Giochi della VIII Olimpiade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giochi della VIII Olimpiade
Logo
Città ospitante Parigi, Francia
Nazioni partecipanti 44 (vedi sotto)
Atleti partecipanti 3.089
(2.954 Uomini - 135 Donne)
Competizioni 126 in 17 sport
Cerimonia apertura 4 maggio 1924
Cerimonia chiusura 27 luglio 1924
Aperti da Gaston Doumergue
Giuramento atleti George André
Stadio Stadio Olimpico Yves-du-Manoir
Cronologia dei Giochi olimpici
Giochi precedenti Giochi successivi
Anversa 1920 Amsterdam 1928
Medagliere
Nazione Medaglie d'oro vinte Medaglie d'argento vinte Medaglie di bronzo vinte Medaglie complessive vinte
Stati Uniti Stati Uniti 45 27 27 99
Finlandia Finlandia 14 13 10 37
Francia Francia 13 15 10 38

I Giochi della VIII Olimpiade (in lingua francese Jeux de la VIIIe Olympiade) si sono svolti a Parigi (Francia) dal 4 maggio al 27 luglio 1924.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I Giochi del 1924 furono gli ultimi ad essere organizzati sotto la presidenza di Pierre de Coubertin. A Losanna, nel 1921, fu accontentata proprio una sua richiesta, assegnando l'organizzazione dell'Olimpiade alla sua città natale, Parigi, che ebbe così la meglio su Roma, Amsterdam, Barcellona, Praga e Los Angeles e che diventò la prima città ad aver ospitato più di un'edizione dei Giochi.

La cerimonia d'apertura si tenne allo Stadio Olimpico di Colombes, il 4 maggio 1924: pochi mesi prima si era svolta a Chamonix la Semaine des Sports d'Hiver (Settimana degli sport invernali), ovvero la prima edizione delle Olimpiadi Invernali. Ai Giochi non parteciparono la Germania, in segno di protesta contro l'occupazione francese della regione della Ruhr, e l'Unione Sovietica, mentre l'Irlanda prese per la prima volta parte a una manifestazione sportiva come stato indipendente. A Parigi giunsero molte rappresentative dell'Asia, del Sud-America e anche dell'Africa.

Grazie anche al fondamentale intervento economico del governo francese, i Giochi del 1924 seppero cancellare la brutta immagine che Parigi aveva lasciato a causa della pessima organizzazione dell'edizione del 1900, e furono caratterizzati da un buon successo di pubblico. vennero affrontate diverse innovazioni tecniche: la distanza della maratona fu fissata a 42,195 km (26,219 miglia), dalla distanza percorsa alle Olimpiadi a Londra nel 1908 e questa fu la prima Olimpiade a utilizzare la piscina standard di 50 m con le corsie marcate. Per la prima volta venne utilizzato il motto "Citius, Altius, Fortius" ("Più veloce, più alto, più forte") e, al termine della cerimonia di chiusura, furono issate tre bandiere: quella olimpica, quella del paese nel quale si erano svolti i Giochi e quella del paese che li avrebbe ospitati per l'edizione successiva. Anche questa, nel corso degli anni, divenne una tradizione.

Johnny Weismuller e il suo avversario Kahanamoku durante una stretta di mano a Parigi 1924

Memorabilità[modifica | modifica sorgente]

Tra gli aneddoti, uno ebbe come protagonista il calciatore savonese Virgilio Felice Levratto: durante il torneo di calcio, un suo potente tiro colpì al mento il portiere lussemburghese Bausch, staccandogli di netto una parte di lingua. La finale di rugby, vinta in rimonta dagli Stati Uniti sui padroni di casa francesi, terminò con una clamorosa rissa, che coinvolse anche il pubblico. Da quel momento, il rugby uscì dal lotto degli sport olimpici. Anche per il tennis fu l'ultima Olimpiade, prima di essere riammesso a Seul 1988.

Lo Stade de Colombes

Da ricordare anche la decisione presa dal velocista scozzese Eric Liddell, che non gareggiò nella gara dei 100 metri, in programma la domenica, per rispettare il giorno di Dio. Chi ne beneficiò per primo della decisione presa dallo scozzese fu il corridore britannico Harold Abrahams, vincendo la medaglia d'oro. Fu proprio questa vicenda a ispirare il famoso film del 1981 Momenti di Gloria del regista Hugh Hudson. Anche Liddel, però vinse qualcosa, trionfando nei 400 metri piani, giocati in un giorno feriale.

Eric Liddle

Il nuotatore americano Johnny Weissmuller, trionfò alle Olimpiadi di Parigi 1924, nello stile libero, nei 100 m, nei 400 m, nella staffetta 4×200 e vinse anche una medaglia di bronzo, facendo parte della squadra statunitense di pallanuoto. Oltre alle Olimpiadi di Parigi, Weissmuller trionfò anche alle Olimpiadi di Amsterdam nel 1928 e nel 1931 firmò un contrattò con la Metro-Goldwyn-Mayer diventando così il Tarzan più famoso della storia del cinema. Pare che Johnny avesse iniziato a nuotare per caso, per rimediare alle conseguenze di una forma leggera di poliomielite.

I finlandesi continuarono a trionfare nell'atletica: Paavo Nurmi bissò il successo della precedente olimpiade conquistando ben 5 medaglie d’oro, mentre Ville Ritola vinse nei 10000 m piani e nei 3000 m siepi. Lo schermitore Roger Ducret vinse cinque medaglie, di cui tre d'oro. Il ginnasta italiano Francesco Martino vinse l'oro negli anelli e nel concorso a squadre. Harold Osborn si aggiudicò 2 medaglie d'oro e stabilì 2 record olimpici, nel salto in alto e nel decathlon.

Luoghi[modifica | modifica sorgente]

Medagliere[modifica | modifica sorgente]

Nazioni partecipanti
Posizione Paese Gold medal.svg Silver medal.svg Bronze medal.svg Totale
1 Stati Uniti Stati Uniti d'America 45 27 27 99
2 Finlandia Finlandia 14 13 10 37
3 Francia Francia 13 15 10 38
4 Gran Bretagna Gran Bretagna 9 13 12 34
5 Italia Italia 8 3 5 16
6 Svizzera Svizzera 7 8 10 25
7 Norvegia Norvegia 5 2 3 10
8 Svezia Svezia 4 13 12 29
9 Paesi Bassi Paesi Bassi 4 1 5 10
10 Belgio Belgio 3 7 3 13
11 Australia Australia 3 1 2 6
12 Danimarca Danimarca 2 5 2 9
13 Ungheria Ungheria 2 3 4 9
14 Jugoslavia Jugoslavia 2 0 0 2
15 Cecoslovacchia Cecoslovacchia 1 4 5 10
16 Argentina Argentina 1 3 2 6
17 Estonia Estonia 1 1 4 6
18 Sudafrica Sudafrica 1 1 1 3
19 Uruguay Uruguay 1 0 0 1
20 Austria Austria 0 3 1 4
Canada Canada 0 3 1 4
22 Polonia Polonia 0 1 1 2
23 Haiti Haiti 0 0 1 1
Giappone Giappone 0 0 1 1
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 0 0 1 1
Portogallo Portogallo 0 0 1 1
Romania Romania 0 0 1 1
Totale 126 127 125 378

Medaglie per sport[modifica | modifica sorgente]

I vincitori di medaglie nei diversi sport:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]