Premi e riconoscimenti di David Bowie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: David Bowie.

La stella sulla "Hollywood Walk of Fame" ottenuta da David Bowie nel 1997.

Quella che segue è la lista delle nomination e dei premi ricevuti dal cantante e attore inglese David Bowie nel corso della sua carriera. A partire dal primo riconoscimento ottenuto nel 1970 per la canzone Space Oddity, in occasione della cerimonia degli Ivor Novello Awards,[1] Bowie ha collezionato 41 nomination e 16 premi (11 per l'attività musicale, 2 per quella cinematografica, 3 per l'attività multimediale). Tra i più importanti sono da ricordare 2 BRIT Awards, 2 Grammy, 3 MTV Europe Music Awards e 1 Saturn Award.

David Bowie è stato ammesso nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1996, anno in cui vi entrarono anche i Velvet Underground e i Pink Floyd, anche se il cantante non era presente perché impegnato con l'Outside Tour. Il riconoscimento fu "accettato" in sua vece da Madonna, che per l'occasione lo ringraziò per averla ispirata.[2] Il 12 febbraio dell'anno successivo, Bowie è stato premiato per il suo contributo all'industria dell'intrattenimento con una stella sulla Hollywood Walk of Fame, posizionata all'esterno dell'Hollywood Galaxy Theatre.[3]

Nel 1999 l'Ordre des Arts et des Lettres, ordine onorifico gestito dal ministero della cultura francese, ha attribuito a David Bowie il grado di Commandeur (Commendatore),[4] mentre l'anno seguente è stato eletto "artista più influente" da più di 100 popstar sul settimanale inglese New Musical Express.[5]

Da ricordare, inoltre, che Bowie ha rifiutato il titolo di Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico (CBE, Commander of the Order of the British Empire) nel 2000[6] e il cavalierato nel 2003.[7]

Nel 2004, Bowie ha fatto il suo ingresso nella Songwriters Hall of Fame, un progetto della National Academy of Popular Music che ha l'obiettivo di realizzare un museo (al momento solo virtuale) dedicato ai più importanti autori di canzoni.[8]

American Music Awards[modifica | modifica wikitesto]

Gli American Music Awards sono uno dei tre principali eventi statunitensi dedicati ai premi musicali, insieme ai Billboard Music Awards e ai Grammy. Il 16 gennaio 1984, Bowie ha ricevuto una nomination (l'unica sino ad oggi) come miglior artista pop/rock maschile. In quell'occasione il premio è andato a Michael Jackson, forte del successo planetario di Thriller che ha portato all'artista americano ben 8 American Music Awards.[9]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
David Bowie
Favorite Pop/Rock Male Artist
nomination

BAFTA Television Awards[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1946 dal regista e produttore Alexander Korda, la British Academy of Film and Television Arts è la principale organizzazione britannica che premia annualmente le migliori opere cinematografiche e televisive. Bowie ha ricevuto una nomination nel 1994 per The Buddha of Suburbia, colonna sonora dell'omonima serie della BBC che lo stesso anno si aggiudicò il premio per le migliori scenografie.[10][11]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
Best Original Television Music
nomination

BRIT Awards[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1977, i BRIT Awards (spesso abbreviati in "BRITs") vengono conferiti ogni anno ad artisti pop/rock dalla British Phonographic Industry. Il 14 settembre 1984 David Bowie si è aggiudicato il premio come miglior solista, grazie anche al successo di Blue Jean, mentre nell'edizione 1996, il 29 febbraio, ha ottenuto l'Outstanding Contribution ed ha eseguito per l'occasione il classico Moonage Daydream.[12] Il 16 febbraio 1999, pur non essendo tra i nominati Bowie ha partecipato alla 23sima edizione dei BRITs esibendosi con i Placebo nella cover di 20th Century Boy dei T-Rex.[13] L'anno successivo ha ottenuto un'altra nomination come miglior solista, non riuscendo però a bissare il successo dell'84 (il premio è andato a Tom Jones).[14]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
David Bowie
Best British Male Solo Artist
vinto
David Bowie
Outstanding Contribution
vinto
David Bowie
Best British Male Solo Artist
nomination

Daytime Emmy Awards[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito degli Emmy Awards, i prestigiosi premi dedicati alla produzione televisiva statunitense e internazionale, David Bowie ha ottenuto un riconoscimento il 17 maggio 2003 per le produzioni del "daytime". Insieme a Patty Ivins Specht (regista e produttore), Kevin Burns e David Sehring (produttori esecutivi), Bowie ha ritirato il premio per la sua partecipazione, come voce narrante, al documentario della AMC Hollywood Rocks the Movies: The 1970s.[15]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
Hollywood Rocks the Movies: The 1970s
Outstanding Special Class Special
vinto

Golden Globes[modifica | modifica wikitesto]

David Bowie ha partecipato solo una volta, nel 1983, alla consegna di uno dei maggiori riconoscimenti per chi opera nel settore dell'intrattenimento, insieme al Premio Oscar e agli Emmy. In quell'occasione l'artista inglese ha ricevuto una nomination, insieme a Giorgio Moroder, per il tema del film Il bacio della pantera, venendo però battuto dalla celebre Up Where We Belong (dal film Ufficiale e gentiluomo) interpretata da Joe Cocker e Jennifer Warnes.[16]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
Theme from Cat People
nomination

Grammy Awards[modifica | modifica wikitesto]

Considerati l'equivalente musicale dei premi Oscar, i Grammy rappresentano forse il riconoscimento più importanti negli Stati Uniti per i risultati conseguiti nel settore dell'industria musicale. La prima partecipazione di Bowie risale all'edizione 1975 in cui si limitò a premiare Aretha Franklin, mentre le prime nomination sono del 1984.[17][18] In quell'occasione, il successo di Let's Dance non fu però sufficiente per conquistare i riconoscimenti per il miglior album e la miglior performance rock (per Cat People). Come già accaduto per gli American Music Awards, Michael Jackson risultò il dominatore della serata. L'anno successivo arrivarono altre due nomination e Bowie si aggiudicò il suo primo Grammy per il video Jazzin' for Blue Jean, diretto da Julien Temple, mentre il premio per la miglior performance rock andò a Bruce Springsteen per Dancing in the Dark.[19] Nell'edizione del 1998 Bowie avrebbe dovuto esibirsi insieme ai Radiohead durante la 40sima cerimonia di premiazione ma la notizia apparsa qualche giorno prima sul New Musical Express venne smentita subito dopo.[20] Anche in questa edizione Bowie ricevette due nomination ma i premi per il miglior album "alternativo" (Earthling) e per la miglior performance rock (Dead Man Walking) andarono, rispettivamente, ai Radiohead per OK Computer e a Bob Dylan per Cold Irons Bound.[21] Nel 2001 e nel 2004 Bowie collezionò altre due nomination per la miglior performance rock (rispettivamente, per Thursday's Child e New Killer Star), venendo battuto da Lenny Kravitz nel primo caso, e da Dave Matthews nel secondo.[22][23] Infine, l'8 febbraio 2006 Bowie è stato premiato da Matt Dillon e Ludacris con il Grammy alla carriera, anche se il cantante non ha presenziato alla cerimonia.[24]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
nomination
Best Rock Vocal Performance - Male
nomination
Best Video, Short Form
vinto
Best Rock Vocal Performance - Male
nomination
Best Alternative Music Performance
nomination
Best Male Rock Vocal Performance
nomination
Best Male Rock Vocal Performance
nomination
Best Male Rock Vocal Performance
nomination
David Bowie
vinto

Ivor Novello Awards[modifica | modifica wikitesto]

Se si esclude il Festival di Monsummano Terme del 1969 in cui When I Live My Dream vinse il premio per la miglior produzione (categoria creata appositamente dai delegati per il contributo di Bowie al successo del festival)[25] il primo riconoscimento ricevuto dal cantante nella sua carriera è quello che dal 1955 viene assegnato ai compositori e agli scrittori musicali. Il 10 maggio 1970, David eseguì Space Oddity con l'arrangiamento orchestrale di Paul Buckmaster, ricevendo il premio speciale per l'originalità della composizione.[1] L'esibizione fu trasmessa via satellite in Europa e negli Stati Uniti.

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
Songwriters' Guild
vinto

Mercury Prize[modifica | modifica wikitesto]

I Mercury Prize sono premi assegnati ogni anno ai migliori album di artisti britannici dalla British Phonographic Industry e dalla British Association of Record Dealers. Nel 2002 l'album Heathen ricevette una nomination come miglior album ma ad aggiudicarsi il premio fu Ms. Dynamite per A Little Deeper.[26]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
Best Album
nomination

Mojo Awards[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di premi assegnati ogni anno dalla rivista britannica Mojo. Bowie non ha mai ottenuto un riconoscimento ma è stato in lizza per tre anni consecutivi, dal 2004 al 2006, per l'Inspiration Award (riservato ad artisti che hanno esercitato una particolare influenza su altri artisti) e l'Icon Award, votato dagli ascoltatori di Mojo Radio.[27][28][29]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
David Bowie
Inspiration Award
nomination
David Bowie
Icon Award
nomination
David Bowie
Icon Award
nomination
David Bowie
Icon Award
nomination

MTV Movie Awards[modifica | modifica wikitesto]

Il cameo in Zoolander, diretto e interpretato da Ben Stiller nel 2002, rappresenta l'unica occasione in cui David Bowie ha ottenuto una nomination ai premi di MTV dedicati al cinema.[30][31]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
Best Cameo
nomination

MTV Video Music Awards[modifica | modifica wikitesto]

Istituiti nel 1984 come alternativa ai Grammy, i VMAs sono organizzati dall'emittente televisiva MTV e assegnati ogni anno ai migliori videoclip musicali. Proprio la prima edizione è risultata la più fortunata per David Bowie che il 14 settembre 1984, alla Radio City Music Hall di New York si è aggiudicato il premio per il video di China Girl (battendo avversari del calibro di Michael Jackson e Lionel Richie) e il Video Vanguard Award, riservato a musicisti che hanno esercitato una profonda influenza sulla "cultura" di MTV.[32] Dopo un'altra nomination l'anno successivo per Blue Jean, Bowie ha vinto di nuovo nel 1987 grazie al duetto con Mick Jagger in Dancing in the Street.[33][34] Successivamente sono arrivate altre due nomination, nel 1987 e nel 1998, per i videoclip di Day In Day Out e I'm Afraid of Americans (battuti, rispettivamente, da Sledgehammer di Peter Gabriel e Just the Two of Us di Will Smith).[34][35] I VMAs sono stati anche l'occasione per un paio di esibizioni di Bowie che ha eseguito Blue Jean nella prima edizione del 1984 e Never Let Me Down in quella del 1987.

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
David Bowie
Video Vanguard Award
vinto
Best Male Video
vinto
Best Overall Performance in a Video
nomination
Best Cinematography in a Video
nomination
Best Stage Performance in a Video
nomination
Best Stage Performance in a Video
nomination
Best Overall Performance in a Video
vinto
Best Male Video
nomination
Best Male Video
nomination

MuchMusic Video Awards[modifica | modifica wikitesto]

David Bowie ha vinto l'EyePopper Award, uno dei premi assegnati dalla rete TV canadese MuchMusic ai migliori videoclip, nel 1998 con I'm Afraid of Americans.[36]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
EyePopper Award
vinto

Q Awards[modifica | modifica wikitesto]

I Q Awards sono i premi assegnati a partire dal 1990 dalla rivista musicale Q e sono diventati col tempo tra i più importanti e più pubblicizzati riconoscimenti nel Regno Unito. Reduce dalla pubblicazione di 1.Outside, Bowie ha ricevuto l'Inspiration Award nel 1995[37] (condiviso con Brian Eno) e altre due nomination nel nuovo millennio, per la miglior produzione (per Heathen) e per la miglior esibizione live.[38]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
David Bowie
Q Inspiration Award
vinto
David Bowie
Best Producer
nomination
David Bowie
Best Live Act
nomination

Saturn Award[modifica | modifica wikitesto]

Il premio assegnato ogni anno dai membri dell'Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films è stato il primo riconoscimento cinematografico ottenuto da David Bowie, grazie alla sua interpretazione nel film del 1976 diretto da Nicolas Roeg.[39]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
vinto

WB Radio Music Award[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima cerimonia dei premi assegnati dall'americana WB Radio, nel 1999, Bowie ha ricevuto il Legend Award. Durante la manifestazione che si è tenuta a Las Vegas, trasmessa in diretta dal network, il cantante ha proposto un classico del passato come Rebel Rebel e la più recente Thursday's Child.[40][41]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
David Bowie
Legend Award
vinto

Webby Awards[modifica | modifica wikitesto]

Nati nel 1996, i Webby Awards sono i premi internazionali per il miglior sito internet assegnati dall'Accademia Internazionale delle Arti Digitali e delle Scienze. Dopo riconoscimenti musicali e cinematografici, nel 2007, Bowie è stato premiato anche per la sua attività multimediale con il Lifetime Achievement.[42]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
David Bowie
Webby Lifetime Achievement
vinto

Yahoo! Internet Life Online Music Awards[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del nuovo millennio Bowie continua a ricevere riconoscimenti per il suo impegno nel web con gli Yahoo! Internet Music Awards. Il 24 luglio 2000, allo Studio 54 di New York il cantante si aggiudica il premio "Online Pioneer" e quello per il miglior sito web, e per l'occasione si esibisce in Wild Is the Wind e Life on Mars?.[43]

Anno
Nomination
Categoria
Risultato
David Bowie
Online Pioneer Award
vinto
BowieNet
Best Artist Site
vinto
Teenage Wildlife
Best Fan Site
nomination

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ivor Novello Awards 1970, xoomer.virgilio.it. URL consultato il 09-04-2009.
  2. ^ Rock and Roll Hall of Fame, xoomer.virgilio.it. URL consultato il 09-04-2009.
  3. ^ Hollywood Walk of Fame, www.teenagewildlife.com. URL consultato il 09-04-2009.
  4. ^ Ordine delle Arti e delle Lettere, www.bowiewonderworld.com. URL consultato il 09-04-2009.
  5. ^ New Musical Express, www.bowiewonderworld.com. URL consultato il 09-04-2009.
  6. ^ Ordine dell'Impero Britannico, xoomer.virgilio.it. URL consultato il 09-04-2009.
  7. ^ Bowie refuses knighthood, www.bowiewonderworld.com. URL consultato il 09-04-2009.
  8. ^ Songwriters Hall of Fame, www.don-mclean.com. URL consultato il 09-04-2009.
  9. ^ American Music Awards 1984, www.rockonthenet.com. URL consultato il 09-04-2009.
  10. ^ BAFTA 1994, www.imdb.com. URL consultato il 09-04-2009.
  11. ^ BAFTA 1993, www.bafta.org. URL consultato il 09-04-2009.
  12. ^ BRITs 1996, www.youtube.com. URL consultato il 09-04-2009.
  13. ^ BRITs 1999, www.youtube.com. URL consultato il 09-04-2009.
  14. ^ BRITs 2000, news.bbc.co.uk. URL consultato il 09-04-2009.
  15. ^ Daytime Emmy Awards 2003, www.imdb.com. URL consultato il 09-04-2009.
  16. ^ Golden Globes 1983, www.imdb.com. URL consultato il 09-04-2009.
  17. ^ Grammy 1975, mywebsite.bigpond.com. URL consultato il 13-04-2009.
  18. ^ Grammy 1984, www.rockonthenet.com. URL consultato il 13-04-2009.
  19. ^ Grammy 1985, www.rockonthenet.com. URL consultato il 13-04-2009.
  20. ^ Grammy 1998, www.bowiewonderworld.com. URL consultato il 13-04-2009.
  21. ^ Grammy 1998, www.rockonthenet.com. URL consultato il 13-04-2009.
  22. ^ Grammy 2001, www.rockonthenet.com. URL consultato il 13-04-2009.
  23. ^ Grammy 2004, www.rockonthenet.com. URL consultato il 13-04-2009.
  24. ^ Grammy 2006, www.rockonthenet.com. URL consultato il 13-04-2009.
  25. ^ Monsummano 1969, www.velvetgoldmine.it. URL consultato il 13-04-2009.
  26. ^ Mercury Prize 2002, news.bbc.co.uk. URL consultato il 13-04-2009.
  27. ^ Mojo Awards 2004, www.bowiewonderworld.com. URL consultato il 13-04-2009.
  28. ^ Mojo Awards 2005, www.borntoboogie.net. URL consultato il 13-04-2009.
  29. ^ Mojo Awards 2006, www.bowiewonderworld.com. URL consultato il 13-04-2009.
  30. ^ MTV Movie Awards 2002, www.imdb.com. URL consultato il 09-04-2009.
  31. ^ MTV Movie Awards 2001, www.movieplayer.it. URL consultato il 13-04-2009.
  32. ^ MTV VMA 1984, www.rockonthenet.com. URL consultato il 09-04-2009.
  33. ^ MTV VMA 1985, www.rockonthenet.com. URL consultato il 09-04-2009.
  34. ^ a b MTV VMA 1987, www.rockonthenet.com. URL consultato il 09-04-2009.
  35. ^ MTV VMA 1998, www.rockonthenet.com. URL consultato il 09-04-2009.
  36. ^ MuchMusic Awards 1998, www.muchmusic.com. URL consultato il 13-04-2009.
  37. ^ Q Awards 1995, www.fresh-lyrics.com. URL consultato il 13-04-2009.
  38. ^ Q Awards 2002, news.bbc.co.uk. URL consultato il 13-04-2009.
  39. ^ Saturn Awards 1976, www.saturnawards.org. URL consultato il 13-04-2009.
  40. ^ WB Radio Music Awards 1999, www.rockonthenet.com. URL consultato il 13-04-2009.
  41. ^ WB Radio Music Awards 1999, www.bowiewonderworld.com. URL consultato il 13-04-2009.
  42. ^ Webby Awards 2007, www.webbyawards.com. URL consultato il 13-04-2009.
  43. ^ Yahoo! Internet Music Awards 2000, ramoana.tripod.com. URL consultato il 04-07-2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]