Alfa Romeo 110AF

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alfa Romeo 110AF
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Alfa Romeo
Tipo Filobus
Produzione dal 1939 al 1944
Altre caratteristiche
Dimensioni e pesi
Lunghezza 12 m
Altro
Assi 3

Il 110AF è stato un modello di filobus prodotto dall'Alfa Romeo dal 1939 al 1944. È stato il primo filobus Alfa Romeo a tre assi progettato per essere utilizzato su reti di grande e media estensione.

In servizio durante la seconda guerra mondiale, molti esemplari circolanti sulla rete di Milano vennero sequestrati oppure gravemente danneggiati dall'esercito nazista dal 1943 al 1944. I restanti veicoli sono stati radiati nel 1965. Tre esemplari 110 AF/2, che erano in uso sulla rete di Roma, vennero rimessi a nuovo dall'ATM di Milano e riutilizzati sulla rete meneghina fino al 1973.

Oltre a Milano e Roma, questo modello di filobus è stato utilizzato nelle reti di Genova, Napoli, Palermo, Salerno e Venezia Lido.

Carrozzerie ed esemplari prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Le versioni prodotte per l'ATM di Milano furono:

  • Modello 110 AF/5 - carrozzata da Macchi - Breda: 20 esemplari costruiti nel 1939;
  • Modello 110 AF/5 - carrozzata da Varesina-Breda: 10 esemplari costruiti nel 1939;
  • Modello 110 AF/8 - carrozzata da Macchi-CGE: 10 esemplari costruiti dal 1943 al 1944;

Le aziende che carrozzarono gli esemplari che circolarono nelle altre città furono Casaro, SIAI Marchetti, Macchi, Varesina, Piaggio ed Officine Reggiane.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Il motore installato era un Breda MTR 290/230 oppure un CGE CV 1216. La potenza erogata era di 120 CV per il primo e 114 CV per il secondo. L'avviamento era a pedale, più precisamente non automatico per il Breda e automatico MRA per il CGE. La posizione del volante era centrale per tutti i modelli, tranne che per l'AF/8, che era a destra.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti