Alfa Romeo 33 Italdesign Iguana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfa Romeo 33 Iguana
Iguana-1.jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Alfa Romeo
Tipo principale Concept car
Produzione nel 1969
Esemplari prodotti 1
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4050 mm
Larghezza 1780 mm
Altezza 1050 mm
Massa 700 kg
Altro
Stile Giorgetto Giugiaro
per Italdesign Giugiaro
Stessa famiglia Alfa Romeo Tipo 33
Alfa Romeo 33 Stradale
Alfa Romeo Carabo
Alfa Romeo Iguana
Alfa Romeo 33 Pininfarina Coupé Prototipo Speciale
Note antenata concettuale della DeLorean DMC-12[1] e della Maserati Bora
1969 Alfa Romeo Iguana.jpg

La Iguana è stata una concept car prodotta dall'Alfa Romeo nel 1969.

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

La vettura venne inizialmente presentata in maniera ufficiosa allo Sport Car Show di Monza e in maniera ufficiale al Salone dell'automobile di Torino nel 1969. Essa fu il primo modello Alfa Romeo progettato da Giugiaro (come azienda di progettazione indipendente), ed era basata sulla Tipo 33. Sebbene non abbia avuto esito produttivo, questa vettura gettò le basi estetiche della Maserati Bora e, soprattutto riguardo alla tecnologia applicata alla carrozzeria, della più nota DeLorean DMC-12.[1]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La carrozzeria è di tipo coupé e presenta un telaio di tubolare costituito da tubi imbullonati tra di loro. La maggior parte della carrozzeria, disegnata da Franco Scaglione, è stata realizzata in alluminio, mentre alcune parti sono state realizzate in acciaio per aumentarne la rigidità complessiva. Il serbatoio del carburante è in gomma. La linea con il muso spiovente anticipa nelle linee generali, nell'andamento della finestratura e nella definizione del posteriore elementi che verranno ripresi da altre auto, in primis l'Alfetta GT, anch'essa opera di Giugiaro.

La Iguana era dotata di un motore V8 in alluminio da 1.998 cm³ di cilindrata, che erogava 230 CV di potenza a 8.000 giri al minuto. Tale potenza era stata così predisposta per ragioni di affidabilità, in quanto si sarebbero potuti ottenere 270 CV. Si trattava del primo motore V8 della casa del biscione. Il propulsore, che poteva spingere la vettura a 260 km/h, era abbinato ad un sistema di iniezione del carburante SPICA e ad un cambio Colotti a sei rapporti. In data e per motivi sconosciuti il propulsore originale è stato sostituito con il "V8" da 2.593 cm³ e 200 CV, costruito in serie per la "Montreal".[2]

Le sospensioni sono a doppi bracci trasversali sui quattro angoli. L'impianto frenante è costituito da freni a disco inseriti dietro cerchioni in lega prodotti alluminio della Campagnolo.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Filmato audio corriere.it Quando Giugiaro disegnava le Alfa. URL consultato il 3 settembre 2014.
  2. ^ Alessandro Barteletti, Alfa Romeo 33 prototipi, Ruoteclassiche n.273, settembre 2011, pag.35
  3. ^ Alfa Romeo 33 Iguana Concept, su ultimatecarpage.com. URL consultato il 04 maggio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili