Alfa Romeo 140A e 150A

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfa Romeo 140A e 150A
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Alfa Romeo
Tipo Autobus
Inizio produzione 1948
Sostituisce Alfa Romeo 110A
Fine produzione 1958
Altre caratteristiche
Dimensioni e pesi
Lunghezza 12-22 m
Altro
Altri tipi Autotreno
Versioni Urbano/Interurbano
Della stessa famiglia Alfa Romeo 140AF
Assi 3-5

Il 140A è stato un modello di autobus prodotto dall'Alfa Romeo dal 1948 al 1957.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome indicava la potenza, 140 CV, portata a 150 CV dal 1949[1]. Erede del 110A, è un autobus destinato ai servizi urbani nelle grandi città.

Tra il 1957 e il 1958[2] venne prodotto il 150A, che era la versione ammodernata, ma con lo stesso corpo vettura, del 140A. Di quest'ultimo venne fabbricata anche la versione autotreno.

La lunghezza dipendeva dal tipo di mezzo. La versione autobus era lunga 12 m, ed era utilizzata per percorsi urbani, mentre la versione autotreno era lunga 22 m ed era impiegata per percorsi interurbani. La prima aveva 3 assi, mentre la seconda 5. Gli ultimi esemplari terminarono di essere utilizzati nel 1975. Prima di essere smantellati, alcuni esemplari del 140A versione autotreno, vennero spediti in Friuli dopo il terremoto del 1976 per essere utilizzati da ricoveri di emergenza.

Sono stati prodotti complessivamente 304 esemplari di 140A e 23 di 150A[2].

Carrozzerie ed esemplari prodotti[modifica | modifica wikitesto]

ATM di Milano[modifica | modifica wikitesto]

  • Versione urbana (autobus):
    • Carrozzata da SIAI-Marchetti: 19 esemplari costruiti dal 1950 al 1951 (140A, soprannominato “scudetto” per la tipica forma a scudo della calandra);
    • Carrozzata da Macchi o Caproni: 78 esemplari costruiti dal 1952 al 1958 (140A, soprannominato “Alfone”);
    • Carrozzata da Macchi: 22 esemplari costruiti nel 1959 (150A);
  • Versione interurbana (autotreno): 30 esemplari costruiti dalla Macchi tra il 1952 e il 1953.

ATAC di Roma[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Autobus Atac Alfa Romeo 140-A.

SAIA di Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Acquistò quattro 140A carrozzati Varesina nel 1949[3]; altre unità, sempre carrozzate dalla Varesina, furono acquistate nel 1958[4].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Il 140A era equipaggiato con un motore Diesel tipo 1603 a 6 cilindri in linea (alesaggio 125 mm, corsa 170 mm, cilindrata totale di 12.517 cm3) con una potenza di 140-150 CV a 1.700 giri/min[5]. Il motore era derivato dall'F6M 317 che equipaggiava i modelli precedenti, modificato con l'adozione dell'iniezione diretta; parte dei pezzi erano in comune con i motori dei camion 430 e 800[1]. Il cambio era manuale a tre rapporti; le sospensioni a ruote indipendenti[1]. Un 140A carrozzato Macchi fornito all'ATM di Milano fu modificato per l'alimentazione a GPL[6].

Il 150A fu invece dotato del motore Diesel tipo 1610 a 6 cilindri in linea (alesaggio 125 mm, corsa 150 mm, cilindrata totale 11.050 cm3) studiato per il nuovo Mille[7], con una potenza di 163 CV a 2.000 giri/min.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Salvetti, op. cit., p. 148
  2. ^ a b Salvetti, op. cit., p. 411
  3. ^ Salvetti, op. cit., p. 426
  4. ^ Salvetti, op. cit., p. 156
  5. ^ Salvetti, op. cit., p. 353
  6. ^ Salvetti, op. cit., p. 427
  7. ^ Salvetti, op. cit., p. 153

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti