Absolute Beginners (David Bowie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Absolute Beginners
Artista David Bowie
Tipo album Singolo
Pubblicazione marzo 1986
Durata 5 min : 36 s
Album di provenienza Absolute Beginners
Genere Rock
Etichetta Virgin Records
Produttore Alan Winstanley, Clive Langer
Registrazione Abbey Road Studios, Londra, giugno 1985
Formati 7", 12", CD, download digitale
Note Lato B: Absolute Beginners (Dub Mix)
David Bowie - cronologia
Singolo precedente
(1985)
Singolo successivo
(1986)

Absolute Beginners è una canzone del 1986 scritta e interpretata dal cantante inglese David Bowie per il film omonimo diretto da Julien Temple. Il brano è stato pubblicato come 45 giri con la versione "Dub Mix" come lato B, mentre due anni più tardi è uscita la versione CD, con una durata superiore della canzone. Questa versione full length è la stessa presente nella colonna sonora del film ed è una delle tracce bonus della riedizione del 1995 dell'album Tonight.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Formato 7"[modifica | modifica sorgente]

  1. Absolute Beginners - 5:36
  2. Absolute Beginners (Dub Mix) - 5:42

Formato 12"[modifica | modifica sorgente]

  1. Absolute Beginners (Full Length Version) - 8:00
  2. Absolute Beginners (Dub Mix) - 5:42

CD[modifica | modifica sorgente]

  1. Absolute Beginners (Full Lenght Version) - 8:00
  2. Absolute Beginners (Dub Mix) - 5:42

Download digitale[modifica | modifica sorgente]

  1. Absolute Beginners (Single Version) - 5:36
  2. Absolute Beginners (Full Length Version) - 8:03
  3. Absolute Beginners (Dub Mix) - 5:39
  4. That's Motivation - 4:14
  5. Volare (Nel Blu Dipinto Di Blu) - 3:13

Formazione[modifica | modifica sorgente]

La canzone[modifica | modifica sorgente]

Nel 1985 David Bowie fece ascoltare il demo di Absolute Beginners ai produttori Alan Winstanley e Clive Langer. A giugno, la EMI mise a disposizione di Bowie un gruppo di turnisti che stava effettuando delle registrazioni con Thomas Dolby agli studi di Abbey Road. Tra questi c'era l'ex chitarrista dei Prefab Sprout Kevin Armstrong (che continuerà negli anni seguenti a collaborare con Bowie) che racconta di come Bowie «arrivò con la canzone Absolute Beginners scritta per metà. Tutti i componenti del gruppo diedero il loro contributo, trovando un accordo che mancava o una rima per l'ultimo verso. Nel giro di un pomeriggio la base di accompagnamento assunse una forma compiuta e la registrammo». Il brano che dà il titolo al film, in quel periodo in fase di pre-produzione, fu completato molto rapidamente. «A David piaceva procedere a tutta velocità», ricordava Matthew Seligman, ex bassista del gruppo post punk The Soft Boys e dei Thompson Twins, «diceva che gli piacevano le sedute di registrazione ad Abbey Road, che gli facevano ritornare in mente i tempi di "Heroes"». Nel corso delle stesse sessioni furono incisi gli altri contributi di Bowie alla colonna sonora del film: Volare e That's Motivation.

Cantata a piena voce con una briosa cadenza doo-wop anni Cinquanta, Absolute Beginners è corredata dagli inserimenti di chitarra di Kevin Armstrong, dal martellante pianoforte di Rick Wakeman (collaboratore di Bowie di vecchia data) e da un trionfale suono di sassofono, alla ricerca del quale Bowie aveva dedicato molto tempo verso la metà degli anni Ottanta.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Quando uscì, nel marzo 1986, Absolute Beginners balzò subito al secondo posto nelle classifiche inglesi, vedendosi negare la prima posizione solo da Chain Reaction di Diana Ross, ma restando nella top ten per un mese. All'inizio del 1987, Tricia Jones del magazine i-D definì il brano come «una proposta vintage di Bowie a 24 carati, un diamante allo stato grezzo».[1] Negli Stati Uniti il singolo raggiunse la 53ª posizione della Billboard Hot 100 e la 9a nella Hot Mainstream Rock Tracks, sempre di Billboard. In Italia il disco ottenne un discreto successo, raggiungendo il terzo posto delle classifiche e rimanendo nella top ten per circa due mesi. Rimane ad oggi il più grande successo di classifica di Bowie dopo Let's Dance del 1983.

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

Il film contiene versioni differenti da quelle apparse su disco: quella che accompagna i titoli di testa è di circa 2 minuti mentre quella finale arriva a quasi 7 minuti. Esiste anche una versione strumentale, con una diversa orchestrazione, che appare sull'album della colonna sonora, col titolo Absolute Beginners (Refrain), suonata dal compositore canadese Gil Evans. Dal 28 maggio 2007, il brano è disponibile in formato digitale come parte dell'EP dallo stesso titolo, che comprende anche gli altri due brani della colonna sonora interpretati da David Bowie (That's Motivation e Volare).

Bowie ha eseguito Absolute Beginners durante il Glass Spider Tour del 1987 (una performance è presente nel video Glass Spider, pubblicato nel 1988) e in alcune esibizioni del 2000 e del 2002. Una versione eseguita per la BBC nel 2000 è presente nel CD bonus di Bowie at the Beeb (edizione limitata).

Il videoclip[modifica | modifica sorgente]

Il video di Julien Temple, girato in bianco e nero tra il ponte di Westminster e il Thames Embankment, è un pastiche dello slogan pubblicitario per una marca di sigarette anni Cinquanta. Molto elegante in impermeabile e cappello di feltro, David Bowie esce da un pacchetto di sigarette "Zebra" e si dirige verso la più vicina slot machine, accorgendosi subito di essere seguito come un'ombra da una sensuale danzatrice con un costume a strisce tipo zebra. Il cantante la insegue fino alla riva del Tamigi e la bacia ma, immediatamente dopo, la ragazza scompare lasciando solo un mozzicone di sigaretta che brucia. La scena è intramezzata da spezzoni a colori tratti dallo stesso film Absolute Beginners. Una versione del video lunga otto minuti fu usata per propagandare il film nelle sale cinematografiche britanniche. Si tratta della versione che appare nei DVD The Video Collection e Best of Bowie.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervista a David Bowie, Bowiewonderworld.com. URL consultato il 02-09-2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nicholas Pegg, David Bowie - L'Enciclopedia, Roma, Arcana, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock