Alfa Romeo 90

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alfa Romeo 90
Alfa Romeo 90.jpg
Descrizione generale
CostruttoreItalia  Alfa Romeo
Tipo principaleBerlina
Produzionedal 1984 al 1987
Sostituisce laAlfa Romeo Alfetta
Sostituita daAlfa Romeo 164
Esemplari prodotti56.428[1]
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza4390 mm
Larghezza1640 mm
Altezza1420 mm
Passo2510 mm
Massada 1080 a 1250 kg
Altro
AssemblaggioStabilimento di Arese
StileMarcello Gandini
per Bertone
Stessa famigliaAlfa Romeo 75
Auto similiMercedes 190
BMW Serie 5
Citroën CX
Opel Rekord
Peugeot 505
Renault 21
Rover SD1
Saab 900
Volkswagen Passat
Lancia Motor Club AGM 2006 - ALFA 90 2.5 IMG 8267 - Flickr - tonylanciabeta.jpg

L'Alfa Romeo 90 è una berlina di fascia media prodotta dalla casa automobilistica italiana Alfa Romeo dal 1984 al 1987 nello stabilimento di Arese.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Vista laterale della 90

Alla fine degli anni 70 l'Alfa Romeo aveva lanciato i progetti 154 e 156, due nuove vetture una a trazione posteriore destinate a sostituire rispettivamente la Giulietta e l'Alfetta. La crisi in cui versava la casa milanese, tuttavia, costrinse ben presto la stessa a rinunciare al progetto di un nuovo pianale. Per ovviare ai ritardi nello sviluppo, nel 1982 l'Alfa Romeo lanciò i progetti 162A e 162B, rispettivamente le future 90 e 75, volti a riutilizzare per quanto possibile la meccanica dei modelli allora in commercio, ovvero l'Alfetta e la Giulietta.

La 90, erede dell'Alfetta,[2] riprendeva dalla sua progenitrice non solo l'intera meccanica, motori inclusi, ma anche buona parte del telaio,[1] alcuni lamierati esterni e il "giro porte". Il compito affidato alla Bertone di ridisegnare solamente la parte esterna e una nuova fanaleria non era dei più facili: il risultato finale fu una berlina dalle linee sobrie e squadrate, piuttosto anonima ma non priva di una certa eleganza.

Il designer Nuccio Bertone illustra ad Aldo Aniasi, vicepresidente della Camera dei deputati, gli interni della 90

Per migliorare la penetrazione aerodinamica sotto al paraurti anteriore si trovava uno spoiler retrattile, che scendeva automaticamente a partire dalla velocità di 80 km/h per effetto della pressione dell'aria, aumentando così il carico aerodinamico sull'asse anteriore e riducendo la resistenza all'aria, che era migliore rispetto all'Alfetta, attestandosi con un coefficiente aerodinamico di 0,37.

Alle osservazioni del pubblico secondo cui la 90 non era che un'Alfetta ristilizzata, la casa di Arese rispose (senza convincere più di tanto) che la Bertone aveva sostituito il 70 per cento dei lamierati del vecchio modello. Non contribuirono poi all'estetica altri particolari poco riusciti come la modesta calandra in plastica grigia, le borchie di disegno banale e la posizione del vano portatarga che, sfalsato rispetto alle luci posteriori, rendeva la coda disarmonica.

Presentata al salone dell'automobile di Torino del settembre 1984,[3] la 90 riproponeva senza modifiche la meccanica dell'Alfetta: disposizione transaxle (con motore anteriore, trazione posteriore e gruppo cambio-differenziale al retrotreno), sospensioni anteriori a quadrilateri, ponte posteriore De Dion[1] (che sorreggeva anche il gruppo cambio-differenziale) e freni a disco su tutte le ruote, con quelli posteriori montati all'uscita del differenziale per ridurre le masse non sospese. L'interno era caratterizzato dalla strumentazione digitale presente sulla versione "Quadrifoglio Oro".[4]

Nelle intenzioni della casa, la 90 avrebbe dovuto rappresentare il modello di classe medio-superiore della gamma Alfa Romeo sino ai successivi anni 90, da cui la scelta del nome. Tuttavia il modello rimase in listino appena tre anni e venne ritirato dal commercio anzitempo, lasciando spazio alla più fortunata 75 di cui condivideva telaio e meccanica.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Al momento del lancio erano disponibili tre motori, 4 cilindri bialbero di 1779 e 1962 cm³, il V6 Busso con alberi a camme in testa da 2492 cm³ e un 4 cilindri turbodiesel di 2.4 litri prodotto dalla VM Motori.

Al lancio gamma comprendeva:[1]

  • Alfa Romeo 90 "1.8" (con alimentazione a 2 carburatori e potenza di 120 CV)
  • Alfa Romeo 90 "2.0" (con alimentazione a 2 carburatori e potenza di 128 CV)
  • Alfa Romeo 90 "2.0 Iniezione" (con alimentazione a iniezione elettronica e potenza di 128 CV)
  • Alfa Romeo 90 "2.5 V6 iniezione" (con alimentazione a iniezione elettronica e potenza di 158 CV)
  • Alfa Romeo 90 "2.4 Turbodiesel" (a iniezione indiretta e potenza di 110 CV)[5]

Nel 1985 venne lanciata la "2.0 6V Iniezione", con un motore derivato dall'omologo 2.5 che disponeva di 132 CV, dotato di impianto iniezione Alfa Romeo CEM (dove CEM sta per Controllo Elettronico Motore).

L'ultimo periodo[modifica | modifica wikitesto]

Una 90 successiva al lifting del 1986, riconoscibile dalla differente mascherina anteriore, qui in livrea dell'Arma dei Carabinieri

Trovandosi a competere con vetture come Lancia Thema, Fiat Croma e Saab 9000, presentate nello stesso periodo e progettualmente più moderne, la 90 faticò a ritagliarsi un proprio spazio.

A poco servì il lifting del maggio 1986 che coinvolse la mascherina anteriore, leggermente modificata onde allinearsi allo stile della coeva 75, il porta targa in tinta e alcuni dettagli dell'interno, dando vita alla 90 "Super". Dal punto di vista meccanico le uniche novità riguardavano il motore turbodiesel, dotato di turbina di geometria più piccola per migliorare la ripresa ai bassi regimi e di un sistema di preriscaldamento del gasolio per migliorare le partenze a freddo, l'eliminazione della versione "2.0 a carburatori" e l'adozione di rapporti più corti per migliorare accelerazione e ripresa, con quinta marcia di potenza. Invariati gli altri motori della gamma.

Prodotta in poco più di quarantamila esemplari, dopo solo tre anni di produzione alla fine del 1987 fu sostituita (dopo il passaggio dell'Alfa Romeo al Gruppo Fiat) dalla 164,[1] vettura basata sul medesimo pianale di Thema, Croma e 9000.

La versione familiare[modifica | modifica wikitesto]

La rivista specializzata AutoCapital, come aveva fatto precedentemente con l'Alfetta, fece realizzare autonomamente una versione familiare della 90 affidandosi però, invece che alla Zagato, alla Carrozzeria Marazzi. Ci fu un interessamento serio dell'Alfa Romeo per una realizzazione in serie ma il progetto infine non vide mai la luce.[6]

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 90 1.8 (1985)
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4391 × 1638 × 1420 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2510 mm Carreggiate: anteriore 1366 - posteriore 1358 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 49 litri (riserva 8 litri)
Masse / in ordine di marcia: 1.080 kg / rimorchiabile: 1.200 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri in linea, basamento e testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato. Cilindrata: 1779 cm³ cm³
Distribuzione: 2 alberi a camme in testa comandati da catena Alimentazione: 2 carburatori orizzontali doppio corpo Solex C 40 DDH 5 o Weber 40 DCOE 32 o Dell'Orto DHLA 40
Prestazioni motore Potenza: 120 CV a 5300 giri/min / Coppia: 17 kgm a 4000 giri/min
Accensione: elettronica breakerless, con anticipo centrifugo e a depressione Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 50 Ah. Candele: Champion N7YC
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, quadrilateri trasversali, barre di torsione, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice / posteriori: a ponte rigido De Dion, 2 parallelogrammi di Watt, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco
Pneumatici 185/70 R 14 / Cerchi: 14"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 185 km/h Accelerazione: 0-1000 m: 31,2
Consumi a 90 km/h, 6,5 litri/100 km; a 120 km/h, 8,8 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 12,0 litri/100 km; media ECE 9,1 litri/100 km
Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 90 2.0 (1985)
1986 Alfa Romeo 90 Super 2.0 front.jpg
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4391 × 1638 × 1420 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2510 mm Carreggiate: anteriore 1366 - posteriore 1358 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 49 litri (riserva 8 litri)
Masse / in ordine di marcia: 1.080 kg / rimorchiabile: 1.200 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri in linea, basamento e testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato. Cilindrata: totale 1.962 cm³ cm³
Distribuzione: 2 alberi a camme in testa comandati da catena Alimentazione: 2 carburatori orizzontali doppio corpo Solex C 40 DDHE/16 o Dell'Orto DHLA 40G
Prestazioni motore Potenza: 128 CV a 5400 giri/min / Coppia: 18,2 kgm a 4000 giri/min
Accensione: elettronica breakerless, con anticipo centrifugo e a depressione Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 60 Ah. Candele: Champion N4C
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, quadrilateri trasversali, barre di torsione, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice / posteriori: a ponte rigido De Dion, 2 parallelogrammi di Watt, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco
Pneumatici 185/70 HR 14 / Cerchi: 14"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 190 km/h Accelerazione: 0-1000 m: 30,4
Consumi a 90 km/h, 6,5 litri/100 km; a 120 km/h, 8,8 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 12,2 litri/100 km; media ECE 9,2 litri/100 km
Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 90 2.0 iniezione elettronica (1985)
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4391 × 1638 × 1420 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2510 mm Carreggiate: anteriore 1366 - posteriore 1358 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 49 litri (riserva 8 litri)
Masse / in ordine di marcia: 1.090 kg / rimorchiabile: 1.200 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri in linea, basamento e testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata, con ventola elettrica a innesto termostatico Cilindrata: 1962 cm³ cm³
Distribuzione: 2 alberi a camme in testa comandati da catena Alimentazione: a iniezione elettronica Bosch L-Jetronic
Prestazioni motore Potenza: 128 CV a 5400 giri/min / Coppia: 17,9 kgm a 4000 giri/min
Accensione: elettronica breakerless, con anticipo centrifugo e a depressione Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 60 Ah. Candele: Champion N4C
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, quadrilateri trasversali, barre di torsione, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice / posteriori: a ponte rigido De Dion, 2 parallelogrammi di Watt, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco
Pneumatici 185/70 HR 14 / Cerchi: 14"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 190 km/h Accelerazione: 0-1000 m: 30,5
Consumi a 90 km/h, 5,8 litri/100 km; a 120 km/h, 7,6 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 9,8 litri/100 km; media ECE 7,7 litri/100 km
Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 90 2.0 V6 Iniezione (1985)
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4391 × 1638 × 1420 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2510 mm Carreggiate: anteriore 1366 - posteriore 1358 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 49 litri (riserva 8 litri)
Masse / in ordine di marcia: 1170 kg / rimorchiabile: 1200 kg
Meccanica
Tipo motore: 6 cilindri a V di 60°, basamento e testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato Cilindrata: totale 1.996 cm³
Distribuzione: 1 albero a camme in testa per bancata comandato da cinghia dentata (con tenditore idraulico) Alimentazione: a iniezione elettronica digitale, completamente integrata con il sistema di accensione (CEM)
Prestazioni motore Potenza: 132 CV a 5600 giri/min / Coppia: 18 kgm a 3000 giri/min
Accensione: elettronica integrata Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 66 Ah. Candele: Champion N3C
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, quadrilateri trasversali, barre di torsione, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice / posteriori: a ponte rigido De Dion, 2 parallelogrammi di Watt, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco
Pneumatici 185/70 HR 14 / Cerchi: 14"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 195 km/h Accelerazione: 0-1000 m: 30,4
Consumi a 90 km/h, 6,4 litri/100 km; a 120 km/h, 8,2 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 10,2 litri/100 km; media ECE 8,2 litri/100 km
Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 90 2.4 Turbodiesel (1985)
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4391 × 1638 × 1420 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2510 mm Carreggiate: anteriore 1366 - posteriore 1358 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 49 litri (riserva 8 litri)
Masse / in ordine di marcia: 1.250 kg / rimorchiabile: 1.300 kg
Meccanica
Tipo motore: 4 cilindri in linea, basamento in ghisa, testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato; 2 elettroventole Cilindrata: totale 2.393 cm³ cm³
Distribuzione: 1 albero a camme laterale con aste e bilancieri (ingranaggi) Alimentazione: a iniezione indiretta con pompa rotativa; 1 turbocompressore con intercooler
Prestazioni motore Potenza: 110 CV a 4200 giri/min / Coppia: 24 kgm a 2300 giri/min
Accensione: a compressione Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 77 Ah. Candelette preriscaldo: Champion CH70/102
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, quadrilateri trasversali, barre di torsione, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice / posteriori: a ponte rigido De Dion, 2 parallelogrammi di Watt, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici, barra stabilizzatrice
Freni anteriori: a disco / posteriori: a disco
Pneumatici 185/70 R14 87T / Cerchi: 14"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 178 km/h Accelerazione: 0-1000 m: 34
Consumi a 90 km/h, 5,8 litri/100 km; a 120 km/h, 8,0 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 9,0 litri/100 km; media ECE 7,6 litri/100 km
Caratteristiche tecniche - Alfa Romeo 90 2.5 Quadrifoglio Oro (1985)
Alfa Romeo 90 Quadrifoglio Oro (8996840712).jpg
Configurazione
Carrozzeria: Berlina Posizione motore: anteriore Trazione: posteriore
Dimensioni e pesi
Ingombri (lungh.×largh.×alt. in mm): 4391 × 1638 × 1420 Diametro minimo sterzata:
Interasse: 2510 mm Carreggiate: anteriore 1366 - posteriore 1358 mm Altezza minima da terra:
Posti totali: 5 Bagagliaio: Serbatoio: 49 litri (riserva 8 litri)
Masse / in ordine di marcia: 1.170 kg / rimorchiabile: 1.200 kg
Meccanica
Tipo motore: 6 cilindri a V di 60°, basamento e testata in lega leggera. Raffreddamento: ad acqua, a circolazione forzata; termostato Cilindrata: totale 2.492 cm³ cm³
Distribuzione: 1 albero a camme in testa per bancata comandato da cinghia dentata (con tenditore idraulico) Alimentazione: a iniezione elettronica
Prestazioni motore Potenza: 156 CV a 5600 giri/min / Coppia: 21,4 kgm a 4000 giri/min
Accensione: elettronica tipo Breakerless, con regolazione anticipo centrifugo e pneumatico; limitatore di giri fra 6100 e 6300 giri/min Impianto elettrico: Batteria: 12 V - 66 Ah. Candele: Champion N11YC
Frizione: monodisco a secco, con comando idraulico Cambio: meccanico a 5 marce + RM
Telaio
Corpo vettura Scocca metallica autoportante
Sterzo a cremagliera
Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, quadrilateri trasversali, barre di torsione longitudinali, ammortizzatori idraulici telescopici, barra stabilizzatrice / posteriori: a ponte rigido De Dion, 2 parallelogrammi di Watt, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici, barra stabilizzatrice
Freni anteriori: a disco ventilato / posteriori: a disco
Pneumatici 195/60 HR 15 / Cerchi: 15"
Prestazioni dichiarate
Velocità: 200 km/h Accelerazione: 0-1000 m: 29,5
Consumi a 90 km/h, 6,8 litri/100 km; a 120 km/h, 8,9 litri/100 km; ciclo urbano (simulato) 12,9 litri/100 km; media ECE 9,5 litri/100 km

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata (cm³) Potenza Coppia Massima (Nm) 0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(km/h)
Consumo medio
(km/l)
1.8 dal debutto al 1988 Benzina 1779 88 kW (120 Cv) 166 9.7 185 10.5
2.0 dal debutto al 1988 Benzina 1962 94 kW (128 Cv) 176 N.D. 190 12.7
2.0i dal 1986 al 1988 Benzina 1962 94 kW (128 Cv) 176 8.9 190 12.1
2.0i V6 dal 1986 al 1988 Benzina 1996 97 kW (132 Cv) 176 8.9 192 12.1
2.5i Quadrifoglio Oro dal debutto al 1988 Benzina 2492 115 kW (156 Cv) 210 8.4 200 10.3
2.4 Turbodiesel dal debutto al 1988 Diesel 2393 81 kW (110 Cv) 235 10.8 182 13.1

[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Alfa Romeo 90 - La Cenerentola di Arese, su omniauto.it, 31 ottobre 2010. URL consultato il 21 settembre 2016.
  2. ^ Esce di scena l'«Alfetta» e arriva l'«Alfa 90», in Stampa Sera, 20 settembre 1984, p. 7.
  3. ^ Michele Fenu, La «Thema» guida lo show delle novità, in La Stampa, 13 novembre 1984.
  4. ^ Gianni Rogliatti, Sotto il segno dell'elettronica, in La Stampa, 21 settembre 1984, p. 13.
  5. ^ Michele Fenu, È in arrivo l'Alfa «90», meno sport, più confort, in La Stampa, 21 settembre 1984, p. 13.
  6. ^ Alfa 75 Sportwagon : scopri tutti i dettagli con Alfa Roma, su alfaroma.it (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2016).
  7. ^ Alfa Romeo Alfa 90 (1984-88), su automoto.it. URL consultato il 21 settembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili