United Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da United Air Lines)
United Airlines
Continental-United Logo.png
United Airlines - N771UA - Flickr - skinnylawyer (3).jpg
Compagnia aerea major
Codice IATA UA
Codice ICAO UAL
Identificativo di chiamata UNITED
Certificato di operatore aereo CALA014A
Inizio operazioni di volo 6 aprile 1926
Descrizione
Hub
Hub secondari
Programma frequent flyer MileagePlus
Airport lounge United Club
Alleanza Star Alliance
Flotta 707 (+280 ordini)
Destinazioni 373
Azienda
Tipo azienda Società di capitali
Fondazione 6 aprile 1926 a Boise
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Sede Chicago
Gruppo United Continental Holdings
Persone chiave
  • Jeffrey A. Smisek (CEO)
  • Glenn F. Tilton (Presidente)
Dipendenti 88.513  (2013)
Slogan Fly The Friendly Skies
Sito web
Bilancio economico
Borse valori NYSE: UAL
Fatturato Green Arrow Up.svg US$ 37,152 miliardi  (2012)
Risultato ante oneri finanziari Red Arrow Down.svg US$ 39 milioni  (2012)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Il Donnelley Building al 77 West Wacker Drive, Chicago, dove si trova la sede di United Airlines
Un Boeing 777-200 nella vecchia livrea di United in atterraggio

United Airlines è una compagnia aerea maggiore statunitense, con sede negli Stati Uniti d'America. È la seconda compagnia aerea al mondo per numero di passeggeri trasportati (dati del 2011) e la terza per passeggeri per chilometro trasportati (dati del 2010). È la compagnia con la più estesa rete del mondo, che raggiunge ben 374 aeroporti diversi (dati di agosto 2014).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

United Air Lines opera 3700 voli al giorno con 78 destinazioni negli USA e 108 internazionali. Nel 2013 ha fatturato 38,3 miliardi di dollari. I principali aeroporti utilizzati da UAL sono Chicago, Denver, San Francisco, Washington, Los Angeles.

Il 1º febbraio 2006 UAL, uscì dal Chapter 11, dov'era dal 9 dicembre 2002. United Airlines è uno dei membri fondatori dell'alleanza globale Star Alliance.

Il 3 maggio 2010, fu annunciata la fusione con la Continental Airlines, che ha creato, di fatto, la prima compagnia aerea del mondo per viaggiatori trasportati e numero di aeromobili. La nuova società, operante dal 2012, ha mantenuto il marchio United e la livrea Continental.[1]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

United Airlines dispone di una flotta di 707 aerei (solo "mainline", sono esclusi i velivoli delle flotte dalle compagnie affiliate che operano per conto di United), con un'età media di 13,6 anni.

United ha annunciato l'intenzione di fornire una connessione internet Wi-Fi a tutti i passeggeri sui Boeing 737 e sui voli internazionali su Boeing 757 entro il 2012[data già trascorsa], per poi estendere il servizio a tutti gli aerei entro il 2015[data già trascorsa]. [da rivedere anche in base alle fonti] Ad agosto 2015 la flotta è così composta:

Flotta United Airlines
Aircraft In Servizio Ordini Opzioni Passeggeri
F B E+ E Total Ref
Airbus A319-100 55 11 14 8 42 78 128 [2]
Airbus A320-200 97 12 36 90 138 [3]
12 42 96 150 [4]
Airbus A350-1000 XWB 35 40
TBA
Boeing 737-700 40 12 8 112 124 [5]
12 40 66 118 [6]
Boeing 737-800 130 14 18 123 155 [7]
16 48 90 154 [8]
16 18 126 160 [9]
20 18 114 152 [10]
Boeing 737-900 12 20 51 96 167 [11]
Boeing 737-900ER 124 6 20 51 96 167 [12]
20 18 135 173 [13]
Boeing 737 MAX 9[14][15] 100
TBA
Boeing 747-400 23 12 52 88 222 374 [16]
Boeing 757-200 71 12 26 72 110 [17]
24 50 108 182 [18]
24 50 114 188 [19]
16 45 108 169 [20]
38 48 24 110 [21]
28 48 66 142 [22]
Boeing 757-300 21 24 57 130 213 [23]
24 24 168 216 [24]
Boeing 767-300ER 35 6 26 71 80 183 [25]
30 49 135 214 [26]
Boeing 767-400ER 16 39 70 133 242 [27]
20 21 215 256 [28]
Boeing 777-200 19 36 89 223 348
12 49 77 114 252
8 40 104 114 266
Boeing 777-200ER 55
12 49 77 114 252
8 40 107 114 269
50 72 145 267
Boeing 777-300ER 10
TBA
Boeing 787-8 Dreamliner 12 35 36 70 113 219
Boeing 787-9 Dreamliner 8 10 48 88 116 252
Boeing 787-10 Dreamliner 27
TBA
Total 714 201 89

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Africa[modifica | modifica wikitesto]

Asia[modifica | modifica wikitesto]

Asia Meridionale[modifica | modifica wikitesto]

Asia Occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Asia Orientale[modifica | modifica wikitesto]

Sud Est Asiatico[modifica | modifica wikitesto]

America[modifica | modifica wikitesto]

America Centrale[modifica | modifica wikitesto]

America Meridionale[modifica | modifica wikitesto]

America Settentrionale[modifica | modifica wikitesto]

(Lista parziale)

Canada Canada

Stati Uniti Stati Uniti d'America

Caraibi[modifica | modifica wikitesto]

Antigua e Barbuda Antigua e Barbuda

  • St.John's - Aeroporto Internazionale V. C. Bird

Aruba Aruba

  • Aeroporto Internazionale Regina Beatrice

Bahamas Bahamas

Barbados Barbados

Bridgetown - Aeroporto di Bridgetown - Grantley Adams

Bonaire

  • Aeroporto Internazionale Flamingo

Giamaica Giamaica

Grenada Grenada

  • Aeroporto Internazionale Maurice Bishop

Haiti Haiti

Isole Cayman Isole Cayman

Isole Vergini americane Isole Vergini americane

Porto Rico Porto Rico

Rep. Dominicana Repubblica Dominicana

Saint Kitts e Nevis Saint Kitts e Nevis

Santa Lucia Santa Lucia

Sint Maarten Sint Maarten

Turks e Caicos Turks e Caicos

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Oceania Australiana[modifica | modifica wikitesto]

Isole del Pacifico[modifica | modifica wikitesto]

Rotte[modifica | modifica wikitesto]

United opera su una grande rete nazionale che si concentra nel Midwest, sulla Costa Occidentale e nel Sud-Ovest degli USA. È la compagnia leader negli Stati Uniti per i collegamenti verso le Hawaii, l'Asia e l'Australia.

Nel 1988 gli accordi con il Giappone permisero di aggiungere delle rotte fra i due paesi e quindi l'istanza della compagnia di una rotta di collegamento fra Chicago e Tokyo, significativa carenza nel network di United fino a quel momento, venne accolta.

Intensificando la sua attenzione sui voli internazionali, in particolare per quanto riguarda la Cina, la compagnia apre rotte con voli diretti verso Pechino, Shanghai e Hong Kong, dagli hub di Chicago, Los Angeles, Newark, San Francisco e Washington. Nel settembre 2007 United ottiene la rotta da San Francisco a Guangzhou.

Sulle tratte lunghe la compagnia riesce ad essere competitiva grazie a svariate tariffe-premio per i passeggeri, mentre nel mercato domestico è rimasta isolata, soprattutto a causa della concorrenza delle low-cost su circa il 70% del network.

Un'altra zona di particolare interesse è l'America Latina, una regione fortemente riconsiderata negli anni 2000: sono state infatti aggiunte nuove rotte verso il Messico e i Caraibi.

Il 18 aprile 2010 la rotta verso il Bahrain, mentre il 20 giugno dello stesso anno viene inaugurata la prima rotta africana con destinazione Accra; entrambe le destinazioni con partenza dall'hub della compagnia a Washington. Questo rese la United Airlines la seconda compagnia aerea americana a volare in tutti e sei i continenti dopo la Delta Air Lines, che ottiene questa qualifica nel giugno del 2009. Il network africano viene poi ampliato nel dicembre 2010 con l'inaugurazione della rotta verso Lagos. Nel maggio del 2012 viene aperta la rotta verso Doha via Dubai, sempre da Washington.

In Europa United Airlines collega per lo più il Regno Unito, la Germania e l' Italia.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il musicista canadese Dave Carroll compose una canzone di protesta, poi diventata popolare, intitolata United Breaks Guitars, dopo che la sua chitarra fu danneggiata durante un volo nel 2008 e la compagnia aerea si rifiutò di risarcirlo.[29][30]

Nel 2002 Jim Stanek, un veterano della guerra in Iraq che aveva riportato danni cerebrali e una grave forma di PTSD,[31][32][33][34] dichiarò che il personale della compagnia gli aveva chiesto se era "ritardato" e aveva preso a calci il suo cane da assistenza.[35][36]

Nel 2015, secondo diverse agenzie di stampa, la United Airlines fece sbarcare una ragazza adolescente autistica senza una giustificazione apparente. L'hashtag #boycottunited e servizi della ABC News superarono i 10.000 tweets su Twitter nell'arco di 24 ore, la maggioranza dei quali critici verso la compagnia.[37][38][39][40]

Sempre nel 2015, a Tahera Ahmad, mullā e direttrice di una organizzazione interreligiosa di volontariato presso la Northwestern University, fu rifiutata una lattina di Coca-Cola sulla base del fatto che avrebbe potuto usare la linguetta come arma.[41][42]

Il 25 marzo 2017 la United Airlines ha rifiutato imbarco a due adolescenti su un volo tra Denver e Minneapolis, in quanto le ragazze indossavano dei leggings. La compagnia ha sostenuto che tale tipo di indumento era inappropriato, poiché le ragazze avevano comprato il biglietto facendo uso di un'agevolazione prevista per parenti di dipendenti dell'azienda. In quanto tali, avrebbero dovuto attenersi al "dress code" previsto dall'azienda.[43]

Il 9 aprile 2017 un passeggero, già imbarcato, è stato trascinato fuori da un aereo in partenza da Chicago per Louisville, dal personale della compagnia con l'assistenza dello staff di sicurezza dell'aeroporto, in quanto si era verificato un overbooking dei posti disponibili.[44] I filmati ripresi dagli altri passeggeri mostrano l'uomo afferrato e trascinato di peso per le braccia lungo l'aereo, nonché tracce di sangue sulla sua faccia.[45][46][47]

Nella notte tra il 18 e il 19 giugno 2017, una coppia in luna di miele imbarcata sul volo New Jersey - Venezia, ha notato una fuoriuscita di carburante dall'ala dell'aereo poco prima del decollo. Dato l'allarme, il volo è stato cancellato. Tutti gli altri passeggeri sono stati alloggiati in delle camere d'albergo. Invece la coppia è stata lasciata dormire sul pavimento dell'area bagagli.[48][49]

Dirottamenti[modifica | modifica wikitesto]

Il volo United Airlines 93 ed il volo United Airlines 175 sono stati dirottati durante gli attentati dell'11 settembre 2001.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ unitedcontinentalmerger.com Let's Fly Together.
  2. ^ United Airlines - Airbus 319 (319), United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  3. ^ United Airlines - Airbus 320 (320), United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  4. ^ United Airlines - Airbus 320 (320) version 2, United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  5. ^ United Airlines - Boeing 737-700 version 2, United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  6. ^ United Airlines - Boeing 737-700, United.com, 14 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  7. ^ United Airlines - Boeing 737-800 (738) version 4, United.com, 14 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  8. ^ United Airlines - Boeing 737-800 (738) version 3, United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  9. ^ United Airlines - Boeing 737-800 (738) version 2, United.com, 14 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  10. ^ United Airlines - Boeing 737-800 (738), United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  11. ^ United Airlines - Boeing 737-900 (739), United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  12. ^ United Airlines - Boeing 737-900 (739) version 2, United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  13. ^ United Airlines - Boeing 737-900 (739) version 3, United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  14. ^ Boeing Announces Historic Order from United Airlines, boeing.mediaroom.com. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  15. ^ United Invests in Future, Places Order for Next-Generation Aircraft, ir.united.com. URL consultato il 13 gennaio 2013.
  16. ^ United Airlines - Boeing 747-400 (747), United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  17. ^ United Airlines - Boeing 757-200 (752), United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  18. ^ United Airlines - Boeing 757-200 (752) version 6, United.com, 14 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  19. ^ United Airlines - Boeing 757-200 (752) version 5, United.com, 14 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  20. ^ United Airlines - Boeing 757-200 (752) version 4, United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  21. ^ United Airlines - Boeing 757-200 (752) version 2, United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  22. ^ United Airlines - Boeing 757-200 (752) version 3, United.com, 14 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  23. ^ United Airlines - Boeing 757-300 (753), United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  24. ^ United Airlines - Boeing 757-300 (753) version 2, United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  25. ^ United Airlines - Boeing 767-300 (763), United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  26. ^ United Airlines - Boeing 767-300 (763) version 2, United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  27. ^ United Airlines - Boeing 767-400ER (764), United.com. URL consultato il 26 marzo 2013.
  28. ^ United Airlines - Boeing 767-400ER (764) version 2, United.com, 14 dicembre 2012. URL consultato il 26 marzo 2013.
  29. ^ Fox & Friends: Fox News, Fox News Channel, July 9, 2009.
  30. ^ Colby Cosh, A man and his guitar, in The Financial Post (Canada), 21 agosto 2009.
  31. ^ Jim Stanek and Sarge – Their Story, Rescued Heroes Foundation. URL consultato il 12 aprile 2017.
  32. ^ Associated Press, Tension Growing Over Role Of PTSD Service Dogs For Veterans, San Diego, KPBS, 10 ottobre 2012. URL consultato il 12 aprile 2017.
  33. ^ Interview: Jim Stanek Talks Service Dogs For Vets, Project Delta Of MN, MSN. URL consultato il 12 aprile 2017.
  34. ^ Dogs of War – Cast – Jim Stanek, su A&E. URL consultato il 12 aprile 2017.
  35. ^ Laura Hibbard, Jim Stanek, Disabled Veteran Says United Airlines Staff Kicked His Service Dog, Asked If He Was ‘Retarded’, su Huffington Post, 22 luglio 2012. URL consultato il 12 aprile 2017.
  36. ^ Beth Ford Roth, Veteran Says United Airlines Mistreated PTSD Service Dog, su KPBS News, San Diego, 24 luglio 2012. URL consultato il 12 aprile 2017.
  37. ^ Carter Evans, Autistic girl removed from flight after emergency landing, su CBS News, 10 maggio 2015. URL consultato il 12 aprile 2017.
  38. ^ WBN Web Desk, Family fights back after teenage daughter with autism kicked off flight, Chicago, WGN TV. URL consultato il 12 aprile 2017.
  39. ^ Rachel Lee Haris, A Range of Reactions to Airline’s Removal of Autistic Child, su New York Times, 14 maggio 2015. URL consultato il 12 aprile 2017.
  40. ^ Emily Shapaire, Woman Claims She and Daughter With Autism Were Kicked Off United Airlines Flight, su ABC News, 11 maggio 2015. URL consultato il 12 aprile 2017.
  41. ^ Ray Sanchez, United apologizes after in-flight discrimination claim, su CNN, 23 giugno 2015. URL consultato il 12 aprile 2017.
  42. ^ Tahera Ahmad: 'This isn't about me and a soda can, it's about systemic injustice', su The Guardian, 2 giugno 2015. URL consultato il 12 aprile 2017.
  43. ^ After Barring Girls for Leggings, United Airlines Defends Decision, New York Times, 26 marzo 2017. URL consultato il 10 aprile 2017.
  44. ^ United Airlines: Passenger forcibly removed from flight, bbc.com, 10 aprile 2017. via www.bbc.com.
  45. ^ United Airlines Passenger Is Dragged From an Overbooked Flight, New York Times, 10 aprile 2017. URL consultato il 10 aprile 2017.
  46. ^ Passenger Forcibly Removed From United Flight, Prompting Outcry, National Public Radio News, 10 aprile 2017. URL consultato il 10 aprile 2017.
  47. ^ Filmato audio United Airlines Security Forcibly Remove Passenger From Overbooked Flight in Appalling Video, su YouTube.
  48. ^ Ginevra Spina, New York, sposini denunciano guasto aereo: United Airlines li fa dormire per terra, in Il Giornale, 20 giugno 017.
  49. ^ James Wilkinson, Honeymooning couple who saved United Airlines plane from disaster when they spotted gallons of fuel gushing from its wing were left 'sleeping on airport, Daily Mail, 20 giugno 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN147768461 · LCCN: (ENn82075719 · ISNI: (EN0000 0000 9950 5471 · GND: (DE5321482-1 · NLA: (EN49283176