Alfa Romeo Tipo 103

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfa Romeo
Alfa Romeo 103 1954.JPG
La Tipo 103 al Museo Storico Alfa Romeo
Descrizione generale
Costruttore Italia  Alfa Romeo
Tipo principale Concept car
Produzione nel 1960
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3630 mm
Larghezza 1500 mm
Altezza 1300 mm
Passo 2230 mm
Massa 725 kg
Altro
Assemblaggio Stabilimento Alfa Romeo del Portello

L'Alfa Romeo Tipo 103, anche nota come Progetto V, è un prototipo realizzato dall'Alfa Romeo nel 1960.[1]

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla presentazione della Fiat 600 nel 1955, la dirigenza Alfa Romeo autorizzò lo studio di un'utilitaria a trazione anteriore, settore in cui la casa milanese non si era mai cimentata prima.

Il progetto per la nuova vettura, denominato "Tipo 13-61", vide la partecipazione di valenti tecnici quali Rudolf Hruska, Orazio Satta Puliga e Giuseppe Busso, ma rimase sulla carta a causa degli alti costi previsti per l'avvio della produzione.

La dirigenza aziendale, nel 1958, accantonò il progetto preferendo costruire su licenza i modelli 4 e Dauphine della Renault, allo scopo d'inserirsi nel mercato delle automobili di piccola cilindrata.

La vettura[modifica | modifica wikitesto]

Vista frontale della Tipo 103 in una foto dell'epoca

Nel 1959, dopo l'enorme interesse suscitato dall'avveniristica Mini di Alec Issigonis, l'Alfa Romeo ripresa l'idea di sperimentare la trazione anteriore. L'ufficio tecnico si rimise al lavoro progettando una vettura di classe inferiore alla Giulietta: una piccola berlina a tre volumi e quattro porte con schema "tutto avanti", mossa da un propulsore a quattro cilindri in linea di 1.000 cm con distribuzione bialbero a camme in testa — motorizzazione che proprio in quegli anni era stata messa a punto in Alfa Romeo —, posizionato trasversalmente e dotato di cambio a quattro marce.

Il modello di forma fu realizzato nel 1960 e, nella seconda metà del 1962, vennero eseguiti i primi test su strada, dai quali risultò che la Tipo 103, del peso di 725 kg, riusciva a sviluppare 49 CV e raggiungere la velocità di 139 km/h, coprendo il km da fermo in 41,2 secondi.

Tali incoraggianti risultati, tuttavia, non convinsero i vertici di Arese del tempo ad avviare la produzione di un'automobile a trazione anteriore, che sarà rispolverata per il progetto Alfasud solo alla fine degli anni 1960.

Nonostante la mancata produzione, il prototipo si rivelò particolarmente importante per altre automobili di serie del marchio meneghino. Le soluzioni meccaniche fornirono una buona base di partenza per la succitata Alfasud, mentre i canoni stilistici, oltre a essere adottati per la Giulia, influenzarono notevolmente la sagoma della Renault 8.

L'unico esemplare rimasto della Tipo 103 è conservato presso il Museo Storico Alfa Romeo di Arese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sergio Chierici, Alfa Romeo Tipo 103 prototipo (1954-1962), su virtualcar.it, 26 giugno 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefan Heins: Süd-Früchtchen. 30 Jahre Alfa Romeo Alfasud. In: Oldtimer Markt, Heft 10/2002, S. 188 ff.
  • Georg Amtmann, Halwart Schrader: Italienische Sportwagen.Motorbuch-Verlag, Stuttgart 1999, ISBN 3-613-01988-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili