Kaine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kaine
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego
  • Tarantula
  • Ragno Rosso IV
Soprannome
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. dicembre 1994
1ª app. in Web of Spider-Man n. 119 - I serie
Editore it. Panini Comics
app. it. dicembre 1995
app. it. in L'Uomo Ragno Deluxe n. 8
Sesso Maschio
Etnia statunitense

Kaine, è un personaggio dei fumetti creato da Terry Kavanagh (testi) e Steven Butler (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione è in Web of Spider-Man (prima serie) n. 119 (dicembre 1994).

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

La nascita di Kaine[modifica | modifica wikitesto]

Kaine è un clone deforme di Peter Parker, creato in laboratorio dallo Sciacallo, nemico di Spider-Man. Nel tentativo di clonare Peter Parker, il professor Miles Warren (alias lo Sciacallo) ebbe delle iniziali difficoltà nel processo di clonazione. Prima di generare il clone perfetto di Spider-Man, creò quello che poi sarà conosciuto come Kaine, un clone difettoso di Peter, vittima della degenerazione cellulare.

Questo difettò portò ad odiare il clone di Peter privo di difetti, Ben Reilly. L'odio nutrito verso Ben porterà Kaine sulla strada del reale Peter Parker durante quella che è conosciuta come la saga del clone.

Il processo di Peter Parker[modifica | modifica wikitesto]

Durante la saga del clone Peter Parker viene accusato dell'omicidio della poliziotta Louise Kennedy (uccisa da Kaine) a causa delle impronte digitali uguali a quelle del suo clone deforme. Mentre Peter è in prigione in attesa di processo, Kaine affronta ed uccide il Tetro Cacciatore ed il Dottor Octopus, marchiando entrambi con il suo Marchio di Kaine, un tocco con la mano che imprime una notevole ustione sul volto.

Maximum Clonage[modifica | modifica wikitesto]

Nel ciclo Maximum Clonage, Kaine apprende la notizia, poi rivelatasi falsa, che Peter è il clone e Ben Reilly è l'originale Spider-Man. Lo Sciacallo gli confonde poi ancora maggiormente le idee facendogli credere che egli fosse in possesso di una cura per la degenerazione cellulare. Confuso e scettico Kaine, in compagnia di Peter e di Ben affronta decine di cloni nel laboratorio dello Sciacallo. Uno di essi, Ragnocidio, impala Kaine e lo Sciacallo, in un momento di pietà verso la sua creatura, lo pone in una camera rigenerativa.

Redenzione[modifica | modifica wikitesto]

Kaine è ormai ossessionato da Ben Reilly, il clone perfetto di Spider-Man, e pianifica la sua vendetta contro di lui. Riesce a far ritrovare Ben e Janine Godbe (ex fidanzata di Ben Reilly) e, una volta ricongiunti, li fa illudere di poter vivere una esistenza felice insieme. In realtà li attacca e fa credere all'eroe che la ragazza è rimasta uccisa. Ben Reilly, una volta scoperto l'inganno, viene attirato nell'ex laboratorio dello Sciacallo. Qui Kaine lo stordisce, lo avvelena e quando si risveglia scopre che il clone deforme gli ha somministrato l'antidoto e lo ha riunito a Janine. Il giorno dopo la polizia arresta la ragazza in seguito ad una chiamata anonima di Kaine. Ben fa evadere Janine di prigione e lei gli spiega che Kaine l'aveva ricattata per farla scomparire dalla sua vita. Per questo gli aveva fatto credere di essersi suicidata. Kaine attacca quindi i due ragazzi. Ne scaturisce un grande incendio. Kaine salva Ben e Janine dal fuoco, poi tenta di suicidarsi attaccando la polizia; ma Ben lo salva. Kaine perdona così Ben e si costituisce con Janine.

Il Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Kaine ritorna poi a New York City e si ritrova coinvolto nella battaglia tra Spider-Man (Peter Parker) e Raptor. Kaine è uno dei pochi che ricorda l'identità segreta di Peter, dopo gli eventi di un nuovo giorno. Raptor attacca Harry Osborn e le cugine di Peter a casa di Zia May, esponendo l'identità segreta di Peter. In realtà Raptor vuole colpire quello che lui crede essere Ben Reilly, che ritiene colpevole della morte dei suoi cari. Kaine, una volta scoperto il doppio gioco di Raptor, che gli aveva promesso una cura alla degenerazione cellulare, lo uccide spezzandogli il collo.

Nel corso del ciclo intitolato La Sfida Kaine viene ridotto in fin di vita dai figli di Kraven, Alyosha e Ana Kravinoff. Si trascina quindi fino alla porta di Peter mettendolo in guardia. In seguito, dopo essersi ripreso, tramortisce Peter e ne indossa il costume, in modo che i Kravinoff uccidano lui, nel rituale che ha lo scopo di resuscitare il vero Sergei Kravinoff, per il quale era necessario il sangue dell'originale Uomo Ragno. Così, l'originale Kraven, essendo risorto dal sacrificio di un impostore (perlopiù un clone imperfetto), si ritrova in uno stato di non-vita. Sconfitti i cacciatori, Peter seppellisce Kaine, incidendo sulla lapide l'iscrizione: "Un Fratello". Tuttavia, il clone sembrerà risorgere come: "Tarantula".

Spider Island[modifica | modifica wikitesto]

La Regina, alias Adriana Soria, si è messa in affari con il dottor Miles Warren, alias lo Sciacallo, per il controllo del genere umano. Per farlo trasformerà inizialmente la popolazione di New York in ragni enormi, denominati "Homo Arachnus", per mano di un virus creato appunto dallo Sciacallo con il DNA di Peter Parker. Il Virus inizialmente è stato diffuso con una specie geneticamente modificata di cimici, poi è mutato divenendo aereo. Il Virus muta solo il normale genoma umano, quindi mutanti e supereroi con genoma alterato ne sono immuni. Il Virus, con il nome di "virus di Spider-island", è diviso in quattro fasi:

  • Fase 1: Il soggetto è infetto, ma non ha sviluppato ancora alcun potere ragnesco, è in grado tuttavia di infettare altri esseri umani.
  • Fase 2: Il soggetto ha sviluppato poteri ragneschi, di base abbiamo quelli di Spider-Man ma in più tutti possono lanciare ragnatele organiche dai polsi e alcuni sviluppano poteri secondari sempre legati alle capacità dei ragni.
  • Fase 3: Il soggetto comincia a mutare, iniziano a comparire nuovi occhi e altre due paia di braccia, il soggetto comincia a non rispondere più delle sue azioni ma comincia ad essere sotto l'influenza della Regina.
  • Fase 4: Il soggetto è completamente mutato in un ragno gigante ed è completamente sotto l'influsso mentale della Regina.

In tutto ciò il dottor Warren aveva sottoposto due individui ad un particolare processo che creava degli "ibridi" ragno-uomo, infatti spuntavano 4 zampe di ragno giganti dalla schiena, spuntavano altre 4 paia di occhi, inoltre si sviluppava la massa muscolare dell'individuo ed una mascella simile a quella dei ragni. I due individui in questione sono il Supersoldato Steve Rogers che divenne il "Re Ragno" e il clone di Peter Parker, Kaine, che divenne Tarantula. I due sono alla completa mercé della Regina e dello Sciacallo, il primo poi nel cercare di espandere il virus al di fuori di New York si imbatte nel nuovo Venom, alias Flash Thompson, mentre Tarantula deve andare al laboratorio della Horizon, dove Peter ormai lavora stabilmente, per infettare la riserva di antidoto sviluppata dall'Anti-Venom, alias Eddie Brock. Qui si scontra con Spider-Man che riesce a salvare la riserva e a salvare Kaine lanciandolo nella vasca contenente l'antidoto che ha effetto riportando il clone all'aspetto originario.

Kaine, con la tuta Stealth progettata da Peter, e Spider-Man vanno nel luogo dove la Regina, ormai divenuta un ragno gigantesco, affronta i Vendicatori assieme agli X-men, mentre Spider-Man diffonde l'antidoto con gli Octobot del Dottor Octopus, indebolendo così il legame tra la Regina e la sua "Colonia" e così il suo potere, Kaine assieme a Ms. Marvel riesce con degli aculei che gli sono usciti dai polsi, simili a quelli che aveva Peter prima degli avvenimenti di un nuovo giorno, ottenuti durante la saga l'Altro, a colpire la Regina trafiggendola in gola, infine tutti assieme le diedero il colpo finale. Dopo che tutti sono stati resi normali e la città riprende piano piano il suo corso normale Kaine decide di partire verso una meta ancora sconosciuta dopo aver parlato con Madame Web, ora Julia Carpenter.

Ragno Rosso[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ragno Rosso (personaggio).

Dopo aver fermato alcuni rapinatori e aver trafugato il loro denaro, Kaine inizia un viaggio attraverso gli Stati Uniti al solo scopo di entrare in Messico. Durante la sua permanenza a Houston ferma dei trafficanti di corpi umani e salva una ragazza, sepolta sotto un mucchio di cadaveri, per poi lasciarla in un ospedale. In seguito un energumeno dai devastanti poteri pirotecnici fa irruzione nell'ospedale alla ricerca della ragazza, di nome Aracely. Kaine, in procinto di lasciare la città, nota le esplosioni provenienti dal luogo e, contro ogni aspettativa, viene sopraffatto da un improvviso senso di responsabilità; indossa allora il costume lasciatogli dall'originale Peter Parker e affronta il superciminale, di nome Salamander, il quale si rivela un nemico terribile. Il criminale è comunque stupito dall'abilità del suo avversario tanto da affibbiargli il nome di "Araña Escarlata" (Scarlet Spider) e, solo dopo una dura lotta, viene finalmente sconfitto. Le persone sul luogo applaudono il nuovo eroe che, ritornato in ospedale per controllare le condizioni della ragazza, viene sorpreso da un medico e da un dottore che lo invitano a rimanere in città. Kaine, sentendosi responsabile delle condizioni in cui versa la ragazza la prende con sé di nascosto e decide di "prolungare" la sua permanenza. Ora anche Houston ha il suo eroe.

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics