American Music Awards

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli American Music Awards sono uno dei tre principali eventi statunitensi dedicati ai premi musicali, insieme ai Billboard Music Awards ed ai Grammy Awards.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Si tratta del primo evento di genere in ordine cronologico, creato da Dick Clark nel 1973 per competere con i Grammy. In quell'anno lo show fu sostenuto a Nashville, per la rete tv CBS, mentre nei 1971 e nel 1972 fu trasmesso dalla ABC. Michael Jackson e Donny Osmond condussero la prima edizione degli AMA, insieme a Rodney Allen Rippy e Ricky Segall.

Mentre i premi Grammy sono conferiti in base a voti dei membri dell'industria dell'intrattenimento, gli AMA sono decisi da un sondaggio di acquirenti di album discografici. I "tre grandi" del settore (AMAs, Billboard Music Awards e Grammy Awards) hanno ormai una lunga storia di eventi mediatici, che competono per il prestigio e i consensi da parte della società Nielsen: generalmente i Grammy sono stimati per la qualità, e i premi AMA e Billboard per la popolarità. Le vicende di artisti sottoposti a pressioni, per partecipare ad uno solo di questi eventi, hanno molto attirato l'attenzione dei tabloid. Rispetto ai Grammys e ai Billboard Music Awards, al momento gli AMAs non hanno ancora un premio per il miglior singolo o per la migliore registrazione. Nel 1996 gli American Music Awards hanno istituito un nuovo premio, quello per l'artista dell'anno, conferito nello stesso anno a Garth Brooks. L'artista disse che non avrebbe potuto meritare il premio in un anno di silenzio artistico, e lasciò il premio sul podio. Da allora la premiazione per l'artista dell'anno ha avuto, nel corso degli anni, andamento discontinuo.

Da quando sono stati fondati i Billboard Music Awards nel 1989, vi sono state occasioni in cui artisti come Dixie Chicks e Céline Dion hanno vinto premi a tutti i "tre grandi" eventi. Ma la necessità di unire i premi (sul modello della Triple Crown, dedicata alle corse di cavalli) ha solo complicato questa competizione.

Sin dalla loro fondazione, gli American Music Awards hanno avuto numerosi conduttori, ognuno dei quali da uno specifico genere musicale. Ad esempio Glen Campbell rappresentò la sezione dedicata al country (infatti ha condotto il maggior numero di edizioni), mentre altri artisti rappresentano i loro rispettivi generi. Negli anni recenti, tuttavia, per ogni edizione è stato chiamato un solo conduttore.

Dal 1973 al 2003, gli AMAs sono stati presentati a metà gennaio. In seguito sono stati spostati a novembre, evitando anche la competizione con altri grandi eventi di premiazione come i Golden Globe e gli Oscar. Nel 2013 viene istituito il primo Icon Award, che in quell'anno viene consegnato a Rihanna.

Record[modifica | modifica sorgente]

Il record per più American Music Awards è di Michael Jackson, che ha collezionato 26 premi, il record per un gruppo è degli Alabama, che hanno collezionato 23 premi.

Il record per aver vinto il maggior numero di American Music Awards in un solo anno è detenuto da Michael Jackson (Thriller, 1982-1983) e Whitney Houston ( Guardia del corpo, colonna sonora, 1992-1993). Ognuno dei due ha ricevuto 8 premi (tra cui quello di merito, avuto nell'anno corrispondente da entrambi gli artisti). I record per categoria sono:

Miglior artista pop/rock femminile:4

Miglior artista pop/rock maschile:3

Miglior artista soul/R&B femminile:4

Miglior artista soul/R&B maschile:7

Miglior artista rap/hip-hop maschile: 7

Artista del decennio (Sondaggio speciale)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2000 gli AMA fecero un sondaggio per decidere il migliore artista del decennio per ogni decade dalla creazione del Rock & Roll. I risultati furono:

Tuttavia questa vittoria non viene conteggiata nel totale delle vittorie dei singoli artisti.[1][2][3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lauryn Hill, Backstreet Boys, DMX Honored With American Music Awards, MTV, (January 18, 2000). URL consultato il 16 giugno 2010.
  2. ^ List of American Music Awards winners, Sun Journal, (January 18, 2000). URL consultato il 16 giugno 2010.
  3. ^ Santana wins top album honors at American Music Awards, Times Daily, (January 18, 2000). URL consultato il 16 giugno 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]