Canzoni di protesta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le canzoni di protesta (o anche canzoni impegnate) sono dei brani musicali associati ad un movimento per un cambiamento sociale e politico. Numerose canzoni popolare possono essere considerate di protesta. Tra i movimenti sociali che hanno un gran numero di canzoni a loro legate vi sono i movimenti per i diritti civili, pacifisti, movimenti operai, controcultura, femministi, per la rivoluzione sessuale, ambientalisti, ecc. Spesso si riferisce alle canzoni d'autore degli anni '60 e '70. Sebbene Bob Dylan sia l'artista rappresentante per quanto riguarda questo genere di canzoni, egli stesso non si è mai considerato un cantante di protesta, forse è perché tale appellativo (di protesta) non ha senso di esistere. Tra gli altri artisti famosi possiamo citare gli Inti-Illimani e Joan Baez.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Il sociologo statunitense R. Serge Denisoff considera le canzoni di protesta poco funzionali, come forme di persuasione o di propaganda.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Serge Denisoff, "Songs of Persuasion: A Sociological Analysis of Urban Propaganda Songs", The Journal of American Folklore Vol. 79, No. 314 (October – December 1966), pp. 581–589.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4176005-0 · BNF: (FRcb12151036w (data)