Alfa Romeo 155 V6 TI

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfa Romeo 155 V6 TI
Alfa 155 v6 ti.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Alfa Romeo
Categoria DTM
Classe D1
Squadra Alfa Corse
Sostituisce Alfa Romeo 75 Turbo
Sostituita da Alfa Romeo 156 S2000
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio tralicci tubolari in acciaio
Motore Alfa Romeo, V6 benzina 2.500 cm³
Trasmissione cambio semiautomatico sequenziale, 6 rapporti, trazione integrale
Dimensioni e pesi
Peso 1060 kg
Altro
Pneumatici Michelin
Avversarie Mercedes-Benz 190 Evo, Mercedes-Benz C36 AMG, Opel Calibra V6 4x4, BMW M3 E30, Ford Sierra RS500
Risultati sportivi
Debutto 1993
Piloti Alessandro Nannini
Giancarlo Fisichella
Nicola Larini
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
89 38 19 42
Campionati piloti 1 (1993)

L'Alfa Romeo 155 V6 TI è una vettura da competizione realizzata dall'Alfa Romeo sulla base dell'omonimo modello di serie secondo le norme del regolamento tecnico FIA per vetture turismo di Classe 1 (prima divisione o D1), per partecipare al DTM dal 1993 fino al 1996, anno in cui venne ribattezzato ITC (International Touring Car Championship).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Deutsche Tourenwagen Meisterschaft 1993.

Nel 1993, la squadra Alfa Corse capitanata da Giorgio Pianta, a quel tempo direttore del reparto corse Fiat, decise di competere nel DTM, il campionato tedesco per vetture turismo che all'epoca esprimeva il livello tecnico più elevato nel panorama mondiale delle corse turismo. Mentre nel resto d'Europa i campionati turismo di vertice utilizzavano berline con motore 2 litri (Classe 2 o D2), solamente in Germania si preferì invece adottare il regolamento FIA di classe 1 (D1), questa formula prevedeva che a gareggiare fossero vetture con cilindrata massima di 2,5 litri e con un frazionamento massimo di 6 cilindri, derivate da modelli omologati e prodotti in 25.000 esemplari; non era quindi necessario omologare automobili stradali in versioni speciali o spinte, in quanto il regolamento permetteva di modificare profondamente la vettura da corsa, pur mantenendo le fattezze esterne del modello stradale. BMW, Audi e Opel, che sino al 1992 erano impegnate nel DTM non aderirono al nuovo regolamento, lasciando solo la Mercedes-Benz, campione in carica, a gareggiare contro la debuttante Alfa Romeo.

Posteriore di una Alfa 155 V6 TI

La casa tedesca schierò una nuova Mercedes 190 DTM a trazione posteriore da 375 CV, mentre l'Alfa con la sua 155 a trazione integrale e con un motore da 420 CV si dimostrò ben presto più veloce ed affidabile, con due valenti piloti come Nicola Larini e Alessandro Nannini. L'Opel ritornò poi nel DTM, gareggiando nelle ultime prove di campionato con la debuttante Calibra V6. Nicola Larini prevalse su tutti nel corso del campionato, tanto da vincere 11 gare su 20, ottenendo anche 3 pole position e laureandosi naturalmente campione. Nella gara del Nürburgring sul tracciato della Nordschleife, con una lunghezza di quasi 21 km, Larini vinse entrambe le manches, entrando nella storia della Casa milanese per aver riportato la marca a vincere su quel circuito dopo Tazio Nuvolari nel 1935.

Dalla stagione successiva (1994), con l'avvento dell'elettronica, la 155, pur mostrando prestazioni superiori ai concorrenti rivali, cominciò ad avere problemi di affidabilità che costarono la vittoria finale in campionato in diverse occasioni.

L'avventura DTM per la 155 durò fino al 1995, e nel 1996 si trasformò in ITC (International Touring Car Championship).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della sua esperienza nel DTM l'Alfa 155 V6 TI fece registrare un totale di 38 vittorie (più altre 3 in gare esibizione non valevoli per il campionato).

Le vittorie furono ottenute da sette diversi piloti:

In dettaglio:

  • 1993: 12 vittorie su 20 manche (10 Larini, 2 Nannini + 2 vittorie, Danner e Larini nella prova di Donington non valevole per il campionato) - Vettura con più vittorie in campionato
  • 1994: 11 vittorie su 20 manche (4 Larini, 4 Nannini, 2 modena, 1 Nissen + 1 vittoria di Nannini a Donington) - Vettura con più vittorie in campionato
  • 1995: 5 vittorie su 23 manche (2 Bartels, 2 Danner, 1 Larini)
  • 1996: 10 vittorie su 26 manche (7 Nannini, 2 Larini, 1 Tarquini) - Vettura con più vittorie in campionato

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Telaio[modifica | modifica wikitesto]

Linea laterale di una 155 V6 TI al Museo dell'Automobile di Torino

Presentata nel 1993, la 155 V6 TI, esteticamente riproduceva quasi la stessa linea esteriore dell'Alfa Romeo 155 stradale, anche se in realtà era un vero e proprio prototipo nel quale meccanica e carrozzeria erano profondamente rivisti per l'utilizzo nelle competizioni.

Il telaio era di tipo tubolare, costituito da una complessa struttura a traliccio di tubi di acciaio, dentro al quale in posizione anteriore era adagiato il motore.

La carrozzeria da regolamento poteva essere modificata mantenendo però le linee originali, fedelmente riprodotte in carbonio, inoltre al di sotto della linea immaginaria che congiunge la metà inferiore delle ruote erano concesse prese d'aria, sfoghi, appendici libere: in base alla larghezza del modello di serie omologato dipendeva la larghezza della vettura da corsa, infatti era consentito allargare le carreggiate di 10 cm, tanto che la 155 di serie venne addirittura modificata per questo fine.
La normativa imponeva un fondo piatto del corpo vettura per limitare l'effetto suolo, che tuttavia poteva raggiungere un valore importante di 800 kg alla massima velocità, questo grazie anche ad un alettone posteriore posizionato sopra il bagagliaio e uno spoiler sul paraurti anteriore a rasoterra.

Motore[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio del cerchio di una Alfa 155 V6 TI

La parte meccanica era veramente raffinata, materiali e tecnologie erano avanzati quanto le Formula 1 del tempo. Il motore V6 Alfa Romeo di 2,5 litri di cilindrata montato in posizione anteriore longitudinale, passò nel corso delle stagioni dai 420 CV del 1993 ai finali 490 CV del 1996, erogati tra gli 11.500 e gli 11.800 giri/min e con un regime massimo di rotazione di 12.000 giri al minuto (limite massimo consentito dal regolamento), la coppia massima arrivò al valore di 32,4 kgm. Il monoblocco e le testate (realizzate dalla Cosworth) erano di sofisticate leghe di alluminio microfuso, 24 valvole a richiamo pneumatico, doppia accensione per ogni cilindro e lubrificazione a carter secco. Dal 1993 fino alle prime corse della stagione 1996 venne utilizzato un motore V6 con angolo tra le bancate di 60°, rivisto profondamente ma comunque derivato dal V6 montato sulle Alfa Romeo di serie, questa unità arrivo a produrre fino a 470 CV e 31 kgm massimo dello sviluppo, per un peso di 106 kg. Per recuperare competitività e vincere il campionato, a metà stagione 1996, la 155 venne equipaggiata con un nuovo e più potente motore V6 con angolo tra le bancate di cilindri di 90°, infatti l'Alfa Romeo interpretando al meglio il regolamento tecnico che prevedeva per il motore oltre che una cilindrata massima di 2.500 cm³, la derivazione da un'unità di serie della marca rispettando solo l'angolo della V e la distanza d'interasse tra i cilindri, riprese lo schema del motore V8 montato a suo tempo sulla Montréal opportunamente decapitato di una coppia di cilindri. In una intervista, l'ing. Sergio Limone ha dichiarato che in realtà il motore V6 con angoli tra le bancate di 90° omologato ed usato in pista non era derivato dal motore della Montreal, in quanto aveva i cilindri troppo vicini e non avrebbe permesso di avere dei pistoni di alesaggio adeguato, ma dal V6 PRV montato in origine sulla Lancia Thema V6[1]. Per alcuni anni infatti l'Alfa Romeo non è esistita come marca ma è stata unita alla Lancia a formare l'Alfa-Lancia Industriale[2]. Quindi, di fatto, L'Alfa Romeo aveva prodotto per alcuni anni anche vetture Lancia. La nuova unità offriva il vantaggio di una struttura semplificata dell'albero motore, mentre nella precedente versione a V di 60° vi era un perno di biella per ogni cilindro, nel nuovo erano invece affiancate a due a due sul medesimo perno di manovella, l'albero motore risultava quindi più semplice, più corto di 7 cm, leggero e quindi con meno sollecitazioni torsionali. Il nuovo motore raggiunse la potenza massima di 490 CV, il peso scese a 96 kg, queste nuove innovazioni contribuirono ad una serie di 6 vittorie consecutive.

Trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

Un'Alfa Romeo 155 V6 TI in livrea Martini usata dal pilota Nannini

La trasmissione era assicurata da un cambio sequenziale a 6 rapporti di tipo semiautomatico elettroidraulico comandato da bilancieri al volante, la trazione era integrale permanente, un differenziale centrale a bloccaggio controllato elettronicamente e due differenziali, anteriore e posteriore, autobloccanti, in base alla conformazione del circuito veniva modificata la ripartizione della coppia motrice al 35-40% sull'avantreno e 65-60% sul retrotreno.

Le sospensioni anteriori e posteriori erano a quadrilateri deformabili con puntoni diagonali (in inglese push-rod), il motore fungeva da elemento portante per la sospensione anteriore

L'impianto frenante era dotato di un sofisticato ABS fornito dalla Bosch, i dischi erano di acciaio autoventilanti, le pinze fornite dalla Brembo utilizzavano soluzioni da F1.

Elettronica[modifica | modifica wikitesto]

La componente più avanzata e allo stesso tempo più costosa era l'elettronica, tanto da costituire metà del valore della vettura che al tempo era valutato in 900 milioni di lire; era dotata di tre centraline elettroniche principali ognuna delle quali specifica per motore, trasmissione e ABS, che dovevano lavorare in perfetta sintonia così da massimizzare le prestazioni.

Il peso minimo prescritto era di 1060 kg, le prestazioni erano le seguenti: velocità massima di 300 km/h, aveva una accelerazione che poteva far impallidire le Formula 1 di quel tempo, con uno scatto da 0 a 100 km/h in 2.5 secondi, grazie alla sofisticata trazione integrale.

Altre competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la soppressione del campionato ITC, diverse 155 V6 TI sono state cedute a team privati e utilizzate in seguito nelle cronoscalate del Campionato Italiano Velocità Montagna (CIVM) nel quale militano tuttora.

Principali risultati sportivi:

  • 1996 - Gruppo A - Supersalita - Antonino La Vecchia su Alfa Romeo 155 V6 TI
  • 1997 - Gruppo A - Supersalita - Antonino La Vecchia su Alfa Romeo 155 V6 TI
  • 2003 - Classe E1-Italia 3000 - Marco Gramenzi su Alfa Romeo 155 V6 TI
  • 2008 - Classe E1-Italia+3000 - Fabrizio Pandolfi su Alfa Romeo 155 V6 TI
  • 2009 - Classe E1-Italia 3000 - Fabrizio Pandolfi su Alfa Romeo 155 V6 TI
  • 2012 - Classe E1-Italia+3000 - Marco Gramenzi su Alfa Romeo 155 V6 TI
  • 2015 - Gruppo E1-Italia/E2S - Marco Gramenzi su Alfa Romeo 155 V6 TI

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Davide Cironi, Limone Racconta: La verità sul motore Alfa 155 V6 Ti + 156 e Fulvia Concept - Davide Cironi (SUBS), 08 aprile 2018. URL consultato il 24 aprile 2018.
  2. ^ ALFA - LANCIA PRONTA AL DEBUTTO - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 24 aprile 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Quattroruote, fascicolo numero 486, aprile 1996, articolo "Alfa Romeo 155 ITC" di Giuseppe Piazzi.
  • Quattroruote, fascicolo numero 493, novembre 1996, articolo "155 V6 TI - A 90° l'Alfa s'infiamma" di Giuseppe Piazzi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo