Paganese Calcio 1926

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paganese Calcio 1926
Calcio Football pictogram.svg
Paganese Calcio 1926 Logo.png
Azzurrostellati
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Azzurro con stella Bianca.png azzurro
Simboli stella bianca
Inno Alé Paganese
Dati societari
Città Pagani
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Lega Pro
Fondazione 1926
Scioglimento 1934
Rifondazione 1989
Scioglimento 1998
Rifondazione 1998
Presidente Italia Raffaele Trapani
Allenatore Italia Andrea Sottil
Stadio Marcello Torre
(5.093[1] posti)
Sito web www.paganesecalcio.com
Palmarès
Titoli nazionali 2 Campionati di Serie D
Trofei nazionali 1 Scudetto Dilettanti
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

La Paganese Calcio 1926 S.r.l[2], meglio nota come Paganese, è una società calcistica italiana con sede nella città di Pagani. Il suo colore sociale è l'azzurro ed il suo simbolo è una stella bianca, disputa le sue partite interne allo Stadio Marcello Torre di Pagani.

La Paganese, nel corso della sua storia, ha conquistato due campionati di Serie D e uno Scudetto Dilettanti, oltre a due promozioni in Serie C2, 1 promozione in Serie C1 e una in Lega Pro Prima Divisione.

Nella stagione 2014-2015 milita in Lega Pro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del calcio a Pagani[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1912 Pasquale Carosella istituisce all'interno della sua società, l'Associazione Giovanile Paganese, con sezione calcistica e ciclistica, la Pagani Football Club, che non parteciperà mai ad alcun campionato ma disputerà incontri di carattere amichevole.[3]

I primi campionati[modifica | modifica wikitesto]

Una formazione della Paganese del campionato 1928-1929.

Nel 1926 nasce l'Unione Sportiva Paganese con presidente Giuseppe Baldanza[3]. Una volta costituiti i quadri societari (1927), e con l'avvenuta affiliazione alla FIGC (1928), alla neonata squadra serve un campo da gioco. Prima della nascita della società, infatti, i calciatori di Pagani giocavano in una vasca di raccolta di acque piovane[3], e solo nel marzo 1928 fu concesso il terreno per il campo da gioco.

Il primo campo sportivo nacque al centro della città, in corso Padovano, ove oggi si trova la Villa Comunale: fu il "Campo del Pino", così chiamato perché sorgeva al centro del paese, dove si ergeva un gigantesco pino (simbolo della città) piantato trecento anni prima nel giardino dell'allora convento delle Suore Carmelitane.[3]

Il primo allenatore fu Carlo Venturini, già difensore della Salernitana, che a Pagani ebbe il doppio ruolo di guida tecnica e giocatore.[4]

La squadra si piazzò al quarto posto nel campionato di Terza Divisione 1928-1929, e fu promossa in Seconda Divisione.

La stagione 1929-30 deve essere annoverata tra le più importanti nella storia del calcio paganese. La formazione allenata dal tecnico Gherloni[3] con presidente Costantino Astarita[4] fu la grande sorpresa del campionato di Seconda Divisione 1929-1930 – Girone A. Al termine di 18 combattutissime partite la Paganese si aggiudicò il girone superando squadre del calibro di Reggina, Catania e Cosenza.[4] Grazie al primo posto nel girone la Paganese, insieme alla Reggina, approdarono alle finali interregionali che avrebbero decretato la squadra promossa in Prima Divisione. La Paganese vi arrivò esausta, non disponendo di una rosa di calciatori molto ampia a disposizione e così dovette arrendersi in casa sia alla Reggina, che pure aveva battuto nella regular season per 2-0, sia al Molfetta. Il risultato portò lo scoramento tra i dirigenti azzurri che con un duro comunicato stigmatizzarono il comportamento degli atleti azzurri rei a loro dire di scarso attaccamento ai colori sociali. Per ragioni economiche la Paganese quindi retrocede in Terza Divisione Campania.[3]

Nella stagione 1932-33 la Paganese sfiorò per un soffio la promozione in seconda divisione ma al termine di un'annata caratterizzata da alti e bassi, venne ripescata nella categoria superiore.[3] Nella stagione successiva si classifica al quarto posto in Seconda Divisione regionale.

Gli anni d'oro[modifica | modifica wikitesto]

La Paganese alla fine degli anni settanta allenata da Vincenzo Montefusco.

Nel 1967 la Paganese conquistò la Serie D, categoria nella quale disputò nove stagioni fino alla promozione in Serie C, avvenuta nel 1976. Il salto di categoria venne accompagnato dalla costruzione del nuovo stadio comunale (intitolato poi a Marcello Torre) e all'abbandono, quindi, dello stadio Del Forno, che aveva a sua volta sostituito il "Campo del Pino". La Paganese, nel campionato di serie C 1976-1977, sfiorò la promozione in serie B, giungendo seconda alle spalle del Bari. Gli azzurrostellati subiscono solo 4 sconfitte di cui 2 nella fase conclusiva del torneo allorquando la rimonta sul Bari non sembrava più cosa possibile, vincono 14 incontri e ne pareggiano 20. Probabilmente con un attaccante maggiormente prolifico qualche pareggio si sarebbe trasformato in vittoria ma il campionato che la Paganese disputò rimane la massima espressione calcistica che mai Pagani abbia saputo offrire. Fu una stagione memorabile comunque: secondo posto finale dietro il Bari e semifinale della Coppa Italia serie C contro la Sangiovannese, che superò i campani accedendo alla finale vinta poi dal Lecco.

I tanti soldi spesi suggerirono ai dirigenti di allora di non spingersi oltre con il disavanzo societario. Pertanto si decide di allestire per il campionato di serie C 1977-1978 una squadra giovane. Alla fine la Paganese si classifica decima al termine del campionato, riuscendo a conquistare l'accesso alla serie C1, che sarebbe stata introdotta l'anno successivo in seguito alla divisione del torneo di serie C in C1 e C2.

Angelo Mammì, recordman di reti e terzo giocatore più presente di sempre in maglia azzurrostellata. Tra il 1984 e il 1993 allenò anche la Paganese in tre periodi diversi.

A dare lustro alla stagione calcistica 1977-1978 è la partecipazione al torneo Anglo-Italiano. La Paganese ne aveva conquistato il diritto a farvene parte in seguito al secondo posto ottenuto l’anno precedente. La Paganese sbarcò in Inghilterra e ricevette ospitalità nel mitico "Highbury Stadium" stadio dell'Arsenal, dove la Paganese preparò le sfide contro le formazioni inglesi. Gli azzurri fanno il loro debutto a Londra contro il Wealdstone F.C. il 22 marzo 1978 e vengono sconfitti per 4-2. Tre giorni dopo gli azzurri si arrendono al Bath City F.C. per 2-0. Nelle due gare disputate a Pagani gli azzurrostellati superano il Bangor City F.C. per 1-0 ma vengono successivamente battuti dal Nuneaton Town F.C. per 3-1.

I campionati successivi videro gli azzurrostellati protagonisti di stagioni culminate con la retrocessione in Serie C2 nel 1979. Tuttavia, già al termine della stagione di Serie C2 1979-1980 la squadra si classificò al secondo posto, alle spalle del Cosenza, riapprodando nuovamente in Serie C1. Nel campionato di Serie C1 1980-1981 la formazione azzurro-stellata si classifica al 6º posto. Nel successivo campionato di Serie C1 1981-1982, si classifica nuovamente al sesto posto, avendo così diritto a partecipare alla Coppa Italia 1982-1983 di serie A e B. Alla fine della stagione 1982-1983 la squadra retrocedette di nuovo in Serie C2. Disputò altre quattro stagioni in tale categoria fino al 1987, quando la sconfitta col Frosinone all'ultima giornata di campionato sancì la retrocessione in Interregionale per i campani e la contemporanea promozione in Serie C1 degli avversari ciociari.

Gli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1990 è l'imprenditore edile Raffaele Iacuzio, già dirigente della Paganese durante la presidenza De Risi ai tempi della serie C, a farsi avanti affinché il calcio a Pagani non scompaia. La squadra retrocessa in Prima Categoria fu abbandonata e si poté iscrivere in Promozione solo con l'acquisizione del titolo dell'A.C. Stabia.

Il campionato di Eccellenza 1991-1992 per gli azzurri si rivela un campionato entusiasmante. Mattatore della stagione è l’attaccante Peppe Orlando capace di ben 19 marcature. La prima gara di campionato si disputa in trasferta a Cava de' Tirreni contro la favorita del girone dove gli azzurrostellati si impongono per 2-1. È l'inizio di un cammino trionfale interrotto solo alla settima giornata in seguito alla sconfitta nel derby con la Nocerina e alla nona (Gelbison, 0-1). Con venti vittorie, sette pareggi e solo tre sconfitte, la Paganese si aggiudica il torneo con quattro gare di anticipo e ritorna nel campionato Interregionale denominato Campionato Nazionale Dilettanti. Nel Campionato Nazionale Dilettanti 1992-1993 si classifica quattordicesima salvandosi. Tuttavia nel Campionato Nazionale Dilettanti 1993-1994, pur disputando un buon torneo, classificandosi al decimo posto, retrocede in Eccellenza Campania per motivi economici.

L'annata 1996–1997 vide la sfida stracittadina tra Paganese e Real Paganese con quest'ultima che arrivò a sfiorare la conquista della Coppa Italia dilettantistica riservata alle squadre della regione Campania. Nella Finale disputata a Portici, viene sconfitta dalla Boys Caivanese. Nel campionato di Eccellenza 1996-1997 la Real contende all'Angri la vittoria di campionato. Gli azzurri si classificano al secondo posto e partecipano ai play-off dell'Eccellenza sfidando ancora la Boys Caivanese. Nella gara di andata giocata al "Torre" non va oltre lo 0-0. In quella di ritorno viene sconfitta per 2-1 e deve rinunciare ai sogni di promozione nel campionato di serie D.

Al campionato di Eccellenza 1997-1998 prende parte solo la Real Paganese (la Paganese del presidente Francione cede il titolo al San Marzano). Si punta chiaramente alla vittoria del campionato. La Real Paganese, dopo un lungo inseguimento, giunge seconda a pari merito con la Palmese. Pertanto è necessario uno spareggio per decretare quale delle due squadre debba accedere agli spareggi per la promozione nel campionato di categoria superiore. Lo spareggio si disputa sul campo neutro di Benevento, e vide la sconfitta della Paganese dopo i rigori.

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Domenico Giacomarro traghettò la Paganese fino alla conquista dello Scudetto Dilettanti nella stagione 2005-2006.

La Paganese ritornò in Serie D chiudendo al primo posto il campionato di Eccellenza 1998-1999. Seguirono sei stagioni in serie D sotto la presidenza di Domenico Lombardi 1998-2001, Salvatore Righi 2001-2002, Andrea Torre 2002-2003 e Raffaele Trapani 2003-att. Nella stagione 2005-2006 la squadra ha vinto il Girone H della Serie D, aggiudicandosi dunque il passaggio in Serie C2, con cinque giornate di anticipo. La Paganese successivamente partecipa alla fase finale che vede impegnate le nove vincenti dei gironi della serie D. Gli azzurro stellati battono nel loro girone il Sorrento a Pagani per 2-1 e pareggiano a Cassino 0-0. In semifinale la Paganese affronta il Varese che viene battuto a Pagani per 2-1 e in Lombardia per 3-1. La finale vede di fronte Paganese e Fortis Spoleto. Grazie ad una doppietta di Romano, gli azzurri si aggiudicano lo Scudetto Dilettanti e potranno fregiarsi di portare il tricolore sul petto nella successiva stagione in C2.

Nella stagione seguente (2006-2007), dopo il campionato nel Girone B della Serie C2, la Paganese è riuscita a qualificarsi ai play-off per la promozione in Serie C1. Dopo il doppio confronto con la SPAL (1-0 a Pagani e 1-1 a Ferrara) e con la Reggiana (1-0 per gli emiliani all'andata, 2-0 dopo i tempi supplementari per i campani al ritorno) la Paganese è riuscita a ritornare in Serie C1 a distanza di 24 anni, realizzando una doppia promozione in due anni.

Al ritorno in C1 il tecnico, Vincenzo Cosco, si dimette dopo tre partite (due sconfitte e uno pareggio). Viene così ingaggiato Andrea Chiappini. Dopo un buon girone d'andata, quello del ritorno è negativo e la squadra si ritrova all'ultimo posto. Dopo la sconfitta per 5-0 col Legnano e il pareggio con l'Hellas Verona, in casa, il presidente Trapani esonera Chiappini e chiama Roberto Miggiano.

Nell'ultima giornata la squadra batte il Cittadella e riesce a qualificarsi ai playout, evitando la retrocessione diretta. Nei playout la Paganese incrocia il Lecco. La gara di andata in casa dei lariani termina 1-0 per i padroni di casa, mentre quella di ritorno viene vinta dalla squadra salernitana per 2-0.

Per la stagione 2008-2009 la dirigenza ingaggia come tecnico Ezio Capuano, e giocatori come Imparato (dalla Salernitana), Esposito (dal Foggia), Mirko Taccola (dal San Marino ma con esperienze in A con Inter e Napoli), Nassim Mendil, Giuseppe Ingrosso (proveniente dal Bari) e infine Armando Pantanelli, portiere veterano con numerose presenze in Serie A. La squadra riesce a centrare l'obiettivo stagionale, evitando i play out e salvandosi direttamente.

Per la stagione 2009-2010 viene richiamato Giuseppe Palumbo come guida tecnica della squadra; Palumbo viene poi sostituito dopo due giornate da Andrea Pensabene, a sua volta esonerato dopo nove giornate. Successivamente nessuna novità per quanto riguarda la panchina della Paganese in quanto rientra nei ranghi tecnici della squadra il tecnico lucano Giuseppe Palumbo. Al termine della stagione la squadra retrocede dopo aver perso gli spareggi salvezza con il Viareggio.

Gli anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2010-2011 grazie al ripescaggio del 4 agosto 2010, ha disputato per il quarto anno consecutivo il campionato di Lega Pro Prima Divisione. La Paganese termina però il campionato all'ultimo posto dopo l'1-0 con il SudTirol e viene direttamente retrocessa in Lega Pro Seconda Divisione.

Nella stagione 2011-2012 la Paganese si classifica al sesto posto nel girone C di Seconda Divisione, guadagnando l'accesso ai play-off; nel corso degli spareggi, la formazione allenata da Gianluca Grassadonia sconfigge in semifinale la Vigor Lamezia e in finale il Chieti, ritornando in Lega Pro Prima Divisione.

Nella stagione 2012-2013 la Paganese batte, dopo 50 anni, la Nocerina in trasferta per 4-1 nella partita disputata sul campo neutro del Chieti a porte chiuse per motivi di ordine pubblico. La squadra, guidata da Gianluca Grassadonia va a segno con Girardi, Calvarese e doppietta di Francesco Scarpa. La Paganese si salva tranquillamente grazie al nono posto.[5].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Paganese Calcio 1926
  • 1926: Fondazione della Unione Sportiva Paganese.
  • 1927: Costituzione dei quadri societari.
  • 1928: Si affilia alla F.I.G.C. iscrivendosi al campionato di Terza Divisione.
  • 1928-29 - 4° in Terza Divisione Campana.Green Arrow Up.svg Promossa in Seconda Divisione Sud.
  • 1929-30 - 1° nel girone A della Seconda Divisione Sud, si ritira dalle finali. Per ragioni economiche Red Arrow Down.svg retrocede in Terza Divisione. Cambia denominazione in U.S. Fascista Paganese

  • 1930-31 - 10° nel girone B della Terza Divisione Campana.
  • 1931-32 - 5° nel girone A della Terza Divisione Campania. Cambio denominazione in A.S. Pagani.
  • 1932-33 - 1° nel girone ? della Terza Divisione Divisione, 3° nel girone finale.Green Arrow Up.svg Promossa in Seconda Divisione.
  • 1933-34 - 4° in Seconda Divisione Campana.
  • 1934-43: Partecipa a tornei non affiliati alla FIGC.

  • 1943-45: Attività sospesa per cause belliche. Ritorna alla denominazione di U.S. Paganese.
  • 1945-46 - 4° nelle finali della Prima Divisione Campana.
  • 1946-47 - 7° nel girone B di Prima Divisione Campana.
  • 1947-48 - 2° nel girone B di Prima Divisione Campana.
  • 1948-49 - 1° nel girone B di Prima Divisione Campana. Green Arrow Up.svg Promossa in Promozione. Perde il titolo regionale contro l'Acerrana.
  • 1949-50 - 3° nel girone M della Promozione.

  • 1950-51 - 6° nel girone M della Promozione.
  • 1951-52 - 8° nel girone M della Promozione. Red Arrow Down.svg Retrocessa nella nuova Promozione Regionale.
  • 1952-53 - 7° nella Promozione Campana.
  • 1953-54 - 3° nella Promozione Campana.
  • 1954-55 - 12° nella Promozione Campana vincendo lo spareggio salvezza con l'A.C.L.I. Torre.
  • 1955-56 - 3° nella Promozione Campana.
  • 1956-57 - 10° nella Promozione Campana.
  • 1957-58 - 9° nel girone campano C del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1958-59 - 2° nel girone campano D del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1959-60 - 5° nel girone C della Prima Categoria Campana.

  • 1960-61 - 4° nel girone D della Prima Categoria Campana.
  • 1961-62 - 4° nel girone D della Categoria Campana.
  • 1962-63 - 9° nel girone C della Prima Categoria Campana.
  • 1963-64 - 9° nel girone C della Prima Categoria Campana.
  • 1964-65 - 5° nel girone C della Prima Categoria Campana. Si fonde con la Polisportiva Paganese neopromossa in Prima Divisione[3] e mantiene la denominazione U.S. Paganese.
  • 1965-66 - 1° nel girone C della Prima Categoria Campana, perde lo spareggio con la Sessana (0-1).
  • 1966-67 - 1° nel girone C della Prima Categoria Campana. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie D.
  • 1967-68 - 5° nel girone G della Serie D.
  • 1968-69 - 3° nel girone G della Serie D.
  • 1969-70 - 3° nel girone G della Serie D.

  • 1970-71 - 3° nel girone G della Serie D.
  • 1971-72 - 9° nel girone G della Serie D.
  • 1972-73 - 15° nel girone G della Serie D.
  • 1973-74 - 3° nel girone G della Serie D.
  • 1974-75 - 4° nel girone G della Serie D.
  • 1975-76 - 1° nel girone G della Serie D. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie C.
  • 1976-77 - 2° nel girone C della Serie C.
  • 1977-78 - 9° nel girone C della Serie C. Partecipazione al torneo Anglo-Italiano.
  • 1978-79 - 18° nel girone B della Serie C1. Red Arrow Down.svg Retrocessa in Serie C2.
  • 1979-80 - 2° nel girone D della Serie C2. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie C1.


  • 1990-91 - 3° nel girone B della Promozione Campania. Green Arrow Up.svg Promossa in Eccellenza Campania.
  • 1991-92 - 1° in Eccellenza Campania. Green Arrow Up.svg Promossa nel C.N.D. Assume la nuova denominazione Associazione Calcio Paganese.
  • 1992-93 - 15° nel girone H del C.N.D.
  • 1993-94 - 10° nel girone H del C.N.D. Red Arrow Down.svg Retrocede in Eccellenza Campania per motivi economici.
  • 1994-95 - 3° in Eccellenza Campania.
  • 1995-96 - 5° in Eccellenza Campania.
  • 1996-97 - 11° in Eccellenza Campania
  • 1997-98 - 3° in Eccellenza Campania. Cede il titolo sportivo al San Marzano. L'unica squadra della città è la A.S. Real Paganese[3]. Perde lo spareggio con la Palmese.
  • 1998-99 - 1° in Eccellenza Campania. Green Arrow Up.svg Promossa nel C.N.D..
  • 1999-00 - 9° nel girone G del C.N.D.

  • 2000-01 - 12° nel girone G della Serie D.
  • 2001-02 - 9° nel girone I della Serie D.
  • 2002-03 - 8° nel girone G della Serie D. Cambia denominazione in Paganese Calcio 1926 S.r.l.[7]
  • 2003-04 - 6° nel girone G della Serie D.
  • 2004-05 - 3° nel girone I della Serie D.
  • 2005-06 - 1° nel girone H della Serie D. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie C2, vince lo Scudetto Dilettanti Scudetto.svg
  • 2006-07 - 4° nel girone B della Serie C2. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie C1 dopo i play-off.
  • 2007-08 - 15° nel girone A della Serie C1, salva dopo i play out con il Lecco.
  • 2008-09 - 13° nel girone B della Lega Pro Prima Divisione.
  • 2009-10 - 17° nel girone A della Lega Pro Prima Divisione. Ai play-out, Red Arrow Down.svg retrocessa dopo gli spareggi, ma successivamente ripescata.

  • 2010-11 - 18° nel girone A della Lega Pro Prima Divisione. Red Arrow Down.svg Retrocessa in Lega Pro Seconda Divisione.
  • 2011-12 - 6° nel girone B di Lega Pro Seconda Divisione. Ai Play-off Batte il Vigor Lamezia in semifinale e in finale il Chieti. Green Arrow Up.svg Promossa in Prima Divisione.
  • 2012-13 - 9° nel girone B di Lega Pro Prima Divisione.
  • 2013-2014 - 16° nel girone B di Lega Pro Prima Divisione.
Primo turno di Coppa Italia. Primo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Paganese Calcio 1926 Logo.png
Cronologia delle denominazioni
  • 1926-1929: 600px Azzurro con stella Bianca.png Unione Sportiva Paganese
  • 1929-1931: 600px Azzurro con stella Bianca.png Unione Sportiva Fascista Paganese
  • 1931-1945: 600px Azzurro con stella Bianca.png Associazione Sportiva Pagani
  • 1945-1982: 600px Azzurro con stella Bianca.png Unione Sportiva Paganese
  • 1982-1989: 600px Azzurro con stella Bianca.png Paganese Calcio S.r.l.
  • 1989-1991: 600px Azzurro con stella Bianca.png Pol. Azzurra Paganese
  • 1991-1998: 600px Azzurro con stella Bianca.png Associazione Calcio Paganese
  • 1998-2003: 600px Azzurro con stella Bianca.png A.S. Real Paganese
  • 2003-oggi: 600px Azzurro con stella Bianca.png Paganese Calcio 1926

Il simbolo ufficiale della Paganese è una stella bianca, il colore sociale è l'azzurro. La prima maglia è azzurra, con delle righe bianche. La seconda maglia, invece, è bianca, con righe azzurre; la terza maglia, infine, è rossa con righe bianche.[8] Il logo ufficiale è stato adottato dalla società dal 2003, quando Raffaele Trapani è diventato presidente del club.

Nella sua storia, la Paganese ha cambiato diverse volte la sua denominazione. Nel 1926 nasce la Unione Sportiva Paganese, e in seguito nel 1929, la Paganese assume la denominazione di U.S. Paganese Fascista per via del regime. Nel 1931, la squadra cambia nuovamente denominazione in A.S. Pagani, tale denominazione rimarrà fino al 1945 quando ritorna la denominazione originale di U.S. Paganese. Dal 1982 al 1989, cambia la denominazione in Paganese Calcio S.r.l.

In seguito all'esclusione dai campionati per problemi economico-finanziari, nel periodo 1989-1991 la squadra assumerà la denominazione di Polisportiva Azzurra Paganese, ma dal 1991 assumerà la denominazione di Associazione Calcio Paganese.

Nel 1997 la squadra cede i diritti sportivi al San Marzano, e l'anno seguente la società viene assorbita dall'Associazione Sportiva Real Paganese, già attiva da un paio d'anni, la quale porterà avanti la storia del calcio cittadino con il ritorno della vecchia denominazione dal 2003, con l'arrivo di Raffaele Trapani, di Paganese Calcio 1926 S.r.l.[9]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Marcello Torre.
La tribuna dello stadio Marcello Torre.

Dal sito ufficiale della società:[1]

Lo Stadio Comunale di Pagani, inaugurato il 19 settembre 1975, è intitolato alla memoria di Marcello Torre, sindaco della città e presidente della Paganese, ucciso l'11 dicembre 1980 in un agguato camorristico. Lo stadio, recentemente ristrutturato, è dotato di:

  • impianto di illuminazione;
  • nuovi spogliatoi per gli atleti;
  • sala medica e antidoping;
  • palestra;
  • sala stampa;
  • tribuna stampa con 20 posti a sedere,
  • 4 postazioni Tv/radio e connessione Internet Adsl;
  • parcheggio interno ed esterno.

Il terreno di gioco misura 105 mt x 65 mt e la capienza totale è di 5093 posti a sedere (1890 tribuna, 1453 distinti, 1200 curva nord, 500 settore ospiti), il settore distinti è interamente coperto. Lo stadio è di proprietà del Comune di Pagani ma la gestione è stata concessa alla Paganese Calcio 1926.

Società[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale società è stata creata nel 2003 con presidente Raffaele Trapani. Fanno parte dell'organigramma anche i vicepresidenti Francesco Marrazzo e Salvatore Piccolo. Altri soci sono Salvatore Marrazzo, Alberto Mastellone e Felice Santoriello. Gli altri componenti dell'organigramma sono: Antonio Buccino e Teodosio Pepe nel ruolo di dirigenti, il segretario Antonio Ferraioli e Alfonso Manzo come responsabile amministrativo.

L'ufficio stampa comprende Carla Polverino (responsabile), Valentino Amato (portavoce), Gianluca Pepe, Roberto Tiano, Fabio Cosentino e Alfonso Belsito. Fotografo ufficiale è Mirco Sorrentino. L'ufficio legale è tenuto dagli avvocati Carlo De Martino e Christian Elettore.

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Dal sito internet ufficiale della società[10][11]

Paganese Calcio 1926 Logo.png
Staff dell'area amministrativa
  • Italia Raffaele Trapani - Presidente:
  • Italia Francesco Marrazzo - Vice Presidente
  • Italia Alfonso Piccolo - Vice Presidente
  • Italia Antonio Buccino - Dirigente
  • Italia Teodosio Pepe - Dirigente
  • Italia Salvatore Marrazzo - Socio
  • Italia Alberto Mastellone - Socio
  • Italia Felice Santoriello - Socio
  • Italia Antonio Ferraioli - Segretario
  • Italia Manzo Alfonso - Resp. Amministrativo
  • Italia Des Napol S.r.l. - Resp. Security
Area Comunicazione, Area Legale e Sponsor
  • Italia Carla Polverino - Responsabile Area Comunicazione
  • Italia Valentino Amato - Staff
  • Italia Alfonso Belsito - Staff
  • Italia Luigi Amendola - Staff
  • Italia Gianluca Pepe - Staff
  • Italia Roberto Tiano - Staff
  • Italia Mirko Sorrentino - Fotografo ufficiale
  • Italia Romano Sapere - Responsabile marketing
  • Italia Avv. Carlo De Martino - Ufficio legale
  • Italia Avv. Christian Elettore - Ufficio legale
  • Italia Eco Sider S.r.l. - Sponsor
  • Italia Legea - Co-Sponsor
  • Italia Sport Medica Italia - Partner ufficiale

[modifica | modifica wikitesto]

Paganese Calcio 1926 Logo.png
Cronologia degli sponsor tecnici
Paganese Calcio 1926 Logo.png
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1926-2008 ...
  • 2008-2009 Istituto Radiologico De Martino[12]
  • 2009-2010 IOMI[12]
  • 2010-2011 CO.FI.MAR S.p.a.[12]
  • 2011-2012 Mr. Magazine[12]
  • 2012-oggi Eco Sider S.r.l.[11][12]


Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori della Paganese Calcio 1926.

Dal sito internet ufficiale della società.

Paganese Calcio 1926 Logo.png
Allenatori
Paganese Calcio 1926 Logo.png
Presidenti
  • 1926-1929 Italia Giuseppe Baldanza
  • 1929-1932 Italia Constantino Astarita
  • 1932-1933 Italia Nicola De Pascale
  • 1945-1947 Italia Raffaele De Vivo
  • 1947-1948 Italia Raffaele De pascale
  • 1948-1957 Italia Alfonso Tortora
  • 1957-1964 Italia Raffaele De Vivo
  • 1964-1975 Italia Attilio De Pascale
  • 1975-1979 Italia Dino Malet
  • 1979-1983 Italia Enzo De Risi
  • 1983-1987 Italia Enzo Cascone
  • 1987-1988 Italia Domenico Bifolco
  • 1988-1989 Italia Nicola Campitiello
  • 1989-1990 Italia Giovanni Cascone
  • 1990-1994 Italia Raffaele Iacuzio
  • 1994-1995 Italia Dino Malet
  • 1995-1997 Italia Pietro Francione
  • 1997-1998 Italia Domenico Campitiello
  • 1998-2001 Italia Domenico Lombardi
  • 2001-2002 Italia Salvatore Righi
  • 2002-2003 Italia Andrea Torre
  • 2003-oggi Italia Raffaele Trapani


Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori della Paganese Calcio 1926.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1975-1976, 2005-2006
2005-2006

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1948-1949
1966-1967
1991-92, 1998-99

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

secondo posto: 1979-1980 (Promossa in C1)
quarto posto: 2006-2007 (Promossa in C1 dopo play-off)
sesto posto: 2011-2012 (Promossa in Lega Pro Prima Davisione dopo play-off)
quarto posto: 1928-1929 (Promossa in Seconda Divisione)

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie C 2 1976-1977 1977-1978 13
Serie C1 5 1978-1979 2007-2008
Lega Pro Prima Divisione 5 2008-2009 2013-2014
Lega Pro 1 2014-2015
Terza Divisione Campania 4 1928-1929 1932-1933 25
Seconda Divisione Campania 2 1929-1930 1933-1934
Promozione 3 1949-1950 1951-1952
Serie D 9 1967-1968 1975-1976
Serie C2 6 1979-1980 2005-2006
Lega Pro Seconda Divisione 1 2011-2012
Serie D \ C.N.D. 9 1992-1993 2005-2006 30
Interregionale 2 1987-1988 1988-1989
Prima Divisione Campania 4 1928-1929 1932-1933
Promozione Campania 5 1952-1953 1956-1957
Campionato Dilettanti Campania 2 1957-1958 1958-1959
Prima Categoria Campania 8 1959-1960 1966-1967
Promozione Campania 2 1989-1990 1990-1991 8
Eccellenza Campania 6 1991-1992 1998-1999

La Paganese ha disputato 42 campionati nazionali, di cui 28 gestiti dalla Lega Pro[13]: 2 campionati di Serie C semiprofessionistica, 5 campionati di Serie C1 (di cui due semiprofessionistici), 4 di Lega Pro Prima Divisione, uno di Lega Pro, 6 campionati di Serie C2 (di cui uno semiprofessionistico), uno di Lega Pro Seconda Divisione e 9 campionati di Serie D semiprofessionistica.[14] Tra i dilettanti, ha disputato 11 campionati di Serie D (2 quando la Serie D si chiamava Interregionale, 3 quando era denominata Campionato Nazionale Dilettanti e 6 con la denominazione attuale). Ha disputato inoltre tre campionati interregionali di Promozione all'inizio degli anni cinquanta.

A livello regionale, la Paganese ha disputato 36 campionati. Al 4º livello abbiamo: 4 campionati di Terza Divisione campana e 2 campionati di Seconda Divisione campana. Al 5º livello, invece, ha disputato: 4 campionati Di Prima Divisione campana, 5 di Promozione campana, 2 di Campionato Nazionale Dilettanti campani e 8 di Prima Categoria campani. Al 6º livello invece: 2 campionati di Promozione Campana (quando non esisteva ancora l'Eccellenza ed era il massimo livello regionale) e 6 campionati di Eccellenza Campania.

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Campionati nazionali

Serie C / C1 / Lega Pro Prima Divisione

  • Stagioni disputate: 11
  • Miglior piazzamento: 2º posto (nella stagione 1976-1977)

Serie C2 / Lega Pro Seconda Divisione

  • Stagioni disputate: 7
  • Miglior piazzamento: 2º posto (nella stagione 1979-1980)
  • Promozioni in Serie C1 / Lega Pro Prima Divisione: 3 (1979-1980; 2006-2007; 2011-2012)

Serie D

  • Campionati vinti: 2 (1996-1997; 2002-2003)
  • Promozioni in Serie C2: 2 (1975-1976; 2005-2006)
  • Scudetti Dilettanti: 1 (2005-2006)
Campionati regionali

Prima Categoria Campania: 1

  • Promozione in Serie D: 1 (1966-1967)

Prima Divisione Campania: 1

  • Promozioni in Promozione: 1 (1948-1949)

Eccellenza Regionale Campana

  • Campionati vinti: 2 (1991-1992; 1998-1999)
  • Promozioni in Serie D / C.N.D: 2 (1991-1992; 1998-1999)

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Paganese Calcio 1926 Logo.png
Record di presenze
  • 214 Italia Luigi Di Giaimo (1974-1979)[3]
  • 156 Italia Carmine Lomonte (1977-1981; 1983-1984)
  • 153 Italia Lino Grassi (1976-1979; 1981-1983)
  • 145 Italia Gianclaudio Iannucci (1976-1981)
  • 143 Italia Gianni Patalano (1975-1979)
  • 128 Italia Santo Giordano (1979-1983)
  • 124 Italia Luigi Tarallo (1978-1979; 1983-1987)
  • 123 Italia Silvano Fiorucci (1979-1983)
  • 120 Italia Carlo Tebi (1983-1987)
  • 107 Italia Marco Fracas (1979-1982;1986-1987)
  • 105 Italia Francesco Scarpa (2006-2008;2011-2013)
Paganese Calcio 1926 Logo.png
Record di reti
  • 41 Italia Angelo Mammì (1973-1976)
  • 37 Italia Gaetano Romano (2004-2006)[3]
  • 34 Italia Tramontano (1965-1966)[3]
  • 34 Italia Francesco Scarpa (2006-2008; 2011-2013)[3]
  • 30 Italia Gianclaudio Iannucci (1976-1981)
  • 28 Italia Marco Fracas (1979-1982;1986-1987)
  • 21 Italia Cafiero (1958-1959)[3]
  • 19 Italia Peppe Orlando (1991-1992)[3]
  • 16 Italia Luca Orlando (2011-2012)[3]
  • 16 Italia Loris Tortori (2009-2011; 2012-2013)


Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La squadra cittadina è sempre stata sostenuta dai tifosi, fino alla stagione 1996-1997, quando si ritrovano nello stesso girone la Paganese e la Real Paganese ma, per i successi ottenuti da quest'ultima, la squadra originale non viene più seguita con la stessa passione dai tifosi, e l'anno successivo la Paganese scompare, dopo che il presidente Francione decide di dare il titolo della squadra al San Marzano. Così, l'unica squadra cittadina resta la Real Paganese, che dal 2003, con l'arrivo di Trapani, acquisterà la denominazione di Paganese Calcio 1926[3].

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Derby calcistici in Campania.

La tifoseria è in cattivi rapporti con la maggioranza delle squadre campane, anche se in precedenza era gemellata anche con la tifoseria della Salernitana, ma in seguito a violenti scontri nella stagione 2010 - 2011, il rapporto di amicizia si interruppe bruscamente. La tifoseria è, inoltre, gemellata con quella del Frosinone e in buoni rapporti con quella del Savoia.

Gemellaggi
Amicizie
Rivalità

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Paganese Calcio 1926 2013-2014.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 9 agosto 2014.

N. Ruolo Giocatore
Italia P Angelo Casadei
Italia P Vincenzo Marruocco
Italia P Rocco Novelli
Italia D Giovanni Tortora
Italia D Massimo Zamparo
Italia D Leonardo Moracci
Italia D Marco Schiavino
Italia D Alessandro Armenise
Italia D Antonio Bocchetti
Italia D Mirko Capaldo
Italia D Alessandro Vinci
Italia D Giuseppe De Risi
Italia D Bruno Fossa
Italia D Domenico Cerqua
Italia D Raimondo Grassadonia
Burkina Faso D Luigi Badji Djibo
N. Ruolo Giocatore 600px Azzurro con stella Bianca.png
Italia C Vincenzo De Liguori
Italia C Diego Acunzo
Italia C Pietro Baccolo
Italia C Francesco Bergamini
Italia C Matteo Calamai
Italia C Francesco Deli
Italia C Nicola Gai
Marocco C Ibrahim Maaroufi
Italia C Federico Valle
Italia C Gianluca Vallefuoco
Italia C Daniele Schiavon
Panamá A Eric Herrera
Italia A Vittorio Bernardo
Italia A Giuseppe Caccavallo
Italia A Raffaele De Luca
Italia A Domenico Girardi

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Dal sito internet ufficiale della società.[23]

Paganese Calcio 1926 Logo.png
Staff tecnico
  • Italia Andrea Sottil - Allenatore
  • Italia Enrico Busolin - Allenatore in seconda
  • Italia Salvatore Malafronte - Preparatore atletico
  • Italia Franco Senatore - Preparatore dei portieri
  • Italia Claudio Sasso - Fisioterapista
  • Italia Cosimo D'Eboli - Direttore Generale
  • Italia Filippo Raiola - Direttore Tecnico
  • Italia Antonio Camelio - Magazziniere
  • Italia Vincenzo Cicalese - Magazziniere
  • Italia Errico Cesareo - Medico Sociale
  • Italia Riccardo Cardasco - Medico Sociale
  • Italia Raffaele De Virgilio - Medico Sociale
  • Italia Ferdinando Ferrara - Medico Sociale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Stadio, paganesecalcio.com. URL consultato il 17 novembre 2013.
  2. ^ dati del registro delle imprese, registrodelleimprese.it, 29 agosto 2012.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Storia, www.paganesecalcio.com. URL consultato il 17 novembre 2013.
  4. ^ a b c De Pascale, capitano e gentiluomo della prima grande paganese, www.paganese.it. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  5. ^ Derby: Super Paganese, Nocerina umiliata, forzanocerina.it. URL consultato il 30 ottobre 2012.
  6. ^ Annuario 1982-83 della F.I.G.C., pag.59.
  7. ^ dati del registro delle imprese, registrodelleimprese.it, 29-08-2012.
  8. ^ Le maglie della Lega Pro 2009-2010 – Divisione 1 – Girone A, passionemaglie.it, 30-08-2012.
  9. ^ dati del registro delle imprese, registrodelleimprese.it, 29-08-2012.
  10. ^ Società, www.paganesecalcio.com. URL consultato il 17 novembre 2013.
  11. ^ a b c Partner, www.paganesecalcio.com. URL consultato il 17 novembre 2013.
  12. ^ a b c d e f Photogallery, www.paganesecalcio.com. URL consultato il 17 novembre 2013.
  13. ^ Comprese denominazioni precedenti di tale lega: Lega Nazionale Semiprofessionisti (1959-1981), Lega Nazionale Serie C (1981-1986), Lega Professionisti Serie C (1986-2007).
  14. ^ La Lega Pro nacque come Lega Nazionale Semiprofessionisti nel 1959 e gestiva fino al 1981 sia la Serie C che la Serie D. Nel 1981 la LNSP cambiò denominazione in Lega Nazionale Serie C e la Serie D fu per la prima volta affidata alla Lega Nazionale Dilettanti (che in precedenza si era limitata a coordinare l'attività dei Comitati Regionali). È quindi improprio definire retroattivamente la Serie D prima del 1981 "dilettantistica" dato che era gestita dalla Lega Nazionale Semiprofessionisti che gestiva anche la Serie C.
  15. ^ Gemellaggi ultras, baritube.org. URL consultato il 30-08-2012.
  16. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Tifonet
  17. ^ solosavoia.it, http://www.solosavoia.it/solosavoia.php?pag=amici.htm. URL consultato il 20-09-2012.
  18. ^ Calcio, 4 feriti a derby Salerno. Scontri durante Salernitana-Paganese, tgcom24.mediaset.it. URL consultato il 28-08-2012.
  19. ^ torneoultras.it. URL consultato il 21-09-2012.
  20. ^ Tifosi, ultrà scopri i gemellaggi e le rivalità, baritube.org. URL consultato il 28-08-2012.
  21. ^ forzaebolitana.blogspot.it, http://forzaebolitana.blogspot.it/p/rivalita.html. URL consultato il 20-09-2012.
  22. ^ Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni sportive-nr. 44/2008 del 30-sett-2008, osservatoriosport.interno.it. URL consultato il 28-09-2012.
  23. ^ Staff tecnico e Sanitario, www.paganesecalcio.com. URL consultato il 29-08-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]