Testa di martello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Testa di martello
Universo Universo Marvel
Nome orig. Hammerhead
Lingua orig. Inglese
Alter ego sconosciuto
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. ottobre 1972
1ª app. in The Amazing Spider-Man n. 113 - I serie
Editore it. Editoriale Corno
app. it. 12 settembre 1974
app. it. in L'Uomo Ragno n. 114 - I serie
Sesso Maschio
Abilità
  • Testa rivestita internamente di adamantio, che usa come una mazza
Parenti Antonia (sorella)

Testa di martello (Hammerhead) è un personaggio dei fumetti, creato da Gerry Conway (testi) e John Romita Sr. (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. È apparso la prima volta in The Amazing Spider-Man n. 113 (ottobre 1972).


Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

È un supercriminale, con una vera e propria mania per i film ambientati durante il Proibizionismo, che sono per lui fonte d'ispirazione. Viene chiamato Testa di martello per la particolare forma che la sua testa ha assunto dopo un'operazione in cui gli è stata trapiantata una lastra d'adamantio, che usa per rompere oggetti e come arma di combattimento vera e propria. Ha tentato più volte di conquistare il posto di Kingpin e di distruggere l'Uomo Ragno senza mai riuscirci.

Recentemente si è scoperto essere di nazionalità russa, emigrato in Italia, dopo essersi fatto un nome lavorando per la famiglia mafiosa dei Manfredi, è stato mandato in America dallo stesso Don Manfredi per: "divenire più importante nell'organizzazione". Il tutto si è presto rivelato una trappola, in quanto Manfredi intendeva pulirlo per aver mentito sulla sua vera origine. Pestato a sangue, il futuro Testa di martello venne trovato dal Dr. Harrow, chirurgo radiato, il quale, sperando di redimersi salvando una vita umana, gli ricostruì completamente il cranio sostituendolo con delle lastre metalliche. L'ultima cosa che Testa di martello vide, fu il poster di un film gangster anni '20, da allora rimase ossessionato da quell'epoca.

Civil War[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Civil War (fumetto).

Durante Civil War, mentre Kingpin è in carcere, Testa di martello medita di conquistare anche il territorio del rivale per divenire il signore del crimine di New York, ma una telefonata anonima svela alla squadra di Iron Man dove si trova il suo nascondiglio (l'informazione viene fornita da Wilson Fisk); il criminale viene dunque arrestato insieme ai suoi uomini.
In prigione Testa di martello viene colpito da uno sgherro di Kingpin, che gli spara con un proiettile di adamantio, tuttavia sopravvive all'attentato (si scopre in Spider-Man n. 500) grazie all'aiuto della Dottoressa Trauma e di Mr. Negativo. Da allora lavora per Mister Negativo, come visto per esempio in Legami di famiglia di Joe Kelly e Chris Bachalo[1].

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ultimate X-Men e Ultimate Spider-Man.

Una versione Ultimate di Testa di martello appare in Ultimate X-Men, nella breve saga Il primo amore non si scorda mai: il personaggio è molto simile all'originale, anche se manca di quell'ostentata raffinatezza e ricchezza che caratterizzano il Testa di martello classico.
Qui il gangster lavora per Silvermane, ma si dimostra già una testa calda, incapace di obbedire e avido di potere. Dopo aver cercato di rapire la figlia di un uomo coinvolto in uno dei suoi loschi traffici, Testa di martello verrà brutalmente ucciso da Gambit, che si è affezionato alla bambina; il cajun, in uno scontro corpo a corpo, disarticola la mandibola a Testa di martello facendo fluire energia cinetica attraverso la placca di adamantio che si trova nella testa del criminale.[2]

Testa di martello fa la sua ricomparsa sulle pagine di Ultimate Spider-Man nella saga Guerrieri. Il motivo della sua rinascita non è chiaro; quando un suo avversario gli chiede come abbia fatto a tornare dalla morte, Testa di martello risponde semplicemente «Non mi piaceva. Sono tornato». L'Uomo Ragno, il capitano Jeanne De Wolfe e altri personaggi ipotizzano che il criminale sia un mutante e che per questo sia tornato in vita.

Testa di martello torna a New York e comincia la sua battaglia personale per diventare il signore del crimine organizzato della città (aspetto che lo rende più simile alla versione originale). Dopo aver assassinato Silvermane diventa capo dei Duri (Montana, Fancy Dan e Bue) e inizia la guerra contro Kingpin dando fuoco a un magazzino controllato da quest'ultimo.

Testa di martello viene quindi in conflitto con diversi personaggi: l'Uomo Ragno, alleatosi con la Gatta Nera; Moon Knight; Pugno d'acciaio che fa da spalla all'amico Shang-Chi, il quale vuole cacciare il criminale da Chinatown; Elektra, sicaria al soldo di Wilson Fisk.

Dopo un primo scontro a Chinatown, tutte queste persone si ritrovano, in un modo o nell'altro, dell'appartamento di Testa di martello, al quale giunge anche il proprietario con i suoi scagnozzi. La battaglia è violenta, anche perché Elektra e la Gatta Nera si schierano con Testa di martello (la prima per i soldi, la seconda perché odia di più Kingpin); all'arrivo della polizia Testa di martello tenta la fuga, ma Elektra, sentendosi tradita, lo pugnala al petto e lo scaglia da una finestra, mandandolo in coma.[3]

House of M[modifica | modifica wikitesto]

Nella realtà alternativa di House of M Testa di martello è uno dei capibanda sconfitti da Luke Cage nella sua ascesa al potere a Sapien Town (il ghetto popolato dagli esseri umani).

Noir[modifica | modifica wikitesto]

Testa di martello (qui chiamato "Hammerhead") appare nella dimensione "Noir" del videogioco Spider-Man: Shattered Dimensions dove è un gangster al servizio di Goblin intento a riportargli un pezzo della Tavola Dell'Ordine e del Caos.Imbraccia due mitragliatrici giganti con cui uccide a son di piombo i suoi avversari oppure li colpisce con il caricatore

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Amazing Spider-Man nn. 575-576; edizione italiana: Spider-Man n. 513), nella miniserie dedicata a Mister Negativo di Fred Van Lente e Gianluca Gugliotta e nella miniserie Mysterioso di Dan Slott e Marcos Martin
  2. ^ Ultimate X-Men n. 7-8, Panini Comics, giugno - agosto 2002.
  3. ^ Ultimate Spider-Man n. 79-85, Marvel Comics.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics