì un proprio deposito posto parallelamente ai marciapiedi dal lato opposto del fabbricato viaggiatori. La linea per Bassano venne gestita dalla Società Italiana per le strade ferrate meridionali tra il 1882 e il 1896, fermo restando la concessione alla SV, concessione poi revocata nel 1906 con il passaggio alle FS.

La SV fu anche la concessionaria delle tranvie interurbane gestite dallw Guidovie Centrali Venete (GCV): presso la stazione ferroviaria venne pertanto attivato uno scalo merci SV d'interscambio conosciuto con il nome di Padova Scalo Merci. Nel frattempo vennero realizzati alcuni raccordi al servizio di alcuni impianti industriali sorti nell'area, alcuni diramantesi dalla stazione di Padova, altri da Padova Scalo Merci (tra documentati il raccordo per il Gasometro e per la Distilleria Maluta posta all'angolo tra Via Trieste e Viale Codalunga); si pensò anche di spostare la stazione più ad est, approssimativamente nella zona dietro alla Fiera, per avere più spazio da destinare allo sviluppo sia degli impianti ferroviari veri e propri sia per l'edificazione di un quartiere commerciale ed industriale più efficiente[3].

La stazione ferroviaria di Padova nel 1917

Il 10 novembre 1911 venne attivato il Raccordo Bivio Altichiero tra l'omonimo bivio posto sulla ferrovia per Bassano del Grappa e la nuova stazione di Padova Campo Marte; tale tronco, lungo 2.812 km, era dotato inizialmente di doppio binario e scavalca la linea Milano - Venezia con un cavalcavia. Contemporaneamente entrò in servizio un terzo binario indipendente tra la stazione di Padova e Campo Marte. Seguì quindi il 18 giugno 1917 un secondo raccordo, denominato Raccordo Bivio Montà, che collega da una parte sempre Padova Campo Marte e dall'altra il Bivio Montà sulla linea per Milano; dotato di un solo binario, è lungo 2.202 km[4].

Nel frattempo, il 2 aprile 1911 venne attivata la Ferrovia Padova - Piazzola (FPP); il progetto originario prevedeva l'attestamento di questa linea privata presso la stazione FS, ma a causa dei lavori di costruzione del Raccordo Bivio Altichiero che rendevano assai complicato l'innesto della FPP sulla linea FS per Bassano, si optò per la realizzazione di una stazione propria, denominata Padova Borgomagno. Venne dunque creato un transito tra i binari delle due amministrazioni, utilizzato esclusivamente dai treni merci.

Tra le due guerre mondiali lo scalo merci, da sempre posto a sudest del fabbricato viaggiatori, fu ampliato anche in virtù dell'attivazione dei raccordi con la Fiera, con i Magazzini Generali e con il Mercato Ortofrutticolo. In seguito a tali ampliamenti lo scalo divenne un impianto dotato di proprio ufficio movimento assumendo il nome ufficiale di Padova Scalo.

La ricostruzione e la storia recente[modifica | modifica sorgente]

L'ex Cabina C, oggi demolita
Vista della radice ovest durante un momento di traffico intenso
Vecchi carri accantonati nella Sacca Riordino della stazione di Padova

La seconda guerra mondiale causò numerosi danni alla stazione di Padova ed alle linee afferenti; rimase gravemente colpito anche il fabbricato viaggiatori che venne pertanto sostituito gradualmente dal complesso tuttora esistente, progettato dall'ing. Paolo Perilli e realizzato tra il 1949 e il 1953[5]. Completamente distrutto il ponte sul Brenta sulla linea per Bassano, si decise di ricostruirlo provvisoriamente a binario unico al pari dell'intera tratta Padova - Vigodarzere e dell'afferente Raccordo Bivio Altichiero. Tale raccordo però venne usato in maniera assai sporadica: alcuni ferrovieri ricordano come venne utilizzato fino a circa il 1947 quasi esclusivamente per triangolare le locomotive a vapore che non potevano essere girate sulla piattaforma girevole[6]; dopo di tale anno il Raccordo venne di fatto abbandonato.

A parte tali aspetti negativi, la ricostruzione portò alcune novità nella struttura della stazione. Si decise innanzitutto di eliminare il vecchio Deposito Locomotive, ereditato a suo tempo dalla SV, per spostarlo nella sede attuale incuneandolo tra le linee per Milano e Bologna e dotandolo anche di un ingresso lato Campo Marte. Lo spazio ricavato dalla demolizione del vecchio DL venne utilizzato per ampliare il Fascio Viaggiatori portandolo a undici binari passanti (di cui però nove dotati di marciapiedi). Si valutò anche l'utilizzo della stazione FS da parte dei treni FPP ma la proposta non venne messa in pratica visto che la linea per Carmignano chiuderà il 31 dicembre del 1958. Inoltre arrivò per la prima volta la linea aerea con il completamento dell'elettrificazione della linea da Bologna avvenuto il 9 ottobre 1955 a cui seguì l'elettrificazione della Milano - Venezia.

Con la soppressione delle tranvie interurbane SV avvenute nel 1954, venne posato un binario lungo Via del Pescarotto tra i Magazzini Generali e il binario ex SV di Via Venezia per poter raccordare le Officine Meccaniche della Stanga che, altrimenti, sarebbero rimaste prive di accesso alla rete ferroviaria. Sempre nello stesso periodo venne realizzato un ulteriore raccordo al servizio della Ferriera Padana Acciaierie Venete mentre cominciò a prendere forma la rete dei raccordi della nuova Zona Industriale; questi nuovi raccordi andarono pian piano a sostituire i vecchi che si diramavano da Padova Scalo, chiusi tutti entro gli anni '80.

Il 9 maggio 1988 venne inaugurata l'elettrificazione della tratta Padova - Castelfranco Veneto, ultima linea afferente al nodo priva di linea aerea. Qualche anno più tardi, il 24 novembre 1991, si riattivò il Raccordo Bivio Altichiero provvisoriamente a binario unico[7]; siccome la tratta da Padova a Vigodarzere era allora ancora tutta a semplice binario, si decise di non far confluire il Raccordo nella linea per Bassano nell'ex Bivio Altichiero, che quindi non venne al momento ripristinato, ma di spostare la confluenza più a nord praticamente sotto al sovrappasso dell'Autostrada A4 (Italia) ponendola sotto la giurisdizione della stazione di Vigodarzere.

Con la nascita della nuova stazione di Padova Interporto, inaugurata il 9 maggio 1988, cominciò il declino di Padova Scalo: già nel 1989 lo Scalo aveva perso lo status di stazione con la chiusura dell'Ufficio Movimento, contestuale assorbimento dell'impianto all'interno della stazione di Padova e ridenominazione in Fascio A; dopodiché nel Novembre 1991 cessò definitivamente il traffico merci in partenza ed arrivo, tutto spostato a Padova Interporto, rimanendo in uso come fascio di smistamento per l'inoltro di carri verso Padova Interporto lasciati dai merci in transito e viceversa nonché come zona di ricovero per alcuni treni passeggeri aventi origine e termine a Padova. Infine, con l'apertura della stazione di Cervignano Smistamento, tra Gennaio e Giugno 1997 cessò definitivamente l'uso del Fascio A per i servizi merci. Nel corso degli anni i binari destinati alla movimentazione delle merci vennero pian piano abbandonati e quindi rimossi; di tali binari sopravvive, oltre al Fascio A ribattezzato tra il 2004 e il 2005 Fascio Secondario, il gruppo di tronchini chiamato Sacca Riordino che serviva il magazzino merci, utilizzati per ricoverarvi vecchi carri ormai accantonati da numerosi anni nonché dai carrelli di servizio per la manutenzione delle linee.

Sviluppi previsti[modifica | modifica sorgente]

Il "Minuetto" MD-Tn 06 della Provincia Autonoma di Trento è appena giunto a Padova con un Regionale da Bassano del Grappa

È prevista la trasformazione dei binari tronchi della Sacca Riordino in binari per i treni del Servizio Ferroviario Metropolitano Regionale (SFMR) destinati a Venezia. Sempre nell'ambito del progetto SFMR è prevista la costruzione nell'ambito della stazione di Padova di una fermata denominata Padova San Lazzaro posta presso l'omonimo quartiere lungo i due binari della Linea Storica per Venezia tra i segnali di partenza e protezione esterni. Inoltre è in progetto la costruzione di una galleria a tre binari sotto al Fascio Viaggiatori da adibire come stazione per l'Alta Velocità allorquando verrà costruita la linea AV/AC in direzione Milano.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La stazione si compone essenzialmente di:

  • Fascio Viaggiatori con undici binari passanti, di cui nove (dal I al III, dal V al X) dotati di marciapiede e i rimanenti due (IV e XI) adibiti alle manovre, nonché al ricovero dei treni;
  • Fascio Secondario (ex Fascio A, ex Padova Scalo), posto a sud della linea per Venezia, utilizzato esclusivamente come ricovero dei treni che hanno qui origine e termine;
  • Deposito Locomotive, incuneato tra le linee per Milano e Bologna;
  • Platea Lavaggio, posta a nord della linea per Milano, anch'esso adibito al ricovero di treni completi.

Sempre sotto all'impianto fanno capo il Gruppo Scambi Altichiero (ex Bivio Altichiero) e il Gruppo Scambi Montà (ex Bivio Montà), punto di confluenza dei due raccordi omonimi provenienti da Padova Campo Marte e che permettono ai treni merci provenienti da Bologna di proseguire senza manovre di inversione rispettivamente verso Camposampiero e Milano.

Fino al 2005 il controllo degli enti era affidato a tre cabine, denominate Cabina A, Cabina B e Cabina C. La Cabina A, l'unica tuttora esistente grazie all'interessamento dell'associazione di appassionati Società Veneta Ferrovie[8], è posta lungo Via Frà Paolo Sarpi; controllava la radice ovest del Fascio Viaggiatori e relativi segnali di partenza e protezione; successivamente la Cabina A assunse il controllo anche dei bivi Montà ed Altichiero. La Cabina B era posizionata circa un centinaio di metri ad est dal termine del marciapiede del Binario I; controllava la radice est del Fascio Viaggiatori e la radice ovest di Padova Scalo nonché i segnali di partenza e protezione interni. Alla Cabina C, situata invece lungo Via Jacopo D'Avanzo, faceva capo invece il controllo della radice est di Padova Scalo e del bivio di accesso alla linea per Padova Interporto, più ovviamente i segnali di partenza e protezione esterni. Tra il 26 e il 27 novembre 2005 gli apparati delle tre cabine vennero disattivati e sostituiti dal nuovo Apparato Centrale Computerizzato (ACC)[9]. Per permettere l'ampliamento dei binari si decise per la demolizione delle cabine B e C: la Cabina B è stata demolita nella notte tra il 30 e il 31 maggio 2006, la Cabina C nella notte tra il 5 e il 6 luglio.

Movimento[modifica | modifica sorgente]

La stazione di Padova vede un flusso annuo di circa 18,5 milioni di passeggeri[10].

Il traffico è di circa 450 treni al giorno, con relazioni passeggeri svolte da Trenitalia nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Veneto e a lunga percorrenza, svolte da Trenitalia, Nuovo Trasporto Viaggiatori e da una joint venture formata da DB e ÖBB.

Il traffico merci è curato da diverse società fra cui Trenitalia, Dinazzano Po[11], FFS Cargo, Rail Cargo italia, NordCargo, Sistemi Territoriali) ma risulta di solo transito, essendo il servizio concentrato presso la stazione di Padova Interporto.

Servizi[modifica | modifica sorgente]

La stazione offre i seguenti servizi:

  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica
  • Sala d'attesa Sala d'attesa
  • Deposito bagagli con personale Deposito bagagli con personale
  • Servizi igienici Servizi igienici
  • Posto di Polizia ferroviaria Posto di Polizia ferroviaria
  • Ufficio postale Ufficio postale
  • Bar Bar
  • Ristorante Ristorante
  • Italian traffic signs - icona supermercato inv.svg Supermercato
  • Edicola Edicola
  • Aiga shops inv.svg Negozi
  • Wi-Fi Wi-Fi

Interscambi[modifica | modifica sorgente]

Nel piazzale antistante la stazione ferroviaria transitano o fanno capolinea le autolinee rubane e la tranvia di Padova gestite dall'APS.

Dal 2010 è presente nelle adiacenze un'autostazione presso la quale fanno capolinea diverse linee interurbane di APS, Busitalia, CTM, FTV e ACTV[12].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il completamento della Milano - Venezia avvenne il 12 ottobre 1857.
  2. ^ Laura Zecchini. Negrelli e la Ferdinandea. Op. cit.
  3. ^ Tale progetto di spostamento della stazione e relativa strada d'accesso venne realizzato da Camillo Venturini e fu pubblicato nel giornale Padova del 4 novembre 1900. Anche dopo la seconda guerra mondiale si ventilò l'idea di spostare sempre più ad est la stazione, ma anche in tal caso la proposta non ebbe seguito.
  4. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926
  5. ^ Emanuele Masiello, Architetti e ingegneri del Ministero delle Comunicazioni, in Ezio Godoli, Antonietta Iolanda Lima (a cura di), Architettura ferroviaria in Italia. Novecento, Dario Flaccovio Editore, 2004, p. 103. ISBN 88-7758-597-8.
  6. ^ Ovvero effettuando una manovra a triangolo su percorso Padova - Bivio Altichiero (inversione di marcia) - Padova Campo Marte (inversione di marcia) - Padova o viceversa.
  7. ^ Venne riattivato il solo binario pari; il binario dispari è tuttora in fase di lentissima ricostruzione ma non si sa quando, e se, verrà riattivato.
  8. ^ Società Veneta Ferrovie, sito ufficiale.
  9. ^ Circolare Compartimentale VE 25/2005.
  10. ^ Centostazioni.it, flussi di passeggeri annui per stazione.
  11. ^ La coppia di treni merci FER Roncafort - Forlì non transita per il Fascio Viaggiatori ma per il Raccordo Gruppo Scambi Montà.
  12. ^ Redazionale, Padova, al via l'intermodalità cittadina in Ferrovie.it, 15 giugno 2010. URL consultato il 14 febbraio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Cornolò. La Società Veneta Ferrovie. Ponte San Nicolò (PD), Duegi Editrice, 2005. ISBN 88-900979-6-5.
  • Mario Santinello. La Ferrovia Padova - Piazzola - Carmignano. Cortona (AR), Calosci, 1979.
  • Laura Zecchini. Negrelli e la Ferdinandea. I Treni Oggi, Dicembre 1988, 88. Salò (BS), Editrice Trasporti su Rotaie.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Padova
Direzione Stazione precedente Ferrovia Stazione successiva Direzione
Milano TriangleArrow-Left.svg Mestrino Pfeil links.svg Milano–Venezia
 (229+408)
Pfeil rechts.svg Ponte di Brenta TriangleArrow-Right.svg Venezia
Bassano del Grappa
Calalzo
TriangleArrow-Left.svg Vigodarzere Pfeil links.svg Bassano-Padova
Calalzo-Padova
 (47+294)
Padova–Bologna
 (122+921)
Pfeil rechts.svg Padova Campo Marte TriangleArrow-Right.svg Bologna