Tony Visconti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anthony Edward Visconti
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Glam rock[1]
New wave[1]
Rock progressivo[1]
Periodo di attività 1967 – in attività
Strumento Basso
Chitarra
Voce
Sito web

Anthony Edward Visconti (Brooklyn, 24 aprile 1944) è un produttore discografico statunitense. Oltre a svolgere tale attività, nel corso della sua carriera Tony si è anche saltuariamente esibito come musicista o cantante. Fin dai tardi anni sessanta ha lavorato con numerosi artisti di primo piano, quali i Moody Blues, i T. Rex, Mary Hopkin, i Thin Lizzy, Ralph McTell, gli Sparks, i Gentle Giant, i Boomtown Rats, Hazel O'Connor, Adam Ant, The Stranglers, Richard Barone, i Manic Street Preachers, Kristeen Young e, più di recente, Morrissey. La sua collaborazione più duratura con qualche artista è quella con David Bowie (ha fatto parte dei primi The Spiders from Mars): Visconti ha prodotto, e di quando in quando si è esibito, in modo discontinuo, in molti degli album di Bowie, da Space Oddity del 1969 fino a The Next Day del 2013.

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Visconti è nato a Brooklyn, New York, e suo padre, un patito della musica, gli insegnò a suonare l'ukulele quando aveva cinque anni. Durante gli anni dell’adolescenza ha frequentato la scuola superiore di New Utrecht e ha fatto parte sia di una classica banda di ottoni, come suonatore di tuba, che di un'orchestra tradizionale, suonando il contrabbasso, esibendosi anche come chitarrista di rock 'n' roll. Tale ampia varietà di stili musicali fu alla fine abbandonata all'età di quindici anni, quando concentrò le proprie attenzioni in un complesso rock chiamato Ricardo and the Latineers.
Durante i successivi cinque anni della sua vita, Visconti si dedicò specialmente alla musica soft rock e lounge, suonando sia il basso che la chitarra elettrica. Con la sua futura moglie, Siegrid, tentò di far carriera come duo pop, chiamato Tony e Siegrid. Usando questo nome pubblicarono, alla fine del 1966, il loro primo singolo, Long Hair, un parziale successo nella regione di New York City, raggiungendo la 33sima posizione nella classifica della locale stazione radio WMCA[2]. Questo fu comunque il massimo successo ottenuto dal duo, che non produsse altri singoli.
Dopo aver fallito come cantante pop commercialmente valido, Visconti divenne produttore interno per il suo editore, la Richmond Organization.

La produzione[modifica | modifica sorgente]

La grande svolta di Visconti si ebbe nel 1968 grazie ad un incontro casuale col produttore britannico Denny Cordell, avvenuto mentre Tony stava ancora lavorando come produttore interno di Richmond. Cordell gli chiese di coadiuvare nelle incisioni il rinomato cantante jazz Georgie Fame. Visconti si spostò a Londra, un trasferimento, divenuto ben presto permanente, in una città dove sarebbe vissuto per la maggior parte dei successivi trent'anni e dove sarebbe finalmente sbocciata la sua carriera.
Uno dei suoi primi progetti come produttore in Inghilterra fu col gruppo gallese The Iveys (che in seguito raggiunse la notorietà come Badfinger). Tony produsse molte tracce per il primo LP del gruppo, Maybe tomorrow, pubblicato su etichetta Apple dei Beatles. La traccia del titolo di questo album fu messa in commercio come singolo nel 1968, raggiungendo la 67sima posizione del Billboard Hot 100. Il precedente lavoro da produttore per l’album Prophets, Seers & Sages – The Angels of the Ages del gruppo britannico Tyrannosaurus Rex (che più tardi sarebbe divenuto T. Rex) si rivelò di importanza decisiva nel dare impulso alla sua brillante carriera. Stava cominciando una collaborazione con i T. Rex che sarebbe durata per i successivi sette album. Uno dei maggiori successi di Visconti fu Electric Warrior, l'album che rese Marc Bolan, il leader e la mente pensante dei T. Rex, un vero divo e che rafforzò la sua fama come produttore. Poco dopo Visconti cominciò a lavorare con David Bowie e, insieme al chitarrista Mick Ronson e al batterista John Cambridge, formò la band The Hype nella quale lui suonava il basso (da questo gruppo sarebbero poi nati gli Spiders from Mars). Sebbene il nome della band avrebbe avuto vita breve, la formazione restò in piedi più a lungo e proseguì registrando nel 1970 l'album di esordio ed il singolo The Man Who Sold the World. Tony proseguì a lavorare ancora sugli album Diamond Dogs (1974), Young Americans (1975), "Heroes" (1977), Low (1977), Lodger (1979) e Scary Monsters (and Super Creeps) (1980).
Visconti avrebbe poi prodotto due album completi per i Moody Blues, The Other Side of Life del 1986 e Sur La Mer del 1988.
Nel 1987, Visconti, insieme con la prima voce dei Moodies, Justin Hayward, compose musica di sottofondo per la serie di fantascienza "Star Cops", trasmessa dal secondo canale della BBC.

Dalla fine degli anni ottanta, l’ampio coinvolgimento di Visconti con artisti di grido cominciò a scemare, ma ciononostante continuò a lavorare con molti gruppi formatisi più di recente. Nel 1990 ha prodotto e scritto gli arrangiamenti per l'album di esordio del gruppo newyorkese Electric Angels. Ha prodotto molte tracce negli album Keys of the Kingdom dei Moody Blues (1991), Electric Honey dei Luscious Jackson, Leisure Noise dei Gay Dad, Soul Caddy dei Cherry Poppin' Daddies, The Dawn of Ananda di Annie Haslam e Moonchild di Debbie Gibson. Nel 1997 Visconti ha prodotto l’album di debutto del gruppo The Seahorses, la nuova band di John Squire dopo che aveva lasciato gli Stone Roses. L'album, Do it yourself, ebbe però un successo limitato. Negli anni duemila Visconti ha rinnovato la sua collaborazione con David Bowie, producendo gli album Heathen nel 2002 e Reality nel 2003. Questi due album si rifanno al suo lavoro di produzione di Berlino con Bowie e per molti critici contengono il meglio degli ultimi lavori di Bowie. Un elenco degli album più conosciuti ai quali è stato associato è consultabile sul suo sito web ufficiale.

Dopo la fine del suo matrimonio con Siegrid, Visconti si è sposato e si è separato altre due volte. Dal 1971 al 1981 è stato sposato con Mary Hopkin, dalla quale ha avuto due figli, Morgan e Jessica (Visconti aveva prodotto nel 1971 il secondo album di Hopkin per la Apple Records, Earth Song/Ocean Song). Si è poi sposato con May Pang dal 1989 al 2000, dalla quale ha avuto altri due figli, Sebastian e Lara. Pang aveva raggiunto la notorietà come la donna con cui visse John Lennon nel 1974 nel periodo in cui si era separato da Yoko Ono (era la segretaria di entrambi).

Nel 2003 produsse un gruppo di tracce, nelle quali suonò anche il basso, dall’album Welcome to the Monkey House dei The Dandy Warhols. Nello stesso anno si unì coi Finn Brothers (i fratelli Neil e Tim dei Crowded House) per registrare e produrre in cooperazione il loro secondo album, rilasciato alla fine nel 2004. Per ragioni largamente incomprese, i fratelli registrarono nuovamente l’intero album e a Tony vennero riconosciuti solamente gli arrangiamenti. Nel 2004 lui produsse tre canzoni dell'album Lifeblood dei Manic Street Preachers mentre nel 2005 ha collaborato coi Kashmir, un gruppo di Copenaghen, nel cui quinto album, No Balance Palace, compare David Bowie. Ha collaborato anche come coautore e produttore nel progetto del nuovo album di Richard Barone, Glow. Ha lavorato a Roma per l’album di Morrissey del 2006 Ringleader of the Tormentors. La sua autobiografia, Bowie, Bolan ed il Ragazzo di Brooklyn fu pubblicata a febbraio del 2007 dall'editore HarperCollins.

Il 2007 e il 2008 hanno visto Visconti molto attivo in studio con la cantante del Benin Angélique Kidjo, quale produttore dell’album Djin Djin che ha vinto un Grammy Award. Tra le guest star di questa sua attività di studio vengono annoverati Alicia Keys, Peter Gabriel, Joss Stone, Josh Groban e Carlos Santana.

In questo periodo Visconti ha inoltre:

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Tony Visconti - The Autobiography: Bowie, Bolan and the Brooklyn Boy, Harper Collins, 2007, ISBN 0007229445

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 74049739 LCCN: n95041473