Associazione Calcio Fanfulla 1874

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Associazione Calcio Fanfulla 1874
Calcio Football pictogram.svg
Fanfu.png
Il Guerriero
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Bianco Nero Rosso Giallo Crociato.png Bianco e nero
Dati societari
Città Lodi Lodi
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza Lombardia girone B
Fondazione 1908
Presidente Italia Enrico Bornatici
Allenatore Italia Claudio Nichetti
Stadio Dossenina
(2.184 posti)
Palmarès
Trofei nazionali 1 Coppe Italia Serie C/Lega Pro
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Fanfulla 1874 è la principale società calcistica di Lodi. Nel 1908 costituì la sezione calcio dell'Associazione Sportiva Fanfulla, polisportiva fondata il 15 agosto 1874 come Società Lodigiana di Ginnastica e Scherma.

Prende il nome da Fanfulla da Lodi, uno dei tredici cavalieri italiani che sconfissero i francesi nella disfida di Barletta del 1503. per questo motivo la squadra lodigiana è anche chiamata Guerriero dai suoi tifosi.

Nel 1974 il club fu insignito della Stella d'oro al merito sportivo[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'inizio dell'attività ufficiale del club lodigiano si fa risalire al 28 giugno 1908, data in cui l'Associazione Calcio Fanfulla, sezione calcio dell'Associazione Sportiva Fanfulla, organizzò e disputò a Lodi, in occasione dell’inaugurazione del campo sportivo Due Chiavi, un torneo amichevole vinto dal Milan. In realtà il Fanfulla aveva, di fatto, avviato la pratica del gioco del calcio l'anno precedente, dopo aver ospitato, il 26 maggio 1907, la gara internazionale Milan-Zurigo sul campo del tiro a volo, in località "Capanno".

Iscrittosi alla Federazione Italiana Football nel giugno del 1908, il sodalizio bianconero è da considerare una delle più antiche società calcistiche lombarde in attività. Partecipò al primo campionato regionale nel 1913-14 guadagnando immediatamente l'accesso alla Promozione, ma la sua ascesa fu troncata dall'inizio della Prima guerra mondiale. Non iscritto all'inizio della stagione sportiva 1919-20 poiché mancante di un impianto sportivo adeguato, inaugurò il nuovo campo della Dossenina all'inizio del 1920, mentre nella stagione 1920-21 ritornò a disputare il campionato di Promozione chiudendo al 3º posto nelle finali di Promozione Lombarda. A questo punto i lodigiani si erano illusi di essere stati promossi in Prima Categoria, perché a loro dire il regolamento prevedeva la promozione per le prime tre classificate, ma la FIGC non fu d'accordo, ammettendo in Prima Categoria solo la vincente del campionato lombardo di Promozione.[2] Dopo una lunga diatriba con la FIGC, i lodigiani si rassegnarono alla mancata promozione che era stata a loro dire ingiustamente revocata, e si prepararono al successivo campionato di Promozione lombarda 1921-22, che vinsero, venendo finalmente promossi in Prima Categoria e ricevendo persino una lettera di congratulazioni dalla FIGC.[3] A causa della scissione della Prima Categoria in due serie, Prima e Seconda Divisione, tuttavia, il Fanfulla non fu ammessa alla massima serie, bensì al campionato cadetto (Seconda Divisione).

Al debutto in cadetteria, il Fanfulla si comportò benissimo nel girone di andata, sembrando addirittura in grado di vincere il girone, ma nel girone di ritorno il suo rendimento calò, calo che comunque non compromise la salvezza, raggiunta con il quarto posto. Nella stagione successiva il Fanfulla migliorò ulteriormente, chiudendo al secondo posto il campionato di Seconda Divisione girone D. Nel campionato 1925-26, invece, non riuscì a salvarsi: non ammessa alla Prima Divisione (la nuova denominazione del campionato cadetto), venne declassata nel campionato di terzo livello (Seconda Divisione Nord). Rimase in tale categoria fino al 1928, anno in cui approdò in Prima Divisione (l'equivalente dell'attuale Lega Pro).

Lo storico stadio della Dossenina

Il Fanfulla raggiunse il momento più alto della sua storia tra il 1938 e il 1953, periodo durante il quale vinse due volte il Campionato Nazionale di Serie C e disputò 13 stagioni in Serie B. La prima, storica, promozione in Serie B avvenne al termine di un drammatico spareggio giocato a Pavia contro il Piacenza. La partita fu occasione di quello che all'epoca fu considerato un vero e proprio esodo: tremila lodigiani giunsero a Pavia, un migliaio di tifosi avversari arrivarono dalla città emiliana. Al termine dell'incontro, vinto dai bianconeri per 2-1 in rimonta, si segnalarono tafferugli tra sostenitori[4] La squadra lodigiana conseguì risultati di notevole prestigio anche durante il Torneo Misto di Guerra 1943-44, riservato alle compagini di Serie A e B del Nord Italia: in quella stagione, il Fanfulla sconfisse sia il Milan sia l'Ambrosiana-Inter. Il Fanfulla abbandonò definitivamente la Serie B al termine della stagione 1953-54, a causa di una penalizzazione di 5 punti subita per via del suo coinvolgimento nel cosiddetto Caso Gaggiotti: il 4 dicembre 1953[5], due giorni prima di Fanfulla-Alessandria (2-1), Emanuele Dalla Fontana, portiere dell'Alessandria, si fece consegnare la somma di 350.000 lire,[5] da Eugenio Gaggiotti,[6] con il quale aveva pattuito l'accordo di aiutare gli avversari nella gara che doveva disputarsi due giorni dopo, ma il calciatore avvertì i suoi dirigenti, i quali denunciarono l'accaduto alla Lega Nazionale, che a sua volta sequestrò il denaro. In seguito a un'inchiesta della Lega[7][8], si scoprì che i mandanti dell'illecito erano i massimi dirigenti del Fanfulla, i quali diedero a Gaggiotti mezzo milione di lire per avvalersi della sua collaborazione. Il consiglio direttivo del Fanfulla aveva messo a disposizione un fondo di 15 milioni di lire per raggiungere — attraverso un numero adeguato di partite pilotate — la quota salvezza di 28 punti, considerato il margine di sicurezza per la permanenza in Serie B.[7] Il 25 marzo 1954 venne emesso il primo verdetto, che deliberò che al Fanfulla fossero tolti i cinque punti conquistati fino all'undicesima giornata, cioè prima della partita incriminata;[5] a causa della penalità di cinque punti il Fanfulla non riuscì ad evitare la retrocessione in Serie C. Nel giugno 1954, infine, Francesco Minojetti e il dott. Rinaldo Briocchi, rispettivamente presidente e dirigente del Fanfulla, furono puniti con l'interdizione di tre anni e la squalifica a vita.[9]

In tempi più recenti, si ricorda la conquista della Coppa Italia di Serie C nel 1984. Dopo essere retrocessi nel Campionato Interregionale nel 1986, i lodigiani restarono ininterrottamente nella massima serie dilettantistica per 17 stagioni, rendendosi protagonisti di alterne vicende. Il punto più basso nella storia del Fanfulla venne toccato nel 2002-03, quando i bianconeri non riuscirono ad evitare la retrocessione in Eccellenza al termine di un inglorioso campionato.

Nel 2004-05 il Fanfulla riuscì tuttavia a riguadagnare la Serie D dopo un torneo dominato dalla prima all'ultima giornata, ma nel 2008-09 retrocedette nuovamente nei campionati regionali.

Nella stagione 2010-2011, dopo un'annata altalenante, il Fanfulla non riesce a superare il Villanterio ai play-out (andata 2-1 per i bianconeri, ritorno 3-0 per i pavesi) e retrocede pertanto alla Promozione Lombarda.

Dopo due stagioni il Fanfulla, nonostante grosse difficoltà economiche, riesce ad allestire una rosa competitiva, riuscendo addirittura ad ottenere con tre giornate di anticipo la vittoria nel girone F di Promozione.

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Cronistoria dell'Associazione Calcio Fanfulla 1874

  • 1908 - Il 23 giugno diventa Associazione Sportiva Fanfulla. Il 28 giugno è costituita la sezione calcio, denominata Associazione Calcio Fanfulla, che viene affiliata alla F.I.F.[10]
  • 1908-13 - Amichevoli e tornei a carattere locale.

  • 1913-14 - 4° nelle finali della Terza Categoria Lombarda - Green Arrow Up.svg Promosso in Promozione Lombarda.
  • 1914/15 - 5° nel girone B in Promozione Lombarda.
  • 1915-16 - 4° nel girone C in Coppa Lombardia.
  • 1916-17 - Amichevoli a carattere locale.
  • 1917-19 - Inattivo.
  • 1919-20 - Non partecipa ad alcun campionato. Inaugura il campo della Dossenina.

  • 1920/21 - 3° nelle finali di Promozione Lombarda.
  • 1921/22 - Vincitore della Promozione Lombarda. Green Arrow Up.svg Ammesso nella Lega Nord.
  • 1922/23 - 4° nel girone C in Seconda Divisione.
  • 1923/24 - 2° nel girone D in Seconda Divisione.
  • 1924/25 - 6° nel girone C in Seconda Divisione.
  • 1925/26 - 9° nel girone A in Seconda Divisione. Red Arrow Down.svg Retrocesso nella categoria inferiore.
  • 1926/27 - 6° nel girone B in Seconda Divisione Nord.
  • 1927/28 - 2° nel girone D in Seconda Divisione Nord. Green Arrow Up.svg Ammesso d'ufficio nel campionato transitorio di rincalzo del Nord.
  • 1928/29 - 3° nel girone B nella declassata Prima Divisione Nord.
  • 1929/30 - 4° nel girone B di Prima Divisione Nord.

  • 1930/31 - 9° nel girone C di Prima Divisione Nord.
  • 1931/32 - 13° nel girone B in Prima Divisione Interregionale
  • 1932/33 - 13° nel girone B in Prima Divisione Interregionale, ripescato.
  • 1933/34 - 9° nel girone C in Prima Divisione Interregionale.
  • 1934/35 - 5° nel girone B in Prima Divisione Interregionale.
  • 1935/36 - 12° nel girone B in Serie C.
  • 1936/37 - 8° nel girone B in Serie C.
  • 1937/38 - 1° nel girone B in Serie. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie B.
  • 1938/39 - 10° in Serie B.
  • 1939/40 - 11° in Serie B.

  • 1940/41 - 13° in Serie B.
  • 1941/42 - 12° in Serie B.
  • 1942/43 - 8° in Serie B.
  • 1943/44 - 4° nel Campionato Lombardo di guerra.
  • 1944-45 - Attività sospesa per cause belliche.
  • 1945/46 - 7° nel girone B della Serie Mista B-C Alta Italia.
  • 1946/47 - 11° nel girone A di Serie B.
  • 1947/48 - 11° nel girone A di Serie B. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie C.
  • 1948/49 - 1° nel girone A di Serie C. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie B.
  • 1949/50 - 16° in Serie B.

  • 1950/51 - 6° in Serie B.
  • 1951/52 - 12° in Serie B.
  • 1952/53 - 14° in Serie B.
  • 1953/54 - 17° in Serie B per illecito sportivo. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie C.
  • 1954/55 - 15° in Serie C dopo aver perso lo spareggio col Prato. Red Arrow Down.svg Retrocesso in IV Serie.
  • 1955/56 - 1° nel girone B di IV Serie; perde le finali del Nordovest con la Biellese.
  • 1956/57 - 2° nel girone B di IV Serie.
  • 1957/58 - 15° nel girone A di I Categoria Interregionale.
  • 1958/59 - 7° nel girone D dell'Interregionale. Green Arrow Up.svg Ammesso d'ufficio in Serie C per anzianità di servizio.
  • 1959/60 - 10° nel girone A di Serie C.

  • 1960/61 - 4° nel girone A di Serie C.
  • 1961/62 - 3° nel girone A di Serie C.
  • 1962/63 - 7° nel girone A di Serie C.
  • 1963/64 - 12° nel girone A in Serie C.
  • 1964/65 - 17° nel girone A in Serie C. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie D.
  • 1965/66 - 12° nel girone B in Serie D.
  • 1966/67 - 3° nel girone B in Serie D.
  • 1967/68 - 7° nel girone B in Serie D.
  • 1968/69 - 9° nel girone B in Serie D.
  • 1969/70 - 8° nel girone B in Serie D.

  • 1970/71 - 3° nel girone B in Serie D.
  • 1971/72 - 3° nel girone B in Serie D.
  • 1972/73 - 11° nel girone B in Serie D.
  • 1973/74 - 11° nel girone B in Serie D.
  • 1974/75 - 4° nel girone B in Serie D.
  • 1975/76 - 13° nel girone B in Serie D.
  • 1976/77 - 7° nel girone B in Serie D - Cambia denominazione in Associazione Calcio Fanfulla 1874.
  • 1977/78 - 3° nel girone B in Serie D - Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C2.
  • 1978/79 - 10° nel girone B in Serie C2.
  • 1979/80 - 14° nel girone B in Serie C2.

  • 1980/81 - 9° nel girone A in Serie C2.
  • 1981/82 - 4° nel girone A in Serie C2.
  • 1982/83 - 2° nel girone B in Serie C2 - Green Arrow Up.svg Promosso in Serie C1.
  • 1983/84 - 17° nel girone A in Serie C1. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Serie C2 - Vince la Coppa Italia Serie C.
  • 1984/85 - 8° nel girone B in Serie C2.
  • 1985/86 - 16° nel girone B in Serie C2. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Interregionale.
  • 1986/87 - 5° nel girone B in Interregionale.
  • 1987/88 - 14° nel girone B in Interregionale. Ripescato.
  • 1988/89 - 5° nel girone B in Interregionale.
  • 1989/90 - 7° nel girone A in Interregionale.

  • 1990/91 - 7° nel girone C in Interregionale.
  • 1991/92 - 3° nel girone D in Interregionale.
  • 1992/93 - 3° nel girone A nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1993/94 - 10° nel girone C nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1994/95 - 5° nel girone B nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1995/96 - 8° nel girone B nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1996/97 - 7° nel girone C nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1997/98 - 7° nel girone B nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1998/99 - 8° nel girone B nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1999/00 - 9° nel girone B nel Campionato Nazionale Dilettanti.

  • 2000/01 - 2° nel girone B in Serie D.
  • 2001/02 - 6° nel girone D in Serie D.
  • 2002/03 - 17° nel girone A in Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza Lombarda.
  • 2003/04 3° nel girone C in Eccellenza Lombarda.
  • 2004/05 1° nel girone A in Eccellenza Lombarda. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D.
  • 2005/06 5° nel girone B in Serie D.
  • 2006/07 14° nel girone B in Serie D; vince i playout col Palazzolo.
  • 2007/08 16° nel girone B in Serie D; vince i playout col Trento.
  • 2008/09 18° nel girone B in Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza Lombarda.
  • 2009/10 7° nel girone A in Eccellenza Lombarda.

  • 2010/11 12° nel girone A in Eccellenza Lombarda. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione Lombarda dopo lo spareggio contro il Gavirate e i play out contro il Villanterio (and: 1-2, rit: 0-3).
  • 2011/12 6° nel girone F in Promozione Lombarda.
  • 2012/13 1° nel girone F in Promozione Lombarda. Green Arrow Up.svg Promosso in Eccellenza.
  • 2013/14 6° nel girone B in Eccellenza Lombarda.
  • 2014/15 nel girone C in Eccellenza Lombarda.

Strutture[modifica | modifica sorgente]

Stadio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Dossenina.

Il Fanfulla gioca gli incontri casalinghi presso lo Stadio Comunale "Dossenina", situato in viale Pavia 24 a Lodi. Riservato esclusivamente al gioco del calcio, è uno stadio in stile inglese; inaugurato nel 1920, prende il nome dall'omonima cascina che sorgeva nelle vicinanze. L'originaria capienza di 7.500 posti è stata ridotta a 2.184 dopo successivi restauri, per ragioni di sicurezza.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori dell'A.C. Fanfulla 1874.
Fanfu.png
Presidenti a.c. Fanfulla 1874
  • 1908 – 1915 Paolo Bonomi
  • 1915 – 1923 Francesco Miglio
  • 1923 – 1925 Costante Rovida
  • 1925 – 1928 Marcello Ghisio
  • 1928 – 1930 Ernesto Castellotti
  • 1930 – 1931 Giulio Fraschini
  • 1931 – 1934 Commissariamento straordinario
  • 1934 – 1935 Egidio Zoncada
  • 1935 - 1940 Ennio Inzadi
  • 1940 - 1942 Egidio Zoncada
  • 1942 – 1942 (cpg.) Piero Asti e Domenico Vianelli
  • 1942 - 1946 Ennio Paleari
  • 1946 - 1949 Enzo Tacchini Paoli
  • 1949 - 1950 Nino Ghisi - Ennio Paleari
  • 1950 - 1954 Francesco Minojetti
  • 1954 - 1968 Ennio Paleari
  • 1968 – 1976 Luciano Zavattiero
  • 1976 - 1979 Guido Campagnoli
  • 1980 - 1983 Pier Rinaldo Cerri
  • 1983 - 1985 Paolo Marchetti
  • 1985 – 1987 Lino Ballardini
  • 1987 - 1987 Roberto Guzzeloni
  • 1987 - 1999 Italo Minojetti
  • 1999 - 2001 Silvano Chiapparoli
  • 2001 - 2007 Emiliano Lottaroli
  • 2007 – 2012 Roberto Minojetti
  • 2012 - in carica Enrico Bornatici


Legenda:
(cpg.) Comitato Presidenziale di Guerra.

Giocatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori dell'A.C. Fanfulla 1874.

Statistiche e record[modifica | modifica sorgente]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica sorgente]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Seconda Divisione 4 1922-1923 1925-1926 18
Prima divisione 1 1928-1929
Serie B 13 1938-1939 1953-1954
Seconda Divisione 2 1926-1927 1927-1928 21
Prima Divisione 6 1929-1930 1934-1935
Serie C 11 1935-1936 1964-1965
Serie C1 1 1983-1984
IV Serie 4 1955-1956 1958-1959 24
Serie D 13 1965-1966 1977-1978
Serie C2 7 1978-1978 1985-1986
Interregionale 6 1986-1987 1991-1992 21
C.N.D. 8 1992-1993 1999-2000
Serie D 7 2000-2001 2008-2009

Oltre alle 83 stagioni sportive disputate a livello nazionale dall'esordio nella Lega Nord, riportate nella tabella qui sopra, va aggiunto il campionato misto di guerra.

Campionati regionali

Statistiche di squadra[modifica | modifica sorgente]

Fanfu.png
Statistiche campionato

Vittoria più larga in casa

Vittoria più larga in trasferta

Sconfitta più pesante in casa

Sconfitta più pesante in trasferta

Record imbattibilità casalinga

36 partite (26 vittorie, 10 pareggi)

dal 23/01/55 (Fanfulla – Catanzaro 0-1)

al 03/03/57 (Fanfulla – Piacenza 0-1)

Statistiche individuali[modifica | modifica sorgente]

Fanfu.png
Record di reti in campionato

Rivalità[modifica | modifica sorgente]

Nel corso della centenaria storia del Fanfulla, sono sorte numerose rivalità sportive. Tra queste c'è il Derby del Lodigiano contro il Sant'Angelo[11].

Rivalità[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

1983-1984

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

1974

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito ufficiale, A.C. Fanfulla 1874. URL consultato il 18-10-2009.
  2. ^ La cronaca sportiva del Lodigiano e cremasco, 7 ottobre 1921, p. 1.
  3. ^ La cronaca sportiva, 30 giugno 1922, pp. 1-2.
  4. ^ http://www.storiapiacenza1919.it/spar0.htm LO SPAREGGIO: FANFULLA – PIACENZA 2-1
  5. ^ a b c Leo Cattini, Finalmente chiusa l'inchiesta sul caso Gaggiotti: si attende per domani il testo ufficiale della sentenza - Le reazioni del Fanfulla in Nuova Stampa Sera, 25 marzo 1954, p. 4. URL consultato il 3 ottobre 2012.
  6. ^ Nuove rivelazioni della Lega sull'inchiesta del caso Gaggiotti in La Nuova Stampa, 28 marzo 1954, p. 4. URL consultato il 3 ottobre 2012.
  7. ^ a b Nuove clamorose rivelazioni dell'inchiesta sul Gaggiotti in Nuova Stampa Sera, 27 marzo 1954, p. 4. URL consultato il 3 ottobre 2012.
  8. ^ Mandato di arresto pronto per il Gaggiotti in Nuova Stampa Sera, 12 marzo 1954, p. 4. URL consultato il 3 ottobre 2012.
  9. ^ Dirigente del Fanfulla squalificato a vita in La Nuova Stampa, 11 giugno 1954, p. 4. URL consultato il 4 ottobre 2012.
  10. ^ L'elenco delle squadre affiliate alla F.I.F. nel 1908 fu fornito dall'ex Presidente rag. Luigi Bosisio all'AIA che lo pubblicò sulla rivista L'Arbitro nel 1925. La raccolta della rivista fu digitalizzata e messa su 3 cd-rom a cura dello Storiografo dell'AIA Luciano Lupi di Genova nel 2004. Atalanta, Casteggio, Collegio Facchetti (Treviglio), Fanfulla e Trevigliese figurano tra le 34 società affiliate nel 1908.
  11. ^ S.ANGELO - FANFULLA : La storia del derby

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Aldo Papagni e Andrea Maietti, Il secolo del Guerriero – Lodi e l'A.C. Fanfulla: cento anni di passioni sportive (1908-2008), Azzano San Paolo, Bolis Edizioni, 2008. ISBN 8878271705.
  • Luigi Zanoncelli, Origini ed evoluzioni dello Sport Lodigiano dal 1874 al 1924, Lodi, 1972. ISBN non esistente.
  • Autori vari, A.S. Fanfulla 1874 – Cento anni di sport, Lodi, 1974. ISBN non esistente.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio