Frontier Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Frontier Airlines
Logo
Frontier-Airlines---Airbus.jpg
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1994
Sede principaleIndianapolis
GruppoRepublic Airways Holdings
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Sito web
Compagnia aerea a basso costo
Codice IATAF9
Codice ICAOFFT
Indicativo di chiamataFRONTIER FLIGHT
HubDenver
Frequent flyerEarlyReturns
Flotta78 (nel 2018)
Destinazioni83
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La Frontier Airlines è una compagnia aerea a basso costo statunitense. Il suo quartier generale è a Denver, in Colorado. Opera voli negli Stati Uniti e verso Messico e Costa Rica. Il suo codice ICAO è FFT il codice IATA è F9.

Gli hub principali dove opera la compagnia sono il Denver International Airport e l'Aeroporto Internazionale Generale Mitchell.

Sussidiaria della Frontier Airlines è la Lynx Aviation, piccola compagnia che opera voli regionali di corto raggio a nome della casa madre.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

La flotta di Frontier Airlines conta:
-27 Airbus A319-100 da 150 posti (aerei più vecchi in graduale phase out);
-24 Airbus A320-200 da 180 posti + 1 ordinato;
-7 Airbus A321-200 da 230 posti + 12 ordinati (in consegna da ottobre 2015)
Altri aerei ordinati:
-18 Airbus A319neo (in consegna dal 2016) da 158 posti;
-62 Airbus A320neo (in consegna dal 2016) da 180 posti;
Totale: 58 aerei + 93 ordini

Flotta del passato:
-Airbus A318-100 fino al 2013 (sostituiti dagli Airbus A320-200 );
-Embraer E-170 fino al 2013 (sostituiti dagli Airbus A320-200 );
-Embraer E-190 fino al 2013 (sostituiti dagli Airbus A320-200 );
-Boeing 737-200 fino al 2004 (sostituiti dagli Airbus A318-100 );
-Boeing 737-300 fino al 2005 (sostituiti dagli Airbus A319-100 )

Frontier Airlines è stata il cliente di lancio degli Airbus A318, ma tutti e 11 gli aerei precedentemente in suo possesso sono in pensione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su frontierairlines.com. Modifica su Wikidata
  • Our history, su frontierairlines.com. (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2011).