Montréal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Montreal)
bussola Disambiguazione – "Montreal" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Montreal (disambigua).
Montréal
municipalità
Ville de Montréal
Montréal – Stemma Montréal – Bandiera
Montréal – Veduta
Localizzazione
Stato Canada Canada
Provincia Flag of Quebec.svg Québec
Divisione censuaria Montréal
Amministrazione
Sindaco Denis Coderre (PLC) dal 2013
Lingue ufficiali Francese
Territorio
Coordinate 45°28′N 73°45′W / 45.466667°N 73.75°W45.466667; -73.75 (Montréal)Coordinate: 45°28′N 73°45′W / 45.466667°N 73.75°W45.466667; -73.75 (Montréal)
Altitudine 31 m s.l.m.
Superficie 498 km²
Abitanti 1 649 519[1] (2011)
Densità 3 312,29 ab./km²
Altre informazioni
Lingue Francese
Cod. postale H
Prefisso 514 e 438
Fuso orario UTC-5
Nome abitanti Montrealesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Canada
Montréal
Montréal (in rosso) nella regione di Montréal
Montréal (in rosso) nella regione di Montréal
Sito istituzionale

Montréal è una delle più importanti città del Canada. È il centro più popoloso della provincia del Québec e il suo più importante polo economico, oltre ad essere la seconda città del Canada. Montréal è anche la seconda agglomerazione urbana del paese dopo quella di Toronto. In francese viene detta la Métropole e la sua area metropolitana conta all'incirca 4.000.000 di abitanti[2]. Il centro storico di Montréal è il Vieux-Montréal (Vecchia Montreal).

Francofonia e multietnicità[modifica | modifica sorgente]

Pannello nella Petite Italie (o Little Italy), uno dei quartieri italiani più grandi del Nord-America

Per numero di abitanti, Montréal è la terza città francofona del mondo dopo Parigi (Francia) e Kinshasa (Congo). La città si caratterizza per la sua varietà culturale e linguistica: il francese è la lingua madre di circa il 68,8% dei residenti e costituisce la lingua ufficiale e quella franca di comunicazione della città. Sono poi presenti una minoranza di anglofoni (Quebec) (circa il 12,3% della popolazione urbana) e numerose comunità di lingua madre diversa dal francese e dall'inglese (un tempo assimilate maggiormente alla comunità anglofona, oggi sempre più assimilate alla maggioranza francofona). Da notare una forte minoranza italiana di oltre 300.000 abitanti nell'intera area metropolitana, e la presenza di una zona detta Petite Italie, parlante una varietà della lingua italiana denominata "italianese" e caratterizzata dalla presenza di vocaboli inglesi e francesi italianizzati[3]. Oggi, infatti Montréal è una delle città più multietniche del Nord-America, con più del 30% della popolazione che non discende dai primi abitanti francesi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Da Hochelaga alla tratta delle pellicce[modifica | modifica sorgente]

Il villaggio fortificato di Hochelaga, degli Irochesi del San Lorenzo, si trovava sull'isola durante le visite di Jacques Cartier nell'ottobre 1535. Lo aveva battezzato « Mons realis » (Monte reale in latino). Nel XX secolo degli archeologi riportarono alla luce manufatti che lasciano supporre ad una presenza umana tra i 3.000 e i 4.000 anni prima della nostra era. Tuttavia, all'epoca della fondazione della città di Québec da parte di Samuel de Champlain il 3 luglio 1608, non rimanevano più tracce del villaggio di Hochelaga; la sua posizione rimane sconosciuta.

L'antico Hotel-Dieu Montréal, fondato da Jeanne Mance

Nel 1615 Samuel de Champlain ebbe l'idea di una nuova città sul fiume San Lorenzo, al fine di promuovere la religione cattolica fra gli indiani della Nuova Francia. I francesi vi si insediarono tuttavia soltanto il 17 maggio 1642, quando un gruppo di sacerdoti, religiose e coloni della società Notre-Dame de Montréal, guidati da Paul Chomedey de Maisonneuve, fondarono il villaggio di Ville-Marie. Fra i colonizzatori sono note Jeanne Mance, cofondatrice di Montréal, che fondò ben presto l'ospedale di Montréal, uno dei primi dell'America settentrionale e Marguerite Bourgeoys, che portò l'istruzione nella Nuova Francia.

Nel 1680 si contavano 493 abitanti a Montréal; 75 provenienti da Parigi, 68 dalla Normandia, 54 dall'Aunis (La Rochelle), 35 dall'Angiò, 34 dal Poitou, 28 da Le Mans, 23 dalla Saintonge, 17 dalla Bretagna, 16 dalla Contea del Perche, 13 da Angoulême, 12 dalla Champagne e 10 dalla Piccardia.

Nell'agosto 1701 1.300 amerindi del Nord-est America si riunirono a Montréal (che contava allora 1.200 abitanti) per stipulare una pace tra le loro varie nazioni e con i francesi. La Grande pace di Montréal, come fu ribattezzato questo trattato, permise la fine delle ostilità che ostacolava il commercio delle pellicce nella Nuova Francia. In quel periodo la città contava più di 2.000 anime.

Il villaggio è così cresciuto, diventando un importante centro della tratta delle pellicce. Fu il punto di partenza per l'esplorazione dell'interno da parte di esploratori francesi quali Louis Jolliet, La Salle, Vérendrye e Duluth. Dei ripari in legno furono realizzati sin da 1725. Nonostante il potente sisma che si verificò il 16 settembre 1732, la città continuò a prosperare e fu successivamente fortificata intorno al 1740. Rimase città francese fino all'8 settembre 1760, quando il duca di Lévis si arrese all'esercito britannico comandato dal lord Jeffery Amherst.

Regime coloniale e industrializzazione[modifica | modifica sorgente]

Capitolazione di Montréal di fronte all'esercito britannico l'8 settembre 1760

Nel 1759 la città francese contava più di 5.000 abitanti. Dopo la conquista britannica del 1760, Montréal assunse l'aspetto tipico delle città di provincia francesi. La popolazione era infatti composta in larga parte da francesi. La nazione franco-canadese restava tuttavia una nazione conquistata. I ceti più abbienti erano infatti composti per la maggior parte da inglesi. La maggior parte dei giornali, dei manifesti, e addirittura delle insegne dei commercianti francesi divennero in inglese.

Lo sviluppo economico della città fu accelerato dalla costruzione, nel 1824, del canale di Lachine, che permise alle navi di oltrepassare le rapide di Lachine nel sud dell'isola. L'industria artigianale cedé poco a poco per lasciare il posto ad una più efficiente industria. La seconda metà del XIX secolo portò il rapido sviluppo delle ferrovie, tanto che la Canadian Pacific Railway vi installò la sua sede sociale nel 1880, facendo della città il nodo ferroviario del Canada.

Tra epidemie e vasti incendi, Montréal, allora il centro di un vasto entroterra, sviluppò una solida borghesia commerciale e successivamente industriale, soprattutto d'origine scozzese ed inglese. Fu tuttavia interessata dai disordini politici in occasione della Ribellione dei Patrioti del 1837-38. Il Parlamento del Canada Unito vi era situato tra 1843 e 1849, fino al suo incendio da parte di rivoluzionari inglesi, chiamati alle armi da un articolo volto ad alimentare odio del giornale di lingua inglese The Gazette. Il fuoco si propagò anche sino alla biblioteca nazionale, distruggendo innumerevoli archivi della Nuova Francia.

Il forte sviluppo delle banche e degli altri istituti finanziari nello stesso periodo diede lo slancio che permise a Montréal di diventare il centro finanziario del Canada durante tutta la prima metà del XX secolo. Un'idea diffusa tra i federalisti del Québec vuole che l'arrivo al potere degli indipendentisti nella città, nella seconda metà del XX secolo, abbia sancito per la città la fine del titolo di metropoli economica del Canada a favore di Toronto (Paul-André Linteau, Montréal, Boréal, 1992, scienza politica). La causa di questo trasferimento, secondo i cittadini indipendentisti del Québec, è lo sviluppo della via marittima del San Lorenzo, che darà luogo ad un vero e proprio boom economico nell'Ontario dei Grandi Laghi, come anche alcune politiche economiche federali favorevoli all'incremento di Toronto.

Origini etniche in Montréal (CMA 2006)
Include Risposte Multiple[4]
Origini etniche Popolazione
Canadesi 1.670.655
Francesi 936.990
Italiani 260.345
Irlandesi 216.410
Inglesi 148.095
Scozzesi 119.365
Arabi 98.885
Ebrei 92.970[5]
Haitiani 88.785
Cinesi han 88.665
Tedeschi 78.315
Vietnamiti 77.615
Latino-americani 76.400
Prime nazioni 74.565
Québécois 72.445
Sud Asiatici 68.615
Greci 61.870
Spagnoli 54.770
Libanesi 53.455
Polacchi 51.920
Berberi 50.370
Portoghesi 47.535
Asiatici del sud-est 46.965
Rumeni 36.275
Russi 35.800
Marocchini 33.270
Coreani 30.505
Ucraini 26.150
Belgi e olandesi 30.900
Filippini 23.510
Egiziani 16.550

Città internazionale contemporanea[modifica | modifica sorgente]

Disegno che raffigura probabilmente Montréal intorno al 1647

Il graduale spostamento delle popolazioni verso l'ovest completerà il declassamento di Montréal durante i decenni seguenti. Un'importante ristrutturazione industriale ed uno sviluppo delle industrie culturali daranno in seguito una seconda spinta alla città.

Lo statuto internazionale della città è stato garantito per l'Esposizione Universale del 1967, tenutasi contemporaneamente con le celebrazioni del 325º anniversario della fondazione della città e con i Giochi Olimpici d'estate del 1976. In questo periodo la città attrasse migliaia e migliaia di immigrati, funzionale manodopera per le colossali opere su cui la città aveva puntato per tornare grande dopo la crisi politico economica. Tra queste opere ricordiamo il Parco olimpico, la Metropolitana, le isole artificiali sul San Lorenzo, la città sotterranea più grande del mondo. Montréal ha celebrato con splendore il suo 350º anniversario nel 1992.

Il 1º gennaio 2002 tutti i municipi situati sull'isola di Montréal, che totalizzano una popolazione di 1.871.774 abitanti, 3.695.000 con l'agglomerazione, e con molte altre isole periferiche che componevano fino ad oggi la Comunità urbana di Montréal, furono fusi da una legge del governo del Québec per formare la nuova città di Montréal. Oggi l'area di Montréal conta all'incirca 4.000.000 di abitanti e fa parte dei maggiori agglomerati del mondo.

Ventisette periferie sono state così integrate alla vecchia città e trasformate in circoscrizioni, contro la volontà di alcune di esse, in particolare dalle periferie anglofone del settore occidentale dell'isola.

Dopo l'elezione di un governo liberale a Québec, il 20 giugno 2004 venne effettuato un referendum per la separazione dei comuni precedentemente annessi a Montréal. Sui 22 municipi fusi nel 2002 che hanno ottenuto di avere la tenuta del referendum sulla separazione in seguito alla firma di registri, 15 hanno votato per ridiventare dei municipi autonomi. Ciò venne concesso loro il 1º gennaio 2006, benché con poteri ridotti. La città di Montréal e i comuni separati fanno parte di un consiglio d'agglomerazione che gestisce le competenze dell'agglomerazione (ex: polizia, vigili del fuoco, acqua, sviluppo economico) mentre le città gestiscono le competenze di prossimità (svaghi, lavori pubblici, ecc.).

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Posizione[modifica | modifica sorgente]

La città si trova sull'Isola di Montréal alla confluenza dei fiumi San Lorenzo e Outaouais, ed include anche altre 74 isole, molte delle quali disabitate.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Montréal nel 1784

Montréal si trova alla confluenza di diverse regioni climatiche. Di solito, il clima è classificato come umido continentale o semiboreale.

A Montréal le estati sono calde, spesso afose, con temperature medie massime di 26 °C e minime di 16 °C, le temperature possono superare i 30 °C. L'inverno a Montréal è di solito molto freddo, nevoso, ventoso (fenomeno del blizzard, vento con pezzi di ghiaccio), con una temperatura massima di -9 °C e minime di -16 °C, di media. Tuttavia, alcune giornate invernali sono più miti, e molte altre raggiungono -20 °C ed anche temperature più basse soprattutto in gennaio e febbraio.

La primavera e l'autunno sono soggetti a drastici cambiamenti di temperatura. Ondate di calore fuori stagione, come la cosiddetta "estate indiana", sono un avvenimento comune, così come forti tempeste di neve in novembre, marzo e perfino aprile.

La temperatura più bassa mai registrata è stata di -39,9 °C, il 15 gennaio 1957, e la temperatura massima è stata di 36,6 °C, il 1º agosto 1975.

Le precipitazioni annuali sono di circa 980 mm, compresa una media di 218 centimetri di neve, che avviene da novembre a marzo. I temporali sono comuni a partire dalla tarda primavera, per tutta l'estate ed il periodo iniziale dell'autunno. Inoltre, residui di tempeste tropicali possono causare forti piogge. La città raggiunge più di 2.000 ore di sole all'anno, specie in estate, che è la più soleggiata, ma è anche la stagione con più temporali.

Area metropolitana[modifica | modifica sorgente]

L'area metropolitana di Montréal (Région du Grand Montréal) è l'area metropolitana più popolata di tutto il Québec, con 4.000.000 abitanti dai dati del 2008.

Il palazzo dei Congressi

L'area si suddivide in due fasce, una interna più popolata e una più esterna. La fascia interna comprende l'isola di Montréal, Laval e l'agglomerato urbano di Longueil; la fascia esterna comprende Montérégie, Laurentians e Lanaudière.

  • Isola di Montréal: Baie-d'Urfé, Beaconsfield, Côte-Saint-Luc, Dollard-des-Ormeaux, Dorval, Hampstead, Kirkland, L'Île-Dorval, Montreal East, Montreal West, Mount Royal, Pointe-Claire, Sainte-Anne-de-Bellevue, Senneville, Westmount; ne fa parte anche Montréal vera e propria che a sua volta comprende i seguenti arrondissement (o borough in inglese): Ahuntsic-Cartierville, Anjou, Côte-des-Neiges - Notre-Dame-de-Grâce, L'Île-Bizard - Sainte-Geneviève, LaSalle, Lachine, Le Plateau-Mont-Royal, Le Sud-Ouest, Mercier - Hochelaga-Maisonneuve, Montréal-Nord, Outremont, Pierrefonds-Roxboro, Rivière-des-Prairies - Pointe-aux-Trembles, Rosemont - La Petite-Patrie, Saint-Laurent, Saint-Léonard, Verdun, Ville-Marie, Villeray - Saint-Michel - Parc-Extension, Montreal East, Montreal West, Mount Royal, Pointe-Claire, Sainte-Anne-de-Bellevue, Senneville, Westmount.
  • Agglomerato urbano di Longueuil: Boucherville, Brossard, Longueuil, Borough of Greenfield Park, Borough of Saint-Hubert, Borough of Vieux-Longueuil, Saint-Lambert, Saint-Bruno-de-Montarville.
  • Laval (quartieri, neighbourhood): Auteuil, Chomedey, Duvernay, Fabreville, Îles Laval, Laval-Ouest, Laval-des-Rapides, Laval-sur-le-Lac, Pont-Viau, Saint-François, Saint-Vincent-de-Paul, Sainte-Dorothée, Sainte-Rose, Vimont.
  • Montérégie: Beauharnois, Beloeil, Calixa-Lavallée, Candiac, Carignan, Chambly, Charlemagne, Châteauguay, Contrecoeur, Delson, Hudson, Kahnawake La Prairie, Léry, Les Cèdres, L'Île-Cadieux, L'Île-Perrot, McMasterville, Mercier, Mont-Saint-Hilaire, Notre-Dame-de-l'Île-Perrot, Otterburn Park, Pincourt, Pointe-des-Cascades, Richelieu, Saint-Amable, Saint-Basile-le-Grand, Sainte-Catherine, Saint-Constant, Saint-Isidore, Saint-Jean-Baptiste, Sainte-Julie, Saint-Lazare, Saint-Mathias-sur-Richelieu, Saint-Mathieu, Saint-Mathieu-de-Beloeil, Saint-Philippe, Salaberry-de-Valleyfield, Terrasse-Vaudreuil, Varennes, Vaudreuil-Dorion, Vaudreuil-sur-le-Lac, Verchères.
  • Laurentians: Blainville, Bois-des-Filion, Boisbriand, Deux-Montagnes, Lorraine, Mirabel, Oka, Pointe-Calumet, Rosemère, Sainte-Anne-des-Plaines, Saint-Eustache, Saint-Jérôme, Saint-Joseph-du-Lac, Sainte-Marthe-sur-le-Lac, Sainte-Thérèse.
  • Lanaudière: L'Assomption, Mascouche, Repentigny, Saint-Sulpice, Terrebonne.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Nonostante secondo molti sia stata superata negli ultimi anni dalla rivale di sempre Toronto, Montreal rimane una delle città più ricche del mondo per salario assegnato e per reddito pro capite.

Dal 1832 è attivo l'importante Montreal Stock Exchange (MX), la borsa di Montreal, che oggi si occupa prevalentemente di titoli derivati, materie prime, contratti future e valute. L'MX ha sede nel grattacielo denominato Stock Exchange Tower, opera di Luigi Moretti e Pierluigi Nervi.

Secondo uno studio della London School of Economics in collaborazione con il Qatar Research Fund, la metropoli del Quebec rimane uno dei 20 centri finanziari più influenti del mondo (si pensi che Parigi è classificata 24ª e Milano solo 50ª) e addirittura tra i primi 5 per l'industria mineraria ed energetica.

Vista notturna di Montrèal dal Belvedere Kondiaronk "chalet du Mont Royal"

Inoltre l'area urbana rimarcando la propria quasi totale autonomia possiede un sistema economico unico nel suo genere nel panorama internazionale.

L'immigrazione di forza lavoro dai paesi esteri viene soggetta ad un sistema di selezione; in sostanza il governo della città sonda continuamente il terreno delle compagnie su quanti e quali tipi di lavoratori servano alle aziende cittadine, ed in base a questi rilevamenti vengono permessi gli ingressi degli immigrati. Questo sistema è assolutamente unico nel panorama mondiale ed è inoltre riconosciuto come uno dei più efficienti.

Le nuove assunzioni di aziende pubbliche e grandi aziende private della città tengono conto di un apposito diagramma che obbliga le compagnie a prediligere l'assunzione di lavoratori di tutte le etnie a parità di competenza. Con questo sistema si è evitato che si formasse una spaccatura tra etnie dominanti e etnie disagiate in ambito economico e sociale, tuttavia questa procedura è stata più volte additata di essere troppo garantista.

Il mercato immobiliare è uno dei più robusti del mondo e la compravendita di immobili si basa solo ed esclusivamente su vendite a progetto.

Montréal è la sede delle grandi compagnie del Québec (Hydro-Québec, Bombardier, Banque Nationale, Quebecor, Desjardins), è anche sede dell'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile (ICAO) e dell'Associazione internazionale del trasporto aereo (IATA).

La metropoli ospita inoltre il prestigioso Canadian Institute of Mining, Metallurgy and Petroleum, una organizzazione di caratura mondiale che si occupa di sviluppo e di formazione avanzata nell'ambito dell'industria mineraria, metallurgica e petrolifera canadese e internazionale.

Le aziende private operano nel settore aeronautico, meccanico, dei videogiochi, dei trasporti, alimentare, degli alcolici (in città ha sede la Seagram).

Il porto di Montreal è il più grande porto interno del mondo ed il più importante nodo di comunicazione per la regione dei grandi laghi.

Montréal vista dal porto

È operativa dal 1971 nella zona di Sherbrooke la più grande raffineria di petrolio del Canada.

Montreal ospita la sede mondiale del Cirque du Soleil nella zona del porto e altre importanti aziende del settore culturale.

Il Casino de Montreal, uno dei più grandi e famosi casinò del mondo, completa il poderoso quadro economico e occupazionale della città che continua negli anni ad attirare un numero impressionante di persone in cerca di lavoro.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Musei[modifica | modifica sorgente]

Il colossale casinò di Montreal, uno dei simboli della città

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Montréal è il centro culturalmente più attivo del Québec (cinema, editoria, radio-televisione, teatro, ecc.) ed è un importante polo universitario e di ricerca. Attualmente è sede dell'Università McGill, dell'Università Concordia, dell'Università del Quebec a Montreal e dell'Università di Montréal.

Manifestazioni[modifica | modifica sorgente]

La città ospita annualmente numerose manifestazioni culturali, tra cui il Festival del Jazz.

Nel 1967 la città ha organizzato un'importante Esposizione Universale.

Nel 1976 Montreal ha ospitato i Giochi della XXI Olimpiade.

Nel 2006 Montréal è stata dichiarata "Capitale mondiale del Libro" e ospiterà la prima edizione degli "OutGames".

Nell'ottobre 2007 Montréal è stata la prima città del mondo a ricevere l'accreditazione di "Geoturismo" dal Center for Sustainable Destinations della National Geographic Society.

È tra l'altro particolarmente famosa per la cosiddetta città sotterranea una rete di gallerie commerciali situate nel sottosuolo del centro direzionale.

Popolazione[modifica | modifica sorgente]

Municipio della città
Evoluzione demografica dell'agglomerato di Montréal
Anno Abitanti
1801 9 000
1811 13 300
1821 18 767
1831 27 297
1841 40 356
1851 57 715
1861 90 323
1871 107 225
1881 140 747
1891 216 650
1901 267 730
1911 467 986
Anno Abitanti
1921 618 506
1931 818 577
1941 903 007
1951 1 036 542
1961 1 257 537
1971 1 214 532
1981 1 018 609
1991 1 017 666
1996 1 799 296
2001 1 852 000
2006 1 874 000
2010 2 625 919
Source: Ville de Montréal

Source: Ville de Montréal

1000 de la Gauchetiere

Persone legate a Montréal[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

La fermata della Metro Champs-de-Mars

Come nel resto del canada lo sport più seguito a Montreal è l'hockey su ghiaccio. I Montreal Canadiens, sono la squadra più vincente dell'NHL con 24 Stanley Cup, secondi per numeri vinti nelle principali leghe professionistiche americane solo ai 27 titoli dei New York Yankees della Major League Baseball.

I Montreal Alouettes sono la squadra di football canadese della città. Militano nella Canadian Football League (CFL) di cui sono i campioni in carica e che hanno vinto 7 volte.

Dal 1969 al 2004, anno del trasferimento a Washington D.C., sono esistiti i Montreal Expos, squadra di baseball della MLB, prima franchigia non statunitense della lega.

I Montreal Impact sono una squadra di calcio di Montréal. Dopo aver vinto la USL First Division, nel 2012 sono entrati a far parte della MLS.

Nel 1976 la città ha ospitato la XXI Olimpiade estiva.

Ospita un circuito di Formula Uno in un'isola del grande fiume che circonda la città, il San Lorenzo. Il circuito di Montréal è rinomato per essere uno fra i più tecnici e difficili del campionato.

Montreal ha ospitato i mondiali di nuoto del 2005.

Una fermata della Metropolitana

La città è tristemente nota anche perché vi ebbe luogo lo Screwjob di Montreal, in cui Bret Hart, wrestler di punta dell'allora WWF, passò alla WCW.

Trasporti ed infrastrutture[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Metropolitana di Montréal.

La Metropolitana di Montréal, nota come le Métro de Montréal, è la metropolitana che serve l'omonima città canadese, nello stato del Québec. Ha una estensione di circa 66 km, ripartiti su 4 linee, dotate a loro volta di 68 stazioni. È tra le più trafficate del Paese, e fu fondata nel 1966.

Il principale aeroporto cittadino è l'aeroporto di Pierre Elliot Trudeau nella vicina municipalità di Dorval. Altri 2 aeroporti di caratura internazionale sono il Mirabel (nella vicina municipalità di Mirabel) ed il Saint-Hubert (nella vicina municipalità di Longueuil).

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Ancora molto forte nella città è la famosa contrapposizione tra inglese e francese. Le stirpi anglofone e francofone della metropoli frequentano generalmente zone, locali e luoghi ricreativi diversi, anche se oggi nella Métropole si parlano diverse lingue, dato che ormai più del 30% della popolazione cittadina non appartiene alle due etnie dominanti.
  • Permanente è la rivalità tra Montréal e Toronto, che contrappone le due città nei rispettivi stili di vita, nelle prestazioni economiche e nello sport (soprattutto nell'hockey su ghiaccio).
  • Gli abitanti delle altre città canadesi sono soliti chiamare i Montrealesi "Le Pepsi" poiché grandi amanti della Pepsi-Cola. Passeggiando per i bar di Montréal si nota la schiacciante prevalenza del marchio di New Bern rispetto alla Coca-Cola.


Montreal Panorama.jpg

Magnify-clip.png
Panorama di Montréal

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 4 000 000 nell'area metropolitana
  2. ^ (ENFR) Popolazione nelle aree urbane stimata nel 2006 dal Centro Statistico nazionale canadese
  3. ^ Bruno Villata, L'italiano comune parlato a Montreal
  4. ^ Ethnocultural Portrait of Canada, Highlight Tables, 2006 Census: Montreal (CMA), Statistics Canada. URL consultato il 2 aprile 2008.
  5. ^ Federation CJA

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Canada Portale Canada: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Canada