Jet Thrust Stoichiometric

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Motore Alfa Romeo JTS
Alfa Romeo Spider 2,2 JTS 2007 engine TCE.jpg
Il JTS Alfa Romeo installato su un'Alfa Romeo Spider
Descrizione
Costruttore Alfa Romeo
Tipo motore in linea o a V
Numero di cilindri 4 o 6
Raffreddamento a liquido
Alimentazione benzina
Distribuzione 4 valvole per cilindro
Dimensioni
Cilindrata 1.859 cc
1.970 cc
2.198 cc
3.195 cc
Prestazioni
voci di motori presenti su Wikipedia

Il JTS (Jet Thrust Stoichiometric) è uno degli ultimi ritrovati della tecnica Alfa Romeo e il primo di una nuova generazione di motori.

Interamente riprogettato, presenta la messa a punto di un sistema di iniezione diretta della benzina anche ad alta pressione. Il risultato è un salto in avanti in termini di prestazioni, pur mantenendo cilindrata e consumi invariati. Fa parte delle motorizzazioni disponibili per Alfa Romeo GT, 156, GTV, Spider (916), 159, Brera, Spider (939).

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È stato prodotto in 4 cilindrate:

Modello 2.0[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta del primo modello con tecnologia JTS; se il basamento in ghisa prodotto a Pratola Serra (AV), è di progettazione del periodo "Fiat", il motore è l'ultimo ritrovato della ricerca dei tecnici Alfa Romeo; è stato montato su Alfa 156 seconda serie, GT, Alfa GTV e Alfa Spider. Viene ancora installato sulle GT prodotte esclusivamente per il mercato estero - sebbene il modello non sia più in catena di montaggio - ma non è ordinabile per l'Italia.

Modello 1.9[modifica | modifica wikitesto]

È il più piccolo dei nuovi motori con basamento e testa in lega leggera disponibili per Alfa 159.

Modello 2.2[modifica | modifica wikitesto]

È il più potente 4 cilindri a benzina di Alfa Romeo, montato su 159 e Brera e Spider. Ha basamento e testa in lega leggera.

Modello 3.2[modifica | modifica wikitesto]

Il V6 JTS dell'Alfa Romeo Brera

È il più potente dei JTS e va a sostituire, su Alfa 159, Brera, e Spider (939), il V6 dalla storia trentennale (V6 "Busso"), giunto al suo massimo sviluppo su 156, 147 e GT. Il nuovo motore 3.2 fa parte della famiglia motoristica GM HFV6 con basamento in lega leggera. La testata però, è stata sviluppata interamente da Alfa Romeo. Veniva importato in Italia via mare.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]